Artemisia il Musical, vincitore assoluto del Premio PrIMO 2015

Artemisia

Artemisia il Musical (musica di Marco Rosati, testi di Lucia Di Bella, orchestrazione di Massimiliano Tisano, sceneggiatura di Enrico Zuddas), vincitore assoluto del Premio PrIMO  2015, torna in scena, per una data estiva – in attesa della prossima stagione -, in una cornice di grande impatto: il 31 luglio 2015, ore 21,00, sarà infatti al Teatro Romano di Gubbio, con il Patrocinio della Regione Umbria e del comune di Gubbio.

Artemisia il musical sarà ancora accompagnato dall’orchestra dal vivo.

Lo spettacolo, che vede come protagonista Artemisia Gentileschi, giovane pittrice caravaggesca, figlia d’arte, ambiziosa e decadente, complessa e brillante, racchiude in un musical le vicende di una delle più grandi artiste al femminile che abbiano regalato colore e sentimento alla storia dell’arte.

Artemisia Gentileschi è considerata simbolo di emancipazione femminile; in un momento in cui fare il pittore era prerogativa esclusiva maschile, lei con forza e determinazione riesce a lottare con successo per la propria affermazione artistica, superando pregiudizi e umiliazioni, violenze e soprusi, fino a raggiungere la sua indipendenza e il dovuto riconoscimento.

 

Sabato 20 Giugno a Torrita di Siena (SI), nell’elegante cornice dello storico Teatro degli Oscuri, lo spettacolo ha ricevuto il Premio PrIMO, in una serata di gala, musica e spettacolo.

Il cast di questa nuova data è confermato, a partire dai due protagonisti, Simone De Rose (Cats, Ladies, Rent) ed Eleonora Lombardo (Rent, Biancaneve il Musical, A little night music).

Sinossi

Quattro figure informi appaiono in sogno alla sedicenne Artemisia: sono i personaggi più noti dei suoi quadri – Cleopatra, Maddalena, Giuditta e Susanna – che la invitano a dipingere (“PROLOGO”).
Roma, 1609. Artemisia si ritrova insieme al padre Orazio e all’amica Tuzia nel quartiere degli artisti a festeggiare il carnevale; l’atmosfera gioiosa viene interrotta dalla pubblica esecuzione di una fanciulla accusata di aver assassinato il padre violento (“OPENING”). Artemisia e Tuzia prendono parte ad una festa danzante (“BRINDIAMO”) dove si imbattono in Caravaggio, pittore dalla personalità controversa (“CERCANDO ME”).

Artemisia si lascia andare alle emozioni che la pittura suscita in lei (“LIBERA”). Ma quando esprime il desiderio di avere, un giorno, una bottega tutta sua, il padre le ricorda che essere donna è un limite insormontabile per le sue ambizioni (“SOLO UNA DONNA”). Alla fine, però, decide di farle frequentare la bottega di Agostino Tassi.

Roma, 1611. Agostino Tassi è un artista magistrale di prospettiva e paesaggistica ma anche un uomo arrogante e borioso (“SONO UN RE”). Mentre Agostino corteggia sempre più sfacciatamente Artemisia, Tuzia, che ne è responsabile e l’accompagna ovunque, comincia a provare invidia verso l’amica (“NON CI STO”).

Agostino è totalmente ossessionato da Artemisia da usarle violenza. Arrivista e privo di scrupoli (“OLTRE IL CONCESSO E L’IMMAGINATO”), Agostino promette ad Artemisia di sposarla. Quando Orazio scopre l’accaduto, infuriato, caccia Agostino e insulta Artemisia la quale, sconvolta, si chiede quale sia il suo posto nel mondo (“COME VUOLE IL MIO CUORE”).

Roma, 1612. Il processo per stupro che Orazio Gentileschi intenta verso Agostino Tassi si trasforma in uno strumento di diffamazione nei confronti di Artemisia, che viene pubblicamente torturata e umiliata (“PROCESSO”). Agostino esce vincitore, Tuzia è riuscita nel suo intento di vendetta ed Artemisia si ritrova completamente sola (“IO SENZA TE”). In convento la sua confidente Suor Graziella le restituisce la speranza di riscatto, proprio com’è accaduto all’eroina del suo dipinto “Susanna e i vecchioni” (“SUSANNA”). Con le mani ancora fasciate e doloranti, Artemisia riprende a dipingere e porta a compimento il suo capolavoro: “Giuditta e Oloferne” (“RICOMINCIO DA ME”).

Firenze, 1616. Artemisia incontra Galileo Galilei, che come lei sta andando contro tutto e tutti e la esorta a non arrendersi (“TERRA E LUNA”) e le dà la speranza di essere ammessa nell’Accademia delle Arti del Disegno; per questo motivo scrive una lettera a Orazio per incoraggiarlo a far visita alla figlia (“LETTERA DI GALILEO”). Artemisia si confronta così con Orazio, il quale, pentito, firma la liberatoria che le permetterà di entrare in Accademia e le riconosce l’indipendenza che merita (“SOLO UNA DONNA REPRISE”). Nello stesso anno, dunque, l’Accademia fiorentina accoglie tra i nuovi membri la prima donna nella storia: Artemisia Gentileschi (“FINALE”).

Note di Regia

LA STORIA DI ARTEMISIA DIVENTA UN MUSICAL
di Enrico Zuddas

La prima volta che il team creativo si è riunito per selezionare il soggetto di un musical inedito sull’emancipazione femminile, l’unica mano alzata a votare contro Artemisia è stata quella di chi scrive. Poteva la drammatica storia di una pittrice del Seicento diventare un musical? Certo, non si tratta del primo titolo avente per oggetto un pittore – Goya, Lautrec, Klimt, Gaudì, Basquiat, Frida: ma quale di questi ha ottenuto un qualche riscontro dalla critica o dal pubblico? Leonardo (la storia della Gioconda) è stato uno dei massimi flop nel West End londinese. Esiste un’evidente eccezione: Sunday in the Park with George, che narrando la genesi della Grande Jatte di Seurat si interroga sul ruolo dell’artista in ogni tempo; ma l’autore è Stephen Sondheim, che si è sempre proposto la ricerca di temi colti, riservati a un pubblico d’élite, presentati in una forma diversa da quella tradizionale cui le platee italiane sono abituate.

Tuttavia, fin dai primi abbozzi del testo, la vicenda di Artemisia Gentileschi si è rivelata piena di spunti ancora attuali. Una donna che si fa strada in un mondo pensato solamente per gli uomini. Un atto di violenza e un processo in cui il seduttore si difende accusando la vittima di essere già corrotta. Un secolo di forti contrasti, di giustizia ingiusta, di genialità e intolleranza, che offre due figure di grande modernità: l’artista anticonformista e ribelle, Caravaggio, e lo scienziato che si trova a combattere con l’oscurantismo e i pregiudizi, Galileo Galilei.

Lo sfondo e la materia storica hanno condizionato le nostre scelte, in vista di un equilibrio fra storia e invenzione difficile da raggiungere. Prima di noi tanti musical biografici hanno raccontato storie di grandi donne, ad esempio Evita ed Elisabeth. Ma con una lettura assolutamente personale e indifferente alla realtà storica, tanto da inserire un protagonista maschile deformato fantasticamente: nel primo caso Che Guevara, con ruolo di critico denunciatore degli inganni e autoinganni di Eva Peron, nel secondo Der Tod, incarnazione della Morte che accompagna le tappe dell’esistenza di Sissi e della sua famiglia.

Nonostante questi illustri precedenti si è deciso di ricorrere il meno possibile alle forzature storiche. Ad apertura di sipario ci troviamo a Roma nel 1609, quando Artemisia muove i primi passi nel campo della pittura. Caravaggio all’epoca era ancora vivo, ma nel 1606 aveva abbandonato la città a causa dell’omicidio di un rivale: abbiamo posticipato di qualche anno la sua fuga per farne una sorta di guida spirituale di Artemisia, che comunque lo conobbe di persona e che insieme al padre è annoverata fra i primi caravaggeschi. La scena iniziale, che vede una giovane donna bruciata sul rogo, è una contaminazione tra le pubbliche esecuzioni per stregoneria e la tragica storia, raccontata anche da Stendhal e Moravia, di Beatrice Cenci, che nel 1599, per metter fine agli abusi sessuali del padre, lo uccise, ma che fu condannata e decapitata insieme alla matrigna e al fratello nella piazza di Castel Sant’Angelo. Tra la folla vi erano anche Orazio e la piccola Artemisia.

Come già scriveva Manzoni nella Lettre à M. Chauvet, chi fa letteratura non si occupa del vero storico quanto piuttosto del vero poetico: suo compito non è ricostruire i fatti ma illuminarli dal di dentro, indagando sui sentimenti che li hanno innescati. Così, se ormai è accettato dai più che Agostino Tassi fece violenza ad Artemisia ma poi intrecciò con lei una relazione consensuale grazie a illusorie promesse di matrimonio, restano da appurare le motivazioni che portarono Orazio Gentileschi (il quale certamente era al corrente di tutto) a denunciarlo con un anno di ritardo: forse davvero entrarono in gioco rivalità pittoriche e il furto di un quadro, come mostrerebbe l’accordo raggiunto dai due alla fine del processo e la ripresa della collaborazione. Nella trama è messo in risalto anche il ruolo ambivalente di Tuzia, inquilina dei Gentileschi e chaperon di Artemisia: i suoi comportamenti permettono di tracciare un ritratto complesso, inedito, quello di una amica gelosa, oscurata dalla fortuna di Artemisia.

Il nostro spettacolo segue la tradizione (di derivazione operettistica) di alleggerire una vicenda drammatica mediante l’inserzione di un momento comico: così ad esempio in Les Misérables i Thénardier, che rispetto ai violenti personaggi del romanzo di Hugo diventano una (quasi) simpatica coppia di impostori. Dunque il numero di ingresso del Tassi è diventato un autentico showstopper, con scelte musicali non convenzionali e addirittura un pezzo di tip tap. Vuole essere la nostra Herod’s Song (il charleston che in Jesus Christ Superstar sottolinea la superficialità e l’egoismo del re Erode). Ma ci si dovrà perdonare l’audacia visto che all’epoca il Tassi era soprannominato “lo Smargiasso”.

Tra i personaggi principali uno solo è frutto di invenzione: si tratta di Graziella, una suora che fa da confidente ad Artemisia, in una singola scena del secondo atto. Il personaggio è tratto dal romanzo “La passione di Artemisia” di Susan Vreeland: l’autrice, anche con l’intermediazione del suo editore italiano Neri Pozza, ce ne ha gentilmente concesso la ripresa. In questo romanzo la vicenda di Artemisia, ingiustamente denigrata, è paragonata a quella della biblica Susanna (raffigurata nel primo quadro famoso della Gentileschi), falsamente accusata di fornicazione.

Tale parallelo trova pieno adattamento nello spettacolo, il cui leit-motiv è quello della creazione pittorica, che fa dei soggetti delle tele di Artemisia – in particolare Giuditta – dei veri e propri personaggi “in cerca di una realizzazione”. Ciò ha consentito anche l’inserimento di due dream sequences interamente ballate. Il tema della creazione artistica ha ispirato anche la scenografia, dominata da un gigantesco diamante, perfetto ma da levigare e da scoprire a poco a poco, a simboleggiare l’anima e il talento di Artemisia.

Le prime audizioni sono avvenute nel giugno del 2014, con performer provenienti da tutta Italia. Quanto al casting dell’ensemble e dei ruoli minori, il team creativo ha preferito rinunciare a interpreti professionisti e imboccare una strada rischiosa ma motivata: utilizzare giovani “dilettanti” allo scopo non solo di mettere in piedi uno spettacolo, ma anche di svolgere un’attività di formazione e valorizzazione di potenziali talenti locali. Ecco dunque una compagnia a dimensione regionale: da Gubbio a Perugia, da Assisi a Gualdo Tadino. Del resto anche la protagonista, Eleonora Lombardo, diplomata in una delle più prestigiose scuole di musical d’Italia, la Bernstein di Bologna, è un vanto locale: originaria di Foligno, ha cominciato i suoi studi proprio nell’Accademia “Musicalonstage” di Perugia.

Ora che la partitura e la sceneggiatura vengono presentate al pubblico, quello che appariva come un punto di arrivo ridiventa un punto di partenza. Solo la reazione degli spettatori e il test del palcoscenico ne proveranno il funzionamento e apriranno la strada a ulteriori aggiunte, ripuliture, tagli. Come giustamente ha affermato Andrew Lloyd Webber, “un musical non si scrive, si riscrive”. Ora è il momento di Artemisia, con l’augurio che la sua storia possa ispirare nuove suggestioni, non più soltanto nelle sale di una galleria d’arte ma anche nelle platee dei teatri.

Lo staff artistico
Musiche _ Marco Rosati
Liriche _ Lucia Di Bella
Sceneggiatura _ Enrico Zuddas
Orchestrazione e direzione d’orchestra_ Massimiliano Tisano
Maestro Concertatore _ Claudio Rosati
Coreografie _ Katherine Whittard
Scenografie _ Giampiero Lombardini
Costumi (progettazione) _ Silvia Ventanni
Costumi (realizzazione) _ Manuela Marchi
Regia _ Enrico Zuddas
Ricerche e documentazione storica _ Daniela Rosati

Staff Artistico e Tecnico
Supervisione storica _ Valentina Ricci Viviani
Sound Engineer _ Andrea Balducci
Supervisione fasi produzioni video _ Fabio Rosati
Assistente alle scenografie _ Andrea Rosati

Staff
Organizzativo
Direttore di produzione & Casting _ Valentina Pecetta
Responsabile ricerca e divulgazione su social network _ Marika Casagrande Fioretti
Assistente di Produzione _ Valeria Passamonti
Ufficio Stampa & Comunication _ Massimo Boccucci – Cristiana Fiorucci
Sponsor & Pubblicità _ Simone Domizioli
Fotografo di Scena _ Paolo Panfili

BIGLIETTI IN VENDITA DA LUNEDI’ SU TICKETITALIA

POSTO UNICO 16 EURO.
31 LUGLIO ORE 21.15
TEATRO ROMANO DI GUBBIO

“E tuttavia è bene che la speranza non cessi di batterci sulle spalle, perché ci ricorda l’esistenza di un paesaggio più vasto e ci aiuta a vivere nei momenti peggiori. ”

Artemisia Gentileschi 1593 – 1652

 

 

Megamix 80’s Vs 90’s Party

Estathè Market Sound

Sabato 11 luglio Megamix 80’s vs 90’s Party, la festa anni ‘90 più matta e originale d’Italia sfida gli anni ‘80 con Alberto Camerini e Gianni Drudi Live! Alberto Camerini, re dell’elettro pop anni 80, da Rock and Roll Robot a Tanz Bambolina per un’amarcord tutta da ballare e a seguire Gianni Drudi, idolo indiscusso anni 90, autore di hit come Fiki FIki e Tirami sù la banana col bacio, insieme canteremo e balleremo tutti i loro successi. Infine DJ Set Only 90s, The real 90s party, animazione e leggins dei Belli e Impossibili, il gruppo leader negli strip comici da Italia’s Got Talent, al Chiambretti Night, dal BG-Sex, a Radio Deejay. Semplicemente esplosivi e irresistibili. La soundtrack proposta è la seguente: Dance anni 90 / Eins Wei Polizei / Macarena / Mtv / What is love / Boy band / If You Wanna Be My Lover / Mauro Repetto / Punk-Rock / Skibabopbadopbop / Roxy Bar / Italia 90 / Villaggio / Trash / Teen pop / Latino / Barbie Girl / e molto altro.

Per tutti i weekend, a partire dalle ore 16:00 nell’Area Kids si svolgeranno workshop e spettacoli di marionette a cura del Sipario Verde, ma non solo, il campo da beach volley sarà aperto tutto il giorno gratuitamente sia sabato che domenica. Inoltre sarà possibile degustare street food di qualità, sempre sotto la supervisione di Gambero Rosso, una selezione di ape car e truck proveniente da tutta Italia.

Megamix 80’s vs 90’s Party vanno ad arricchire il cartellone di Estathè Market Sound che ha già in calendario The Kolors (15 luglio), Club Dogo (18 luglio), Giorgio Moroder (25 luglio), Incognito (1 agosto), Gogol Bordello (27 agosto), Jack Savoretti (1 settembre), Renzo Arbore L’Orchestra Italiana (7 settembre), Urban Orchestra (8 settembre), Subsonica (19 settembre) e Steve Hackett (21 settembre).

Il festival, promosso da So.ge.Mi con il sostegno del Comune di Milano, è organizzato da Punk For Business in partnership con Estathé ed è inserito all’interno del cartellone di eventi ufficiali di Expo In Città.

 

Sul sito www.estathemarketsound.it verranno annunciate nuove date e nuovi artisti. Estathé Market Sound è anche sui social:

facebook.com/estathemarket sound

instagram.com/estathemarketsound

Twitter @estathemarketsound

Radio Deejay, MTV, ViviMilano e Gambero Rosso sono mediapartner ufficiali di EMS.

I biglietti sono acquistabili sul circuito Ticketone: http://www.ticketone.it/estathe-market-soundmilano.html?affiliate=ITT&doc=venuePage&fun=venue&action=overview&venueGroupId=19685

Come raggiungerci: Via Cesare Lombroso, 54

Passante Ferroviario: fermata Porta Vittoria – Bus – 90/91, 92, 66  –  Tram – 16

 

Il Volo

Il Volo

Il 29 agosto i ragazzi de IL VOLO saranno in concerto per la prima volta a Malta (MFCC – ore 21.30, – per info e prevendite: www.ticketline.com.mt, maltaglobemusic@libero.it) per presentare dal vivo tutti i loro più grandi successi. Il trio, che ha vinto la 65^ edizione del Festival di Sanremo e che ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest 2015 arrivando sul podio e raggiungendo il #1 nel televoto, proseguirà poi il tour in tutta Italia.

Di seguito le prossime date del tour estivo confermate: l’11 luglio in Piazza Unità d’Italia a Trieste, il 13 luglio in Piazza della Loggia a Brescia, il 17 luglio in Piazza degli Scacchi a Marostica (VI), il 18 luglio in Piazza Garibaldi a Cervia (RA) – SOLD OUT, il 23 luglio in Villa Erba di Cernobbio (CO), l’ 1 agosto in Piazza della Repubblica a Capoliveri (LI) – NUOVA DATA,  il 9 agosto al Parco Archeologico La Civitella a Chieti, il 12 e 13 agosto al Gran Teatro Puccini di Torre del Lago (LU) – SOLD OUT, il 16 agosto allo Sferisterio di Macerata – SOLD OUT, il 19 agosto al Teatro Valle dei Templi di Agrigento – SOLD OUT, il 20 agosto al Teatro Valle dei Templi di Agrigento – NUOVA DATA, il 22 e il 23 agosto al Teatro Antico di Taormina – SOLD OUT, il 26 agosto al Teatro di Verdura di Palermo – SOLD OUT, il 27 agosto al Teatro di Verdura di Palermo; il 29 agosto a Malta (MFCC) – NUOVA DATA e il 21 settembre all’Arena di Verona – SOLD OUT.

Il singolo “Grande Amore” e l’album “Sanremo Grande Amore” hanno conquistato le charts iTunes dei Paesi eurovisivi. Il grande affetto della gente è stato dimostrato anche dagli ascolti durante l’esibizione del trio nella finale, che risulta essere la più vista della serata.  Non solo il pubblico, ma anche la critica musicale si è espressa in suo favore, conferendogli il prestigioso Marcel Besançon Award 2015 della stampa internazionale.

 

Il Volo è ora pronto a sorprendere il pubblico italiano con la sua musica dal respiro internazionale e le straordinarie doti canore. Il trio sarà infatti impegnato in un tour estivo che toccherà grandi città e località di prestigio storico e artistico.

 

RTL 102.5 è la radio media partner ufficiale del tour.

 

Le prevendite sono acquistabili sul sito www.ticketone.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali. I biglietti per i concerti di Roma sono disponibili anche su www.listicket.it. (Per informazioni: www.fepgroup.it).

 

È uscita il 12 maggio “SANREMO GRANDE AMORE – NEW EDITION”, un’edizione speciale (Cd + Dvd) che, oltre al fortunato Ep DOPPIO PLATINO “Sanremo Grande Amore”, include un esclusivo DVD con un’inedita intervista ai ragazzi che ripercorrono la loro straordinaria esperienza Sanremese, con estratti dal Festival che li ha visti trionfare, divertenti backstage e molte altre curiosità. Un emozionante racconto tra immagini e musica.

Questa la tracklist dell’album: CD: 1. Grande Amore, 2. Ancora, 3. Vacanze Romane, 4. Canzone per te, 5. Piove, 6. Romantica, 7. L’Immensità + DVD

Nonostante la giovane età, la carriera de Il Volo, il trio formato da Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, che ha scalato le classifiche di tutto il mondo, è già costellata di record: sono stati i primi italiani nella storia a sottoscrivere un contratto con una major discografica in USA, unici artisti italiani invitati da Quincy Jones a  “We Are The World for Haiti” insieme a 80 star internazionali, un disco di debutto che conquista il platino in Italia ed entra in una sola settimana nella Top10 di “Billboard 200” dedicata agli album più venduti negli Stati Uniti, milioni di copie vendute su scala mondiale, due nomination ai Latin Grammy Awards come “Best new artist” e “Best pop album by a duo or group with vocal”, tournèe e live in tutto il mondo, esibizioni nei più importanti show (“Tonight Show”, “American Idol e “Ellen De Generes Show” per citarne alcuni), numerose collaborazioni con star internazionali (tra cui Barbara Streisand, di cui sono stati Special Guests duettando in 12 date del suo tour nel 2012), vincitori del Latin Billboard Award come “Miglior artista dell’anno Duo/Gruppo interprete di album latino”.

Risultati importanti sulla scena internazionale che vanno ad aggiungersi a quelli ottenuti sul territorio nazionale durante questo fortunato anno. Dalla vittoria a Sanremo 2015, il successo dei tre ragazzi è stato, infatti, inarrestabile: hanno conquistato il #1 su iTunes con Ep, singolo e relativo video (che ha totalizzato numeri record sul web: oltre 35 milioni di visualizzazioni su Vevo/Youtube) e sono entrati subito al vertice della classifica FIMI/GfK Italia degli album e dei singoli più venduti rispettivamente con “Sanremo Grande Amore” (attualmente ancora nella top 10) e con “Grande Amore”, certificato SINGOLO DI PLATINO.

 

Info biglietti: www.fepgroup.it – Infoline: 02 4805731

www.ilvolomusic.com

 

Zibba

Zibba foto di Nicolò Puppo

Il cantautore ligure Zibba, reduce dal successo del tour invernale, prosegue i suoi live per presentare sul palco i brani estratti del suo ultimo disco “Muoviti Svelto” insieme a tutte le hit del suo repertorio. Domani, venerdì 11 luglio, Zibba sarà in concerto all’ M&T Festival di San Bartolomeo a Mare (Piazza della Torre – inizio spettacolo ore 21.30 – ingresso gratuito) insieme agli Almalibre.

 

Questi i prossimi appuntamenti, in continuo aggiornamento, di Zibba: il 15 luglio a Varazze – Savona, il 17 luglio a Norma – Latina, il 19 luglio a Roma, il 23 luglio a Cuneo, il 25 luglio ad Arezzo in occasione del Valdichiana Live di Radio Cuore in cui si esibiranno anche tra gli altri Patty Pravo, Nek, Dear Jack, Francesco Sarcina, Bianca Atzei e Francesca Michielin), il 29 luglio a Genova, l’1 agosto ad Albisola – Savona e il 5 settembre a Varazze – Savona.

 

È attualmente in rotazione radiofonica “Vengo da te”, nuovo singolo estratto dall’ultimo album “Muoviti Svelto” di Zibba e Almalibre, realizzato con la partecipazione del cantautore romano Leo Pari. Il video del singolo, diretto da Tommy Antonini, è un omaggio al grande cinema italiano e in particolare al “Il Sorpasso” di Dino Risi ed è visibile al seguente link: https://youtu.be/tZ9LAIxqx68

 

Composto da dieci tracce, “MUOVITI SVELTO” (AlmaFactory/Believe Digital) è il nuovo disco di ZIBBA e Almalibre e vede la partecipazione di grandi artisti del panorama italiano come Niccolò Fabi, Leo Pari, Omar Pedrini, Patrick Benifei e Bunna. L’album, anticipato in radio dall’omonimo singolo “Muoviti svelto”, è disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming

Questa la tracklist del disco “Muoviti svelto”: “Farsi male” (feat. Niccolò Fabi), “Muoviti svelto”, “Ovunque”, “Il sorriso altrove”, “Che ore sono”, “La medicina e il dolore” (feat. Patrick Benifei), “Le distanze” (feat. Bunna), “Il giorno dei santi” (feat. Omar Pedrini), “Santaclara”, “Vengo da te” (feat. Leo Pari).

La band Zibba e Almalibre nasce nel 1998, in bilico tra il roots rock e la poetica dei grandi cantautori. Nel 2012 il terzo disco “Come il Suono dei Passi sulla Neve”, ottiene la Targa Tenco 2012 come miglior album. Anche il disco successivo di Zibba e Almalibre, “E sottolineo se”, entra con un plebiscito tra i finalisti della Targa Tenco 2013 nella categoria Interpreti. Nel 2014 alla 64° edizione del Festival di Sanremo Zibba si aggiudica il Premio della Critica “Mia Martini” e il Premio della Sala Stampa Radio-Tv-Web “Lucio Dalla” per la Sezione Nuove Proposte grazie al brano “Senza di te”.

Parallelamente all’attività con gli Almalibre, Zibba è un autore di spessore e produttore artistico. Negli ultimi anni ha scritto per Eugenio Finardi, Cristiano De Andrè, Michele Bravi, e, recentemente, ha collaborato con Jack Savoretti e ad un brano del nuovo disco di Jovanotti.

 

www.zibba.it

www.facebook.com/ZibbaOfficial

 

Postepay parco Gondar

Fedez

“POSTEPAY PARCO GONDAR” è la nuova rassegna eventi dell’estate gallipolina che unirà i più grandi nomi della musica alla storica location ormai diventata punto di riferimento per la scena musicale internazionale: una grande area verde, vicino al mare, che ha già ospitato centinaia di migliaia di visitatori, nonché i più grandi nomi della musica mondiale, diventando in pochi anni il più importante parco musicale d’Italia. “POSTEPAY PARCO GONDAR” darà il via a un nuovo modo di intendere l’intrattenimento e i grandi eventi. Tra musica, sport, colori, arte e cultura, numerosi ospiti si alterneranno sui vari palchi e nelle aree del “POSTEPAY PARCO GONDAR”, con promozioni e iniziative particolari pensate in esclusiva per i possessori di Carta Postepay Visa®.

“Siamo onorati che aziende di tale caratura quali Poste Italiane e Visa e un marchio così importante come Postepay abbiano voluto fortemente Parco Gondar per rappresentarli nel sud Italia” – specificano i titolari del Parco Gondar – È una prova di fiducia nei nostri confronti, nonché un attestato di stima, aver ipotizzato sempre come unica scelta per il sud Italia la nostra realtà”. Poste Italiane nel corso degli ultimi anni ha già sostenuto eventi musicali di primo piano come le rassegne musicali Postepay Rock in Roma e Postepay Milano Summer Festival.     Questa collaborazione è un grande risultato non solo per Parco Gondar, ma anche per la città di Gallipoli, che dopo Roma capitale politica e Milano capitale economica, viene riconosciuta come capitale turistica d’Italia fornendo un ulteriore stimolo alla crescita e alla promozione del nostro territorio in tutto il mondo.

“Una collaborazione che rappresenta un ulteriore stimolo di crescita. – continuano i titolari di Parco Gondar – In questi anni tutto quello che abbiamo creato è stato fatto solo con le nostre forze (fisiche ed economiche), e l’avere ora partner di tale calibro ci proietta verso una nuova dimensione, capace nei prossimi anni di dare un contributo ancor più significativo alla crescita e la promozione del nostro territorio”.  Tra i grandi nomi di questa prima edizione, oltre ai già comunicati Fedez e Caparezza, spiccano Major Lazer, Hardwell, Paul Kalkbrenner, i Verdena, Giorgio Moroder, Lo Stato Sociale e i nostrani Boom Da Bash e Sud Sound System, a sottolineare la proposta variegata e sempre attenta ai gusti dei visitatori che ogni anno a migliaia popolano le piste del Postepay Parco Gondar. POSTEPAY PARCO GONDAR ha una programmazione a 360°, attenta alle aspettative del più vasto pubblico e trasversale per ogni genere di musica. Con i suoi 30mila mq, spazia dall’elettronica al reggae, dal rock alla musica italiana d’autore fino ad arrivare, quest’anno, all’opera lirica.  Tra gli headliner principali per l’estate 2015, si parte con il super dj Hardwell, re indiscusso dell’EDM mondiale, riconosciuto in tutte le classifiche come il numero uno al mondo, acclamato a gran voce e finalmente a Gallipoli il 15 agosto. Si passa poi all’accoppiata Paul Kalkbrenner e Joseph Capriati, che il 9 agosto ritorneranno a infiammare l’Arena. Si susseguiranno poi, per le serate “Il Grido”, il gigante dell’elettronica Giorgio Moroder, pluripremiato premio Oscar e indiscusso mentore dei Daft Punk, e, lo stesso giorno, Locodice (14 agosto), Adam Bayer e Mano Le Tough (3 agosto), per finire con Chris Liebing (17 agosto).  Elettronica anche per le serate Crime Fest che, dopo il successo dello scorso anno, parte con l’opening affidato a James Ruskin e Developer (25 luglio), avrà la data clou del festival con headliner Marcel Dettman e Ben Klock (6 agosto) e il closing party con Shifted Live (23 agosto).Ritorna anche quest’anno il Fuck Normality Festival, alla quarta edizione di una rassegna che fonde sapientemente musica elettronica di qualità ad arti visuali e cultura, con Phon.O come headliner. Non da meno la scena reggae, con i Major Lazer protagonisti del Day Off Music Festival e dell’estate con il loro singolo Lean On, quasi 150 milioni di visualizzazioni su You tube e uno show carico di energia che si prospettano come il più spettacolare dell’estate 2015. Nello stesso giorno anche gli immancabili Sud Sound System,  (16 agosto). Assolutamente imperdibile il Welcome Back To Jamaica (11 agosto) la grande festa reggae che vedrà Capleton “sfidare” Anthony B, con Mama Marjas e Villa Ada ad aprire e chiudere in bellezza un evento che vuole celebrare la cultura. Ritorna poi il “Made in Salento festival” che riunisce in una sola serata alcune delle più rappresentative realtà salentine capitanate quest’anno dai Boom Da Bash e Congorock (1 agosto). Reggae e dance si fondono invece nei Kawabonga Party, riconosciuti come uno dei più divertenti del Sud Italia, con protagonista il duo olandese dei Partysquad, General Levy e Brusco (5 agosto) e Stylo G, Ward 21 e Ackeejiuce Rockers per il 18 agosto.  Attesissimi poi gli show dei grandi artisti nazionali con Caparezza e il suo “Museica Tour II – The Exibithion” (7 agosto) che si prepara a rituffarsi nel grande entusiasmo del pubblico dell’Arena, fresco protagonista del videoclip di “Mica Van Ghog”, uscito lo scorso febbraio e contenente le riprese proprio del fantastico live del 16 agosto 2014, Fedez (8 agosto), il nuovo inarrestabile re del rap nostrano, Verdena (20 agosto) che continuano con il loro doppio album Endekadenz a registrare sold out nei maggiori club d’Italia.Spazio poi alla musica indipendente con Lo Stato Sociale (4 agosto) e i Pan Del Diavolo (29 luglio). Non mancheranno anche quest’anno le feste tematiche tra cui spicca la novità del Salento Holi Color Festival (12 agosto) che, ripercorrendo la tradizione indiana della primavera dei colori, porterà, dopo Tokyo Milano, Roma e numerose altre tappe nel mondo, al Postepay Parco Gondar già dal pomeriggio l’energia dei colori mixata con la musica elettronica. Ritorna poi il Be Boop A Lula Festival (13 agosto), il festival rock’roll che ogni anno trasforma il Postepay Parco Gondar in un piccolo villaggio dell’America anni ‘50 con Luna Park, Drive in, performer a tema, live e attrazioni vintage per un salto nel passato degli entusiasmanti anni ’50. Per la prima volta, il 2015 segna l’ingresso in cartellone della musica lirica con la Boehme di Puccini (22 agosto). PARCO GONDAR offre inoltre un palcoscenico importante alle band più promettenti del tacco d’Italia con le serate live del “Welcome to Tijuana”. Il programma completo sul sito www.parcogondar.com.

POSTE ITALIANE è per il primo anno main partner del Festival nel segno della naturale attenzione che l’azienda da sempre riserva alla cultura e alle espressioni dell’arte. La partnership con l’evento musicale testimonia come un Gruppo moderno, ma con una forte radice nella tradizione, sia sempre pronto a sostenere e promuovere iniziative di carattere culturale a favore dei giovani. La partecipazione di Visa Europe al progetto, inoltre, non solo consolida ulteriormente la collaborazione con Poste Italiane in ambito musicale ed entertainment, ma conferisce anche ulteriore prestigio alla manifestazione POSTEPAY PARCO GONDAR grazie alla forte vocazione del network di pagamenti elettronici al sostegno di rilevanti eventi culturali, sportivi e artistici in tutta Europa. Tutti i possessori di Postepay VISA possono acquistare i biglietti per i concerti con lo sconto del 15%. Per acquistare i biglietti, fino ad esaurimento posti, basterà collegarsi al sito postepay.it ed accedere alla sezione dedicata postepayfun.it. o sarà possibile acquistarli presso il botteghino all’ingresso.Grazie al sistema del print@home, Postepay offre, per gli acquisti on line degli ingressi agli eventi, la possibilità, senza ulteriori costi aggiuntivi, di stampare a casa il proprio biglietto o conservare il codice sul proprio smartphone e accedere direttamente al concerto senza fare file al botteghino.Inoltre, presso il Parco, pagando le consumazioni con la Postepay Visa, si potrà usufruire dello sconto del 15% grazie al programma Sconti Bancoposta, a cui Parco Gondar aderisce, il programma fedeltà di BancoPosta che conta oltre 31.000 esercizi in tutta Italia, con sconti dal 2% al 40% riconosciuti ai possessori delle carte Bancoposta.

Il POSTEPAY PARCO GONDAR di Gallipoli rappresenta una realtà innovativa, pensata come una città della musica, dell’arte e dello sport, che racchiude al suo interno una serie di strutture: arena per grandi concerti e spettacoli teatrali, discoteca, due pub, pizzeria, sala-giochi, aree sportive, aree verdi e per pic-nic, aree espositive. Da sette anni il PARCO GONDAR è l’unico parco tematico nel sud Italia che abbia ospitato grandi artisti nazionali e internazionali del calibro di Manu Chao, Snoop Dogg, Skunk Anansie, Steve Aoki, David Guetta, Paul Kalkbrenner, Chemical Brothers, Shaggy, Battiato, Carmen Consoli, Sick Of It All, Pino Daniele, Subsonica, Francesco De Gregori, J-Ax, Negrita, Fabri Fibra, Nina Zilli, Alessandro Mannarino e molti altri ancora.

Info: 327 821 5783 – http://www.parcogondar.com– www.facebook.com/pages/PARCO-GONDAR