125° anniversario dalla morte di Van Gogh

Foto parata floreale nel 2003 a Zundert sul tema Van Gogh

2 prossimi eventi in occasione del 125° anniversario dalla morte di Van Gogh

 

–        50.000 dalie sulla piazza dei musei di Amsterdam il 29 luglio

 

–        Mostra Munch:Van Gogh presso museo Van Gogh di Amsterdam dal 25 settembre in poi

 

Il prossimo 29 luglio, il 125° anniversario della scomparsa di Vincent van Gogh viene ricordato sulla Museumplein di Amsterdam con 50.000 dalie

Il 29 luglio, giorno della morte di Vincent van Gogh, la città di Zundert, organizzatrice delle famose parate floreali, rende omaggio al grande artista olandese riproducendo con delle dalie uno dei più famosi autoritratti di Vincent. Le 50.000 dalie che coloreranno una tela di 8×8 metri, giungeranno direttamente dalla città natale di Van Gogh. In questo momento stanno infatti crescendo nel terreno dietro la casa dei genitori, vicino al torrente lungo il quale si aggirava da bambino per esplorare la natura.

Van Gogh è il tema per la parata floreale di Zundert il 6 e 7 settembre 2015

A Zundert si svolge ogni anno la più grande parata floreale del mondo. Durante i mesi estivi, gli abitanti dei quartieri della città realizzano con grande impegno i meravigliosi carri che sfileranno la prima domenica di settembre. Di solito il Corso Zundert non segue una tematica specifica, ma quest’anno per Vincent van Gogh viene fatta un’eccezione. I venti quartieri di Zundert dovranno infatti realizzare il proprio carro ispirandosi alla vita e alle opere del loro famoso concittadino in occasione delle commemorazioni che caratterizzano il 2015.

Un piccolo martello per Vincent van Gogh

Per tradizione, i neonati di Zundert ricevono il giorno della loro nascita un piccolo martello su cui è inciso il loro nome. Questo servirà loro quando parteciperanno alla costruzione del carro floreale per il loro quartiere: si tratta di un modo per tramandare la tradizione di generazione in generazione. Un piccolo abitante di Zundert molto speciale però, non lo ha mai avuto: Vincent van Gogh. In occasione della realizzazione del grande autoritratto floreale, Vincent riceverà simbolicamente il suo martelletto direttamente dalle mani del sindaco di Zundert, quando questi collocherà le ultime dalie sulla tela.

In occasione delle celebrazioni nel 2015 per i 125 anni dalla scomparsa di Vincent van Gogh, il Van Gogh Museum di Amsterdam presenta la mostra Munch : Van Gogh, una mostra ambiziosa che per la prima volta mette a confronto Vincentt Van Gogh ed Eduard Munch. Sarà anche la prima mostra ad essere esposta nella nuova, spettacolare ala espositiva del rinnovato museo.  Con più di cento importanti opere, tra cui alcuni prestiti iconici raramente concessi, Munch : Van Gogh offre l’opportunità di vivere le opere di due importanti maestri in un solo luogo.

Ispirati da questa mostra, dieci istituzioni culturali di Amsterdam (tra cui EYE, la compagnia teatrale Toneelgroep Amsterdam, Stedelijk Museum, la Royal Concertgebouw Orchestra e lo spazio culturale De Balie) presenteranno un vasto programma Much: Van Gogh che coinvolgerà tutta la città.

L’affinità artistica tra Edvard Munch (1863-1944) e Vincent van Gogh (1853-1890) è il tema principale della mostra Munch : Van Gogh, dal 25 settembre 2015 al 17 gennaio 2016 in esposizione al Van Gogh Museum. Le opere dei due pittori e le loro ambizioni artistiche presentano un marcato parallelismo. Entrambi sono conosciuti per la carica emotiva nel disegno e nei dipinti, per uno stile personale sempre in rinnovamento e per una vita costellata di sofferenze. Entrambi tesi alla modernizzazione dell’arte, svilupparono un vero e proprio linguaggio dell’immagine per dare espressione alle emozioni universali della condizione umana.

Munch : Van Gogh mette in evidenza per la prima volta l’influsso che Van Gogh ebbe sullo sviluppo artistico di Munch, e le somiglianze nelle opere dei due artisti. La mostra scava profondamente verso l’essenza della loro arte, le loro ambizioni artistiche, lo sviluppo di stili e tecniche, e gli influssi ai quali entrambi furono soggetti. Risulta così evidente il motivo per cui spesso i due sono nominati insieme.