#millemigliamusica, al Castello Sforzesco di Milano

logo MLM web comune MI def
logo MLM web comune MI def

Si aprirà con un omaggio a Lucio Dalla, sulle note di “Nuvolari”, uno dei capolavori del grande artista bolognese e perfetta colonna sonora della proiezione di un breve video dedicato alle auto storiche, lo spettacolo #millemigliamusica, in programma martedì 14 agosto nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco di Milano (inizio ore 21; ingresso 15 euro, ridotto 5 euro per under 10 e over 65).

L’evento, che rientra nel cartellone dell’Estate Sforzesca, sarà una serata di musica e condivisione, un viaggio che – tra suoni e parole, teatro e canzoni – percorrerà le mille miglia delle diversità italiane.

Sul palco si alterneranno l’attrice Cinzia Leone, che con la sua graffiante ironia proporrà due irresistibili monologhi, e diversi musicisti: Marco Ferradini, con i suoi più grandi successi (da “Teorema” a “Lupo solitario”, da “Misteri della vita” a “Weekend in montagna”); Giada Agasucci, che presenterà il suo nuovo singolo “La mia Itaca” (ha duettato con nomi eccellenti della musica italiana e internazionale, tra cui Kylie Minogue, Antonello Venditti, Marco Mengoni, Fedez e Modà ed è stata semifinalista ad “Amici” nel 2014); Jordan Brown, che presenterà alcuni brani originali che fanno parte del suo nuovo progetto (è produttore, compositore e cantante lanciato in tutto il mondo dal singolo “Am I Wrong”, remix in cui mescola house e blues, pubblicato da Sony-Ministry of Sound); Charlotte Ferradini, cantautrice e pianista raffinata e sensibile, vincitrice del prestigioso Premio Bianca D’Aponte (con il brano “Martarossa”), preziosa collaboratrice del padre Marco e molto attiva e presente in diverse iniziative anche discografiche di impegno sociale, fino a UJIG, giovane quartetto di notevole spessore internazionale di jazz sperimentale con sprazzi di rock e fusion, e LUCKY L, autore e compositore nato come beatmaker nel mondo dell’Hip Hop negli anni ’80.

Prima dello spettacolo, un London Bus di colore rosso squillante, magnifico modello della Swingin’ London, attraverserà la città con, a bordo, gli artisti che si esibiranno in serata al Castello Sforzesco e una band. Lungo il percorso, alcune fermate prestabilite permetteranno al pubblico di interagire e assistere alle performance estemporanee dei musicisti.

Dopo la tappa inaugurale di Milano, è intenzione degli organizzatori “portare in tour” il progetto #millemigliamusica a partire dal prossimo autunno in altre sei città: Bologna, Firenze, L’Aquila, Bari, Salerno e Palermo, coinvolgendo artisti di primo piano della scena nazionale legati profondamente ai propri luoghi di origine, ricchi di storia, arte e contaminazioni culturali.

Palcoscenici ideali per condividere le performance di grandi musicisti, giovani talenti e comici brillanti.

Milano, Castello Sforzesco, Cortile delle Armi, martedì 14 agosto, ore 21
#millemigliamusica – Con Cinzia Leone, Marco Ferradini, Giada Agasucci, Jordan Brown, Charlotte Ferradini, Ujig & Lucky L.

Ingresso: 15 euro intero; 5 euro ridotto (under 12 e over 65).
Prevendita il giorno dell’evento: dalle ore 17:30 alle 19:30.
Riapertura porte del Castello Sforzesco e vendita biglietti alla cassa dalle ore 20.

Estate Sforzesca: WrongOnYou in concerto

WrongOnYou-
WrongOnYou-

Il cantautore romano dal sound internazionale WRONGONYOU, dopo una serie di concerti in Europa che lo hanno portato in Francia, Inghilterra, Germania e Olanda, torna ad esibirsi in Italia con un tour estivo che domani, mercoledì 11 luglio, farà tappa al Castello Sforzesco di Milano, un appuntamento che si inserisce nella rassegna Estate Sforzesca (Piazza Castello 3 – inizio ore 21.00 – biglietti disponibili su Ticketone e Mailticket).

Sarà l’occasione per ascoltare live il suo album d’esordio “Rebirth” (Carosello Records), che sta ricevendo ottimi consensi sia in Italia che all’estero. Il disco incarna perfettamente lo spirito dell’artista e la direzione che ha preso la sua musica nell’ultimo anno: un eclettico mix di folk ed elettronica, con un sound internazionale, fresco e contemporaneo.

Special guest sul palco con Wrongonyou per un set inedito sarà Dardust, aka del compositore e pianista Dario Faini, che unirà la musica del suo pianoforte alla voce del cantautore.

Con Wrongonyou sul palco la sua band composta da Gianmarco Ricasoli (chitarra), Graziano Sessa (basso) e Flavio Zampa (batteria).

Il concerto è organizzato da Comune di Milano, Shining Production, BPM Concerti e WOODOO Fest.

Primo Torneo di Scacchi della città di Milano

torneo-scacchi.
torneo scacchi

Si terrà domenica 6 maggio, al Castello Sforzesco, una giornata dedicata agli scacchi, che si chiuderà con il primo Torneo della Città di Milano, in memoria di Franco Rindone, il ciclista di 52 anni, papà di due bambini, che perse la vita il 7 luglio scorso in piazza Resistenza Partigiana travolto da un camion.

“La famiglia ha voluto fortemente che Franco fosse ricordato con una grande festa dedicata agli scacchi, passione che condivideva con il figlio Andrea. Ci siamo messi subito a disposizione, insieme a MM, e grazie all’associazione Il Castelletto Scacchi, ne è nato il primo Torneo Blitz della Città di Milano”, dichiarano la vicesindaco Anna Scavuzzo e l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli. “La nostra idea è che questo diventi il primo torneo ufficiale della nostra città e per questo chiamiamo a raccolta tutte le associazioni scacchistiche, perché collaborino con noi alla realizzazione delle prossime edizioni”.

La giornata dedicata agli scacchi sarà suddivisa in due momenti. La prima parte, dalle 10 alle 14, sarà una grande festa aperta a tutti, con un momento di saluti istituzionali alle ore 12 e diverse attività: ‘Impariamo a giocare’, ‘Simultanea con ScaccoMax e ScaccoAndrea’, ‘Drum&Magic, spettacolo di magia e batteria’, ‘Caccia al tesoro scacchistica’, ‘Scacchi e fumetti’.

Il pomeriggio, dalle 14 alle 19, si terrà il ‘Torneo Blitz di Scacchi Città di Milano – Memorial Franco Rindone’, riservato a tutti i giocatori in possesso di tessera ordinaria/agonistica/Juniores FSI valida per l’anno in corso. La manifestazione è valida per variazioni Elo Blitz Fide.

Durante tutta la giornata si terrà anche l’esposizione “Gli scacchi nella storia – Dai protoscacchi al settecento di Philidor”, realizzata da E’-Vento Produzioni, a cura di Alberto e Matteo Tavazzi, con opere appartenenti a raccolte del Castello Sforzesco (Raccolta d’arte antica, Raccolte d’arte applicata e Civica raccolta delle stampe Achille Bertarelli).

L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Milano, con il sostegno di Metropolitana Milanese e realizzata in collaborazione con Il Castelletto Scacchi, organizzazione presente da diversi anni nel mondo degli scacchi con sedi a Milano e Savona.

L’iscrizione al torneo del pomeriggio è gratuita e possibile fino a esaurimento degli 80 posti disponibili: www.vesus.org

“Roba minima, s’intend”

Roba minima
Roba minima

Martedì 18 luglio 2017
ATIR Teatro Ringhiera presenta nell’ambito di ESTATE SFORZESCA Rassegna estiva del Comune di Milano
Ore 21 – Castello Sforzesco – Cortile delle Armi “Roba minima, s’intend!” concerto malincoMico di e con Stefano Orlandi (chitarra Massimo Betti/contrabbasso Stefano Fascioli/fisarmonica Giulia Bertasi) canzoni di Enzo Jannacci contaminazioni letterarie di Beppe Viola, Franco Loi, Giovanni Testori, Walter Valdi scene Maria Spazzi / costumi Federica Ponissi / luci Alessandro Verazzi produzione ATIR.

Nell’ambito della rassegna estiva del Comune di Milano “Estate Sforzesca” Stefano Orlandi con Massimo Betti, Stefano Fascioli e Giulia Bertasi presentano il 18 luglio nel Cortile delle Armi del Castello ”Roba minima, s’intend!” uno spettacolo di teatro canzone dedicato alla figura di Enzo Jannacci.

Lo spettacolo-concerto è un percorso di musica, parole, immagini, intorno alla figura del cantautore milanese e della Milano che egli ha raccontato nelle canzoni fin dagli anni ’60. La Milano dei quartieri con i suoi mille personaggi stravaganti e surreali: i “pali” dell’Ortica, quello che andava a Rogoredo a “cercare i sò danée”, le balere di periferia dove c’è sempre chi “per un basin” avrebbe dato la vita intera. I sogni e le miserie di chi sta ai margini di una società che corre troppo veloce, incurante degli ultimi. Il boom economico con le sue contraddizioni, con “Vincenzina” che vuol bene alla fabbrica, quello che “prendeva il treno per non essere da meno” e chi davanti a un documento di residenza “gli viene in mente tutta l’infanzia”. C’è chi insegue una storia d’amore: “roba minima, s’intend, roba de barbun”, e poi c’è chi nonostante tutto ride, e ride di gusto perché “sempre allegri bisogna stare che il nostro piangere fa male al re, al ricco e al cardinale”.
Jannacci è stato sempre dalla parte degli ultimi, dei balordi, li ha cantati con il cuore in gola, nei suoi versi c’è la speranza che non si arrende.
Jannacci racconta l’avventura umana attraverso piccole storie di personaggi affamati di fantasia, ma con i piedi ben piantati nel delirio quotidiano della realtà, nelle sue canzoni c’è il mondo visto con gli occhi di un clown; un clown moderno, “allampanato, fulmineo e folle” dove il riso e il sorriso si mescolano con la malinconia dei ricordi, con la tristezza e anche la rabbia per un mondo che non è certo il migliore dei mondi possibili, ma l’abbiamo fatto noi, e in questo mondo ora ci tocca vivere.
Proprio come un clown, Jannacci ha la capacità di stupire, di creare atmosfere poetiche, di inventare incantesimi, di far ridere e piangere allo stesso tempo.
Canzoni comiche e malinconiche, ovvero malin-comiche.
Le canzoni sono introdotte, seguite, contaminate dalle parole di alcuni autori milanesi che, per assonanze logiche e illogiche, danno vita a una carrellata di personaggi eccentrici, surreali, timidi o inquieti, ma sempre densi di quella umanità semplice e schietta di cui erano ricche le periferie popolari e le case di ringhiera della Milano negli anni 50-60. Si va da Beppe Viola, giornalista sportivo e ironico scrittore, grande amico di Jannacci, con il quale ha composto oltre a diverse canzoni anche la sceneggiatura del film di Monicelli “Romanzo popolare”, passando per Walter Valdi uno dei capostipite del cabaret milanese autore tra l’altro di alcune canzoni portate al successo da Jannacci (Faceva il palo, La ballata del Pittore), si incontra la periferia milanese raccontata da Giovanni Testori nel ciclo di opere detto “I segreti di Milano” per giungere alla poesia di Franco Loi, un genovese approdato da bambino a Milano di cui oggi ne è forse il più autorevole poeta dialettale.

Castello Sforzesco – Cortile delle Armi (18 luglio 2017)

SPETTACOLO: ore 21

BIGLIETTI:
vendita al Castello la sera dell’evento (a partire dalle 20.15): biglietto unico 10 €

INFO E PREVENDITA:
info@atirteatroringhiera.it – tel. 02.84892195 – www.atirteatroringhiera.it
da mercoledì a venerdì dalle 15.30 alle 19.30