Fondazione Cariplo: “Rompiamo le righe”

cariplo
cariplo

Rompiamo le righe! sarà una giornata fuori dagli schemi e diversa da tutte le altre, l’inizio di un viaggio alla scoperta di una Milano a misura d’uomo, dove poter celebrare l’incontro fra tradizioni e culture lontane, che quotidianamente convivono nelle città contemporanee. Un insieme di attività coinvolgenti legate al quartiere per sviluppare un nuovo punto di vista su ciò che ci circonda.

Partendo da Largo Bigatti, sono moltissimi gli appuntamenti e le iniziative in programma in ogni angolo del quartiere durante tutto il mese di ottobre che culmineranno nella grande festa di sabato 14: musica live e danze, performance di light art, incontri, dibattiti e letture ad alta voce, giochi, spettacoli teatrali, clownerie, giocoleria e acrobatica circense, trek urbani, bike tour e attività sportive, arte pubblica, restyling delle aree in disuso e creazione di orti urbani da adottare.

Con Rompiamo le righe! tutti potranno mettersi alla prova e scoprire cosa significa lavorare nella redazione di una radio o diventare veri e propri influencer nel quartiere e nella città, ma sarà anche possibile giocare a basket in un campo originale e bellissimo o scoprire che anche le luci possono essere potenti strumenti musicali e molto altro ancora.

Non mancheranno infine momenti conviviali legati a un tema universale come quello del cibo: cibo etnico ed etico, cibo buono che arriva da luoghi lontani, un’occasione per viaggiare e conoscere altri mondi insieme ai migranti che l’hanno preparato e che ne racconteranno la storia, l’origine e il valore.

Rompiamo le righe! sarà dunque una festa aperta a tutta la città per cominciare a vivere, respirare e toccare con mano lo spirito del programma Lacittàintorno: creare occasioni di incontro e scambio fra i cittadini, rafforzare il senso di appartenenza a un luogo e alla comunità che lo abita, favorire il benessere nelle aree più fragili delle grandi città creando nuove mappe culturali, artistiche e sociali.

E con questo stesso spirito, Rompiamo le righe! passerà il testimone a Sottocasa, il calendario delle attività culturali di Lacittàintorno che coinvolgerà le zone interessate dall’intervento fino a dicembre 2018.

Grande Natale della Presolana: mercatini, cultura e tradizioni della Val Seriana

Gli antichi mestieri 2
Gli antichi mestieri 2

Girata lo scorso anno la boa dei 5 lustri, ai mercatini di Natale di Castione della Presolana (Bergamo) l’entusiasmo non accenna a scemare e anche per la sedicesima edizione ad avvolgere le 40 casette tipiche in legno -da sempre vetrine/fucine di manufatti rigorosamente artigianali di pregio, dall’oggettistica all’enogastronomia, passando per gli addobbi natalizi- sarà un mondo magico, carico di emozioni e suggestioni per tutte le età.

In una sorta di borgo diffuso del Natale, sparso tra le frazioni di Bratto, Dorga e Rusio, dove respirare non solo le atmosfere delle Feste ma anche quelle di un mondo antico che qui sopravvive in scorci inattesi, per cinque fine settimana –il 18-19 e 25-26 novembre, il 2-3, il 7-10 (ponte dell’Immacolata) e il 16-17 dicembre- ci si potrà regalare un tuffo nella magia e nel passato.

Con un programma ricco di appuntamenti, laboratori, degustazioni, concerti, cori gospel e di montagna, rievocazioni e dimostrazioni di antichi mestieri, si tornerà a svelare, in un contesto unico, non solo la storia fiabesca del Natale ma anche quella spesso dura ma anche dolcissima di questa valle (la Seriana) laboriosa e fiera, bergamasca insomma.

A grande richiesta, confermate la Capanna della Natività dove, in attesa dell’arrivo del Bambino, abili artigiani sono al lavoro per scolpire il legno e la pietra, lavorare la paglia, martellare il rame, filare la lana e riproporre altri mestieri di quando i nonni erano bambini; la casa di Babbo Natale e il laboratorio degli elfi; il trenino della Presolana; la mostra fotografica “Castione nel Tempo” e l’esposizione per le strade di presepi, provenienti da collezioni private. Sempre tante le iniziative in programma: visite guidate ai borghi, racconti di vita contadina, corsi e laboratori a tema, concerti, cori, la sfilata di auto d’epoca e sfide insolite e divertenti, come l’ormai tradizionale corsa dei Babbi Natale.

A novembre e dicembre, dunque, non solo shopping, seppur di qualità, a Castione della Presolana, ma un vero e proprio evento, che ogni fine anno attrae migliaia di visitatori in una delle località più amate e apprezzate della montagna lombarda, alle spalle del Lago d’Iseo, a un soffio da Bergamo e non lontano da Milano.

“We’re Sixties – 18° anniversario”

We're Sixties
We’re Sixties

Metropoli festeggia il suo diciottesimo anniversario di apertura. Per questo ha organizzato una serie di eventi nelle domeniche di ottobre, dedicati agli anni sessanta, chiamata “We’re Sixties – 18° anniversario”.

Direttamente dagli anni 60 musica live con ospiti d’eccezione e il più taglio della maxi torta di compleanno. Il programma prevede domenica 8 ottobre con il gruppo  Formula3, il 15 con i Dik Dik, il 22 con Bobby Solo e il 29 ottobre i Camaleonti e il taglio della torta.  Centro Metropoli, via Amoretti, 1 Novate Milanese

Flash mob in Darsena a Milano per lo Swing’n’Milan

Swing'n'Milan
Swing’n’Milan

Venerdì 6 ottobre la Darsena di Milano (zona Piazza Ventiquattro Maggio) alle ore 18.00 sarà invasa dai ballerini dello SWING’N’MILAN che hanno preparato un coinvolgente flash mob per presentare la nuova edizione del festival internazionale dedicato al ritmo americano degli anni ’30 e ’40!

Decine di professionisti si esibiranno in balli e coreografie vestiti in pieno stile swing.
Lo SWING’N’MILAN si svolgerà allo Spirit de Milan dal 12 al 15 ottobre.

Fieracavalli 2017, la passione equestre è di casa a Verona

Giovanni Mantovani
Giovanni Mantovani

Tremila cavalli di 60 razze, 750 aziende del settore da 25 nazioni, oltre 160mila visitatori attesi in quattro giorni e 210 appuntamenti tra gare sportive, concorsi e show. Alla Fiera di Verona, dal 26 al 29 ottobre, torna Fieracavalli con l’edizione numero 119, presentata oggi a Milano.

Il cambio di data della più importante manifestazione in Europa dedicata al mondo equestre porta con sé anche novità nel programma, ad iniziare da quello sportivo. In primo piano, come sempre, le competizioni più prestigiose a livello nazionale e internazionale, con la 17ª edizione di Jumping Verona, l’unica tappa italiana della Longines FEI World CupTM che vede sfidarsi i binomi del top ranking del salto ostacoli mondiale.

Al debutto assoluto a Fieracavalli, invece, la prima edizione del FEI Pony Jumping Trophy, ma anche il rientro a sorpresa, dopo vent’anni, per l’Horseball, lo spettacolare mix tra basket e rugby a cavallo, in scena a Verona con il 1° FIHB KEP Horseball Masters. Cavalieri e amazzoni sono poi impegnati nei CSI 1* e CSI 2*, mentre tornano le KUR Dressage con la pluripremiata atleta olimpionica Valentina Truppa.

Non mancano le competizioni targate FISE (Federazione Italiana Sport Equestri), come il Gran Premio delle Regioni U21, la Coppa delle Regioni Pony, il Trofeo Pony, la Coppa dei Campioni Pony e la finale del Progetto Sport. Per respirare l’atmosfera a stelle e strisce, invece, l’appuntamento è con il Westernshow: due interi padiglioni dove assistere alle stock performance e agli speed event.

«Da mercato semestrale dei cavalli di fine ‘800 fino alla moderna Fieracavalli: per quasi 120 anni abbiamo accompagnato l’evoluzione del mondo equestre – commenta Maurizio Danese, presidente di Veronafiere –. Questo perché la rassegna riesce a rappresentare il settore nella sua globalità, promuovendone i comparti allevatoriale, turistico, sportivo e commerciale. Un valore aggiunto unico che conferma la fiera punto di riferimento indiscusso per appassionati, atleti, operatori, istituzioni, federazioni e associazioni».

Oltre che sullo sport, a Fieracavalli i riflettori sono puntati sull’equiturismo, fenomeno in crescita in tutta Europa e che nella sola Italia conta 120mila praticanti assidui, 1 milioni di appassionati stimati e un indotto che raggiunge i 900 milioni di euro. All’interno del padiglione riservato alle vacanze in sella è possibile scoprire itinerari dentro e fuori i confini del nostro Paese, ma anche incontrare maneggi, alberghi e strutture ricettive attrezzate.

«Il turismo è una delle principali linee di sviluppo per il futuro del settore equestre – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –. Come fiera stiamo investendo per far diventare il cavallo una ulteriore leva di marketing per i territori e proprio in occasione di questa edizione vogliamo presentare il primo master interamente dedicato al turismo equestre, organizzato insieme a European Academy for Rural Territories Hospitality e Ciset-Cà Foscari Università di Venezia».

In Fiera, spazio pure al business e al prodotto con le aree dedicate al b2c e al b2b, ma anche all’anima storica della manifestazione, il comparto allevatoriale. Si va dagli esemplari italiani promossi dal ministero delle Politiche agricole (Mipaaf) e dall’Associazione Italiana Allevatori (AIA), ai cavalli iberici e frisoni, fino agli appaloosa, paint e quarter dell’epopea western.

Qui fa il grande ritorno anche il cavallo arabo con Anica, l’Associazione Nazionale Italiana del Cavallo Arabo. Via libera al divertimento nell’area dedicata ai bambini, ma anche durante le Notti di Fieracavalli, l’offerta di intrattenimento non stop dal giovedì al sabato, fino alle 23. Da non perdere il Gala d’Oro serale Magnifique, che vede come guest star, Lorenzo, “il cavaliere volante”.

«Quella con Fieracavalli è una partnership strategica, fondamentale per la Federazione e per l’intera filiera equestre nazionale – sottolinea Simone Perillo, Segretario Generale della Fise –. Avere a Verona un momento di incontro che riunisce al contempo allevatori, sportivi e imprese, testimonia la forza e la vitalità del comparto».