Ondata di caldo

Caldo
Caldo

ALLARME “CARONTE”: ANZIANI, BAMBINI, SPORTIVI INESPERTI E DONNE IN GRAVIDANZA A RISCHIO DISIDRATAZIONE

Mai così caldo da 150 anni. La prima eccezionale ondata di caldo che infiamma l’Italia porta con sé rischi soprattutto per la salute e il benessere del corpo. A rischio sono le categorie delicate  come donne, anziani, bambini e sportivi inesperti. Concentrazione, performance fisiche, affaticamento, senso di nausea e nei casi peggiori tachicardia e ipertensione sono i rischi più importanti legati alla disidratazione: per questo ogni categoria deve bere in relazione all’età e alle condizioni psicofisiche del proprio organismo.

È quanto riporta In a Bottle (www.inabottle.it) in un focus sul giusto approccio alla prima ondata di caldo.

Perdita di attenzione, difficoltà a mantenere la concentrazione e irrequietezza sono i primi sintomi da disidratazione a cui bisogna prestare attenzione per i bambini. Il pediatra Giuseppe Felice spiega il ruolo fondamentale di una corretta idratazione: “Essendo più delicato il rapporto tra acqua ed elettroliti fornire ai bambini la giusta combinazione di acqua e sali minerali diventa una condizione importantissima per il benessere psico-fisico. Tra i 6 e gli 11 anni i bambini dovrebbero bere all’incirca 1,8/2 litri d’acqua al giorno”. Inoltre anche il Natural Hydration Council di Londra ha rilevato come una buona idratazione aumenta considerevolmente le capacità cognitive, la memoria visiva ed in generale tutte le attività intellettuali dei più piccoli.

Senso di affaticamento; mal di testa e perdita della capacità di concentrazione; arrossamento della pelle; senso di nausea, vomito e perdita dell’appetito. Sono questi i molteplici sintomi della disidratazione negli anziani, i soggetti più a rischio anche a causa di alcuni fattori fisiologici legati all’età. “Purtroppo il rischio di disidratazione dell’anziano è fortemente sottovalutato, questo problema è probabilmente causato da alcuni fattori, per esempio il vivere in un clima temperato e relativamente umido implica uno stimolo all’assunzione di liquidi più basso del dovuto. –  afferma Massimo Venturelli docente di Scienze Biomediche all’Università di Milano  – Potrebbe essere scontato il sottolineare che bisogna bere acqua con un corretto e bilanciato contenuto di sali minerali, ma purtroppo la realtà è che gli anziani non bevono abbastanza acqua, o che spesso sostituiscono l’acqua con altre bevande con elevati contenuti di zuccheri (succhi di frutta, o bibite zuccherate), aumentando così il rischio di diabete. Il consiglio perciò più corretto sarebbe il bere acqua in piccole quantità ma spesso durante la giornata.

Anche gli sportivi, specie se inesperti, possono subire contraccolpi negativi dal grande caldo di questi giorni. Il colpo di calore è una pericolosa insidia da evitare. L’University Medical Center di Ohio spiega come può verificarsi questo inconveniente: questo fenomeno è dovuto a un incremento repentino della temperatura che comporta l’arresto della sudorazione, l’alterazione dei meccanismi legati alla termoregolazione, disidratazione cutanea. Per evitare queste spiacevoli conseguenze dovute allo stress sportivo unito al clima estivo, per l’atleta è essenziale una corretta idratazione.

Ma anche le donne in gravidanza sono altamente a rischio. Il corpo contiene circa 5 litri d’acqua e, durante la gravidanza arriva fino a 6 a causa dell’aumento del sangue necessario al formarsi della nuova vita. La dottoressa Mira Aubuchon, professore assistente del, spiega dipartimento di ostetricia e Ginecologia al Missouri Center for Reproductive Medicine and Fertility come il sangue sia veicolo di nutrimento per il feto in via di sviluppo e di come il corpo della mamma debba di conseguenza essere ben  idratato così da favorire al meglio questo passaggio di sostanze. g durante la gravidanza aiuta inoltre a mantenere costante la temperatura corporea favorendo un costante raffreddamento del corpo. Infine, mantenendo il corpo in uno stato di idratazione costante si contribuisce a ridurre notevolmente il mal di testa tipico della gravidanza.

EuroBasket Women 2017

Federazione Italiana Pallacanestro
Federazione Italiana Pallacanestro

EuroBasket Women 2017, Azzurre sconfitte dal Belgio nei quarti di finale Sabato la partita che vale il Mondiale 2018

Si interrompe nei quarti di finale il sogno della Nazionale Femminile di tornare tra le prime quattro d’Europa a 22 anni di distanza da Brno. Le Azzurre sono state sconfitte alla O2 Arena di Praga dal Belgio (79-66) ma il loro Europeo è tutt’altro che finito: sabato si torna in campo per affrontare la perdente di Lettonia-Spagna, in palio c’è un posto per il Mondiale 2018. Ovvero l’obiettivo dichiarato dalla squadra di Andrea Capobianco alla vigilia della manifestazione.

La miglior marcatrice delle Azzurre è stata Cecilia Zandalasini (23 punti), che si è confermata come una delle giocatrici più interessanti dell’EuroBasket Women 2017. In doppia cifra anche Giorgia Sottana con 17 punti, tutti realizzati nel secondo tempo.

“Abbiamo commesso qualche errore difensivo in avvio e il Belgio ci ha punito – ha commentato Andrea Capobianco – poi le ragazze sono state brave a rimontare punto su punto fino al -2. Sapevamo di affrontare una squadra che ha tante giocatrici di alto livello, nel finale il loro talento ci ha condannato. Cosa dirò alle ragazze per ricaricarle? Questo gruppo non ha bisogno delle mie parole per ritrovare le energie, in ogni caso dal primo giorno dico loro che abbiamo un sogno e che loro devono rispettarlo fino all’ultimo giorno di questo Europeo”.

Il Belgio ha fatto la differenza nel primo tempo, segnando 46 punti in 20 minuti (54% da due, 62% da tre). L’avvio è stato tutto di Meesseman, 10 punti e 5/6 al tiro nel primo quarto. L’Italia ha tenuto fino al 7-6 realizzato da Zandalasini, poi Kim Mestdagh ha avviato il 20-5 che ci ha fatto scivolare sull’11-27. La tripla di Ress (millesimo punto per Kathrin in Maglia Azzurra) ci ha ridato speranze e con la fiammata di Zandalasini l’Italia è tornata anche a -4 (27- 23). Vanloo ha messo la tripla del nuovo +7, nel finale del secondo tempo è stata ancora Kim Mestdagh (16 solo nel primo tempo) a consentire al Belgio di allungare fino al 46-33 dell’intervallo lungo.

Nel terzo periodo i 5 punti consecutivi di Sottana, a secco nel primo tempo, ci hanno riportato a contatto (49-42), con la difesa Azzurra capace di tenere il Belgio a 3 punti in cinque minuti dopo i 46 subiti nel primo tempo. Il gioco da tre punti di Zandalasini e poi la sospensione di Sottana per il 51-53, così l’Italia ha chiuso il terzo periodo sul -2 ma poi ha subìto l’8-0 in apertura di quarto periodo che ci ha condannato alla sconfitta, con Meesseman ancora grande protagonista (28 punti e 11 rimbalzi alla fine).

Il Belgio ha mantenuto un vantaggio in doppia cifra fino all’ultima sirena, è stata la tripla di Kim Mestdagh a chiudere il conto (70-60) a 3 minuti dalla fine.

Ma la partita più importante arriva sabato, con i 40 minuti che possono riportarci in un Mondiale a 23 anni dall’ultima volta.

Quarti di finale

BELGIO-ITALIA 79-66 (27-13; 46-33; 57-55)

Belgio: Linskens 2 (1/2), K. Mestdagh 19 (3/5, 4/8), Delaere 2 (1/1, 0/2), Hendrickx, Carpreaux 2 (1/4), Meesseman 28 (11/18), Wauters 17 (5/10), H. Mestdagh , Geldof ne, Nauwelaers 3 (1/1 da 3), Vanloo 6 (0/1, 2/4), Raman (0/1).

Coach: Philip Mestdagh

Italia: Italia: Penna 5 (1/4, 1/1), Gorini 4 (1/5), Sottana 17 (8/15, 0/3), Zandalasini 23 (8/15, 1/2), Dotto (0/2), Masciadri (0/1 da 3), Formica 2 (1/3), De Pretto, Crippa 6 (2/3, 0/1), Ress 9 (2/8, 1/3), Cinili (0/2). Coach: Andrea Capobianco.

Arbitri: Martinescu-Badalan (Romania), Rutesic (Montenegro), Suslov (Estonia).

T2P: Italia 23/57; Belgio 22/42.

T3P: Italia 3/13; Belgio 7/17.

TL: Italia 11/14; Belgio 14/17.

Rimbalzi: Italia 36; Belgio 38.

Palle perse: Italia 14; Belgio 14.

Palle recuperate: Italia 8; Belgio 6.

Assist: Italia 8; Belgio 25.

I QUARTI DI FINALE (Praga, 22 giugno)

Belgio-Italia 79-66

Ore 15.00 Turchia-Grecia

Ore 18.00 Spagna-Lettonia

Ore 20.30 Francia-Slovacchia

Lo spareggio per i quarti di finale

Italia-Ungheria 49-48 (12-14; 17-7; 5-19, 15-8)

Italia: Italia: Penna 2 (1/2, 0/1), Gorini (0/2), Sottana 12 (2/5, 2/3), Zandalasini 17 (5/12, 1/1), Dotto 12 (3/11, 2/4),

Masciadri (0/1), Formica 1, De Pretto, Crippa (0/1), Ress 5 (2/7), Cinili (0/2). Coach: Andrea Capobianco.

Ungheria: Fegyverneky 5 (0/4, 1/2), Raksanyi 7 (3/4, 0/2), Licksai, Simon 5 (1/2, 1/2), Varga, Medgyessy 2 (1/1),

Vandersloot 6 (3/9, 0/6), Krivacevic 15 (4/9, 0/4), Nagy-Bujdoso 3 (0/4, 1/5), Dubei, Hatar 5 (2/3), Zele (0/1, 0/0).

Coach: Stefan Svitek.

Arbitri: Juras (Serbia), Kozlovskis (Lettonia), Beliakov (Russia)

La prima fase, i tabellini

Bielorussia-Italia 60-80 (16-18; 12-20; 12-26; 20-16)

Bielorussia: Snytsina 13 (4/7, 0/5), Rytskaya 5 (1/3, 1/2), Likhtarovich 7 (1/3, 0/3), Ziuzkova 7 (2/4, 1/2), Papova 2

(1/3, 0/4), Filonchyk (0/1 da 3), Kress 5 (2/2), Holubeva ne, Bentley 17 (2/7, 2/5), Hasper 2 (1/3), Inkina 2 (0/1),

Ivashchanka ne. Coach: Trafimava.

Italia: Penna 3 (0/2, 1/1), Gorini 6 (2/4), Sottana 20 (5/13, 2/3), Zandalasini 18 (7/13, 1/2), Dotto 5 (2/4), Masciadri 2

(1/2, 0/2), Formica 6 (1/5), De Pretto 6 (1/1, 1/1), Crippa (0/2, 0/1), Ress 3 (1/3), Cinili, Macchi 11 (4/6, 1/3). Coach:

Capobianco.

Italia-Turchia 53-54 (17-12; 13-18; 12-15; 11-9)

Italia: Penna (0/2, 0/1), Gorini (0/1), Sottana 5 (2/9, 0/3), Zandalasini 23 (8/13, 2/2), Dotto 4 (2/10, 0/1), Masciadri 1

(0/2, 0/3), Formica 2 (1/4), De Pretto 2 (1/2, 0/1), Crippa 1 (0/1, 0/1), Ress 5 (1/2, 1/1), Cinili 5 (1/2, 1/1), Macchi 5

(1/3, 1/3). Coach: Capobianco.

Turchia: Bilgic ne, Cora, Turgut 3 (0/3, 0/1), Vardarli 3 (0/5, 1/5), Caglar 4 (2/9), Alben 8 (1/10, 1/4), Canitez 6 (2/5,

0/1), Hollingsworth 29 (10/20), Uner (0/2 da tre), Senyurek 1, Koksal, Ural. Coach: Memnun.

Italia-Slovacchia 68-61 (16-12; 17-18; 22-13; 13-18)

Italia: Penna 4 (2/5, 0/2), Gorini 2 (1/3), Sottana 15 (2/7, 3/5), Zandalasini 15 (5/9, 0/2), Dotto 11 (1/6, 2/3),

Masciadri 3 (0/2, 1/4), Formica 6 (3/4), De Pretto 4 (2/3), Crippa 2 (1/4), Ress 6 (3/3, 0/1), Cinili (0/2). Coach:

Capobianco.

Slovacchia: Mikulasikova 2 (1/1), Remenarova 5 (2/3), Zirkova (0/2), Dudasova 4 (2/4), Oroszova 6 (1/4, 1/2),

Balintova 13 (4/7, 0/3), Jurcenkova 2 (1/5), Ruzickova 9 (4/15), Vynuchalova 11 (3/6), Kovacikova, Slamova 9 (173,

2/4). Coach: Svoboda.

FIBA EuroBasket Women 2017

16 giugno: Italia-Bielorussia 80-60; Slovacchia-Turchia 58-69

17 giugno: Italia-Turchia 53-54, Bielorussia-Slovacchia 59-68

19 giugno:Italia-Slovacchia 68-61; Turchia-Bielorussia 88-74

Classifica: Turchia 6; ITALIA 4; Slovacchia 2; Bielorussia 0.

Italo incontra le agenzie

Italo
Italo

ITALO INCONTRA LE AGENZIE  ROAD SHOW IN VISTA DELL’ESTATE 2017

Italo non si ferma mai! Anche questa estate si presenta ricca di novità: nuovi collegamenti, nuove stazioni e tanti progetti in cantiere per il prossimo futuro. Per presentare tutto questo Italo incontra in un Road Show sul territorio le Agenzie di viaggio con le quali ha uno

stretto legame ed alle quali dedica costantemente una serie di iniziative volte a rafforzare la collaborazione.

Fabrizio Bona, Chief Commercial Officer, e Marco De Angelis, Responsabile delle vendite, hanno incontrato le agenzie di viaggio in 4 tappe, passando per Napoli, Roma, Bologna e Milano. Italo periodicamente incontra le Agenzie in quanto ritiene che queste rappresentino un punto di forza della propria strategia commerciale, lavorando al loro fianco come testimoniato dalla politica di incentivazione messa in atto nell’ultimo anno. Proprio per le Agenzie di Viaggio da Aprile è live il nuovo portale, dotato di funzionalità che rendono l’acquisto più rapido e più semplice.

Grazie al nuovo carrello ad esempio si possono acquistare più biglietti insieme, oppure si possono salvare gli itinerari preferiti, in grado di rendere il booking sempre più snello e ridurre le tempistiche delle operazioni dei banconisti.

Per quanto riguarda i collegamenti dall’11 giugno, con l’entrata in vigore del nuovo orario, ci sono 2 nuovi collegamenti giornalieri fra Roma e Napoli, passando così da 34 a 36. Viaggiare fra le due città con Italo, che sia per lavoro o per turismo, è estremamente comodo, grazie ad una vasta disponibilità di orari fra cui poter scegliere. Si va dal primo treno della mattina che parte da Napoli

alle 5.55, consentendo ai viaggiatori di raggiungere la Capitale alle 7:05, all’ultimo treno che da Roma Termini (22:55) arriva nel capoluogo partenopeo alle 00:05.

2 nuovi servizi quotidiani anche fra Napoli e Milano, dai vecchi 24 si passa a 26 collegamenti al giorno. C’è un nuovo servizio NOSTOP che partendo da Napoli alle 11:40 consente di arrivare a Milano Centrale alle 16:09, per immergersi direttamente nello shopping e nella movida della città  lombarda.

Chi invece parte da Milano avrà a disposizione un nuovo NOSTOP (alle ore 9:15) con il quale è possibile arrivare a Napoli alle 13:35, avendo così tutto il pomeriggio libero da dedicare a riunioni, meetings o ad una piacevole passeggiata turistica per il centro della città.

Diverse novità anche per i collegamenti da e per Ferrara, meta sulla quale Italo ha puntato raddoppiando i servizi giornalieri con Roma (da 4 a 8) ed aumentando quelli con Napoli (da 2 a 5, con l’ultimo treno che parte dal capoluogo estense alle 19:59 per raggiungere Napoli alle 00:05).

Grande novità di questa estate 2017 targata Italo è poi l’inaugurazione della fermata di Napoli Afragola. Questa nuova destinazione è collegata al network di Italo da ben 17 collegamenti quotidiani da/per le città di Salerno, Roma, Firenze, Bologna, Reggio Emilia AV, Padova, Venezia, Milano e Torino. Nello specifico, 14 saranno quelli da/per Milano, 2 collegamenti da/per Venezia e 1 per Verona.

Tanti anche i servizi dedicati ai viaggiatori che con il nuovo orario sono stati inaugurati, tutti volti a migliorare l’esperienza di viaggio dei passeggeri Italo. Uno su tutti è il nuovo servizio Fast Track, varco prioritario presso la stazione di Roma Termini (prima stazione del network Italo ad offrire questa possibilità), al quale possono accedere i viaggiatori Italo con un biglietto in ambiente Club o Prima e i possessori delle carte Italo Più Black, Platinum, Privilege e Gold Corporate. Il varco fast track è presidiato quotidianamente e nelle ore di maggior affluenza il personale Italo di stazione è a disposizione dei viaggiatori che si recano presso il varco, per fornire loro assistenza last minute oltre che supportarli nell’acquisto e modifica dei loro biglietti.

Dal 12 giugno è partito poi il presidio di alcuni treni da parte di agenti di Polizia Ferroviaria, grazie all’accordo siglato a marzo fra Italo e la Polfer. Le parti, grazie ad incontri periodici, individuano su quali servizi agire e così a bordo treno ci sono poliziotti in divisa che collaborano direttamente con l’equipaggio Italo. Tutto questo per rendere ancora più sicuro il viaggio dei passeggeri, in quanto Italo crede da sempre nella prevenzione e nella sicurezza, lavorando costantemente su questi aspetti.

Queste dunque le novità appena lanciate ma tante ce ne saranno ancora in questo 2017, che vedrà a fine anno debuttare i primi dei 12 nuovi treni Pendolino Italo, prodotti da Alstom. Questi nuovi treni andranno ad aggiungersi ai 25 già in flotta, per far sì che aumentino le frequenze su tratte come la Roma – Milano, meta di tantissimi business travellers, e che Italo possa correre su nuove rotte come la Torino – Venezia. “Il 2017 è per noi un anno molto importante, l’anno del primo utile nella storia di Italo. In questi 5 anni di attività abbiamo portato la competizione in un segmento dove non esisteva: competizione di prezzi, ridotti del 40% dal nostro ingresso sul mercato, ma anche competizione nei servizi. Noi non siamo assolutamente low cost e no frills. La nostra grande efficienza ci permette di offrire dei servizi al top a prezzi competitivi sia per il mondo business che per il mondo leisure di alta gamma. Senza un euro di sussidi pubblici riusciamo ad offrire prodotti innovativi e di alto livello” dice Fabrizio Bona, Chief Commercial Officer di Italo. “Con l’arrivo dei nuovi treni introdurremo ulteriori servizi che renderanno il viaggio con Italo un’esperienza unica e coinvolgente. In questo processo le agenzie di viaggio sono per noi fondamentali: grazie ad una collaborazione seria e ad un lavoro costante possiamo crescere insieme, ottenendo grandi risultati in grado di soddisfare noi di Italo, le agenzie che lavorano per noi ma più di tutti i nostri clienti/passeggeri garantendo loro un’esperienza di viaggio irripetibile”.

2° Festival Internazionale delle Bande

Sondrio
Sondrio

Tutto pronto per il 2° Festival Internazionale delle Bande

Sondrio, 21 giugno 2017. Torna tra Sondrio e Valmalenco, dopo il successo del 2016, la seconda

edizione del “Festival Internazionale delle Bande”.

Dal 1° al 4 luglio Castione Andevenno, Castello dell'Acqua e Caspoggio saranno i teatri delle

esibizioni della blasonata banda belga “Fanfare Royale Saint-Cécile d’Assesse”, affiancata dal

Corpo Bandistico di Castione Andevenno e dal Gruppo Musicale “Nuova Melodia” di Ponte in

Valtellina.

Tanta musica da ascoltare in un intreccio di riti e suoni. Da godere gratuitamente, assaporando

magari prodotti valtellinesi e scoprendo piccole realtà locali che sempre più vogliono curare la

propria tipicità.

Gemme turistiche da raggiungere anche con una gita 100% sostenibile, grazie a “Train&Bike

Sondrio e Valmalenco”: prima il treno e poi la bici, tutto in un unico biglietto.

E se non potete partecipare al Festival? Nessun problema: tradizioni, cultura, musica, sport, arte,

giochi, feste, gusto e molto altro ancora vi aspettano per la vostra estate tra Sondrio e Valmalenco.

Il programma del Festival della Bande è strutturato su 3 giorni con esibizioni aperte al pubblico che

dureranno circa 30 minuti per ogni banda. Ingresso libero.

Sabato 1° luglio, Caspoggio, Zenith – Centro della Montagna, ore 20:45:

-Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse (presente anche durante la Messa delle ore 16:45).

Lunedì 3 luglio, Castione Andevenno, Auditorium “Leone Trabucchi” ex Chiesa di San Rocco, ore

20:30:

-Corpo Bandistico di Castione Andevenno e Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse.

Martedì 4 luglio, Castello dell'Acqua, Mulino di Cà dell’Albert, ore 20:30:

-Gruppo Musicale “Nuova Melodia” di Ponte in Valtellina e Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse;

previsto servizio navetta (info).

La Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse sarà presente domenica 2 luglio alle ore 18:30

all'anteprima di AmbriaJazz 2017, presso l’Ostello Guicciardi di Boffetto, frazione di Piateda.

Sondrio e Valmalenco, nel cuore della Valtellina, è un territorio caratterizzato da una natura selvaggia, ma

generosa, incastonato tra le Alpi Orobiche e Retiche, tra cui svetta, con i suoi 4.050 metri, il pizzo Bernina.

Regno della neve d'inverno con 50 km di piste da sci, uno snowpark e una sconfinata offerta di attività

all'aria aperta, tra montagne bellissime e maestose, sa regalare una scenografia di colori, profumi e sapori

che mutano ad ogni stagione. Non mancano bellezze naturali, artistiche, storiche e scenari unici, come i

terrazzamenti vitati, sul versante retico dell'Adda, sui quali si producono pregiati vini che ben si

accompagnano ai migliori prodotti della tradizione enogastronomica valtellinese.

Tori Amos “Native Invader”

Native
Native

PUBBLICAZIONE SU ETICHETTA DECCA RECORDS: 8 SETTEMBRE 2017

TOUR EUROPEO: 6 SETTEMBRE – 6 OTTOBRE 2017

La cantante e autrice Tori Amos annuncia l’uscita del suo nuovo album Native Invader che sarà pubblicato su etichetta Decca Records l’8 settembre e sarà supportato da un tour mondiale che include date in Europa fino ad ottobre e, a novembre e dicembre, negli Stati Uniti e Canada.

Parlando del nuovo album, Tori Amos ha dichiarato:

“Le canzoni di ‘Native Invader’ sono state suggerite dalle Muse per trovare modi diversi di affrontare sfide impreviste e in alcuni casi conflitti pericolosi. Il disco guarda alla Natura e a come, attraverso la resilienza, essa stessa si riesca a curare. Le canzoni si pongono anche la domanda: qual è la nostra parte nella distruzione della terra, così come, allo stesso modo, ci comportiamo nei confronti l’uno dell’altro all’interno dei nostri rapporti?

Nella vita può esistere lo shock derivato da incendi inaspettati, inondazioni, terremoti, o qualsiasi genere di cataclisma – sia all’interno che all’esterno delle nostre menti. Musicalmente e visivamente volevo vedere il modo in cui la Natura riesce a “creare” avvalendosi della contrapposizione delle sue forze, diventando il rigeneratore finale attraverso i suoi cicli di morte e di rinascita. Ogni volta è in grado di rinnovarsi, possiamo trovare questo rinnovamento per noi stessi? “

Native Invader è il 15° album in studio per Tori dopo Unrepentant Geraldines del 2014, ottavo album ad essere entrato in classifica Billboard Top 10, ed è il primo pubblicato per Decca Records dopo la collaborazione con Mercury Classics.

Il carattere intimista della scrittura di Tori evidenzia un costante allargamento di confini attraverso la sua musica. I suoi messaggi di responsabilizzazione, tenerezza e al contempo fermezza, il suo sound assolutamente senza eguali parlano al pubblico in tutto il mondo. In questo nuovo album, Tori approfondisce ancora di più le sue esperienze personali.

Muovendosi su diverse piattaforme da vera pioniera, Tori è stata la prima artista di una importante major ad offrire un singolo in download. Nominata per diversi Grammy Awards, nel corso della sua carriera le sue canzoni sono state trasformate in romanzi grafici e hanno generato video all’avanguardia.

Alla fine del 2016 ha pubblicato la canzone del titolo “Flicker” per il famoso documentario di Netflix “Audrie e Daisy”, affrontando il tema delle violenze sessuali all’interno delle scuole superiori. Conosciuta per il coinvolgimento in attività filantropiche, Tori è co-fondatore della RAINN (Rape, Abuse e Incest National Network), la più grande organizzazione negli Stati Uniti contro la violenza sessuale.

L’autunno europeo di Tori Amos inizia il 6 settembre in Irlanda, con date in Europa a seguire. Arriva nel Regno Unito il 4 ottobre per una performance alla prestigiosa Royal Albert Hall di Londra, seguita dai concerti al Manchester’s Palace Theatre il 5 settembre e Glasgow’s O2 Academy il 6 ottobre.

Il 17 settembre sarà al Teatro degli Arcimboldi di Milano, unica data italiana.