I LIBERI DI… CHIUDONO ALLA GRANDE LA STAGIONE ‘DELLE MERAVIGLIE’

 

 

L’opera lirica ha incontrato le radici della letteratura italiana nel Ninfeo di Villa Litta. La levità della musica, del canto e della danza hanno animato il teatro naturale.

La raffinatissima musica jazz di Antonio Faraò Quartet e di Florin Niculescu hanno letteralmente ‘rapito’ il pubblico. E, per concludere, sabato scorso le acrobazie e il Physical Theatre dei Liberi Di… hanno saputo sorprendere, stupire e incantare sfidando la forza di gravità.

Anche quest’anno l’Amministrazione comunale, in collaborazione con gli Amici di Villa Litta ed il Polo Insieme Groane, ha voluto puntare su qualità e professionalità e regalare a cittadini e non una stagione di grandi eventi che va sotto il nome di ‘Villa delle Maraviglie’. L’obiettivo è subito chiaro: meravigliare gli ospiti di oggi come quelli di allora, tornando alla funzione per cui questo luogo magico tra arte, fontane e giochi d’acqua era stato pensato.

“Nostro obiettivo, che ritengo centrato, è diffondere la passione per la ‘Cultura del Bello’ – commenta l’Assessore alla Cultura Ivo Merli – che noi, amministratori in primis, abbiamo il compito di custodire e rendere fruibile ad un pubblico sempre più vasto. ‘Cultura del Bello’ che, per tentare di venire incontro alle esigenze e palati di tutti, abbiamo voluto declinare nelle sue svariate forme, dalla musica lirica al jazz, dalla danza classica alla ‘danza spettacolo’ della compagnia Liberi di… che hanno suggellato, davvero alla grande, questa estate 2012”.

Anche quest’anno ne è risultato un calendario che, passo dopo passo, pur dovendo fare i conti con tagli e ridimensionamenti di budget, l’Amministrazione si sforza di rendere sempre più ricco di eventi e iniziative che vogliono testimoniare il legame vincente e virtuoso con Villa Litta su cui, negli ultimi mesi, sono stati condotti importanti interventi di riqualificazione: “Il restauro dell’Atrio dei 4 venti nel cuore del Ninfeo, il recupero dello storico passaggio attraverso le Serre Liberty, le altre sistemazioni del Parco Storico, l’imponente restauro del Salone delle Feste nell’ala dei palazzi del ‘700 che inaugureremo nel prossimo autunno non senza sorprese!”, chiosa l’assessore.

Vedere per credere!