Orso è stato abbandonato

Orso
Orso

Lui è ORSO e può essere AVVELENATO come suo padre e sua madre

Il suo papà Labrador di questi 2 stranieri
La sua mamma bellissima cagnolina bianca abbandonata in campagna
…avvelenati entrambi

ORSO e il suo fratellino più pauroso hanno 5 mesi
Sono bellissimi con i loro occhi verdi
ORSO è dolcissimo vitale si è legato a queste 2 persone …anche se la signora ha spesso dei modi bruschi e anche se presto se ne andranno nel loro paese

Anche ORSO potrebbe ”fare la fine” dei genitori avvelenati da qualche contadino perchè si rifugiavano sotto le serre della frutta perchè comunque anche lui e il fratellino vivono cos”liberi e senza riparo” mangiando quando c’è qualche avanzo

chiedo aiuto affinché ORSO sia adottato
lo farò vaccinare microchippare …sterilizzare è ancora un po ”presto”

URGE TOGLIERLO DA LI

ORSO
incrocio labrador
5 mesi
buonissimo e bellissimo cerca affetto
si trova in provincia di Caserta ma eventualmente la lontananza non è un problema

info e adozione
Maria 320 881 60 68
anche wapp

MI AIUTATE AD AIUTARLO X FAVORE ???

Suggerito da Animali nel cuore

Romolo e Remolo cercano casa

Romolo - Remo
Romolo – Remo

ROMOLO e REMO due minuscoli pelosetti di taglia piccola, hanno già 3 mesi circa e pesano intorno ai 2 kg.

Li abbiamo recuperati al cimitero…si rifugiavano tra le ossa dei morti nella cappella comune.

Ovviamente sono frutto dell’ennesimo abbandono!! Vogliamo regalare loro un futuro?? Daiiii  chiamate per loro. Mamme dove siete??

Saranno affidati con vaccini e microchip. Adozione centro e nord Italia previo preaffido. Per info contattate Carla Crisafi al 3482417286 Maria Antonia Catania al 3929943320 anche whatsapp

AIUTATECI CON LE CONDIVISIONI

Suggerito da Animali nel cuore

Campania, 700 cani senza cibo

Cane Cellole
Cane Cellole

Con quasi un milione di euro di crediti accumulati e tre comuni che rischiano di lasciare senza cibo 700 cani, il Centro Cinofilo Santa Lucia ormai da anni lotta contro l’insolvenza delle amministrazioni pubbliche e oggi si trova di fronte allo spettro della chiusura della struttura.

Alfonso Bove, proprietario del canile che ha sede nel comune di Cellole, nel casertano, è chiaro: “Io prima facevo l’informatore scientifico, in questa vicenda ci ho rimesso tutto. Non ho più niente. Dal 2005 mi dedico al canile a tempo pieno, ma ora rischio davvero. Se va avanti così faccio la fine di Sergio Bramini”.
Sergio Bramini, imprenditore brianzolo, è stato costretto a dichiarare il fallimento della propria azienda, che nel maggio di quest’anno ha subito il pignoramento della casa a causa di un credito mai risolto con lo stato di oltre 4 milioni di euro, ndr.

La reazione dell’amministrazione I comuni indebitati sono 3: CelloleCarinola e Sessa Aurunca. Quest’ultimo conta poco più di 20mila abitanti e deve al centro cinofilo oltre 630mila euro. Una fonte interna all’amministrazione comunale ha pochi dubbi sullo stato del debito: “Vuoi sapere cosa penso? Questa è una situazione drammatica in cui non c’è via di uscita. Questo è il quadro oggettivo. Io ho un ruolo politico, ma non posso dire al capo settore di gestire la situazione perché mi risponderebbe ‘Ma a chi voj fa’ passa’ sto uaj? (Ma chi vuoi mettere nei guai?) Tu pensa a fare il politico’”. L’idea del proprietario del canile è molto chiara: “Non pagare è una scelta politica di un sindaco che non ama gli animali”.

Fonte TGCOM24

Cercasi casa per Pushi

Pushi
Pushi

Pushi è una piccola Shih Tzu, abbandonata x le strade di Scutari e trovata dalla bravissima Izabela Sala che l’ha raccolta e salvata.
Pushi era molto stressata, il pelo era tutto appiccicato e gli occhi coperti da una spessa crosta, lavata e tosata, sono emerse una grave infezione cutanea ed agli occhi, aveva pure febbre a 41… è stata ricoverata in clinica per più di un mese finchè si è ripresa.
Pushi oggi è in stallo in Italia, vicino Crema, appena arrivata ha fatto subito tutte le visite

Otite che stiamo curando ormai in via di guarigione, quasi completamente cieca (vede giusto qualche ombra, evita gli oggetti scuri, centra in pieno quelli chiari), dermatite da approfondire, mangia come un lupo in una riserva di conigli, soffre il freddo ma ha un bellissimo cappottino nuovo, va in loop quando è stressata e in crash quando trova ostacoli, 10 anni, intera, pesa 5 kg, deve mettere un po di peso ma a quello si rimedia in fretta. Nessuna malattia seria, leishmania negativa, denti pochissimi e conciati male, alito killer, si agita come un’anguilla quando siamo dal veterinario, non vuole essere maneggiata ma se la tieni in braccio da seduta e la coccoli come fosse un neonato si addormenta… a modo suo è un amore, è così complicata che prima ancora di poterci credere ti ha conquistato… in fondo i peperini come lei ti comprano così.. col carattere.

Adesso ha bisogno di una casa magari senza scale e una mamma molto paziente che possa accompagnarla verso la vecchiaia con amore.
Si affida in lombardia, vaccinata, con libretto, cappottino e ovviamente previo controlli pre e post affido, assolutamente no giardino o giocattolo per bimbi (è triste doverlo specificare).

Per informazioni o richieste: Cristina T. 3396363987

Comune Milano: fondi per il benessere di cani e gatti

Parco Canile comunale
Parco Canile comunale

La Giunta ha approvato l’assegnazione della spesa complessiva di 210mila euro per i servizi e le attività relativi alla tutela e al benessere dei cani e dei gatti ospitati presso il Parco Canile comunale e degli animali presenti sul territorio comunale.

In particolare l’importo sarà destinato per le forniture di cibo, di sabbia per lettiera destinata al gattile, di prodotti farmaceutici e sanitari, per i servizi di accoglienza, ricovero e cura dei cani e per il servizio di cattura dei gatti di colonia liberi sul territorio comunale al fine di una loro sterilizzazione.

“L’attenzione dell’Amministrazione comunale nei confronti dei nostri amici a quattro zampe rimane sempre alta – dichiara Roberta Guaineri, assessore alla Qualità della vita con delega alle Politiche per la tutela e difesa degli animali – tanto che il Parco Rifugio Canile Gattile di Milano viene preso come modello di canile a livello nazionale. Una struttura che ogni anno mantiene bilanciato il numero degli animali che vengono ricoverati e quelli che vengono adottati e che ha da poco celebrato i dieci anni della sua virtuosa operatività, portata avanti grazie alle associazioni e ai tanti volontari che prestano il loro tempo e la loro professionalità per il benessere degli animali”.

In occasione delle festività natalizie, i Garanti degli animali del Comune di Milano, Paola Fossati e Gustavo Gandini, hanno lanciato una campagna di comunicazione sul sito istituzionale e sulla pagina Facebook dell’Amministrazione dal titolo “Animali sotto l’albero: saranno felici?”. L’obiettivo è quello di responsabilizzare l’acquisto o l’adozione degli animali domestici, sfatando errate convinzioni sulle abitudini di vita di quelli spesso abbandonati come come tartarughe, conigli o pappagalli.