Ron in concerto al Teatro Puccini di Firenze

ron foto_di_alessio_pizzicannella
ron foto_di_alessio_pizzicannella

Archiviata la partecipazione all’ultimo Festival di Sanremo, Ron torna alla sua dimensione ideale, quella live, a contatto con il pubblico.

Immancabile, in questo nuovo tour, la tappa fiorentina, lunedì 10 aprile al Teatro Puccini

per un concerto speciale che vede in primo piano i suoi più grandi successi e i brani tratti dal doppio album album “La forza di dire sì”.

Al suo fianco la rodata band composta da Mattia Del Forno, Emiliano Mangia, Maurizio Mariani, Francesco Caprara e Roberto Di Virgilio

Questa la tracklist del doppio album. CD1: “L’ottava Meraviglia”, “Ai confini del mondo”, “Al centro della musica” (con Marco Mengoni), “Io ti cercherò” (con Lorenzo Fragola), “Un momento anche per te” (con Francesco Renga), “Aquilone” (con La Scelta), “Anima” (con Malika Ayane), “Il sole e la luna” (con Kekko Silvestre), “Il gigante e la bambina” (con Lorenzo Jovanotti), “L’amore guarisce il dolore” (con Giusy Ferreri), “Non abbiam bisogno di parole” (con Pino Daniele), “Prigioniera a distanza” (con Emma Marrone), “Attenti al lupo” (con Elio e le Storie Tese), “Malala” (con Loredana Bertè) e “Nuvole” (con Biagio Antonacci).

CD2: “Una città per cantare” (con tutti gli artisti partecipanti e Neri Marcorè), “Stella mia” (con Max Pezzali), “Ascoltami”, “I Ragazzi italiani” (con Francesco De Gregori), “Cuore di vetro” (con Luca Barbarossa), “Piazza Grande” (con Arisa), “Caro amico fragile” (con Nek), “Il mare nel tramonto” (con Gigi D’Alessio), “Joe Temerario” (con Mario Biondi), “Libertà” (con Syria), “Per questa notte che cade giù” (con Bianca Atzei), “Il mondo avrà una grande anima” (con Niccolò Fabi) e “Chissà se lo sai” (con Lucio Dalla).

Libere disobbedienti innamorate – in Between

locandina-libere disobbedienti innamorate
locandina-libere disobbedienti innamorate

Tre donne arabe in una Tel Aviv che ribolle di cultura underground.
Tre giovani ostinate e coraggiose per una riflessione a cuore aperto sull’indipendenza femminile.

Tutta la potenza sovversiva della donna nel ritratto di una generazione disorientata, alla ricerca di libertà, gelosa della propria identità.

Un film di Maysaloun Hamoud. Con Mouna Hawa, Sana Jammelieh, Shaden Kanboura, Mahmud Shalaby, Riyad Sliman.
Uscita giovedì 6 aprile. Genere Drammatico

Masseria vip

Masseria vip
Masseria vip

DOPO IL GRANDE FRATELLO VIP E L’ISOLA DEI FAMOSI ARRIVA LA MASSERIA VIP!

SUL WEB ARRIVA UN NUOVO REALITY SHOW, MANILA GORIO ALLA CONDUZIONE!

Sono partiti ufficialmente i casting per trovare i 16 vip che faranno parte del primo reality web che sarà realizzato proprio pensando al mondo che oggi rappresenta internet e i social.Un nuovo esperimento dove i “masserini vip” così saranno chiamati dovranno cimentarsi non solo a convivere come accade in ogni reality ma dovranno affrontare numerose sfide, un reality show ma soprattutto reality game dove chi sarà in grado di mettersi in gioco fino in fondo arriverà alla vittoria.

Alla conduzione della “LA MASSERIA VIP” ci sarà la conduttrice transgender Manila Gorio, che già in passato ha condotto lo stesso reality nella versione tradizionale con concorrenti non famosi, reality andato in onda sul circuito di CANALE ITALIA, ma dopo la tv ora il reality rivisitato che promette scintille approderà sul web.

Stando ad alcune indiscrezioni sono già diversi i nomi che girano che potrebbero partecipare nella nuova edizione della ” La Masseria vip”, la famosa escort dello scandalo Berlusconi, PATRIZIA DADDARIO, la tanto chiacchierata SARA TOMMASI che ritornerebbe dopo un periodo diffiicle, alcuni ex concorrenti di altri reality come Grande Fratello, MASSIMO SCATTARELLA, DANILO NOVELLI, VERONICA GRAF, MIA CELLINI FLORIANA SECONDI, alcuni tronisti e ex concorrenti dell’ISOLA DEI FAMOSI.

Crediti, Foto Agenzia Fotografica OCCHIO MAGICO, Location DIMORA MAZZARO Putignano ( Ba)

Metropolitana M4: aggiornamenti

metropolitana-m4-milano
metropolitana-m4-milano

Si è conclusa la prima fase dei lavori di realizzazione della stazione Tricolore per la nuova linea metropolitana M4. Come da programma sono stati regolarmente realizzati tutti gli interventi per lo spostamento dei sottoservizi, ossia i lavori su fognatura, cavi elettrici, cavi delle telecomunicazioni, acqua e gas, e le altre opere preliminari.

La nuova fase del cantiere sarà caratterizzata, dopo la verifica sulla eventuale presenza di antichi ordigni bellici, dalla realizzazione dei cosiddetti diaframmi, le pareti in cemento armato poste lungo il perimetro delle stazioni e dei manufatti, necessari per il prossimo lavoro delle “talpe”.

Questa lavorazione potrà produrre rumore, generato dall’escavatore, dagli impianti (pompe e motori), dagli attriti che si generano nell’attività, e vibrazioni, causate dall’azione della ganascia di acciaio che penetra in profondità nel terreno.

Le vibrazioni saranno costantemente monitorate e rigorosamente tenute entro le soglie di possibile danno alle strutture, così come è avvenuto nei tanti cantieri (nelle stazioni e nei manufatti da Forlanini a Dateo, da Segneri a Frattini) dove si sono già concluse queste lavorazioni.

Per rendere possibile la nuova fase delle lavorazioni, da mercoledì 22 febbraio e per una durata di circa 18 mesi, il cantiere cambierà configurazione, attestandosi al centro di corso Concordia, mantenendo una corsia per senso di marcia: una in direzione Linate e una in direzione centro città.

Teatro alla Scala: “Die Meistersinger von Nürnberg “

Daniele Gatti
Daniele Gatti

Va in scena al Teatro alla Scala per sette rappresentazioni dal 16 marzo al 5 aprile Die Meistersinger von Nürnberg di Richard Wagner per la direzione del M° Daniele Gatti, regia di Harry Kupfer. Nelle parti principali cantano alcune delle voci più apprezzate del firmamento wagneriano del nostro tempo: Michael Volle (Hans Sachs), Markus Werba (Beckmesser), Jacquelyn Wagner (Eva), Michael Schade (Walter von Stolzing), mentre la schiera dei Lehrbuben è giustamente composta da allievi dell’Accademia della Scala e del Mozarteum di Salisburgo cui si aggiunge un allievo della Hochschule der Künste di Zurigo.

A due anni dalla sua ultima apparizione per Falstaff, il M° Gatti torna alla Scala con uno dei massimi capolavori di Wagner, da lui già diretto al Festival di Salisburgo nel 2013 e all’Opera di Zurigo nel 2012, dove vide la luce l’allestimento di Harry Kupfer che sarà alla Scala.

“Kupfer – scriveva George Loomis sul New York Times – crea un equilibrio ideale tra arte e umanità, ricordandoci nel contempo che i Meistersinger, nonostante alcuni dettagli inquietanti, sono il tipo di opera che scalda il cuore e ci rende felici di essere vivi”.