OLIMPIA EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – FENERBACHE ULKER

FENERBACHE ULKER

di Stefano Daprile, Assago 29-02-12

Ultimo impegno europeo per l’Olimpia EA7 Emporio Armani Milano che nell’ultima giornata delle Top 16 di Eurolega ospita i turchi del Fenerbache Ulker ancora in corsa per la qualificazione al turno successivo.

I quintetti di partenza sono formati da Cook, Hairston, Mancinelli, Fotsis e Bourousis per Milano, da Ukic, Gist, Bogdanovic, Preldzic, e Vidmar per i turchi.

 

I ritmi sono ovviamente blandi anche se Milano onora l’impegno  e tiene punto a punto i turchi nella prima frazione conclusa 20 a 21. Il primo sussulto arriva in avvio di seconda frazione quando Turkcan, toccato in maniera dura ma fortuita all’occhio destro da Gentile, accenna una reazione che fa  esplodere i pochi spettatori del Forum di Assago. Nulla di grave per fortuna, ma l’ala è definitivamente out. L’equilibrio continua sovrano, minuti importanti a Radosevic, Gentile e Melli, con solo quest’ultimo che stecca l’appuntamento. Segnali di ripresa anche da Hairston, il primo ad andare in doppia cifra e a guidare l’Olimpia al primo mini break che porta le squadre negli spogliatoi sul 46 a 40.

A metà di terza frazione il vantaggio EA7 scrive la doppia cifra sul 54 a 44. Ancora l’ex Siena è il protagonista dell’allungo, e con oggi si può considerare definitivamente tornato ai suoi (altissimi) standard. Milano mantiene il margine grazie anche a un positivo, anche se ingenuamente falloso Gentile, e giunge all’ultimo intervallo sopra 66 a 55.

Eccessivo nervosismo nell’ultimo quarto. Escono per falli Gentile e Peker mentre Bremer e soprattutto Hairston continuano a seminare il panico nella difesa turca.  Milano rimane solidissima, forse la prova stagionale più continua. Certo è che giocare senza pressioni aiuta, ma la squadra conferma di essere in netta crescita. Il neo arrivato Bremer e il ritorno di Hairston hanno cambiato in maniera netta e positiva il volto grigio e freddo del mese di Gennaio. Si attendono altri esami, e Siena domenica sera potrebbe essere la svolta stagionale. 85 a 72 il risultato finale. Bell’Olimpia quindi, anzi bellissima, talmente tanto che il rammarico per queste Top 16 è enorme.

 

 

 

Pagelle: Giacchetti s.v. –  Mancinelli 6 –  Fotsis 6 –  Cook 6,5  –  Rocca 6 –  Filloy s.v. –  Melli 5,5 –  Gentile 6,5 –  Radosevic 6 – Hairston 8 – Bourousis 6 – Bremer 7

 

In Conferenza Coach Scariolo: Abbiamo giocato una grande partita e scritto il migliore risultato dell’Olimpia nelle Top 16. Guardiamo al futuro perché la squadra cresce. Abbiamo giocato molti minuti con 3 ragazzi di 20 anni. Siamo gli unici in Italia a farlo e in pochissimi in Europa.