Gianni Morandi: “d’more d’autore”

GIANNI_MORANDI_damoredautore - LOW
GIANNI_MORANDI_damoredautore – LOW

Gianni Morandi ha annunciato sui suoi profili social la copertina e la tracklist del nuovo disco di inediti, “d’amore d’autore”, il suo 40esimo album che sarà disponibile in pre-order su iTunes e su Amazon da domani e sarà presentato il prossimo 16 novembre.

Il disco esce a quattro anni di distanza dall’ultimo album di inediti “Bisogna vivere”. Un progetto unico che porta la firma di grandi autori della musica italiana, tra cui Elisa, Ivano Fossati, Levante, Luciano Ligabue, Ermal Meta, Tommaso Paradiso, Giuliano Sangiorgi e Paolo Simoni. La produzione esecutiva dell’album, che uscirà su etichetta Sony Music, è di Fep Group e Riservarossa.

Il disco è stato anticipato dal nuovo singolo in radio “Dobbiamo fare luce”, scritto da Luciano Ligabue e prodotto da Luciano Luis Luisi.

Il nuovo progetto musicale di Morandi sarà anche live nei più importanti Palazzi dello Sport italiani. Il 24 febbraio partirà infatti da Rimini il Gianni Morandi Tour 2018 “d’amore d’autore” (prodotto da F&P Group e Riservarossa, in collaborazione con Mormora Music).

TRACK LIST “d’amore d’autore”

1. ULTRALEGGERO

Ivano Fossati

2.DOBBIAMO FARE LUCE

Luciano Ligabue

3. E’ UNA VITA CHE TI SOGNO

Tommaso Paradiso

4. MEDITERRANEO

Levante

5.CHE MERAVIGLIA SEI

Giuliano Sangiorgi

6.SE TI SEMBRA POCO

Elisa

7.LETTERA

Paolo Simoni

8.UN SOLO ABBRACCIO

Ermal Meta

9. ONDA SU ONDA con Fiorella Mannoia

Paolo Conte

Eicma 2017

EICMA 2017_da sin. Corrado Capelli (Presidente ANCMA)_Pierfrancesco Caliari (Direttore Generale ANCMA)
EICMA 2017_da sin. Corrado Capelli (Presidente ANCMA)_Pierfrancesco Caliari (Direttore Generale ANCMA)

La 75° Esposizione Internazionale Ciclo e Motociclo scende in pista e si appresta ad ospitare costruttori, addetti ai lavori e pubblico, per mostrare al mondo l’eccellenza del settore due ruote. Grande l’entusiasmo per EICMA 2017 con gli espositori che presenteranno, dal 7 al 12 novembre (7 e 8 giornate dedicate a operatori e stampa), oltre 150 anteprime mondiali tra ciclo, motociclo e accessori.

Tutte le novità e i prodotti presentati dagli espositori occuperanno i padiglioni 9-11, 13-15, 18, 22-24. L’enorme numero di richieste di partecipazione a EICMA, da parte di aziende e brand, ha richiesto l’aggiunta di un ulteriore padiglione (PAD.18).

Rispetto al 2015 il numero degli espositori di EICMA 2017 è cresciuto del 14%, arrivando tra diretti e indiretti a 1.626. I metri quadrati della superficie espositiva netta venduta registra un incremento del 14% con un occupato lordo pari a 280.000 mq.

Il 60% degli espositori che partecipano alla 75° edizione dell’Esposizione proviene da circa 40 diversi Paesi al mondo. Numeri che hanno convinto il pubblico ad acquistare per tempo i biglietti di ingresso. La prevendita, infatti, ha registrato un +57% rispetto allo stesso periodo del 2016.

L’Esposizione sempre più internazionale grazie accordi con Harrods e KaDeWe che, con la partnership con Rinascente, collocano Milano come punto di riferimento mondiale del mondo delle due ruote.

Arsenale40_Progetti nel vuoto

PERFORMANCE
PERFORMANCE

Un ponte tra Teatro e Architettura. Tra Milano e la Cina.
Progetti nel vuoto
performance
23 ottobre 2017, ore 21
Molte città sono scomparse, per opera del tempo, delle guerre, delle sommosse politiche o religiose, per terremoti e altre cause naturali, o semplicemente per abbandono. Della maggior parte di queste città scomparse non resta traccia, né resta il nome, e il ricordo si è cancellato con lo scorrere delle generazioni. A volte sono emersi i nomi di antiche città, custoditi da qualche storico che ne ha fissato il ricordo in un certo momento del tempo.

Molte di queste città erano state sede di culti famosi, di oracoli, di templi. Erano abbellite da magnifiche opere d’arte, come oggi Venezia o Firenze.
Molti architetti, poeti, ingegneri, restauratori, operai…le avevano pazientemente ideate, costruite o ricostruite. Molti archeologi ne hanno ritrovato qualcheduna, sotto le sabbie dei deserti, sotto le acque del mare, sotto altre città.

A nostra volta noi le calpestiamo, distruggiamo e ricostruiamo senza neanche rendercene conto.
Dove camminiamo? Su quali tesori nascosti mettiamo quotidianamente i piedi?
Questa serata breve vuole essere un momento di meditazione e – speriamo – di emozione a partire da questa riflessione.
a cura di Marina Spreafico e Giovanni Di Piano
con Nana Funabiki e gli studenti del secondo anno di Scuola Teatro Arsenale Veronica Del Vecchio, Greta Di Lorenzo, Ian Gualdani, Alessandro Piccolo, Alessandro Pozza, Margherita Serra, Barbara Villa – docenti Marina Spreafico e Kuniaki Ida
e i modelli di architettura del workshop di progettazione della Scuola di Architettura, Urbanistica, Ingegneria delle Costruzioni del Politecnico di Milano e della Jiaotong University of Xi’an (Cina) – professori Pierluigi Salvadeo e Chen Yang
ambientazione sonora Walter Prati
luci Christian Laface

orario spettacoli
lunedì 23 ottobre, ore 21

biglietteria
lunedì 23 ottobre, dalle ore 19
biglietto unico euro 5

Nuova Edizione di “ScuoIa Genitori”

Auditorium Don Bosco Milano
Auditorium Don Bosco Milano

Parte domani sera il nuovo ciclo di incontri gratuiti della Scuola Genitori, che ogni anno presso l’Auditorium Don Bosco in via Melchiorre Gioia 48 coinvolge centinaia di mamme e papà milanesi per discutere e confrontarsi sul modo migliore per accompagnare lo sviluppo e la crescita dei propri figli.
Curare con l’educazione è il titolo di questa settima edizione – organizzata dal CPP, Centro Psico Pedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti, con il patrocinio del Comune di Milano – che si svilupperà da ottobre 2017 a marzo 2018, attraverso quattro incontri serali che si inseriscono nell’ampio calendario di eventi di “Dire Fare Educare 2017”, il palinsesto di iniziative pubbliche ed eventi dedicati ai temi dell’educazione e della formazione che la città organizza ogni anno per i suoi cittadini più piccoli.

23 ottobre 2017
Non è colpa dei bambini
Con il pedagogista Daniele Novara.
Come evitare l’eccesso di medicalizzazione nei bambini di oggi?
Prima di cercare nei bambini e nei ragazzi presunte patologie neuroemotive e tentare diagnosi sempre più precise, anticipate, definite, psichiatriche. E prima di etichettarli come malati occorre avere il buon senso di verificare se la loro educazione è corrispondente all’età e ai bisogni di crescita. In questo senso è fondamentale riuscire a restituire a genitori e insegnanti potere, funzione e responsabilità. A questo tema è dedicato il nuovo libro di Daniele Novara “Non è colpa dei bambini”, in uscita per Bur-Rizzoli il 19 ottobre.

27 novembre 2017
Il metodo Montessori per i genitori
Con le formatrici Marta Versiglia, Laura Beltrami e Lorella Boccalini.

Una serata per i genitori che vogliono avvicinarsi al metodo educativo di Maria Montessori, la più grande pedagogista di tutti i tempi, finora, purtroppo, più apprezzata a livello internazionale che in Italia. Il metodo, che si basa su una scelta pedagogica basata sull’indipendenza del bambino, si rivolge anche agli adulti. L’incontro è condotto da Marta Versiglia, Lorella Boccalini e Laura Beltrami. Marta Versiglia è autrice del nuovo libro “Imparare giocando” (Bur-Rizzoli), dedicato al metodo Montessori, che illustra le attività manuali da fare con i bambini, divisi a seconda delle fasce d’età, per crescere insieme divertendosi. Lorella Boccalini e Laura Beltrami sono autrici del nuovo libro “Il Metodo Montessori per tutti” (Bur-Rizzoli), che spiega il metodo Montessori in modo semplice e fornisce risposte e consigli pratici a chi vuole applicarlo anche in casa, dalla prima infanzia all’adolescenza.

26 Febbraio 2018
Il cervello dei bambini e il cervello degli adolescenti
Con il neurobiologo Alberto Oliverio e il pedagogista Daniele Novara.

Senza dubbio i bambini sono dotati di una vivacità enorme, sono anche in grado di elaborare soluzioni per aggirare una difficoltà, ma devono fare i conti con le caratteristiche strutturali della loro mente. Ignorare questo aspetto significa non conside­rare com’è fatto realmente un bambino. La concretezza e l’azione hanno un ruolo centrale nel comportamento di un bambino, proprio in quanto il cervello infantile è fatto per agire, per muoversi, per crescere sulla base dei movimenti osservati e gestiti dal bambino stesso. E, in particolare, non possiamo dimenticare che agire, giocare, fare dei giochi di movimento, ha una valenza importante per la crescita mentale dei bambini.

19 marzo 2018
Non stare alla pari, mantenere il proprio ruolo come genitore
Con il formatore e counselor Paolo Ragusa.
Capita spesso di incontrare genitori fieri di essere “amici” dei loro figli. Nulla di più rischioso per mettere in crisi il ruolo educativo dei genitori e creare confusione nei bambini e nei figli adolescenti. Se madri e padri non sanno creare la giusta distanza i figli ne approfittano subito esigendo richieste improprie e tiranneggiando i genitori.
Mettersi alla pari dei figli può rivelarsi addirittura dannoso per la crescita dei bambini.
Per poter rispettare i tempi dei figli e fare richieste adeguate è necessario conoscere le tappe dello sviluppo e considerare sempre che la giusta distanza è fondamentale per non compromettere i rapporti adulto-bambino.

Gli incontri si svolgono dalle 20.45 alle 22.45 presso l’Auditorium Don Bosco in via Melchiorre Gioia 48 a Milano.
La Scuola Genitori è realizzata grazie al sostegno di DOREMI baby, Asili Nido e Scuola dell’infanzia. Media partner: NostroFiglio.it, Kidfriendly, Blogmamma, Mammachelibro e Bimbì.

Prima foresta di Treedom in Nepal

logo_treedom
logo_treedom

Possono gli alberi da frutto contribuire a risollevare l’economia locale di una popolazione? In che modo? E’ possibile dare il proprio contributo anche a distanza?

Partendo da queste domande Treedom, l’innovativo sito che offre la possibilità di piantare alberi, adottarli e seguirli online andando a finanziare direttamente contadini locali in giro per il mondo, avvia una collaborazione con ASIA (Associazione per la Solidarietà Internazionale in Asia), il cui obiettivo comune è piantare alberi di Caffè, di Macadamia e di Jackfruit per migliorare le condizioni economiche, sociali e ambientali del distretto di Rasuwa in Nepal.

Il Nepal negli ultimi decenni ha visto il susseguirsi di eventi sociali e naturali che hanno minato la sua stabilità e la prosperità del commercio di caffè, attività commerciale sviluppatasi nei primi anni 2000. La promozione della coltivazione del caffè è estremamente importante per le famiglie dei piccoli agricoltori del Nepal in quanto il caffè riesce a crescere nelle terre marginali del Paese, riducendo il processo di erosione e migliorando l’uso dei terreni altrimenti abbandonati, senza, per altro, andare a sostituirsi alle principali colture alimentari locali (grano ed orzo), coltivate nei terreni più fertili.

Le esigenze biologiche del caffè ben si adattano alle condizioni climatiche e pedologiche del Nepal. Il caffè coltivato sulla base dei principi dell’agricoltura biologica nei terreni marginali ad 800 metri s.l.m. è apprezzato a livello internazionale in quanto presenta un particolare gusto raffinato, che solo il “caffè di montagna” (coffee highland) è in grado di sviluppare.

La strategia del progetto ha tre priorità ben definite: sviluppare la produzione con supporto tecnico agli agricoltori da parti di esperti, aumentare l’efficienza dei sistemi di coltivazione nel rispetto delle regole di sicurezza e rispettare le norme OCN e ICEA per fare parte del circuito del commercio equo solidale.

La coltivazione di alberi da caffè avrà così un impatto non solo sulle condizioni di vita dei contadini coinvolti, ma anche sulla comunità più estesa grazie alla vendita dei frutti.

Treedom da oggi offre a tutti la possibilità di prendere parte all’iniziativa scegliendo nella sezione dedicata del sito treedom.net un albero tra Caffè, Macadamia e Jackfruit, che verrà piantato in Nepal da un contadino locale che se ne prenderà cura e potrà ricavarne benefici sociali e profitti economici. Inoltre, scegliendo di piantare un albero nel distretto di Rasuwa in Nepal si contribuirà a generare anche benefici ambientali: gli alberi assorbono infatti CO2 dall’atmosfera e producono ossigeno.

Ogni albero del progetto Nepal ha un significato e un’utilità ben precisa: il Caffè rappresenta l’opportunità economica per gli agricoltori nepalesi, la Macadamia con le sue foglie contribuisce a creare l’ombra di cui ha bisogno il caffè per crescere e essere al riparo dal calore e il Jackfruit, oltre a generare ombra, produce frutti che possono essere venduti sul mercato locale.

Con Treedom è inoltre possibile scegliere di regalare l’albero o personalizzarlo dandogli un nome e incidere virtualmente un messaggio. Ogni albero piantato viene fotografato e geolocalizzato ed è possibile seguirne la sua crescita sul profilo dedicato, che viene creato al momento dell’acquisto, e ricevere aggiornamenti via mail circa i momenti più importanti della sua vita.