“La Bibbia – Raccontata nel modo di Paolo Cevoli”!

PAOLO CEVOLI
PAOLO CEVOLI_

Dopo aver conquistato il pubblico del piccolo e grande schermo, PAOLO CEVOLI torna in teatro con la sua quarta produzione teatrale “LA BIBBIA – RACCONTATA NEL MODO DI PAOLO CEVOLI”, una rilettura in chiave pop del “Libro dei Libri, da tutti conosciuto ma forse non da tutti letto”.

«La Bibbia sembra raccontare un mondo che si perde nella notte dei tempi – racconta Paolo Cevoli – ma per me non è così. Ho scelto di raccontare le storie della Bibbia perché parlano di me, di ognuno di noi. E forse è possibile immedesimarsi con i grandi personaggi di quelle vicende. Adamo, nell’Eden con Eva, che fa la figura del sempliciotto o del “patacca” come si dice in Romagna. Giobbe, il povero Giobbe, colpito da mille sfighe eppur deriso dalla moglie. Abramo che mi ricorda il mio nonno, il babbo del mio babbo. Un patriarca. Davide, piccolo e furbo, che si inventa un modo di ammazzare il cattivo gigante Golia. Nella Bibbia c’è tanto da scoprire. E anche tanto da ridere. Con l’ironia di Dio che quasi sembra un capocomico!»

In questo spettacolo, con la regia di Daniele Sala, Paolo Cevoli vuole rileggere le storie contenute nella Bibbia come una grande rappresentazione teatrale dove Dio è il “capocomico” che si vuole far conoscere sul palcoscenico dell’universo; una sorta di “Primo Attore” che convoca come interpreti i grandi personaggi della Bibbia e li racconta attraverso un linguaggio ironico e diretto, accessibile a tutti.

Non solo teatro, ma anche musica…l’intero spettacolo infatti è accompagnato dai brani interpretati dalle cantanti Daniela Galli, Silvia Donati e Cristina Montanari.

A partire da settembre Paolo Cevoli porterà lo spettacolo nei principali teatri italiani. Ecco le prime date confermate di inizio stagione:
8 SETTEMBRE – Solferino (MANTOVA) – ANTEPRIMA
7 e 8 OTTOBRE – Budrio (BOLOGNA) – ANTEPRIMA
10 e 11 OTTOBRE – Teatro Manzoni – MILANO
13 OTTOBRE – Salsomaggiore (PARMA)
14 OTTOBRE – Lonigo (VICENZA)
21 OTTOBRE – San Giovanni in Persiceto (BOLOGNA)
27 OTTOBRE – Legnano (MILANO)
28 OTTOBRE – Busto Arsizio (VARESE)
03 NOVEMBRE – MODENA
10 NOVEMBRE – Chiavari (GENOVA)
17 NOVEMBRE – Imola (BOLOGNA)
18 NOVEMBRE – Cattolica (RIMINI)
24 NOVEMBRE – PADOVA
25 NOVEMBRE – VERBANIA

I biglietti sono attualmente disponibili in prevendita presso i singoli teatri.

Enrico Brignano: “Enricomincio da me”

BRIGNANO
BRIGNANO

Si aggiungono altre date alla nuova tournée teatrale di Enrico Brignano. Dopo le prime città annunciate Roma (21/12-07/01), Bologna (19-20/02), Torino (7-11/03) e Milano (16-25/03) sarà la volta di Napoli dal 7 al 9 febbraio al Teatro Augusteo.

Il recordman torna a teatro con “ENRICOMINCIO DA ME”, uno spettacolo inedito, scritto insieme a Mario Scaletta, Riccardo Cassini, Manuela D’Angelo, Massimiliano Giovanetti e Luciano Federico.

Fuoriclasse del teatro italiano, compie 30 anni di carriera e 50 di vita, un doppio anniversario che pone le basi per la genesi di questo nuovo allestimento.

Varcato il traguardo del mezzo secolo, a 50 anni tondi tondi, Enrico Brignano non smette di farsi domande. Si chiede se ciò che è diventato è stato il frutto consapevole delle scelte fatte, un disegno del destino oppure semplice casualità.

Brignano intraprende un viaggio nel tempo, con un’attenta analisi di eventi passati, ritrovando vecchie conoscenze, strane figure forse ombre o forse realtà; rinfrescando brani storici della sua comicità, si pone di fronte a bivii da ripercorrere prendendo una strada diversa da quella già fatta per scoprire dove lo avrebbe condotto.

L’attore romano riparte dal principio, dal palcoscenico per darsi la possibilità di guardarsi dentro, di ritrovarsi e rinnovarsi guardando al future che gli si prospetta davanti e poter dire a sè stesso:”Stavolta ENRICOMINCIO DA ME!”.

Info & biglietti
The Base 06 54220870 – FastForward 081 7611221
Biglietteria del Teatro: 081 414243
Gruppi: info@the-base.it

Teatro Il Celebrazioni, Bologna: Abba dream

Abba dream
Abba dream

Al Teatro Il Celebrazioni il 12 aprile arriva a grande richiesta ABBA dream, l’ABBA tribute show che celebra la più grande band svedese della storia della musica pop.

Un doveroso omaggio agli ABBA le cui canzoni sono ormai considerate un vero e proprio cult, anche grazie al musical Mamma mia! ed al film di successo con Meryl Streep e Pierce Brosnan. Le canzoni saranno eseguite interamente dal vivo, i costumi e le luci ricreeranno le indimenticabili atmosfere degli anni ‘70. “Mamma mia!” e “Dancing Queen” sono solo alcune delle canzoni che faranno scatenare il pubblico in sala.

Gli ABBA sono stati il gruppo musicale pop svedese di maggior successo. Si stima che abbiano venduto oltre 375 milioni di dischi in tutto il mondo, divenendo una delle band più popolari nella storia della musica leggera. Gli ABBA si costituirono intorno al 1970 senza mai cambiare la formazione costituita da Björn Ulvaeus, Benny Andersson, Agnetha Fältskog e Anni-Frid Lyngstad (meglio conosciuta come “Frida”). Quattro anni dopo erano già all’apice della loro carriera musicale dopo aver vinto l’edizione del 1974 dell’Eurofestival con “Waterloo”. Il gruppo si sciolse nel 1982 e, da allora, nessuna reunion è stata mai progettata dai quattro; nel 2000 fu proposto agli ABBA di riunirsi per un tour di 100 concerti in cambio di un compenso pari ad un miliardo di dollari, ma rifiutarono “per non deludere i fan”.

ABBA dream è un vero e proprio fenomeno condiviso con i fan della band svedese che accorrono in teatro per rivivere le emozioni attraverso canzoni indimenticabili. Il primo tour teatrale di ABBA dream ha registrato sold-out a Milano, Firenze e Padova. Le serate sono occasione di grande divertimento: tutti in piedi perché a teatro si può anche ballare.

Al Piccolo Teatro Strehler: “Non ti pago”

NonTiPago_phFilippoManzini

NonTiPago_phFilippoManzini

Luca De Filippo se n’è andato appena spenti gli applausi al suo ultimo spettacolo, Non ti pago, che, nel novembre 2015, tenne il palcoscenico del Teatro Strehler, con enorme successo ogni sera, per due settimane.
Non aveva potuto recitare, Luca De Filippo, ma lo spettacolo era suo e il pubblico di Milano così lo ha sentito, capito, amato.

La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo ha deciso di riproporre lo spettacolo sia per portare avanti quelli che erano i progetti di Luca sia per dare compimento al suo desiderio di non fermare il lavoro della compagnia: «Luca ci mancherà sulla scena, ma ci ha lasciato una precisa ed accurata regia, fedele ai tempi e alla scrittura di suo padre con una modalità tutta sua di dare continuità alla tradizione senza rinunciare a una propria identità».

Come lo stesso Luca De Filippo aveva stabilito, a sostituirlo è stato chiamato Gianfelice Imparato, un attore che con Eduardo si è formato e che, nei panni di Ferdinando Quagliuolo, si è dimostrato perfettamente a suo agio.

Ad interpretare il ruolo di sua moglie Concetta è Carolina Rosi, figlia di Francesco, uno dei grandi Maestri del cinema italiano, che da anni in compagnia interpreta i principali ruoli femminili.

Non ti pagofa parte della produzione dei “giorni pari” ed è uno dei testi più noti della prima drammaturgia eduardiana. Andato in scena per la prima volta nel 1940, è una storia che parla di sogni, vincite al lotto, superstizioni e credenze popolari di un’umanità dolente e sfaccendata, che nella cruda realtà quotidiana fatta di paure, angosce e miseria non rinuncia però alla speranza, all’illusione, all’ingenua attesa di un colpo di fortuna che determini un futuro migliore.

Non ti pago è commedia tra le più brillanti del repertorio eduardiano che lo stesso grande drammaturgo napoletano ha definito «una commedia molto comica che secondo me è la più tragica che io abbia mai scritto». Ferdinando Quagliuolo, gestore di un botteghino di banco lotto a Napoli, gioca con accanimento ma non indovina mai un numero vincente.

Al contrario, il suo impiegato e futuro genero Mario Bertolini, interpretando i sogni, colleziona vincite su vincite fino ad arrivare a “fare quaterna” con i numeri dati in sogno dal defunto padre del suo datore di lavoro. Accecato da una feroce invidia Don Ferdinando si rifiuta di pagargli la vincita erivendica il diritto di incassare la somma per se.

Egli sostiene che lo spirito di suo padre avrebbe commesso un involontario scambio di persona recandosi per errore nella vecchia abitazione della famiglia Quagliuolo dove ora risiede il giovane Bertolini.

La commedia si sviluppa intorno ai vari tentativi di Ferdinando di appropriarsi del biglietto vincente con esasperate contese, dispute surreali e grottesche maledizioni.

Piccolo Teatro Strehler, dal 21 marzo al 2 aprile 2017
La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo
Non ti pago
di Eduardo De Filippo

Gala di danza classica: Tributo a Rudolf Nureyev

Rudolf Nureyev
Rudolf Nureyev

Al Teatro Manzoni  il 20 Febbraio 2017 – ore 20,45, Gala di danza classica:
TRIBUTO A RUDOLF NUREYEV

Rudolf Nureyev, il più grande ballerino di tutti i tempi il cui talento rimane ancora oggi ineguagliato, ha segnato un’epoca dal punto di vista interpretativo e creativo nella storia della danza del ‘900.

Eccelso danzatore, le cui doti espressive e virtuosistiche hanno esaltato talento ed irrequieta genialità, si univano ad un’incredibile carisma ed una presenza scenica unica ed ammaliante.

Le sue coreografie, hanno saputo infondere nuova linfa ai classici del repertorio, rivitalizzandoli con un perfetto equilibrio tra modernità e tradizione. Ancora, come intelligente scopritore di nuovi talenti, Nureyev ha saputo motivare alla passione per la danza e alla ricerca per la perfezione tecnica tante giovani promesse, che oggi, arricchite dal suo prezioso bagaglio artistico, fanno rivivere la sua ispirazione nel “Gala di danza classica – Tributo a Rudolf Nureyev”, a lui dedicato.

A rievocare il grande mito della danza danzeranno molti altri solisti e ballerini internazionali che condividono l’emozione di far rivivere una figura leggendaria in una serata davvero speciale.

Il Gala in omaggio a Rudolf Nureyev, si apre con parole toccanti che accompagnano un filmato di alcune sue memorabili interpretazioni, un commosso ricordo di Luigi Pignotti, per lunghi anni manager di Nureyev e attualmente Presidente dell’ Associazione Rudolf Nureyev, che si propone di diffondere e tutelare il nome e il patrimonio artistico del grande danzatore russo.

Sul palco del Gala, Tributo a Rudolf Nureyev, si alterneranno quindi, preziosi frammenti dei tanti balletti del repertorio classico che Nureyev riprodusse secondo un proprio personalissimo stile ma, allo stesso tempo fedele all’originale. Ecco, dunque in scena “Il Corsaro”, il passo a due di “Diana e Atteone”, il “Don Chisciotte”, il “Il Lago dei Cigni”, “Giselle”, lo “Schiaccianoci” e molti altri.

La spettacolo, già applaudito nei più prestigiosi teatri italiani, torna dunque ora ad emozionare il pubblico.

PREZZI SPETTACOLO
Poltronissima Prestige € 32,00 – Poltronissima € 28,00 – Poltrona € 22,00 – Under 26 € 15,00