Misura per misura: il potere, la corruzione, l’etica

Dal 25 ottobre al 6 novembre, al Piccolo Teatro Strehler

Misura per misura: il potere, la corruzione, l’etica

L’attualità di Shakespeare nello spettacolo

interpretato da Eros Pagni e diretto da Marco Sciaccaluga

Shakespeare nostro contemporaneo, in scena al Piccolo Teatro Strehler, dal 25 ottobre al 6 novembre 2011. Quando si parla del grande drammaturgo inglese, si fa spesso riferimento all’attualità dei suoi testi. Non fa eccezione Misura per misura, dark comedy che parla di potere e ribellione, giustizia e corruzione, vizi e virtù, del rapporto tra passioni umane e valori etici. “Come sempre in Shakespeare troviamo il mondo che c’è stato, quello che c’è e quello che verrà – dice il regista Marco Sciaccaluga (lo spettacolo è prodotto dal Teatro Stabile di Genova) – All’interno di questa universalità, c’è poi la rappresentazione di una specifica realtà che per molti versi assomiglia alla nostra attuale. Una realtà mostruosa e affascinante, sintetizzata dalla battuta del Duca (Eros Pagni) travestito da frate: Il mondo è sempre uguale, non fa che peggiorare”.

Scritta nel 1604, in un periodo in cui, secondo alcuni biografi, Shakespeare sarebbe stato “depresso” probabilmente a causa di tormenti amorosi, Misura per misura sembra pervasa da un sottile ma persistente pessimismo. “Ma in questo grande artista anche il pessimismo sa tradursi in qualcosa di entusiasmante – continua Sciaccaluga. – La sua conoscenza degli esseri umani e la sua passione per la vita lo rendono irresistibile anche quando, come in questa commedia, parla del male, dell’immoralità e della stupidità. Più che di pessimismo, parlerei di nichilismo, derivante dalla rappresentazione di un mondo devastato da false credenze e ideologie, morbosità religiose, pulsioni sessuali… Quello evocato da Misura per misura è un mondo ‘osceno’, governato dal caos. E questa prospettiva dà vita a una commedia che, pur nel suo sadico nichilismo, è attraversata da una irresistibile gioia di vivere”.

La storia si svolge in una Vienna immaginaria, governata da un Duca giusto e onesto che si erge a pilastro della moralità. Desiderando sperimentare da vicino la condotta del suo popolo, il Duca dichiara di doversi assentare per un incarico diplomatico e lascia ad Angelo il governo della città. In realtà rimane a Vienna, travestito da Frate. Durante la sua assenza Claudio, un giovane gentiluomo, è costretto a presentarsi di fronte ad Angelo, in quanto reo di aver messo incinta la fidanzata Giulietta. Pur dichiarandosi pronto a sposare la giovane, Claudio viene condannato a morte. La novizia Isabella, sorella di Claudio, chiede ad Angelo la grazia per il fratello, ma quest’ultimo pretende in cambio una notte d’amore. Isabella rifiuta. Per rimettere le cose a posto, riappare il Duca, sempre nei panni di frate, che consiglia a Isabella un espediente che tragga in inganno Angelo e lo induca a scoprirsi uomo fallibile, anch’egli vittima delle passioni umane.

LA SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Piccolo Teatro Strehler (largo Greppi – M2 Lanza) dal 25 ottobre al 6 novembre 2011

Misura per misura

di William Shakespeare

regia Marco Sciaccaluga

scene Jean-Marc Stehlé e Catherine Rankl

costumi Catherine Rankl

con Eros Pagni, Roberto Alighieri, Alice Arcuri, Marco Avogadro, Massimo Cagnina,

Fabrizio Careddu, Gianluca Gobbi, Aldo Ottobrino, Nicola Pannelli, Roberto Serpi,

Antonio Zavatteri, Antonietta Bello, Irene Villa

produzione Teatro Stabile di Genova

Foto di scena Marcello Norberth

Orari: martedì e sabato ore 19.30; mercoledì, giovedì e venerdì ore 20.30; domenica ore 16.00.

Lunedì riposo.

Giovedì 27 ottobre ore 15 (pomeridiana per le scuole) e 20.30

Durata: 2 ore e 50 minuti + intervallo

Prezzi: platea 33 euro, balconata 26 euro – Prezzi speciali su www.piccolocard.it

Informazioni e prenotazioni 848800304 – www.piccoloteatro.org

 Interviste, news, scene dello spettacolo, approfondimenti su www.piccoloteatro.tv