“FESTIVAL DI VILLA ARCONATI 2012”

 

In linea con le incertezze dei tempi, sfidando la diffusa precarietà delle iniziative culturali e musicali in generale, il FESTIVAL DI VILLA ARCONATI scioglie le riserve e torna con le sue proposte di qualità e di fruizione spettacolare della musica nei suoi nobili contesti.

Spazi che, a causa dei lavori di restauro avviati lo scorso anno, si restringeranno modificando (e semplificando) l’accesso all’area dei concerti che sarà collocata nel prato adiacente ai giardini storici e con il palco in accoglienza diretta del pubblico, che accederà direttamente dal primo varco a ridosso delle “rampe delle carrozze”.

In quest’area, necessariamente concentrata, si potrà gustare il cartellone della 24° edizione articolato in 10 concerti di alta e consolidata qualità, distribuiti nell’arco di un mese, in un teatro “a volta di stelle” da 2.200 posti a sedere, modulati in varie dotazioni, di cui la metà  unicamente in piedi, con prezzi contenuti che dichiarano subito la consapevolezza della congiuntura economica, oscillando su una media di 25/30 euro (da un minimo di 18 euro ad un massimo di 60 euro).

La programmazione è ormai indissolubilmente legata al DNA di questo Festival che, in epoca non sospetta si qualificò su canzone d’autore, musica etnica e jazz e che oggi ne interpreta le evoluzioni constatandone il superamento dei generi, per una musica sempre più libera e universale, che amplia la sua potenza evocativa.

Il cartellone, con questi protagonisti che hanno portato al successo internazionale la loro ricerca espressiva sarà aperto da PAOLO CONTE, grande artigiano/astigiano che nella provincia ha coltivato i suoi sogni e le sue visioni musicali e, sin dai primi allori della sua carriera, in un’altra provincia, al Festival di Villa Arconati di Castellazzo di Bollate è passato a raccontarli (1988), contribuendo a trasformarlo in una delle più importanti manifestazioni musicali internazionali, prima ancora che milanese.

Il “Conte” suona per la quinta volta e, dopo otto anni, inaugurerà la stagione 2012 in Villa, con un passaggio del suo tour europeo, il Martedì 26 giugno, unico in Lombardia dal mese di aprile a fine luglio. 

Sabato 30 giugno sul palco del festival saliranno gli AFTERHOURS.

Tutori dell’orgoglio “indie rock” italiano, tornano a Villa Arconati forti di un album nuovo e importante come “Padania”, graffiante e tragi-ironico racconto dedicato alle radici vere e metaforiche della band di Manuel Agnelli.

La magia totalizzante de “LA NOTTE DELLA TARANTA” con LUDOVICO EINAUDI sarà la protagonista della serata di Lunedì 2 luglio. 

Il ritmo ipnotico e quasi ossessivo della taranta diretta dal mastro concertatore Ludovico Einaudi garantirà una serata nel solco di una tradizione fatta di radici e ballo, con ospiti prestigiosi come MERCAN DEDE & SECRET TRIBE, JU JU, SAVINA YANNATOU e BALLADE SISSOKO.

Sabato 7 luglio  arriva la regina del piu’ sofisticato “neo soul” ERYKAH BADU. 

In concerto la Badu è pronta come sempre a stupire con la sua musica in bilico fra Africa e Americhe e la sua incredibile capacità di trasformarsi  La sua innata eleganza e i suoi look provocatori e creativi ne fanno una icona assoluta della femminilità afroamericana moderna.

Vero “enfant prodige” della musica britannica, PAOLO NUTINI inizia a Villa Arconati il suo tour italiano Venerdì 13 luglio. Una serie di concerti che lo vedranno impegnato a ripercorrere il suo repertorio – tratto da solo due album, ma di grande successo – e a celebrare sul palco una vera festa della musica pop e rock di fronte al pubblico della terra  d’origine della sua famiglia. Non sono da escludere sorprese musicali, visto che Nutini ama stupire il suo pubblico con inediti e cover di classe assoluta.

Chi ama il soul moderno contaminato dai sapori del suono Motown non può perdersi l’appuntamento di Sabato 14 luglio con BEN L’ONCLE SOUL.

Cresciuto con la musica di  Ray Charles, Sam Cooke, Donny Hattaway e Marvin Gaye, Ben l’Oncle Soul  dal vivo suona moderno e antico al tempo stesso,  portando sul palco contaminazioni con altri generi e con cover trascinanti come quella di “Seven nation army”  con cui è arrivato in testa alle classifiche in tutto il mondo. Da non perdere.

Quello di Lunedì 16 luglio a Villa Arconati è un appuntamento per intenditori curiosi della musica di qualità Salirà sul palco infatti PINK MARTINI,  una “piccola orchestra” di Portland fondata nel 1994 dal pianista Thomas M. Lauderdale, che mescola  diversi mondi e  generi musicali,   dalla musica latina al lounge, da quella sudamericana alla classica e al jazz. Il tutto cantato in mille lingue diverse (napoletano e giapponese compreso) e suonato con anima, passione e leggerezza.

World music totale per la data di Martedì 17 luglio, quando sul palco di Villa Arconati saliranno RODRIGO Y GABRIELA con l’orchestra C.U.B.A.

Marito e moglie, Rodrigo e Gabriela sono le due chitarre messicane più amate del mondo; accompagnate dal vivo da un orchestra cubana di 13 elementi suoneranno  “live” un repertorio che comprende  anche la colonna sonora dell’ultimo film della serie “Pirati dei caraibi”, di cui sono autori ed esecutori.

Lunedì 23 luglio uno dei ritorni più attesi a Villa Arconati prenderà finalmente forma, torna  PATTI SMITH con la sua band.

Forte di un nuovo album – “Banga” in uscita il 5 giugno e pieno di riferimenti all’italia – torna in concerto la voce femminile americana più poetica, selvaggia e rock della storia. Semplicemente imperdibile.

La chiusura del festival è affidata Martedì 24 luglio ai TINDERSTICKS. Pionieri del suono “indie”, suonano insieme dal 1991 e da sempre garantiscono qualità fatta di musica d’autore, partiture orchestrali, fiati, strumenti classici ed elettronici per un concerto ad alto potenziale di…stupore intelligente.

www.festivalarconati.it  – Info Line 800 474747