“A piedi scalzi per le strade del tempo”

 

“A piedi scalzi per le strade del tempo”, è la storia di un messaggio d’amore giunto sino ai nostri giorni, capace di mantenere quel fascino, a distanza di tanti secoli, che è proprio di Francesco d’Assisi. Principi e finalità fondamentali della compagnia teatrale “Le Ali di Riserva” sono l’amore prima di ttutto, che unisce un gruppo di giovani, alcuni con esperienza in campo teatrale, altri invece che si misurano per la prima volta, con uno scopo ben preciso, basato sulla divulgazione dei messaggi di pace e fratellanza, speranza e amicizia, uguaglianza e integrazione di studenti anche stranieri, assieme alla diffusione di gioia e serenità. 

Punti importanti che rendono unica questa compagnia, un gruppo che, attraverso i suoi spettacoli senza fini di lucro, si propone di portare avanti finalità benefiche (fra le quali promozione e donazione del sangue al Policlinico di Tor Vergata, Assistenza ai Terremotati in Abruzzo, e tante altre iniziative di nobile causa).

Venerdì 1 Giugno, alle ore 21.00, presso la Piazza della Parrocchia della Resurrezione di Nostro Signore Gesu’ Cristo ,zona Giardinetti in Roma, davanti ad una platea di circa 800 persone, la compagnia “Ali di Riserva”, darà vita ad un musical ricco di emozioni e canti inediti, realizzati dagli Eltic Group e registrati presso la Cappella Musicale Pontificia Sistina, grazie alla collaborazione con il coordinatore tecnico Alberto Carlesi.

Le musiche prodotte dal vivo da Luca Fracassi, si fondono con le magnifiche coreografie in un’atmosfera unica, che porta lo spettatore a riflettere sul messaggio francescano, che con tutto il suo fascino è giunto fino ai nostri giorni.

La regia curata da Domenico Lisco, inoltre, nel musical interpreta Fra Domenico, personaggio che racconta attraverso le sue emozioni, i momenti salienti della vita di San Francesco. Nel cast studenti di tutte le facoltà delle università di Roma,  Marco Lattanzio nel ruolo di Francesco, Ilaria de Pierro interpreta Santa Chiara, Marika Lopez interpreta Ade, “la forza del Male”, il padre di Francesco Pietro di Bernardone è Matteo Cianci, la madre Madonna Pica è Roberta Esposito, mentre Davide Lancellotti è Frate Leone e Frate Bernardo invece Emanuele Lancellotti, la Balia e poi Suor Agnese è Melania Forlivesi, il Vescoso Francesco Galassi, il corpo di ballo che interpreta vari ruoli invece è composto da: Gianluca Piumelli, Mariagrazia  Cristofanelli, Marianna di Masi, Alessandra Scampoli e Alessia Scerra.

Con la partecipazione straordinaria del regista Rai e anchorman Sky Anthony Peth nel ruolo di Cristo, il quale esprime la sua gioia per la presenza nel musical con finalità umanitarie.

Anthony Peth fatare da subito la grande accoglienza della compagnia, la forza e l’entusiasmo che unisce questo gruppo di ragazzi legati dalla voglia di donare il sorriso attraverso il divertimento e l’impegno che mettono ogni anno nei loro musical unici e brillanti, freschi e limpidi, come l’amore che donano tenendo la mano al prossimo.

Anthony afferma: “Il mio ruolo comprende solo due brevi apparizioni, ma la cosa che mi ha stupito maggiormente è la bravura e l’impegno che ci mettono i ragazzi, non essendo attori e ballerini professionisti, riescono con coreografie leggere e fresche a rendere il senso dell’epoca, la malvagità del male e la bontà e la forza del bene, alternati da brani inediti che fanno venire i brividi alla pelle, voci uniche ed emozionanti, motivi per la quale, sarebbe una perdita non poterli vedere all’opera, traspare un’emozione unica, che solo una compagnia con sani principi come questa può donare al pubblico”.. 

Giunta alla quinta edizione, la compagnia “Le Ali di Riserva”, anno dopo anno, realizza spettacoli diversi, con tematiche originali e brani inediti, passando dagli anni

’60 agli incredibili anni ’80, dalla storia sacra di Santa Chiara, alla rappresentazione della Storia di San Francesco, a piedi scalzi per le strade del tempo..

Vivere/rivivere la Costituzione

La Carta della nostra libertà – Vivere/rivivere la Costituzione è il titolo dello spettacolo che il Piccolo Teatro presenta in occasione della Festa della Repubblica sabato 2 giugno (preceduta venerdì sera da una recita riservata alle scuole) su iniziativa dell’Aim, Associazione Interessi Metropolitani, in collaborazione con la Società Umanitaria e la Fondazione Corriere della Sera. Con questo spettacolo, in programma al Piccolo Teatro Studio, l’Aim propone, per i suoi 25 anni di vita, una riflessione dedicata in modo particolare ai giovani, a conclusione di un ciclo di incontri nelle scuole superiori milanesi.

Muovendo dal celebre discorso che Piero Calamandrei tenne ai giovani nella Società Umanitaria nel 1955, il percorso di La Carta della nostra libertà, a cura di Marco Rampoldi e con letture eseguite dagli attori del Piccolo Sergio Leone, Gabriele Falsetta e Stella Piccioni, si snoda lungo le parole chiave che sostengono i principi fondamentali della Costituzione italiana: dignità, uguaglianza, solidarietà, con particolare attenzione all’importanza dell’impegno personale. 

In un gioco di libere associazioni, al testo portante e alle ‘cavalcate polifoniche’ sulle voci dei padri fondatori e dei presidenti che avvicinano a noi e proiettano nel futuro il lavoro dell’Assemblea costituente, vengono accostati frammenti letterari e teatrali. Questi frammenti, spaziando dai classici greci ad Alessandro Manzoni, da Italo Calvino a Gioachino Belli, mettono in chiara luce come la Carta della nostra libertà innesti le sue fondamenta sui capisaldi del nostro Pensiero.

Piccolo Teatro Studio Expo, sabato 2 giugno 2012 ore 19,30

La Carta della nostra libertà

Vivere/rivivere la Costituzione

A cura di Marco Rampoldi

Leggono Sergio Leone, Gabriele Falsetta e Stella Piccioni

Collaborazione alla drammaturgia Calogero Micciché e Paola Ornati

Ingresso gratuito con prenotazione al numero 02.87387707. I biglietti potranno essere ritirati alla biglietteria del Piccolo Teatro Strehler in Largo Greppi 2, M2 Lanza, tutti i giorni dalle 9,45 alle 18,45, domenica dalle 13 alle 18,30.

LNRIPLEY

Venerdì 1 giugno gli LNRipley, band torinese che si muove tra dubstep e drum’n’bass, sarà

al festival Moonasterock di Vaprio d’Adda (MI)  per presentare il loro nuovo progetto, BLUROOM Box 1.

LNRipley è una band che nasce con l’idea di contaminare i linguaggi della dubstep e drum’n’bass con influenze diverse, mettendo in primo piano la componente live: basso, batteria, macchine e un frontman esplosivo per un set che mischia la potenza di una band dal vivo con le pulsazioni da rave, con la missione di scatenare il dancefloor.

Il loro nuovo progetto, Bluroom, è disponibile in formato digitale con un modo nuovo di produrre e distribuire la musica senza etichetta discografica: sarà suddiviso in box scaricabili gratis ai concerti (tramite chiavetta USB o leggendo un codice QR con il proprio smartphone) e pubblicati su www.lnripley.com attraverso la piattaforma indipendente VibeDeck.

Bluroom Box I é il primo episodio di The Box Sistema: non conterrà infatti solo un folder con le tracce, le grafiche e i video del nuovo lavoro di LNRipley, ma anche un Creative Folder, con contenuti multimediali relativi ad altri artisti o collettivi creativi con cui la band si interfaccia, alimentando una sorta di network creativo che conterrà sorprese e suggestioni ogni volta diverse.

Per l’uscita di When The Day is Done, primo singolo tratto da BLUROOM Box 1, è stato realizzato un video, girato da Cosimo Alemà, che si avvale della presenza di una performer d’eccezione: Silvia Calderoni, attrice-danzatrice, vincitrice del premio Ubu, l’artista che incarna a pieno lo spirito Motus – il gruppo teatrale di ricerca dell’Emilia Romagna nato anni or sono dalle menti di Enrico Casagrande e Daniela Nicolò e oggi uno dei più richiesti e ammirati nel mondo.
www.lnripley.com

Magnolia Estate 2012

Ogni anno arriva l’estate, il caldo, le zanzare, le notti insonni. Da sette anni c’è un solo posto dove tutte queste cose passano in secondo piano. Il Circolo Magnolia dal 1 giugno al 15 settembre accoglie e foraggia centinaia e centinaia di profughi dell’afa e della noia cittadina nella cornice del Parco dell’Idroscalo, il più grande, il più verde e  con più acqua di città e dintorni, per cento giorni di spettacoli e di serate all’aperto. Sette giorni su sette, compresi i festivi, con una pizzeria-griglieria sempre attiva dalle 19.00 fino a notte, con l’energia pulita dei pannelli fotovoltaici, l’acqua depurata e gratuita ( liscia o gassata), e un giorno , la domenica, di happy hours con la birra media chiara a 3 euro. Queste le prime basilari informazioni per attrezzarsi e prepararsi alla più verde, più grande e con più acqua estate in città.

Quest’anno la programmazione si è spesa per cercare di far arrivare in città spettacoli live di interesse internazionale, producendo serate uniche nel panorama europeo, sempre con la missione di lasciare l’ingresso a prezzi popolari, per permettere a tutti di poter assistere a grandi spettacoli live, e non lasciare a casa nessuno. Le settimane sono ricche e cariche di attesa per alcuni appuntamenti live unici, irripetibili e in alcuni casi mai visti, nè qui nè altrove.

Si comincia subito il primo giugno, con il consueto party di apertura che inaugura la stagione all’aperto del Circolo Magnolia, ospite d’eccezione il dj e produttore francese Kavinsky.

La prima settimana regala subito momenti d’oro: 4 giugno The Off, supergruppo dell’hardcore americano con componenti di Black Flag e Hot Snakes, 5 giugno The Ting Tings, attesissimo duo electro clash inglese, 6 giugno Ozric Tentacles, storica formazione prog-psichedelica, 7 giugno Jamie XX e John Talabot si sfidano alla consolle, 8 giugno Shandon, reunion live del gruppo ska-core degli anni  ‘90.

E’ poi la volta dei grandi festival. Il MI AMI conferma la sua presenza dal 15 giugno al 17 giugno sulle rive dell’Idroscalo con i paladini della musica indipendente, bella e dei baci, di casa nostra: Bugo, Aucan, Calibro 35, Amor Fou, Persiana Jones, Brunori S.a.s, per dirvene solo alcuni.

Risponde il consueto appuntamento metal, ex-MI ODI, Solo Macello Fest con Napalm Death, Unsane, Big Bussiness  e tantissimi altri, il 26 giugno.

In mezzo tantissimo nuovo rock e rap-core: Gallows, Rise Against ( insieme il 19 giugno), il maestoso Il Teatro degli Orrori ( 21 giugno), Hercules & Love Affair con il dj set dei Klaxons ( 22 giugno), Colle der Formento, Esa e Kaos One ( 28 giugno),per finire con l’appuntamento della stagione, Die Antwoord live e 2manyDjs alla consolle il 29 giugno.

A luglio tornano i grandi nomi internazionali, Grazie a Dio è lunedì, il festival ideato e prodotto da DNA concerti, quest’anno presenta nella stessa sera, 2 luglio, sul palco: Hot Chip, Breton, Kurt Vile & The Violators, Dry the River.

E’ la volta di Wooden Shjips ( 4 luglio), il re della rocksteady David Rodigan ( 5 luglio), Citizenz! (9 luglio) e di un’altro reale, Sharon Jones and the Dap Kings, la regina del soul con la band di Amy Winehouse, 10 luglio.

Il 14 luglio un altro grande festival, tutto in una notte, ideato e prodotto da Godzilla Market, Godzilla Market  Party, con Dente, Zen Circus, Iori’s Eyes e Peaches dj set.

 

Elita presenta Santigold, 17 luglio, poi ritorna Zola Jesus, 18 luglio, e il 20 sono attesi Mr.Oizo e Is Tropical.

Alboroise, 19 luglio, Tre Allegri Ragazzi Morti, 25 luglio per Milano Brucia fest, In to the pit festival, 26 luglio, Bud Spencer Blues Explosions, I Cani ( 27 luglio entrambi), chiudono un grandissimo, esteso e vasto luglio al Circolo Magnolia.

Di contorno appuntamenti non minori per qualità, selezione e proposta artistica, come le domeniche di ALL THAT JAZZ, la serata cinema Cripte e Incubi Horror Day, 25 giugno, in collaborazione con Bloodbuster con ospite Ruggero Deodato ( Cannibal Holocaust, Camping del Terrore), i martedì indie di Kiss This!, le domeniche Un disco per l’estate con protagonisti della giovane canzone italiana ( Oratio, Gianluca De Rubertis, Di Martino, Niccolò Carnesi), e i party del sabato, gratuiti, Limone Party, Zarro Party, Pezzi da ‘90, le serate Twist and Shout del venerdì, Reggae Radio Station Night con Vito War, l’Idro Party di Radio Popolare, Spazio Petardo.

Non dirlo a nessuno – Il Circolo Magnolia non fa vacanze.

Aperti sempre, con la pizzeria-griglieria dalle 19.00, tutti i giorni, dal 1 giugno al 15 settembre, non è necessaria la tessera arci.

Non dirlo a nessuno – Euro 2012

L’intero campionato europeo di calcio, dalle qualificazioni alla finalissima verrà proiettato su maxischermi, l’ingresso sarà gratuito salvo diverse indicazioni della programmazione del circolo, e l’apertura sarà anticipata alle 17.00 per le partite pomeridiane.

Non dirlo a nessuno – Corpo di Mille Balere

Dall’ultima domenica di giugno fino all’ultima di agosto la domenica pomeriggio si balla liscio, Corpo di Mille Balere è la rassegna pensata per la terza età nella terza repubblica, aperta a tutti, che negli ultimi anni è diventato un grande momento di ritrovo per giovani e diversamente giovani di tutta la provincia.

Non dirlo a nessuno – Happy Sunday, Happy Hours

Tutte le domeniche, festival esclusi, la birra media chiara costerà solo 3 euro, per lasciarvi nel verde dell’Idroscalo, ma non al verde delle vostre tasche.

noi non siamo qui – la prova

Una condizione quotidiana di cui non ci accorgiamo quasi più.

Un’umanità che non è più  “con la testa tra le nuvole” ma che è comunque “altrove”, analizzata dalla giovane drammaturga Carolina De La Calle Casanova e dal danzatore e coreografo Giorgio Rossi. 

Noi non siamo qui, nuova produzione della compagnia b a b y g a n g, in forma di studio, per la prima volta a Roma nell’ambito della rassegna di drammaturgia contemporanea Argot Off, è un’indagine, ironica e grottesca, sull’alienazione moderna, quel senso di inadeguatezza, quell’incapacità di “essere presenti” nel quotidiano, con gli amici, con i colleghi, con la famiglia. 

In scena quattro personaggi senza identità in un luogo indefinito in attesa di qualcosa che forse non hanno ancora capito cos’è, tra colpi di scena, stravaganti dialoghi e situazioni irreali di beckettiana memoria. 

Attraverso diversi quadri – dove i generi teatrali e i linguaggi performativi si fondono al servizio della comunicazione – scopriamo assieme ai personaggi i limiti umani.

La BabyGang continua ad affrontare i temi contemporanei, affiancando stavolta al lavoro di drammaturgia, lo studio del movimento del danzatore e coreografo Giorgio Rossi. 

Dopo “Lo Scherzo” spettacolo sulla “generazione  dei trentenni”, ad essere analizzata, con lirismo e una grossa dose di sarcasmo, è un’umanità confusa e alienata che si mette a servizio di una visione paradossale del futuro, dove i ruoli non esistono e la definizione di persona assume un valore esagerato e rarefatto.

Ecco allora che prende forma il conflitto tra esistenza ed essenza, tra libertà e necessità.

 

noi non siamo qui – la prova

martedì 12 e mercoledì 13 giugno 2012 – ore 21

Teatro ArgotStudio

Via Natale Del Grande, 27 – Roma

BIGLIETTO UNICO € 9 + € 1 TESSERA SOCI

PER INFO E PRENOTAZIONI  – info@teatroargotstudio.com – Tel. 065898111 www.teatroargotstudio.com