Concerto del 1° Maggio a Bologna: Luca Bottura , conduttore

LBottura_foto
LBottura_foto

Anche quest’anno il giornalista, scrittore e conduttore radiofonico LUCA BOTTURA sarà il padrone di casa del concerto del 1° Maggio di Bologna e sul palco, allestito in Piazza Maggiore, sarà accompagnato dalla resident band composta da Bengi e i Ridillo con cui metterà in scena (sulla falsariga dell’esperienza consolidata con la trasmissione radiofonica “42” di Radio Capital), una rilettura in chiave satirica delle notizie sul mondo del lavoro. Lo scrittore e autore, per la seconda volta conduttore “suo malgrado” coinvolgerà inoltre alcuni “complici” ancora da rivelare, in una vera e propria maratona tra musica, satira, attualità.

L’altro tema della giornata, proposto da Luca Bottura alle band sul palco, sarà BOLOGNA: tutti gli artisti arricchiranno la propria esibizione con la rilettura di un brano dedicato alla città che ospita l’evento, ai suoi simboli, alla sua storia e ai suoi musicisti.

L’appuntamento è in Piazza Maggiore dove la musica comincerà a suonare dalle 17.00 in poi. Questo il cast: LADRI DI CARROZELLE, MULINI A VENTO, LI BASSI, OSTERIA DEL MANDOLINO, SARA LORENI, ANTICO, RIDILLO, DIMARTINO, LA DIFFERENZA feat. OMAR PEDRINI, DARDUST e la BANDABARDO’ si avvicenderanno sul palco fino a notte. Ma non ci sarà solo musica, la giornata sarà anche ricca di iniziative sui grandi temi di attualità, insieme a tante sorprese sul palco ancora da annunciare.

EUGENIO FINARDI, anche quest’anno alla direzione artistica del concerto, spiega «Anche questa volta ho voluto mettere insieme due elementi: l’attenzione all’attualità e l’atmosfera di festa e partecipazione che caratterizza questa città, anche nei momenti più bui: sul palco vedremo quindi avvicendarsi artisti molto diversi tra loro ma ugualmente uniti dalla tenacia nel loro lavoro e in grado di dare a Piazza Maggiore un positivo scossone di energia, confermando il PRIMOMAGGIO BOLOGNA come una tradizione.

Ecco chi sono gli artisti che calcheranno il palco di Piazza Maggiore: LADRI DI CARROZZELLE che mostrano che la disabilità non è un limite… nemmeno nel fare rock; I MULINI A VENTO che si definiscono una band di “musica resistente contro l’indifferenza”; LI BASSI un groove irresistibile da Torino, musicisti eccezionali (tra cui l’intera sezione ritmica della rock band di Eugenio Finardi) e testi accattivanti, tutti da ballare!; OSTERIA DEL MANDOLINO, una formazione musicale che nasce con lo scopo di portare alla luce e all’attenzione del pubblico la musica che si sviluppa in Italia dalla seconda metà dell’800 fino ai giorni nostri, attraverso autori illustri, virtuosi musicisti e soprattutto attraverso il ballo; SARA LORENI resa famosa dal suo “NO” a X Factor ma confermata nel cuore del pubblico per aver introdotto grazie sue affascinanti performance live un nuovo senso al termine “cantautrice”; ANTICO un vero onore avere sul palco del Primo Maggio un’icona vivente come il siciliano Alfio Antico, tra i percussionisti più importanti d’Europa nonché artefice di suoni ancestrali a metà fra passato e futuro. Il suo ultimo disco è uno tra  più belli del 2016;  Antico sarà accompagnato dal vivo da Mario Conte e Lorenzo Urciulo (Colapesce), entrambi al lavoro sull’album di Alfio anche in veste di produttori; i RIDILLO dal 1991 rappresentano il Funk & Soul Made in Italy, con un cocktail di suoni ed energia e spettacoli raffinati, ironici e unici nel loro genere; DIMARTINO straordinario autore capace di interpretare con uguale intensità le istanze della scena alternative e il bisogno di ritorno alle origini e alla tradizione di questo Paese; LA DIFFERENZA feat. OMAR PEDRINI una delle band più interessanti della scena pop-rock italiana, originaria di Vasto, che per l’occasione si esibirà insieme al cantautore e chitarrista Omar Pedrini; DARDUST il prezioso e sorprendente progetto tra elettronica e minimalismo di Dario Faini (anche autore di alcune tra le maggiori hit radiofoniche degli ultimi anni), un vero suono internazionale; BANDABARDO’ uno “scalcinato e irriverente accrocchio di musicisti” tanto forti e originali con la loro storia da essere diventati un’istituzione dei palchi italiani.

#PRIMOMAGGIOBOLOGNA
#EUGENIOFINARDI
www.eugeniofinardi.it
www.facebook.com/EUGENIOFINARDIOFFICIAL

La regola del silenzio – The Company You Keep

Con Robert Redford, Shia LaBeouf, Julie Christie, Sam Elliott, Brendan Gleeson

Regia di Robert Redford

Thriller, USA

1 giugno 2013, di Elisa Zini – Robert Redford non delude mai il suo pubblico. Con “La regola del silenzio” riporta sullo schermo passione, bravura, poesia e dolcezza. Jim Grant, Robert Redford, è un tranquillo avvocato, padre single di una bambina.

La vita è scandita dalla quotidianità ed è vissuta in piena armonia fino a quando Jim si trova costretto, suo malgrado, a fuggire da casa affidando la custodia di sua figlia al fratello. Ben Shepard è un reporter alle prime armi che lavora per una testata giornalistica di provincia. La sua caparbietà mista ad un pizzico di fortuna lo portano ad inseguire prima le motivazioni che hanno spinto Jim Grant a fuggire e poi la figura stessa di Jim dopo averne scoperta la vera identità, mascherata per oltre trent’anni.

Grant, pacifista degli anni ’70, è un ricercato per omicidio: durante una rapina in banca venne infatti uccisa una guardia ad opera di due estremisti e i colpevoli non furono mai arrestati. Si scatena in tutto il Paese una caccia all’uomo da parte dell’ FBI e Grant dovrà lottare per dimostrare la sua innocenza, ripercorrendo la storia di quegli anni: una storia faticosamente dimenticata. Shepard, ambizioso giornalista convinto dell’innocenza di Grant, lo insegue a sua volta, spesso precedendo la polizia con intuizioni corrette, nella speranza di ottenere un personale scoop giornalistico. Quando si trovano uno di fronte all’altro nel Michigan i veli cadono e le loro identità sono messe a nudo più di quanto avrebbero creduto.

Un thriller morale, dai sentimenti profondi che mette in gioco le relazioni tra le persone avvicinando passato e presente, con uno sguardo al futuro. Uno splendido Robert Redford sia come regista sia come affascinante e maturo attore.