La cantante Tosca, allo Spazio Teatro No’hma

Tiziana Donati, in arte, Tosca-
Tiziana Donati, in arte, Tosca-

Mercoledì 24 e Giovedì 25 Gennaio (ore 21) lo Spazio Teatro No’hma ospita la cantante e attrice eclettica Tosca, che da sempre affascinata dalle musiche popolari del mondo, ha fatto sue quelle radici sonore che ogni cultura da lei avvicinata ha saputo donarle. Rimettendo insieme tutti questi frammenti è nato un viaggio acustico attorno alla Terra, un mosaico musicale tanto variegato quanto armonioso.

Un “racconto in musica” che passa da un fado portoghese a una ninna nanna russa, da un canto sciamano, a un tradizionale dei matrimoni Yiddish, da una ballata zingara fino ad approdare alle nostre sponde popolari napoletane, romane e siciliane, inframmezzando il tutto con le parole di grandi poeti del mondo.

Insieme a Tosca sul palco alcuni maestri polistrumentisti come Giovanna Famulari al pianoforte e violoncello, Massimo De Lorenzi alle chitarre e le giovanissime e talentuose sorelle Alessia e Fabia Salvucci, rispettivamente alle percussioni e ai cori.

In oltre vent’anni di carriera vissuta tra concerti, teatro e collaborazioni illustri, Tosca, artista eclettica e ricercatrice musicale, da sempre affascinata dalle musiche tradizionali di tutto mondo, è rimasta sempre fedele a se stessa, credendo nell’indipendenza assoluta del lavoro d’artista.

Appunti musicali dal mondo è un lungo percorso dalle molte coordinate, uno spettacolo di suoni e parole che conduce l’artista e lo spettatore attraverso esperienze anche lontane che di anno in anno ha continuato ad arricchirsi lungo i territori del teatro-canzone, toccando sponde linguistiche tra le più lontane.
Il concerto, che da pochissimo è diventato anche un album live, registrato in occasione della tappa romana che per la prima volta ha riunito alcuni grandi artisti che hanno incrociato la sua vita musicale come Nicola Piovani, Gegè Telesforo, Gabriele Mirabassi, Joe Barbieri, Danilo Rea e Germano Mazzocchetti, cattura l’idea e l’essenza del viaggio per Tosca.

Dal palcoscenico della Royal Opera House ai Cinema italiani: Tosca

Tosca poster
Tosca poster

Continua su oltre 1500 schermi cinematografici di tutto il mondo la stagione 2017-2018 del cartellone della Royal Opera House di Londra al cinema che include incantevoli capolavori.
Il sesto appuntamento, previsto per mercoledì 7 febbraio in diretta via satellite alle ore 20.15 sugli schermi di tutto il mondo (elenco delle sale italiane a breve su www.nexodigital.it), è con Tosca, interpretato da un cast superlativo che include Adrianne Pieczonka, Joseph Calleja e Gerald Finley e con la produzione del regista Jonathan Kent. La direzione musicale è a cura di Dan Ettinger.

In occasione della prima nel 1900 questo melodramma di Puccini fu accolto con entusiasmo dal pubblico ed è ancora una delle opere più eseguite con una trama avvincente e una splendida musica.
La produzione di Jonathan Kent per la Royal Opera ricrea il turbolento e pericoloso clima politico che vigeva a Roma nel 1800.

Scarpia, capo della polizia e uno dei cattivi più malefici del repertorio operistico, insegue e tortura spietatamente i nemici dello Stato. Per lui Giacomo Puccini ha composto una musica oscura e demoniaca, in netto contrasto con le melodie espansive dei due amanti idealisti, Tosca e Cavaradossi, che esprimono la loro passione in arie sublimi come “E lucevan le stelle” e “Vissi d’arte”.

Questa produzione di Tosca mette in evidenza la brutalità del dramma, mentre la tensione cresce fino a culminare in una fatidica conclusione. Nella partitura meticolosa e ricercata di Puccini troviamo la stessa dovizia di dettagli, come i colpi di cannone in lontananza durante il “Te Deum” del primo atto, i rintocchi delle campane di una chiesa e i colpi sparati da un plotone d’esecuzione.

“Il grande dittatore” al Carcano

Il-grande-dittatore
Al Teatro Carcano di Milano IL GRANDE DITTATORE con Massimo Venturiello e Tosca diventa commedia musicale
Sono passati più di settant’anni da quando Charlie Chaplin scrisse, interpretò e diresse il suo primo film parlato Il grande dittatore, dedicato al tema della minaccia nazista. Con quel film, Chaplin ridiede coraggio al mondo che credeva ancora nella libertà. E lo fece grazie alla risata, che ora viene riproposta per la prima volta a teatro nello spettacolo diretto da Giuseppe Marini e Massimo Venturiello.

Da quel lontano 1940, il mondo è cambiato. Noi siamo profondamente diversi e così anche l’assetto politico del mondo, eppure la nostra realtà presenta strane e inquietanti analogie con quel tempo. Una crisi economica che ricorda quella del 1929, il crollo delle banche, l’inflazione, la disoccupazione e la depressione. L’attualità del Grande dittatore è quella di tutte le opere d’arte in cui si mette a nudo l’essenza umana.

Nel film, come ora nella sua riduzione teatrale in forma di commedia musicale, il protagonista si fa letteralmente in due. Da una parte c’è il piccolo ebreo che fa il barbiere nel ghetto in cui il nazismo lo ha rinchiuso e dall’altra c’è il feroce dittatore al quale egli assomiglia tanto da finire con l’assumerne il ruolo, rovesciandone nel messaggio radiofonico finale la violenza in pacifismo.

Afferma Venturiello: “Ciò che inventeremo e abiteremo sarà un’altra cosa dal film. Ciò che invece preme di non perdere è l’ironia, il sarcasmo e l’irresistibile comicità di un’opera nella cui messa in scena la musica, composta per l’occasione da Germano Mazzocchetti, e le parti cantate, impreziosite dalla presenza di un’artista come Tosca, saranno grandi protagoniste.”

Per Giuseppe Marini “Nello stesso periodo del film l’avventura brechtiana, con l’elaborazione di strumenti concettuali – lo straniamento – come modo di partecipazione critica al mondo della Storia, produceva Terrore e miseria del Terzo Reich e La resistibile ascesa di Arturo Ui. Il nesso tra Chaplin e Brecht è dunque per me molto stimolante e troverà riscontro in ambito registico nella realizzazione dello spettacolo che, come ogni trasposizione teatrale di un’opera cinematografica, prevede irrinunciabili tradimenti, ovvero delle “scelte”.

Al Teatro Carcano di Milano
da mercoledì 25 novembre a domenica 6 dicembre 2015

ORARI martedì, mercoledì, giovedì e sabato ore 20,30
– venerdì ore 19,30
– domenica ore 16,00

PREZZI
– poltronissima € 34,00
– balconata € 25,00
– Studenti e giovani fino a 26 anni € 15,00/13,50

PER SCUOLE E GRUPPI ORGANIZZATI gruppi@teatrocarcano.com

INFO e PRENOTAZIONI TELEFONICHE 02 55181377 – 02 55181362
VENDITA ONLINE www.vivaticket.it – www.ticketone.it – www.happyticket.it – www.getiticket.it -www.bookingshow.com

TEATRO CARCANO – corso di Porta Romana, 63 – 20122 Milano
info@teatrocarcano.com www.teatrocarcano.com

 

Teatro Superga: “Tosca”

tosca_2
Opera tra le più drammatiche di Puccini, ambientata a inizio ‘800 nella Roma napoleonica, “Tosca” racconta di un amore impossibile che pur affrontando colpi di scena e sfide finisce per essere sconfitto. La prima rappresentazione si tenne a Roma, al Teatro Costanzi, il 14 gennaio 1900 e sabato 14 novembre 2015 sarà sul palcoscenico del Teatro Superga, con l’Orchestra Filarmonica del Piemonte e Coro Lirico del Piemonte.

Il libretto dio Giacosa e Illica è ispirato a “La Tosca” di Victorien Sardou, il cui successo fu legato soprattutto all’interpretazione di Sarah Bernhardt nei panni della protagonista. Nei duetti tra Tosca e Mario e nelle tre celebri romanze “Recondita armonia”, “Vissi d’arte”, “E lucevan le stelle” la vicenda vive forti sussulti emotivi.

Un’opera eterna che raccolse anche l’entusiasmo del vecchio Verdi. La direzione della “Tosca” in scena al Teatro Superga è affidata a Alfonso De Filippis, attore e danzatore prima e poi aiuto regista di Paolo Poli sin dal 1990, con il quale nel ’98  ha partecipato a “Histoire du Soldat” al Festival di Ravenna.

Biglietti: platea 27 € – galleria 21 € (sono previste riduzioni: platea ridotto 24,50 € – galleria ridotto 19 €)

Informazioni e prevendite biglietti: Teatro Superga, Via Superga 44 – Nichelino (To)
Nuovo orario di biglietteria: dal martedì al sabato dalle ore 15 alle ore19 biglietteria@teatrosuperga.it | 011.6279789
Acquisto online su www.teatrosuperga.it e prevendite abituali del Circuito Ticketone

 

 

Annullamento Opere TROVATORE, TOSCA, TRAVIATA

Con la presente la Direzione di Villa Clerici comunica che le Opere Trovatore, Tosca e Traviata – previste al Teatro Romano di Villa Clerici rispettivamente sabato 21, lunedì 23 e mercoledì 25 luglio 2012 – sono state annullate per motivi riconducibili alla vendita dei biglietti, insufficiente a sostenerne la messa in scena.

 

Informiamo che i biglietti saranno  rimborsabili presso le prevendite d’acquisto entro e non oltre lunedì 6 agosto 2012.