Natale e Capodanno a Milano Marittima

Evento_67
In occasione delle feste di Natale e Capodanno la località di Milano Marittima ha allestito  un programma di iniziative particolari per un break natalizio pieno di charme in collaborazione con Comune, Proloco Milano Marittima, Associazioni di Categoria e Cooperativa Bagnini.

 In particolare sarà approntata una pista del ghiaccio di grandi dimensioni intorno alla rotonda 1° Maggio e sarà la più grande d’Europa: circa 900 mq di ghiaccio unitamente  a un ricco programma di spettacoli ed animazione. La pista si snoderà attorno al villaggio di Natale dove  saranno collocate   le casette gourmet con proposte legate alle eccellenze gastronomiche del territorio e la gestione dell’offerta gastronomica  sarà a cura degli imprenditori locali, mentre nelle vie dell’area pedonale che portano alla Rotonda 1° Maggio è previsto un mercatino natalizio con articoli da regalo e oggettistica  a contesto  natalizio.

Un programma  di iniziative si terrà in tutti i weekend delle feste dal 6 dicembre fino al 10 gennaio. Fra le varie attività non mancheranno quelle dedicate ai bambini e le  iniziative per tutta la famiglia.

Il presepe artistico realizzato dagli studenti della Accademia di Brera in occasione del centenario della fondazione di Milano Marittima verrà collocato sulla rotonda 1° Maggio mentre l’atmosfera natalizia sarà scandita da musica  diffusa, addobbi  e sfavillio di luci.

Considerato il successo delle precedenti edizioni, il 2 gennaio ritorna la Fashion Night, la notte del divertimento e dello shopping in notturna con novità, spettacoli e animazione nell’anno nuovo, con l’augurio di un buon inizio 2016.

Ulteriore novità ed unica nel suo genere del Natale 2015 è l’apertura degli stabilimenti balneari che saranno attivi attraverso la ristorazione ma con eventi e animazione. L’apertura degli stabilimenti potrà offrire  agli ospiti un’atmosfera straordinaria  che vede il mare da un’altra prospettiva, quella della bellezza dei luoghi naturalistici e della fruibilità senza confini stagionali: si potrà pranzare sulla spiaggia guardando il mare anche mentre fuori la neve scende sulla sabbia oppure  il sole continua a splendere  riflettendosi sul mare

“E’ la prima volta che Milano Marittima ha un programma di eventi natalizi così importanti e ricco di novità  hanno dichiarato il Sindaco e gli Assessori al Commercio Rossella Fabbri ed al Turismo Roberta Penso:  si tratta di  un calendario caratterizzato da forte integrazione fra le varie iniziative che si svolgono sul territorio e complementare alle proposte del centro di Cervia legate soprattutto a tradizione, storia locale e ambiente”.

(Carlo Torriani)

 

Coppa del Mondo di fioretto femminile


Doppietta azzurra a Saint Maur nella prova individuale della tappa francese del circuito di Coppa del Mondo di fioretto femminile.
Il primo successo individuale della stagione è merito di Arianna Errigo che sulle pedane francesi si aggiudica il derby azzurro in finale contro Elisa Di Francisca, col punteggio di 12-11.

L’inno di Mameli risuona al cielo di Saint Maur ed è rivolto a tutto il gruppo del fioretto femminile azzurro protagonista di una prova corale complessivamente buona.
A salire sul gradino più alto del podio è Arianna Errigo che riscatta così la sorprendente eliminazione al primo turno, nella prova d’esordio stagionale a Cancun. Al suo fianco ritrova Elisa Di Francisca, che torna su un podio internazionale cinque mesi dopo i Campionati Europei di Montreux.

Percorso simile e parallelo quello delle due azzurre che si sono sfidate in un remake della finale olimpica di Londra2012, conclusosi però a parti invertite.
La certezza del derby si è avuta dopo i risultati delle semifinali che hanno visto Arianna Errigo superare col punteggio di 15-7 la tedesca Carolin Golubytskyi, ed Elisa Di Francisca avere la meglio, non senza qualche difficoltà, della giovane statunitense Lee Kiefer, regolata col punteggio di 15-14.

Nei rispettivi percorsi di gara, Arianna Errigo, dopo aver avuto la meglio nel primo turno di giornata contro l’altra azzurra Valentina De Costanzo per 15-3, aveva sconfitto la russa Anastasia Ivanova per 15-9 e poi l’altra portacolori della Russia, Adelina Zagidullina per 15-6, prima di superare nettamente ai quarti di finale, col punteggio di 15-5, l’astro nascente del fioretto francese e vincitrice della prova d’esordio stagionale, Ysaora Thibus.

Elisa Di Francisca, dal canto suo, aveva esordito vincendo per 15-6 l’assalto contro la tedesca Kristin Behr, quindi quello contro la canadese Eleanor Harvey e, nel turno dei 16, aveva superato la russa Yulia Biryukova per 15-13. Ai quarti aveva avuto ragione dell’altra portacolori russa, Larisa Korobeynikova col punteggio di 15-11.

Si erano spente invece nel turno delle 16 le speranze di Serena Teo, Carolina Erba e Chiara Cini. La prima è stata sconfitta per 9-2 dalla tedesca Carolin Golubytskyi, Carolina Erba ha subìto invece il 15-13 dalla sudcoreana Jeon, mentre Chiara Cini è stata eliminata per mano della francese Thibus col punteggio di 15-10.

Proprio Chiara Cini era stata l’artefice, nel turno delle 32, dell’eliminazione di Valentina Vezzali. La giovane atleta toscana si era infatti aggiuicata il derby azzurro contro la pluricampionessa jesina col punteggio di 15-5.
A fermarsi al turno delle 32 era anche Martina Batini, sconfitta per 15-12 dalla russa Zagidullina.

Nel turno delle 64, invece, erano uscite di scena oltre a Valentina De Costanzo, superata nel derby da Arianna Errigo, anche Alice Volpi e Beatrice Monaco. La prima era stata sconfitta per 15-11 dalla statunitense Ross mentre Beatrice Monaco era stata superata dalla francese Anita Blaze col punteggio di 15-13.
Non erano riuscite invece a qualificarsi per il tabellone principale sia Camilla Mancini che Valentina Cipriani. La prima era uscita di scena perché sconfitta dalla francese Gebet per 15-9, mentre Valentina Cipriani era stata eliminata nel primo turno del tabellone di qualificazione dopo essere stata superata per 15-10 dall’altra transalpina Ujlaky.

Milano – Edilizia scolastica

Magreglio scuola
La Giunta comunale ha deliberato il progetto definitivo per la demolizione e ricostruzione della scuola di via Magreglio 1. La Giunta ha anche deliberato la partecipazione al bando per accedere ai fondi per le indagini diagnostiche dei solai degli edifici scolastici pubblici indetto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

“Una buona notizia per le famiglie della scuola di via Magreglio – dichiara l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza -, entro il 2016 partiranno i lavori per l’abbattimento e la ricostruzione. E’ un’opera che realizziamo grazie al governo Renzi che ha mantenuto la promessa sull’edilizia scolastica dando solo al Comune di Milano finanziamenti per 42,5 milioni di euro per la ricostruzione di altri 5 istituti e la bonifica dell’amianto nelle scuole”.

L’importo per la scuola primaria di via Magreglio è di 9,6 milioni di euro: 5 milioni provengono dai fondi stanziati dal Governo per il bando per l’edilizia scolastica, la quota restante è finanziata dal Comune. Il progetto prevede la demolizione dell’attuale edificio in prefabbricato leggero che doveva essere abbattuto nel 2000 assieme ad altre 26 scuole: al momento l’Amministrazione ne ha chiuse 7 e sta avviando la loro demolizione.

Per quanto riguarda la nuova scuola sarà costruita secondo le ultime disposizioni in materia antisismica, sarà alimentata con energia alternativa e i nuovi locali saranno adeguati a una scuola moderna e funzionale per il futuro.

La delibera sulla partecipazione al bando riguarda il finanziamento per le indagini di elementi strutturali (pilastri, travi) e di elementi non strutturali (laterizi e intonaci) degli edifici scolastici: si tratta di interventi che il Comune ha realizzato dal 2013 con risorse proprie.

La graduatoria verrà redatta sulla base dei punteggi assegnati a ciascun edificio scolastico, i pagamenti verranno effettuati nell’esercizio finanziario 2016 direttamente dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

 

Disco esordio degli Stanley RubiK: “Kurtz Sta Bene”

CD COVER FRONTE 72 DPI-min
Oggi esce “KURTZ STA BENE” (etichetta INRI), il disco d’esordio della band romana STANLEY RUBIK. Il titolo del lavoro è un esplicito riferimento al Colonnello Kurtz di Conrad in Cuore di Tenebra o a quello di Coppola in Apocalypse Now, in cui l’ex berretto verde impazzisce. È attualmente in rotazione radiofonica “Cado”, primo singolo estratto dall’album.

“Kurtz Sta Bene è una riflessione – spiega la band – sulla nostra realtà al di là della realtà stessa. Uno sguardo onirico su ciò che ci circonda e una visione follemente lucida. Soprattutto, è la nostra prima uscita sulla lunga durata, su cui ci siamo messi alla prova nei due anni intensi di produzione che ci hanno consentito di dire per intero ciò che volevamo e metterci del tutto allo scoperto artisticamente. È solo l’inizio”

Questa la tracklist: “Cado”, “A.”, “Sisma”, “Distacco, “10&10”, “Kurtz sta bene”, “Prognosi”, “Edipo”, “Colla di fibrina”, “Bocca vuota”.

I testi alludono in maniera onirica alla lotta per l’emancipazione dalle figure-guida per conto di una generazione dubbiosa che, ostacolata e spesso frustrata nel proprio potenziale e nelle proprie aspettative, è costretta a lottare per farsi strada nella giungla.

Gli Stanley Rubik sono un power trio romano che s’inerpica, s’incastra per poi districarsi in complicazioni e contrapposizioni tra “vecchie” e “nuove” sonorità. Perdendosi tra le trame dei synth e le geometrie della mathmusic, ritrovano sempre la retta via grazie al filo d’Arianna della loro matrice rock, dando così un profilo a un volto sperimentale.

La loro musica è cinematica, carica di tensioni (risolte e non) descritte in modo scenico, chirurgico, immaginifico e teatrale, sempre con un latente sarcasmo tragicomico di fondo che sembra essere un delay dello stile registico di Kubrik. Nei testi echeggiano spesso le ossessioni del tempo presente che assorbendoci in modo totalitario rendono la nostra visuale monocromatica e claustrofobica.

Solo uno zoom-out ci regalerà un’inquadratura privilegiata, un piano sequenza rivelatore, un insieme di colori e sfaccettature che renderà risolvibile il Cubo di Rubik. Nel 2013 pubblicano per l’etichetta Cosecomuni il loro primo ep “lapubblicaquiete”, nel 2015 tornano finalmente sulla scena musicale con il loro primo disco “Kurtz sta bene”, targato INRI.

“Sanremo giovani 2016″ – Chiara Dello Iacovo tra i 12 finalisti

ChiaraDelloIacovo
Chiara Dello Iacovo è in corsa per salire sul palco dell’Ariston durante la prossima edizione del Festival di Sanremo.
La finale che decreterà i nomi delle sei Nuove Proposte si terrà venerdì 27 novembre in diretta su Rai Uno.

Ascolta qui “Introverso”: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-e21fcbcf-a3dd-4d83-949a-ea273c26b675.html

Il Sig. Introverso ha una storia piuttosto travagliata. Introverso viaggia con un basso profilo. Introverso si fa leggere a seconda del lettore. Introverso non ha paura di venire giudicato leggero, perchè anche se sorride è ben conscio della sua radicata verità.

La giovanissima cantautrice astigiana, rivelazione di TheVoice 2015 e vincitrice del premio della Critica e come miglior interpretazione a Musicultura 2015, è attualmente in rotazione radiofonica con il singolo “Vento”.

Guarda qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=gwhU81lPkP4

Vento non è altro che un disinteressato viaggio all’interno del subconscio: attraverso una sorta di psicanalisi autoindotta, l’artista vuole sottoporsi a quel tentativo un po’ infantile di comprendere le origini della malinconia che è parte imprescindibile del suo carattere, la stessa che spesso è anche motore della genesi delle sue creazioni.