12.8 C
Milano
giovedì, Ottobre 28, 2021

Cambio vita e vado in Emilia, storie rivoluzionarie

Cambio vita e vado in Emilia

Le storie rivoluzionarie di chi ha lasciato le grandi città per reinventarsi tra le campagne e la natura dell’Appennino emiliano, tutte oggi “perle” della rete “Food and Wine” di Visit Emilia.

Cambio vita tra animali e campi da coltivare

C’è chi ha lasciato la città ed un rassicurante ufficio per trasferirsi in una casa nel bosco, tra animali e campi da coltivare. Chi ha scelto di ritirarsi su un angolo di Appennino per accogliere gente di tutto il mondo nella quiete della campagna. Chi ha trasformato un casolare diroccato in una residenza d’artista, chi ha recuperato una storica cantina e chi ha preso spunto dalle tradizioni della nonna per dare origine ad una pasticceria d’autore in un piccolo borgo di montagna. L’Emilia è ricca delle storie delle persone che hanno avuto il coraggio e l’intraprendenza di cambiare vita. Persone che hanno trovato tra gli scenari naturali delle province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, i luoghi ideali per reinventarsi, seguendo ideali e talenti. Volti, sorrisi e competenze che oggi rendono preziosa la Rete Food & Wine di Visit Emilia.

Cambio vita e apro un agriturismo in Val di Taro

Graziella Urso e Mauro Turini avevano un’agenzia di pubblicità vicino Milano, ma spinti dall’amore verso gli animali hanno deciso di lasciare la città e provare una nuova vita in Val di Taro. Qui tra i boschi e il paesaggio dell’Appennino emiliano hanno aperto nel 2000 l’Agriturismo Ca’ Bianca di Ostia Parmense, casale in pietra, oggi con piscina, da cui ammirare la vallata e concedersi il meritato riposo. «Eravamo alla ricerca di un luogo speciale – racconta Graziella -. Un giorno, Mauro ha deciso di portarmi a Borgo Val di Taro. Quando ho visto la valle con il fiume ho capito che quello sarebbe stato il nostro posto». Venduta la casa della madre, Graziella e Mauro hanno acquistato una cascina diroccata che hanno completamente restaurato. Con l’idea di creare un luogo di ospitalità immerso nella natura, si sono ritrovati, con intraprendenza, anche a fare gli agricoltori, presupposto per aprire un agriturismo. Dopo corsi di formazione e tanto impegno hanno cominciato a coltivare. «Nel mio dna c’era l’amore per questo lavoro. Da piccola vivevo in fattoria con il nonno». La passione per la cucina, invece, accomunava entrambi dall’inizio, da quando a Milano invitavano gli amici a cena che li incitavano a farne una professione. Oggi coltivano un grande orto, da cui nascono la frutta e la verdura che arricchiscono i loro piatti, ospitano turisti, producono marmellate, biscotti che vendono anche online, tra alberi di albicocche, ciliegie, prugne e mele, galline ovaiole, cavalli, due asinelle, un pony, cani, gatti. L’agriturismo è specializzato anche nelle vacanze con i cani, con un campo di Agility Dog e volendo attività cinofile formative. «È una vita più faticosa, ma è bellissimo alzarsi al mattino, aprire le finestre e respirare il profumo dei boschi». Per informazioni: https://www.visitemilia.com/organizza-la-tua-visita/agriturismo-ca-bianca/

Cambio vita e apro un B&B in Val Ceno

Chiara Palumbo e Stefano Costa, oggi poco più che quarantenni, vivevano nella provincia di Varese quando si sono lanciati in una nuova avventura. «È successo quello che capita nei film – racconta Chiara -. Un giorno, quasi per scherzo, ci siamo messi a guardare strutture rurali su un sito immobiliare e siamo rimasti colpiti dal casolare che oggi è il B&B Il Pozzo e La Macina di Bardi (PR). Io, essendo laureata in beni culturali guardavo molto all’estetica, e avevo visto per caso questo posto in un archivio, Stefano cercava un luogo isolato. Così siamo arrivati in Val Ceno». Chiara a quel tempo lavorava come guida turistica e pur vivendo sul Lago Maggiore era innamorata degli spazi e della natura degli Appennini. Stefano ha origini emiliane da parte di padre, che ha una casa di famiglia. Quando sono partiti per la Val Ceno ha spostato la sede del suo tour operator nel B&B immerso nella campagna, in quella che un tempo era la stalla del casolare. La struttura, risalente al periodo tra il XVIII e il XIX secolo, ospitava un mulino da grano (qui ora c’è la casa di Chiara e Stefano) ed una fornace per mattoni e calce, dove sono state ricavate le camere per gli ospiti. Intorno si spandono i profumi delle erbe officinali e c’è il particolare orto rialzato a cassoni costruiti con assi di legno in disuso recuperate da un caseificio di Parmigiano Reggiano creato da Chiara, che coltiva, con metodi sostenibili, la frutta e gli ortaggi che arricchiscono le tavole o si trasformano in chips, tisane e infusi. La colazione preparata da Chiara è un tripudio di sapori, che si può consumare anche all’aperto come un pic nic. E poi per gli ospiti c’è la tinozza, una vasca circolare in legno per rilassarsi nell’acqua calda, ammirando il panorama della Valceno. Dal 2020, Il Pozzo e La Macina è anche un home restaurant dove assaporare ricette a km zero e pasta fatta a mano. Una nuova vita in continua evoluzione. Per informazioni: https://www.visitemilia.com/organizza-la-tua-visita/b-and-b-il-pozzo-e-la-macina/

Per informazioni: Visit Emilia
E-mail: info@visitemilia.com
Sito web: www.visitemilia.com

 

1 Condivisioni

Articoli

Ita Airways ottiene certificazione categoria III A in soli 12 giorni

ITA Airways ha ottenuto oggi dall’autorità aeronautica Enac la certificazione ad operare con i minimi di bassa visibilità appartenenti alla categoria III A. ITA Airways,...

Festival Corrispondenze 2021 presso lo spazio performativo Agorà di Ladispoli

Ancora numerosi appuntamenti fino al 7 novembre, presso lo spazio performativo Agorà di Ladispoli (Roma), sono previsti per la tredicesima edizione del Festival CORRISPONDENZE...

Summer School in mostra al MIC e all’ISIA di Faenza

Dal 27 ottobre al 15 gennaio 2022, oltre 50 progetti realizzati durante le quattro settimane di laboratorio estivo al MIC di Faenza diventano una...

Resta Connesso

1,438FansLike
396FollowersFollow
131FollowersFollow
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Ita Airways ottiene certificazione categoria III A in soli 12 giorni

ITA Airways ha ottenuto oggi dall’autorità aeronautica Enac la certificazione ad operare con i minimi di bassa visibilità appartenenti alla categoria III A. ITA Airways,...

Festival Corrispondenze 2021 presso lo spazio performativo Agorà di Ladispoli

Ancora numerosi appuntamenti fino al 7 novembre, presso lo spazio performativo Agorà di Ladispoli (Roma), sono previsti per la tredicesima edizione del Festival CORRISPONDENZE...

Summer School in mostra al MIC e all’ISIA di Faenza

Dal 27 ottobre al 15 gennaio 2022, oltre 50 progetti realizzati durante le quattro settimane di laboratorio estivo al MIC di Faenza diventano una...

La nuova edizione del Terraviva Film Festival

"Prove per un pianeta a colori" 16-20 novembre 2021 La seconda edizione del Festival dedicato al cinema migrante e ai temi dell'inclusione, dell'uguaglianza e dell'ambiente,...

Proseguono con grande successo le iscrizioni per Area Sanremo 2021

Proseguono con grande successo le iscrizioni all’edizione 2021 di Area Sanremo, l’unico concorso che dà la possibilità a 4 artisti emergenti di poter accedere...