“Gregory Hunter. I padroni della Galassia” e “Mister No. Yanoama” in libreria

Gregory Hunter
Gregory Hunter

È tempo di viaggiare! Per questo l’estate in libreria di Sergio Bonelli Editore propone due viaggi in terre di confine. Per gli appassionati di fantascienza saranno i limiti più estremi dell’Universo ad essere esplorati con GREGORY HUNTER. I PADRONI DELLA GALASSIA; per i lettori più avventurosi le terre da attraversare saranno invece quelle della foresta amazzonica di MISTER NO. YANOAMA.

L’avventura d’esordio di Gregory Hunter, la serie di fantascienza ideata da Antonio Serra, uno dei creatori di Nathan Never, ed illustrata da Elena Pianta, arriva infatti sugli scaffali per la prima volta a colori e ci trasporta in un universo dove l’uomo ha raggiunto i confini più estremi della galassia. Qui il compito di mantenere la pace e la giustizia spetta ai Ranger dello Spazio.

Il terrestre Gregory Hunter è uno di loro. Ex pirata e cacciatore di taglie, viaggia nello spazio profondo, dove ogni cosa può accadere, in compagnia del simpatico dongiovanni tallariano Badger. Incaricati di catturare un pericoloso ladro interplanetario, i due si ritroveranno in un luogo sperduto lontanissimo dalla Terra, dove scopriranno la segreta ragione della scomparsa di un antico impero galattico!

Mirabolante avventura del Ranger dello Spazio, GREGORY HUNTER. I PADRONI DELLA GALASSIA comprende un ricco apparato EXTRA a cura di Antonio Serra che svela ai lettori come sono nati Gregory Hunter, lo scimmiesco Badger e la gigantessa albina Sandrach.

Negli anni, invece, Mister No, pilota nord-americano, ribelle e scavezzacollo, ha imparato ad apprezzare la natura selvaggia dell’Amazzonia e a difenderla dagli speculatori, battendosi per i diritti delle tribù indios, come gli Yanoama, protagonisti delle avventure raccolte nel volume MISTER NO. YANOAMA.

E proprio contro un villaggio di Yanoama si scatena un attacco che porta al rapimento di 11 donne della tribù. Quattro di loro, le più giovani e carine, vengono cedute a due uomini bianchi che vogliono farle prostituire. Mister No, insieme con Esse-Esse e al giovane indio marito di una delle donne, si mette in marcia per liberarle, infiltrandosi nel complesso turistico in costruzione dove vengono tenute prigioniere.

Il libro è arricchito dalla prefazione di Luca Barbieri che approfondisce il tema del Far West amazzonico che fa da magnifico scenario al celebre personaggio ideato da Guido Nolitta.

 

 

 

 

 

“Pensione Maria”, il nuovo libro di Guido Bagatta

Copertina libro di Bagatta
Copertina libro di Bagatta

E’ in libreria il nuovo romanzo di Guido Bagatta, “Pensione Maria” (Cairo). Un libro che fotografa con divertente crudeltà gli anni della crisi, e come la gente sia costretta a reinventarsi per andare avanti.

Certe volte dev’essere proprio il destino che si accanisce. Il Celestino e la Piera sono sposati da trent’anni, hanno lavorato tutta la vita come muli e adesso, che dovrebbero godersi il meritato riposo nella loro cascinetta di Alzano Lombardone, la legge della ministra piangente con la complicità di una banca sanguisuga li ha ridotti sul lastrico. Meno male che Pio ed Emilia, i due amatissimi figli, sono sistemati… o almeno così credono mamma e papà.

Dopo un’esistenza da formichine, dunque, la coppia – pensionato mancato uno, pensionata forzata l’altra – deve reinventarsi un modo per sbarcare il lunario. Sono due brave persone, il Cele e la Piera, è fuor di dubbio, ma quando un giorno lei accetta un lavoro di pulizie nel carcere di Opera, tutto cambia.

Comincia così l’epopea dei coniugi Aiello, delinquenti per caso, che applicano la serietà di un’intera vita lavorativa alla coltivazione e allo smercio della marijuana. Affidabili e puntuali, i due vecchietti si costruiscono una vasta clientela nella florida piazza di spaccio milanese in barba alla malavita vera, offrendo un prodotto unico, a chilometro zero e con l’inconfondibile sapore delle cose fatte in casa. E finalmente i soldi arrivano, anzi scorrono a fiumi. Ma forse l’avventura criminale degli Aiello, come tutte le cose, è destinata a non durare in eterno…

L’AUTORE

Guido Bagatta, milanese, è giornalista e presentatore televisivo e radiofonico. Voce e volto storico dello sport americano in tv, ha esordito nella scrittura con il bestseller La mia vita bassa. Poi ha pubblicato La mia nuova vita bassa, In viaggio con i Jonas Brothers, L’amore è servito. Nel 2016 con Cairo è uscito 72 ore.

“Ali Reza Arabnia – Storia e valori di un imprenditore”

Arabnia
Arabnia

I casi da manuale studiati nelle business school hanno di solito in comune gli stessi elementi: i profitti raggiunti dalle aziende analizzate, il successo imprenditoriale di chi le ha fondate, il valore generato per gli azionisti. Ci sono però anche storie aziendali diverse, in cui al successo si arriva attraverso i valori, la responsabilità e l’attenzione verso le persone.

Ed è a una di queste storie che ISVI – Istituto per i Valori d’Impresa e Inaz, con la sua collana editoriale Piccola Biblioteca d’Impresa, dedicano il loro ultimo progetto: un filmato e un libro intitolati Ali Reza Arabnia – Storia e valori di un imprenditore.

Dedicati al caso di Geico Taikisha, società del Gruppo Gecofin specializzata negli impianti di verniciatura per il settore automotive, e al suo amministratore delegato Ali Reza Arabnia che ha compiuto un piccolo miracolo: portare Geico dalle difficoltà economiche a una ritrovata competitività sui mercati internazionali, grazie a scelte controcorrente fondate sui valori, sull’attenzione alle persone e sulla responsabilità sociale.

«Arabnia ha preso le redini di Geico in un momento di crisi economica e finanziaria e compiendovi una piccola rivoluzione – spiega Linda Gilli, presidente di ISVI e A.D. di Inaz-. La sua idea di management ha saputo coniugare il lato razionale e quello emotivo del cervello umano, l’efficienza aziendale e la soddisfazione e la motivazione dei collaboratori. Ha portato avanti assieme innovazione tecnologica e innovazione culturale, fondando l’operato di Geico su valori di rispetto, correttezza e accoglienza. E ha avuto ragione».

Con i suoi risultati, infatti, oggi Geico è un esempio per le piccole-medie imprese italiane, perché ha successo in un settore globale, concentrato e fortemente competitivo. Prosegue Gilli: «ISVI, che da sempre ha come mission la promozione di un’imprenditoria responsabile, ha voluto fortemente un video e una pubblicazione sulla storia di Ali Reza Arabnia, per dimostrare che è sui valori e sulla centralità delle persone che si fonda il successo dell’impresa».

Nel libro della Piccola Biblioteca d’Impresa Inaz Alessandro Zattoni racconta la storia di Ali Reza Arabnia, dalle prime esperienze professionali che ne mettono in luce le doti di imprenditore e leader, fino all’acquisizione – portata avanti assieme alla moglie Laura – e alla gestione di Geico. Il libro è corredato da un filmato intervista ad Ali Reza Arabnia, della durata di 53′, con la regia di Marco Manzoni e un dialogo con l’economista d’impresa Marco Vitale

In libreria: Tex Painted Desert e Nick Raider

Tex Painted Desert
Tex Painted Desert

Arrivano sugli scaffali a maggio per Sergio Bonelli Editore due nuovi imperdibili volumi dedicati a Tex e a Nick Raider.

Si parte con TEX PAINTED, che arriva in libreria dopo il successo dei primi due volumi della nuova serie di albi cartonati “alla francese”, L’eroe e la leggenda e Frontera. In questo libro troveremo lo sceriffo Scott Nelson abbandonato più morto che vivo nel Deserto Dipinto, tra i corpi dei suoi vice, uccisi dai fuorilegge di Earl Crane, rapitore di sua moglie Debra.

Per sua fortuna, sulle tracce dei banditi ci sono anche Tex e Tiger, diretti verso il sinistro pueblo di Sombra Verde con i suoi inquietanti segreti… Soggetto e sceneggiatura sono firmati di Mauro Boselli mentre i disegni sono opera di Angelo Stano.

Corse all’impazzata tra caroselli di macchine, fughe e inseguimenti sulle scale antincendio, quartieri malfamati ed edifici fatiscenti, incalliti malviventi e criminali, per caso fanno invece da sfondo alle indagini di Nick Raider, in una serie poliziesca dalle atmosfere crude e realistiche.

Dopo la raccolta dello scorso anno, con NICK RAIDER. NUOVI CASI PER LA SQUADRA OMICIDI ritorna in libreria e in fumetteria quella che è stata la prima serie poliziesca della Sergio Bonelli Editore, un “procedural” classico, di ambientazione urbana e dalle atmosfere crude e realistiche.

Nelle cinque indagini raccolte in questo volume, Nick Raider si ritroverà addirittura in un letto di ospedale tra la vita e la morte, accusato di aver ucciso una collega sotto copertura, con cui in passato aveva avuto una storia d’amore. Per riabilitarlo si daranno da fare tutti gli agenti della squadra omicidi del Distretto Centrale di Manhattan.

Claudio Nizzi, l’ideatore del personaggio, firma le sceneggiature di tutte e cinque le storie, affiancato da disegnatori come Ivo Milazzo, Aldo Capitanio, Bruno Ramella e Goran Parlov.

“Ivrea. Guida alla città di Adriano Olivetti”

Ivrea-
Ivrea-

Venerdì 14 Aprile 2017 alle ore 17:30 presso la sala di lettura della Fondazione Luigi Micheletti (in via Cairoli 9 a Brescia) si terrà la presentazione del libro di Marco Peroni “Ivrea. Guida alla città di Adriano Olivetti”.

Un viaggio che comincia dalla vecchia stazione ferroviaria di Ivrea e che prosegue per via Guglielmo Jervis (secondo Le Corbusier “la via più bella del mondo”) fino a incontrare tutte le architetture della città di Adriano Olivetti. Un percorso in un’idea di architettura che è anche un itinerario in un’idea di società. Il libro, infatti, accompagna il lettore/visitatore in un luogo che è stato il laboratorio per la costruzione di una “comunità” di tipo nuovo.

Quella che viene proposta è, anzitutto, una visita nel cuore dell’archeologia industriale di Ivrea, oggi candidata a sito UNESCO proprio in forza del valore di questo patrimonio. Le opere di Eduardo Vittoria, Ignazio Gardella, Luigi Figini e Gino Pollini compongono un mosaico unico, in equilibrio tra funzionalità e sperimentazione, che il libro aiuta a cogliere anche grazie a un apparato fotografico di grande qualità.

Ma questo viaggio in un secolo di storia industriale è anche una riflessione sulle idee che ne sono state la base. La visione di Olivetti sollevò, negli anni ’40 e ’50, forte interesse e talora entusiasmo, ma fu anche fortemente osteggiata o, più spesso, ignorata.

La Guida aiuta a cogliere la radicalità della proposta olivettiana, attraverso un uso sensibile dei molti documenti d’archivio e una grande attenzione per le voci degli altri protagonisti di questa impresa, minoritaria quanto influente nella storia dell’Italia contemporanea.

Con la presentazione di questa opera originale e curatissima, la Fondazione Luigi Micheletti intende contribuire a una riflessione sul ruolo dell’architettura e del patrimonio industriale nella memoria e nel futuro di una città.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con Progetto BresciaNuova, una realtà impegnata a riportare nel dibattito pubblico temi che hanno avuto e possono avere in Brescia un laboratorio di rilevanza nazionale.
La presentazione avrà la forma del dialogo con l’autore, coordinato da René Capovin, responsabile progetti della Fondazione Micheletti.