Mutazione di un filo

Mutazione di un filo

Cantiere M.A.T. presenta “MUTAZIONE DI UN FILO

mostra collettiva di arte contemporanea

a Sestri Levante (GE) – Baia del silenzio – via Portobello 12

dal 17 al 28 luglio 2015

inaugurazione 17 luglio ore 18,00

Nella cornice di Palazzo Negrotto Cambiaso, affacciato sulla suggestiva Baia del Silenzio, una collettiva d’arte contemporanea che utilizza il filo  come metafora, dando vita ad una singolare mostra che saprà condurre  il visitatore ad esplorare e riconoscere quanto “il filo vive nelle nostre vite”.

Il filo, quale incontro con l’inizio

e la continuazione del tragitto di una linea

che di per sé può unire, cucire, rattoppare, legare o soffocare,

è lo spunto per poter esternare, attraverso linguaggi, forme ed espressioni, il sentire dei 16 artisti che partecipano a questo evento.

Il filo sul quale si può camminare restando in equilibrio per non precipitare, il filo di lana che intrecciandosi con altri fili può diventare una maglia o un cappello che scalda il nostro corpo nei freddi inverni, il filo del discorso o il filo logico, il filo di voce o un filo sprecato, il filo della corrente, un  filo di panni stesi al sole, un filo d’oro o un filo d’olio.

Artisti:

Donatella BARBUIO – Franco CASELIN – Nadiaanna CROSIGNANI – Enrico FOSSATI – Annamaria GAGLIARDI – Elena GUERRERA – Catemaggia – Monica MARCENARO – Francesca NICCHI – Rosanna PRESSATO – Anna Maria RAIMO – Carlagiulia RESCALDANI – Cristina ROSSO – Carlotta SANGALETTI – Paolo SANGALLI – Maria Luisa VINO

progetto di Monica Marcenaro e Nadiaanna Crosignani

 

 

Alcass la bontà si fa per tre

lasagna

Alcass la bontà si fa per tre.

Tre referenze per un perfetto equilibrio di gusto e qualità in punta di forchetta.

Alcass player di riferimento sul mercato nazionale e internazionale nel settore dei secondi piatti surgelati a base di carne e a base di soia, si è sempre contraddistinta per lo spirito pioneristico e anticipatore delle proprie referenze. Materie prime accuratamente scelte e i più innovativi metodi di surgelazione, permetto all’azienda bresciana di immettere nel mercato secondi piatti dalla qualità garantita. Attraverso lo studio accurato delle tendenze e dei costumi alimentari più attuali, inoltre, è sempre in grado di individuare nuove opportunità di mercato volte a soddisfare in maniera trasversale i gusti e le esigenze del consumatore di oggi. Ed è in quest’ottica che sono nate le tre nuove referenze presentate in occasione di TuttoFood 2015.

–        Steaks – Amica Natura:

steaks

Gustose salamelle nate dalla miscela della carne di suino e spezie, seguendo la ricetta originale frutto dell’esperienza del maestro norcino. Le Steaks Amica Natura portano sulle tavole di casa, pub e bar tutto il gusto e l’atmosfera delle sagre dello stivale. Carne di suino 100% italiana, sapientemente lavorata, porzionata, priva di pelle e non precotta, pronta per essere grigliata queste sono le Steaks – Amica Natura. Ideali come secondo piatto accompagnate da un contorno di verdure e ottime per farcire panini e hamburger dal sapore tutto italiano. Una vera rivoluzione nei banchi frigo grazie all´accattivante packaging che richiama l´atmosfera delle più attuali steak-house e in cucina!

–        Polpettine di pollo – Amica Bio Natura:

Ottime, delicate e già cotte le polpettine di pollo Amica Bio Natura, sono pronte per essere preparate velocemente  e mangiate. Leggere e gustose, rappresentano un secondo piatto equilibrato ma anche una base perfetta per ricette più elaborate contraddistinte dalla qualità e dalla leggerezza del pollo allevato secondo natura. Al sugo o accompagnate da sfiziose salse, le polpettine di pollo Amica Bio Natura sono disponibili nella pratica confezione da 300g. La bontà del biologico con il gusto tipico italiano, soddisferanno ogni esigenza di gusto e preparazione!

–        Lasagne alla Bolognese con Ragù di Soia- Amica Natura Veggie:

Tradizione e innovazione si incontrano in un primo piatto che mette d’accordo davvero tutti. Le lasagne alla Bolognese Amica Natura Veggie sono il frutto dell’esperienza maturata in questi anni di attività nel mondo dei secondi piatti a base di soia e rappresentano il piatto ideale per chi vuole fare il pieno di proteine vegetali senza rinunciare a un piatto della nostra tradizione culinaria. Il ragù a base di soia, la besciamelle 100% vegetale e la sfoglia di pasta realizzata senza uova  rendono le Lasagne alla Bolognese perfette per chiunque  desideri un’alimentazione ricca di proteine vegetali. Il prodotto è anche idoneo per un consumo Vegano. La messa in produzione diversi anni fa della linea Amica Natura Veggie, da oggi ha un nuovo componente ed è pronta a ingolosire ogni palato!

Frenesia, lavoro e impegni quotidiani rubano tempo al piacere della tavola, Alcass spa con le sue linee Amica Natura, Amica Bio Natura e Amica Natura Veggie li restituisce. Una gamma di prodotti completa da oggi ancora più ricca e destinata conquistare tutti.

 

 

Armonie d’arte Festival

 

Bobby McFerrin

Sarà musica e magia. Il giusto connubio tra un luogo incantevole come il Parco Archeologico Scolacium di Roccelletta di Borgia (Catanzaro) e le qualità vocali di Bobby McFerrin. L’appuntamento a lungo atteso, giorno 19 luglio alle ore 22, inaugurerà la XV edizione di Armonied’ArteFestival, ideato e diretto da Chiara Giordano, il cui ente attuatore da quest’anno è la Fondazione Armonie d’Arte.

«Anche quest’anno – commenta il direttore artistico – la scelta degli artisti è stata dettata d una logica di ricerca culturale alta e così l’apertura è stata affidata a Bobby McFerrin, artista di indiscussa e riconosciuta fama internazionale, che per la prima volta calcherà un palcoscenico della nostra regione. La sua esibizione, in concerto che si annuncia anche fortemente interattivo con il pubblico, senza dubbio ci darà la possibilità di apprezzare da vicino un musicista che ha saputo ridefinire il ruolo della voce nel canto a cappella e rappresentare una delle voci più accattivanti del nostro tempo».

Il successo planetario della sua hit più famosa “Don’t worry, be happy” è solo il picco più alto di una carriera luminosa, segnata da altri incredibili successi personali come le interpretazioni di “Another night in Tunisia”, con i Manhattan Transfer, “’Round midnight”, ”What is this thing called love” e “Brothers” con le quali ha vinto quattro dei dieci Grammy Award ricevuti nel corso della sua carriera.

Apprezzato dai più grandi interpreti jazz, il poliedrico Bobby McFerrin ha collaborato con Jon Hendricks, suo scopritore, George Benson, Rob Wasserman, Herbie Hancock, i già citati Manhattan Transfer, Yo-Yo Ma e Chick Corea, dimostrando di potersi confrontare con generi e stili diversi.

La sua volontà di crescere e migliorare le sue conoscenze musicali lo hanno portato a studiare direzione d’orchestra con maestri come Leonard Bernstein e Seiji Ozawa. E’ grazie a questi studi che ha ottenuto nuovi successi, dirigendo la New York Philarmonic, i Wiener Philarmoniker e la Filarmonica della Scala.

Ma la forza di Bobby McFerrin è soprattutto nella voce. E’ lui che con il suo album “The voice” ha annullato la distinzione tra musica pop e arte, cercando di conoscere il territorio inesplorato vocale. Le sue performance lasciano sempre il segno nel pubblico per il coinvolgimento che da sempre è una caratteristica dei suoi live act.

Il concerto di McFerrin sarà solo il primo atto della sezione Grandi Eventi. Infatti giorno 25 luglio alle ore 22, Josè Carreras continuerà l’ideale viaggio nel mondo della musica occidentale, in due mondi lontani, l’America del jazz  e l’Europa della lirica, uniti dalle emozioni che queste due grandi voci sapranno regalarci.

I biglietti potranno essere acquistati online sul sito www.armoniedarte.com,  presso la segreteria in via Scylletion (all’ingresso del Parco), Roccelletta di Borgia, dalle 10 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 19,30, o in tutte le prevendite autorizzate . Per maggiori informazioni  sui punti di prevendita , sul resto del cartellone, sulle tariffe speciali,  su tutti i servizi collaterali come navette e pacchetti particolari anche di soggiorno, potrà essere consultato il sito www.armoniedarte.com o potrà essere contattata la segreteria al numero 366.4362321.

Seguici sui Social:

Facebook: https://www.facebook.com/ArmoniedArteFestival

Twitter: #ArmonieArte

Instagram: armonie_arte

 

 

Teglio Teatro Festival Valtellina

Valtellina

Torna Teglio Teatro Festival Valtellina, giunto alla sua settima edizione: da domenica 26 luglio a domenica 9 agosto 2015 la fortunata rassegna animerà il territorio con due settimane di appuntamenti teatrali e musicali nelle valli e nei rifugi, sentieri d’arte e di storia e percorsi di gusto, coinvolgendo numerosi comuni della Valtellina, da Teglio a Tirano.

Tantissimi gli eventi per quest’edizione, dal titolo Pane per il cuore e per la mente: spettacoli teatrali, presentazioni di libri, concerti sotto le stelle e all’alba, visite guidate ai borghi più suggestivi e storici della Valtellina, degustazioni di prodotti tipici e merende al tramonto per nutrire il corpo e l’anima con la bellezza e la poesia.

La kermesse, organizzato e diretto dall’associazione Incontri di civiltà, guidata da Maria Agnese Bresesti, si apre con lo spettacolo musicale Epulone e Lazzaro, testi di Aldo e Fausto Gusmeroli, ricercatore della Fondazione Fojanini e docente di Ecologia Agraria all’Università degli Studi di Milano (Teglio, Salone dell’Oratorio, domenica 26 alle ore 21 in replica ad Aprica lunedì 27 luglio), regia di Mira Andriolo e Elena Riva con in scena oltre trenta giovani tra attori, musicisti e cantanti per affrontare il rapporto tra ricchezza e povertà nell’era della globalizzazione.

Grande novità di quest’edizione, in occasione dell’Expo, sarà il percorso itinerante per i borghi più caratteristici della Valtellina, tra fontane e baldresche e mura medievali con storici ed esperti alla scoperta dei colori e dei sapori del tempo passati, dagli intagliatori del legno agli artigiani del cuoio, dai lavoratori di formaggio a quelli dei pizzoccheri:  venerdì 31 luglio, alle ore 17 si parte alla scoperta di Tirano e Madonna di Tirano con un fitto programma di incontri e si finisce con visita alle cantine Rivetti e Lauro e degustazioni vini presso Palazzo Torelli. Sabato 1 agosto alle 14.30 ci si sposta nel borgo medievale di Nigola con l’arte del ricamo, la visita all’antico forno e ai terrazzamenti di vigne, degustazioni di prodotti tipici e un suggestivo concerto di arpa celtica e arpa bardica di Vincenzo Zitello. Sabato 8 agosto a Teglio dalle ore 9 si scopre l’arte dei pezzotti della Val D’Arigna, i rustici tappeti colorati  ottenuti utilizzando la canapa e scarti di cotone, lino e lana, e si va per mulini e campi di grano saraceno con visita al giardino delle biodiversità con Patrizio Mazzucchelli, fiabe e merende con il laboratorio di pizzoccheri per bambini.

Tra gli spettacoli teatrali si segnala La Molli con la bravissima Arianna Scommegna, lunedì 3 agosto nell’elegante Palazzo Juvalta di Teglio. Lo spettacolo, per la regia di Gabriele Vacis, è spirato dal monologo di Molly Bloom, moglie del protagonista dell’Ulisse di Joyce.

Cogliendone le suggestioni e calando il personaggio in una quotidianità dalle sonorità milanesi, i due autori inseriscono nel testo molteplici riferimenti culturali, storie e canzoni che hanno il sapore del nostro tempo. Sola e seduta al centro della scena, Arianna Scommegna dà vita a un monologo intenso, irrefrenabile, senza punteggiatura e senza fiato con cui, tra un bicchiere poggiato a terra e una manciata di fazzoletti sparsi, riversa sul pubblico pensieri e parole, assecondando il flusso di coscienza del personaggio di Joyce.

E ancora Il ritratto della salute (mercoledì 29 luglio ad Aprica, giovedì 30 a Tirano e venerdì 31 a Teglio)  racconto autobiografico della vittoria sul cancro di una giovane e coraggiosa attrice, Chiara Stoppa e della malattia come passaggio, come un viaggio dal quale, a volte, si torna indietro.

Ispirata a La Morte Sospesa di Joe Simpson, l’avvincente e incredibile storia vera che Joe Simpson e Simon Yates hanno vissuto nel corso della prima salita della parete Ovest del Siula Grande (6.344 m) nelle Ande peruviane è invece al centro dello spettacolo Slegati di e con Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi (giovedì 30 luglio, Aprica; sabato 1 agosto a Prato Valentino con falò e canti con il Gruppo Alpini di Teglio e concerto all’alba di Vincenzo Zitello, prenotazione obbligatoria).

Si balla la pizzica e la taranta al Parco Chiusano di Teglio domenica 2 agosto con il concerto dei tamburellisti di Torrepaduli e Pierpaolo De Giorgio mentre sarà la musica classica, dall’età barocca a giorni nostri, la protagonista lunedì 3 agosto del concerto del quartetto dell’Orchestra Antonio Vivaldi con Lorenzo Passerini, Davide Svanosio, Giovanni Lomazzi e Pietro Spina con la partecipazione del violinista Tiziano Giudice.

Il gruppo folkloristico di Grosio e il gruppo “Buntemp” faranno divertire il pubblico martedì 4 agosto a Teglio mentre il palcoscenico sarà tutto per Giacomo Occhi mercoledì 5 agosto a Bianzone (alla Casa Vinicola La Gatta) e il suo Mario Poppins, storia di un ciliegio che voleva diventare attore.

Venerdì 7 agosto spazio alla musica con i corni e il coro Oberengadiner Jodelchorli di Saint Moritz e il coro Gambuer di Aprica (alle ore 18 a Teglio e alle 21 a Tirano) mentre si parla di educazione alimentare e  di cibo contraffatto a Ponte in Valtellina (dalle ore 20) con lo spettacolo di Antonio Russo a cui segue una cena salutare.

Non mancheranno presentazioni di libri e incontri con Roberta De Devitiis, letture del De Rerum Natura con il latinista Alberto Melazzini, incontri per i più piccoli, visite guidate con lo storico Gianluigi Garbellini e con lo IAT di Teglio, progetti di danza a Tirano con AlomarDanza ed Enten Hitti, laboratori su su come preparare il pane e le altre tipicità della Valtellina sempre all’insegna della genuinità e della tradizione.

Il Festival, organizzato e diretto dall’associazione Incontri di civiltà, guidata da Maria Agnese Bresesti, continua con letture nei cortili e mostre d’arte nei palazzi più belli della Valtellina, concerti all’alba e al tramonto per arpa e pianoforte in suggestivi siti naturali, e ancora passeggiate e merende con i prodotti tipici della tradizione valtellinese.

Tutti gli incontri sono ad ingresso gratuito www.teglioturismo.itinfo@teglioturismo.it

 

Veli e diamanti: le creazioni di Giamore

Patrizia Pellegrino e Simona Borioni

Madrina d’eccezione è stata l’attrice Elena Russo; tra gli ospiti anche la Marchesa D’Aragona, Patrizia Pellegrino, Maria Monsé e Simona Borioni  Una grande festa per raccontare la moda e il fashion per il giorno più bello della propria vita: gli abiti di Paola Cipriani Couture hanno sfilato abbinati ai preziosissimi gioielli, tutti oro e diamanti, di Giamore. La serata si è svolta a coronamento della settimana della moda capitolina lo scorso sabato presso l’OS club di Roma: la Fashion Dinner, organizzata da Marco Scorza, presentata dalla giornalista radiofonica Alessia Pellegrino, ha avuto come madrina d’eccezione l’attrice Elena Russo, ma hanno preso parte alla sfilata anche la Marchesa D’Aragona, Patrizia Pellegrino, Maria Monsé e Simona Borioni, oltre che a tanti giornalisti, artisti e imprenditori.


Paola Cipriani Couture
interpreta attraverso l’immagine di ogni sposa il suo stile iniziando dal disegno, dalle forme e per realizzarlo sceglie tessuti, colori inserendovi una serie di dettagli unici. Per la confezione degli abiti la stilista utilizza diverse tecniche sartoriali e materiali esclusivi. Ogni singola collezione è il frutto di originalità ed esperienza di Paola Cipriani Couture. Il prestigioso atelier affaccia sullo storico mausoleo del Monte del Grano, qui la stilista insieme allo staff realizza i sogni di ogni sposa.

Ma sulle modelle c’era una luce in più, elegante e delicata: quella dei diamanti proposti per il giorno del “sì” da Danilo Giannoni e dal suo brand “Giamore”, che ha fatto indossare alle modelle gli orecchini e i pendenti delle sue linee di maggiore successo. Le collezioni che hanno sfilato per l’occasione sono state quelle di Jaclyn, in agata e diamanti bianchi, Shell, in argentum e diamanti neri, e Palline, con diamanti e oro. Cuori preziosi al collo e lacrime di gioia come orecchini sono i gioielli andati in passerella, simbolo di amore e di eternità, segno tangibile di un ricordo che non perderà mai valore nel tempo, proprio come i diamanti di cui sono costituiti. Tutti i dettagli su http://it.giamore.com/

Giamore è un marchio italiano di gioielleria di lusso: creazioni uniche realizzate dall’estro dell’artista Danilo Giannoni. L’azienda, fondata nel 2012, è già una solida realtà nel panorama internazionale, con un laboratorio a Hong Kong e alcune collaborazioni in Italia, il tutto gestito da italiani e francesi. I suoi gioielli sono caratterizzati da una manodopera altamente specializzata nella ricerca e nell’acquisizione di pietre rare e nella creazione di pezzi unici, realizzabili su misura, secondo il gusto e la personalità della propria clientela e dei collezionisti.

 

Gli allestimenti della serata verranno curati da Tiziana Amorosi Ladda, il make up artist e l’hair stylist sono di Katia Simeoni e le modelle sono dell’agenzia CM Project.