OLIMPIA EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – MENS SANA MONTEPASCHI SIENA

Olimpia Milano

di Stefano Daprile, Assago (Mi) 12-05-13

L’insidia maggiore per l’Olimpia in questa gara 2 del quarto di finale con Siena è proprio il risultato di 2 giorni fa al Forum di Assago. La vittoria troppo agevole sui Campioni d’Italia rischia di avere rilassato in maniera eccessiva le Scarpette Rosse, e coach Scariolo ha l’imperativo di evitare che si ripeta uno dei più grandi problemi di Milano in questa stagione, quei cali di rendimento improvvisi da lui stesso definiti inspiegabili.

 

Conferma del quintetto EA7, con Green, Gentile, Hairston, Fotsis e Bourousis che sfidano i 5 scelti da Coach Banchi che rivoluziona il quintetto rispetto a gara 1 scegliendo Hackett, Christmas, Moss, Kangur ed Ortner.

 

Siena non è la stessa di gara 1, lo si capisce subito ed è inevitabile. L’avvio è equilibrato, l’intensità è alta e la produzione di palle perse pure. Emergono gli stessi protagonisti di Gara 1, Gentile per Milano, Hackett per Siena. La Montepaschi tiene per quasi tutta la frazione la testa avanti prima  che la panchina di Milano, guidata dall’insolito chirurgico Pops Mensah-Bonsu dalla lunetta, e Jr Bremer, scriva il 18 a 13 che manda in archivio il primo quarto.

 

Ancora Gentile è il terminale offensivo preferito scelto da Milano in avvio di seconda frazione. Il figlio d’arte dalla lunetta firma la sua personale doppia cifra in tabellino, confermando l’enorme crescita  degli ultimi mesi. Un gioco da 4 punti e una tripla dell’eroe che non ti aspetti,  Tomas Ress, rimette la Mens Sana a un solo possesso di distanza sul 26 a 25. L’impatto positivo di Ress con   la partita continua con l’aggancio a Milano a quota 29. Hackett rimette Siena avanti ma solo per qualche secondo. 6 punti di Radosevic  sembrano far pendere il primo tempo dalla parte di Milano, ma i canestri di Brown e Hackett mandano le squadre all’intervallo sul 38 a 39 MPS.

 

Hackett e Gentile ricominciano il secondo tempo da dove avevano finito. E’ Hairston che rimette Milano avanti prima che Melli, finalmente, disinneschi l’ennesima penetrazione di Hackett. L’altalena nel punteggio continua con un’altra tripla di Ress.  Green crea un tesoretto di 4 punti ma il suo quarto fallo costringe Scariolo a richiamarlo in panchina. Al suo posto Bremer che alterna  mille forzature a una discreta regia. Pops sembra un barile di benzina che basta una scintilla per farlo esplodere sfondando la retina. Eze lo imita, ma rispetto a Mensah-Bonsu è un accendino, e trasforma l’ultimo possesso della frazione per il 58 56 EA7.

 

L’Olimpia apre l’ultimo periodo carica di falli. Anche Hairston tocca quota 4 come Green. Senza loro in campo Milano si inceppa. Siena piazza un parziale di 8 a 0 (6 di Brown) che vale il 58 a 64 esterno. E’ Mensah-Bonsu che spegne le sirene di allarme e accende gli spalti. Ora il Forum è veramente il sesto uomo il campo. Green dalla lunetta accorcia per il meno 2. Hackett  firma altre 2 penetrazioni per il +6 massimo vantaggio MPS con poco più di un minuto da giocare. Bremer e l’insperata tripla di  Green dicono meno 1 per Milano . Hackett ha ancora l’energia e il turbo per attaccare ancora con successo il ferro  col suo 18esimo punto che vale il 67 a 70 con una manciata di secondi da giocare. Serve una tripla, la prova Hairston e Ress commette il più incredibile dei falli. Malik dalla lunetta è favoloso e rimanda i giochi ai supplementari.

 

Pops e Bremer lanciano l’Olimpia sul +5. Ancora Ress ricuce lo strappo fino al meno 1. Hairston fa mezzo bottino ai liberi e Christmas sceglie un ottimo momento per il primo canestro della sua partita che vale la parità.

Bremer fa le prove per diventare l’eroe della serata e trova la seconda tripla del supplementare che vale il 79 a 76 EA7. Bobby Brown lo imita. Ci sono una manciata di secondi. Nessuno al Forum respira. Ci vuole cuore. Bremer lo mette ma prende il ferro, arriva la fortuna e la palla ricade nella retina per uno dei più bei finali visti al Forum negli ultimi tempi. Milano vince 81 a 79, e proprio la sofferenza per questo 2 a 0 è la dimostrazione che la stagione EA7 è cambiata.

 

Pagelle: Giacchetti s.v. – Hairston 7,5 –   Fotsis 5 – Chiotti s.v. –  Bourousis 6 –  Melli 6  –
Mensah Bonsu 7  –   Bremer 8 –  Langford s.v.  – Gentile 7 – Green  7 – Radosevic 6,5 –  Basile 5,5

 

Coach Scariolo in conferenza: Ci aspettavamo un ritorno molto forte di Siena. Entrambe le squadre hanno utilizzato risorse tattiche che pensavano di usare più tardi nella serie. Ora dobbiamo continuare la nostra eccellente stagione fuori casa.