Calcio femminile visto dal Mister Manzo

Mario Manzo

Parliamo con l’allenatore Mario Manzo a due giorni dall’ incontro tra il suo Calcio Como 2000 e l’ Inter del campionato nazionale Femminile.

Come sarà questa partita ?

La concentrazione deve essere quella di sempre, dobbiamo ottenere il massimo da ogni partita. Questo è quasi un derby e i punti valgono il doppio. Tra l’altro sono squalificato e dovrò vedere la partita fuori dal campo, una sofferenza

Calcio Femminile: c’è anche qui la voglia di andare all’estero come nel calcio maschile ?

Il calcio femminile è molto difficile, è anni luce indietro ripsetto a quello maschile e ad altre nazioni. Ci sono troppe mancanze e le ragazze quando arrivano intorno ai 18-10 anni fanno delle scelte. spesso scelgono il lavoro, l’università perchè in questo calcio non ci sono gratificazioni o celebrità. Le ragazze che giocano a calcio sono poche, circa 10.000 contro i 2.000.000 del calcio maschile.

Ma qualcuna sceglie l’estero per giocare ?

Qualcuno ci ha provato, la novatese Laura giuliani ad esempio da anni è in Germania ed è una professionista, ma bisogna fare sforzi, sacrifici, forse non tutte sono disposte a farli.  devo invece dire che nel calcio italiano ci sono diverse ragazze straniere, ma fare carriera è proprio difficile.

Intervista a cura di Davide Falco