Teatro alla Scala: La Sinfonia domestica diretta da Franz Welser-Möst

Filarmonica della ScalaDirettore Franz Welser-Möst
Filarmonica della Scala
Direttore Franz Welser-Möst

A pochi giorni dal successo della Sinfonia n° 3 di Gustav Mahler diretta da Riccardo Chailly, i professori scaligeri affrontano un’altra cattedrale del sinfonismo tra Otto e Novecento, la Sinfonia domestica composta da Richard Strauss nel 1903 ed eseguita per la prima volta nel 1904.

Il concerto, mercoledì 7 marzo con repliche l’8 e il 9, è diretto da Franz Welser-Möst e si apre con la Sinfonia n° 1 di Beethoven. Ascoltata di recente con il Bayerisches Staatsorchester diretto da Kirill Petrenko, la Domestica è una rarità alla Scala: se ne ricordano l’esecuzione con l’Orchestra della Scala diretta da Mitropoulos nel 1954 e quella con la Filarmonica diretta da Wolfgang Sawallisch nel 1993.

Scritta contemporaneamente alle prime pagine di Salome (che Franz Welser-Möst dirigerà a Salisburgo la prossima estate con la regia di Romeo Castellucci) e descritta come “una giornata della mia vita familiare, in parte lirica e in parte umoristica” questa pagina spesso sottovalutata come idillico contraltare all’autobiografismo eroico di Ein Heldenleben (a dispetto delle dimensioni “eroiche” dell’organico che include otto corni e quattro sassofoni oltre a una parte solistica di rilievo per l’oboe d’amore) testimonia nella sua complessità musicale ed emotiva molto più dell’incredibile virtuosismo descrittivo del compositore e costituisce un arduo banco di prova per qualsiasi orchestra.

Direttore Musicale della Cleveland Orchestra con un contratto fino al 2022, e fino al 2014 Direttore Musicale della Staatsoper di Vienna, Franz Welser-Möst è ospite regolare del Festival di Salisburgo, dove nelle ultime stagioni ha diretto Rusalka, Der Rosenkavalier, Fidelio, Der Liebe der Danae, Lear di Reimann e dove tornerà questa estate con Salome. Alla Scala Welser-Möst ha diretto Le nozze di Figaro nel 2016 e numerosi concerti, incluse un’edizione in forma di concerto di Fidelio con i Wiener Philharmoniker nel 2011, un’ospitalità della Cleveland e dei programmi beethoveniani per i Concerti di Natale del 2014 (con la Missa Solemnis) e 2015 (con Fantasia corale e Messa in do maggiore). Sempre nel 2015 Welser-Möst ha sostituito Georges Prêtre nell’esecuzione della Sinfonia n° 8 di Bruckner per la Stagione Sinfonica.