Le ragazze del 6° piano

Regia di Philippe Le Guay

Con Fabrice Luchini, Sandrine Kiberlain, Natalia Verbeke, Carmen Maura, Lola Dueñas

Drammatico, FRANCIA 2011

Elisa Zini – Titolo originale Les Femmes du 6ème ètage. Siamo a Parigi negli anni ’60. Jean-Louis Jobert è un esperto finanziario, sposato con Suzanne, due figli, una bella casa. Conduce una vita ordinaria, priva di emozioni. I figli studiano in collegio e ogni tanto tornano a casa per trascorrere le vacanze. La famiglia Jobert possiede da molti anni una cameriera che non va d’accordo con la moglie Suzanne. La morte dell’anziana madre di Jean-Louis diventa il pretesto per licenziare la domestica e assumere una nuova domestica: una ragazza spagnola appena arrivata a Parigi da Burgos.

La giovane Maria è nipote di un’inquilina dell’ultimo piano della palazzina dove vivono i Jobert. Nella soffitta infatti vive un gruppo di donne spagnole a servizio delle famiglie del quartiere.

Maria, la giovane donna che lavora a casa sua, apre a Jobert le porte di un mondo vitale e folkloristico, in antitesi rispetto alle buone maniere e all’austerità del suo ambiente molto formale e privo di sostanza. Affascinato e attratto da queste donne piene di vita, come le api con il miele,  Jean-Louis si lascia andare e per la prima volta assapora in prima persona le emozioni e i piaceri più genuini, naturali, semplici.

Un film francese che non smentisce l’interesse dei registi d’oltralpe per i dettagli e i rapporti tra gli individui diventano oggetto di sarcasmo e ironia. Nel film di Philippe Le Guay, presentato fuori concorso all’ultimo festival di Berlino, il mondo spagnolo si fonde con quello francese mettendo in evidenza affinità e diversità con maestria, eleganza e ironia. Film allegro, piacevole che forse poteva regalare qualcosa in più.