Paderno Dugnano: l’Aisha duo in concerto

l'Aisha due
l’Aisha due

Il vibrafono di Andrea Dulbecco e la marimba di Luca Gusella: per l’ultimo concerto della rassegna musicale di Paderno Dugnano, promossa dal Comune e organizzata dalla cooperativa Controluce con la collaborazione di AH-UM e il contributo di Regione Lombardia, sabato 8 agosto si esibirà l’Aisha duo, formazione in equilibrio tra jazz, classica e musica contemporanea.

Il concerto avrà luogo nell’anfiteatro del Parco Lago Nord(inizio live ore 21, ingresso libero, prenotazione obbligatoria on line al link www.controluce.com/Prenotazioni2020/prenotazioni).

Attivo dal 1997, l’Aisha duo rappresenta un punto di vista, un progetto, una riflessione sugli ormai confusi confini nella musica di oggi tra composizione e improvvisazione, tra il ruolo dell’interprete, quello del compositore e quello dell’improvvisatore; questa formazione, inoltre, vuole cercare di esprimere il senso più naturale di “musica contemporanea” spaziando tra stili e linguaggi differenti, come il jazz e la musica colta.

In questo progetto sono confluite le esperienze che i due musicisti hanno accumulato fin dagli anni Ottanta, sia separatamente (sostanzialmente in ambito jazz per Andrea Dulbecco e in quello rock-fusion per Luca Gusella) sia in comune.
Il duo proporrà brani propri e musiche di differenti aree stilistiche: qualche (rara) incursione in Bach e Mozart, composizioni colte della seconda metà del Novecento (Stockhausen, Maderna), le Children’s Songs di Chick Corea, brani di estrazione jazz o latin (Towner, Zawinul, alcuni standard) e autori contemporanei con chiare influenze pop-rock-minimal (Einaudi, Zappa, Ugoletti).

FESTIVAL VILLA ARCONATI -FAR limited edition 2020

festivalvillaarconati2020
festivalvillaarconati2020

In un anno tanto particolare e incerto, il Festival di Villa Arconati-FAR non poteva che presentarsi “limited edition”. Un’edizione unica nella sua storia, pensata non tanto nell’accezione negativa legata all’emergenza in atto e alle limitazioni imposte bensì per testimoniare la tenace resistenza e importanza sociale della cultura.

Anche il periodo è inusuale per il Festival, da sempre programmato tra giugno e luglio e posticipato quest’anno dopo la metà di agosto, a causa delle problematiche legate alla ripartenza delle attività culturali e di spettacolo.

Gli appuntamenti verranno realizzati con un allestimento minimal e usufruendo della luce naturale del crepuscolo (inizio spettacoli ore 19) ma la semplicità dell’allestimento sarà valorizzata dalla suggestiva collocazione incorniciata tra la facciata sud della Villa e le decorazioni del parterre da poco restaurate e tornate al loro splendore settecentesco.

Festival Villa Arconati – Far

Festival Villa Arconati Far
Festival Villa Arconati Far

Festival Villa Arconati – Far
limited edition 2020

In un anno tanto particolare e incerto, il Festival di Villa Arconati-FAR non poteva che presentarsi “limited edition”. Un’edizione unica nella sua storia, pensata non tanto nell’accezione negativa legata all’emergenza in atto e alle limitazioni imposte bensì per testimoniare la tenace resistenza e importanza sociale della cultura. Oltrepassata da una sola stagione la soglia dei trent’anni, il Festival continua a proporre, nel rispetto delle normative anti COVID-19, una programmazione culturale di alto livello nella straordinaria cornice di Villa Arconati FAR.
Anche il periodo è inusuale per il Festival, da sempre programmato tra giugno e luglio e posticipato quest’anno dopo la metà di agosto, a causa delle problematiche legate alla ripartenza delle attività culturali e di spettacolo.
Gli appuntamenti verranno realizzati con un allestimento minimal e usufruendo della luce naturale del crepuscolo (inizio spettacoli ore 19) ma la semplicità dell’allestimento sarà valorizzata dalla suggestiva collocazione incorniciata tra la facciata sud della Villa e le decorazioni del parterre da poco restaurate e tornate al loro splendore settecentesco.

venerdì 21 agosto, ore 19
Paolo Fresu trio
Tempo di Chet

sabato 22 agosto, ore 19
Sabrina Lanzi
Il romanticismo boemo e ungherese

venerdì 28 agosto, ore 19
Elio Germano & Teho Teardo
Viaggio al termine della notte

Domenica 30 agosto, ore 19
Massimiliano Finazzer Flory
Verdi legge Verdi

giovedì 3 settembre, ore 19
La Ballata di John & Yoko
di Ezio Guaitamacchi

venerdì 4 settembre, ore 19
Pacifico & Stefano Bartezzaghi
Vedi alla voce

sabato 5 settembre, ore 19
Antonio Faraò Trio

INIZIO SPETTACOLI ORE 19.00
Prevendite su: www.mailticket.it
Info e prenotazioni: 800.474747
www.festivalarconati.it

PUNTO RISTORO
All’interno della Villa è presente un punto ristoro, con possibilità di aperitivi prima degli spettacoli e cene al termine, nelle eleganti sale della Villa, su prenotazione.

NAVETTA GRATUITA
E’ previsto un servizio di minibus gratuito di collegamento a Villa Arconati-FAR. Partenza ore 18.20 FN Bollate Centro (lato piazza Carlo Marx), ritorno al termine dello spettacolo. Prenotazione obbligatoria.

TORNA A VISITARE LA “PICCOLA VERSAILLES” LA DOMENICA
I possessori di un biglietto (in forma cartacea o digitale) del Festival “Limited edition 2020” hanno diritto ad un ingresso ridotto per tornare a visitare Villa Arconati-FAR la domenica.
Modalità di acquisto del biglietto scontato: sul sito www.villaarconati-far.it selezionare “Biglietto ridotto” e scegliere la data e l’orario preferiti. Alla biglietteria della Villa sarà sufficiente esibire il proprio biglietto del “Festival di Villa Arconati-FAR Limited edition 2020” (in forma cartacea o digitale) per godere della bellezza eterna della piccola Versailles lombarda!

SP46 Rho-Monza

rho+Monza
rho+Monza

Sono aperti al traffico dallo scorso 14 luglio i primi tratti di complanare all’attuale SP46 Rho-Monza, nei comuni di Paderno Dugnano e Bollate, la cui realizzazione era prevista all’interno dell’appalto di Riqualifica con caratteristiche autostradali della SP46.

L’apertura, anticipata rispetto al completamento dell’intero appalto e risultato di tavoli di lavoro condivisi da Milano Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A. con Regione Lombardia e gli Enti Locali interessati dal progetto, è stata disposta con l’obiettivo di ridurre sensibilmente i disagi riscontrati nei suddetti Comuni e nei territori limitrofi di Novate e Cormano, la cui viabilità locale risulta congestionata dal traffico intenso, specie nelle ore di punta.

Per consentire l’utilizzo e la fruibilità dei nuovi tratti di complanare, realizzati già in configurazione definitiva, sono stati inoltre completati innesti provvisori, non previsti in appalto, di collegamento con la viabilità locale nel Comune di Paderno Dugnano e con l’attuale SP46 in direzione Rho nel territorio comunale di Bollate.

Rimane costante l’attenzione di Milano Serravalle sull’avanzamento complessivo dell’opera, la cui realizzazione costituisce un fattore di grande rilevanza per la viabilità dell’area metropolitana di Milano.

Rassegna musicale di Paderno Dugnano: 3°appuntamento

Duo Farinone-Beccalossi
Duo Farinone-Beccalossi

Sabato 1 agosto, per il terzo appuntamento della rassegna musicale di Paderno Dugnano, saranno protagonisti Fausto Beccalossi, tra i più apprezzati fisarmonicisti della scena jazz italiana, e Claudio Farinone, chitarrista classico di formazione ma improvvisatore nell’anima. Due approcci creativi diversi ma affini, che presenteranno il progetto “Scrapbook”dando vita a un nuovo linguaggio sonoro.

Questo singolare duo nasce dall’alchimia che unisce un fisarmonicista di impronta principalmente jazzistica e un chitarrista classico di formazione, ma improvvisatore nell’anima. Due approcci creativi diversi che riescono confluire l’uno nell’altro e che, incontrandosi, danno vita a un nuovo spazio stilistico. La musica prende forma sulla base di annotazioni sonore: uno “scrapbook”, per l’appunto, cioè un album di ritagli in cui gli immaginari musicali dei due artisti si intersecano come in un gioco di specchi. Talvolta sono immagini nitide, fissate sul pentagramma in modo netto.

Altre volte si generano nel divenire, riflesse sotto una nuova luce e in attesa di nuove sorprese. Farinone e Beccalossi si muovono travalicando generi di appartenenza, confini e modalità esecutive. Ogni esperienza pregressa è il punto di partenza per nuove esplorazioni, che si animano di incontri e di culture, valicando frontiere e generando di continuo percorsi inediti.

La musica del duo non è né classica né jazz, non è totalmente scritta e nemmeno completamente improvvisata. La scelta dei brani e degli autori consente sempre margini di libertà, invenzione estemporanea, variazione e divagazione pura