Concerto di apertura della XIV Stagione Concertistica di Arteviva.

Matteo Baxiu
Matteo Baxiu

L’associazione musicale Arteviva è lieta di annunciare il primo appuntamento della sua XIV stagione concertistica:

Basilica di Santa Maria delle Grazie – Milano
Lunedì 6 novembre 2017 – ore 21.15

CORO E ORCHESTRA DA CAMERA ARTEVIVA

Solisti
Alessandra Giudici, Magdalena Aparta
Pasqule Tizzani, Daniele Caputo
Direttore
Matteo Baxiu

CONCERTO IN MEMORIA DI FRANCESCO BAXIU
(1936-2015)
Programma del concerto:

Wolfgang Amadeus Mozart
(Salisburgo, 27 gennaio 1756 – Vienna, 5 dicembre 1791)

MESSA DA REQUIEM KV 626 in Re minore
per soli, coro e orchestra
Introitus; Kyrie; Sequentia; Offertorium; Sanctus; Benedictus; Agnus Dei; Communio

Wolfgang Amadeus Mozart
(Salisburgo, 27 gennaio 1756 – Vienna, 5 dicembre 1791)

AVE VERUM CORPUS in Re maggiore KV 618
Mottetto per coro e orchestra

Teatro Strehler : “Pinocchio”

Pinocchio_LaRosa4_fotoBrunellaGiolivo
Pinocchio_LaRosa4_fotoBrunellaGiolivo

Dopo il debutto nel gennaio 2017, torna sul palcoscenico dello Strehler Pinocchio, prima regia di Antonio Latella in una produzione del Piccolo Teatro di Milano. Tutt’altro che ‘romanzo per bambini’, nel suo adattamento per la scena dell’opera di Collodi, Latella si pone davanti al burattino di legno, cercando uno sguardo depurato dalle infinite interpretazioni depositatesi per 135 anni; cercando, se esiste, quel che finora non è stato visto. Lo spettacolo sarà in tournée in Italia.

Siamo abituati a pensare che il burattino Pinocchio veda il proprio naso allungarsi ogni volta che dice una bugia; così ci hanno insegnato e questo abbiamo imparato a credere. Eppure anche questa è una menzogna raccontata dagli adulti. Il naso di Pinocchio, nella favola collodiana, si allunga varie volte, ma non sempre quando Pinocchio mente. A volte si allunga perché vive… Anche la fame è legata al naso, perché Geppetto ha pensato bene di creare al suo burattino uno stomaco. Il naso permette a Pinocchio di sentire il respiro della vita in modo diverso rispetto a noi…
Non so quale Pinocchio racconteremo; se lo sapessi sarebbe questa la prima menzogna da cui iniziare. Penso che Pinocchio appartenga a tutti, grandi e piccini, come ognuno di noi ha la sua idea di Pinocchio, in quanto egli risponde a ciò che noi stessi siamo o siamo stati, o a ciò che avremmo voluto essere. In questa appartenenza, in questa memoria condivisa risiede l’universalità del nostro personaggio, che proprio in quanto non esiste risulta più vero del vero. Come la pentola di fagioli pittati, come il fuoco dipinto nella povera casa di Geppetto, che sembra così vero che, al solo pensarlo, ci scalda l’animo. Sarà l’artificio del teatro, ancora una volta, a svelarci con il suo raffinato mentire la verità. Antonio Latella

Piccolo Teatro Strehler (Largo Greppi – M2 Lanza), dal 7 novembre al 18 novembre 2017

Roy Paci & Aretuska: da Novembre in Tour

ROY PACI_foto di Youness Taouil 3
ROY PACI_foto di Youness Taouil 3

Dopo il ritorno in gran stile con il nuovo disco di inediti “VALELAPENA” (Etnagigante/ArtistFirst), ROY PACI & ARETUSKA da novembre presenteranno dal vivo nei club delle principali città italiane il nuovo album e i loro più grandi successi.

La dimensione del live è senza dubbio quella in cui la band dà il meglio di sé, lo testimonia la loro lunga carriera e le numerose partecipazioni in prestigiosi festival di tutto il mondo, e anche durante questo tour saranno moltissime le sorprese e l’energia che coinvolgerà il pubblico.

“Valelapena”, infatti, è un disco di grande svolta per il suono di Roy Paci & Aretuska e questo cambiamento sarà il nuovo abito anche dei live, durante il quale verranno eseguiti sia i brani del nuovo disco sia canzoni del loro repertorio riarrangiate per l’occasione e verrà dato maggiore spazio, rispetto al passato, al sound elettronico.

«Quando stavamo lavorando al disco ci siamo domandati spesso in che modo saremmo riusciti a portarlo sul palco, la resa dal vivo di un lavoro come “Valelapena” è senza dubbio una sfida, ma è una sfida stimolante. Non vediamo l’ora di incontrare il pubblico che potrà assistere a un live rinnovato nei suoni, in linea con la nuova fatica discografica, ma sempre fedele a quei principi che hanno contraddistinto la nostra carriera: alta qualità musicale, impatto sonoro identitario e tanto divertimento, sopra e sotto il palco».

ROY PACI & ARETUSKA presenteranno live il nuovo album e i loro più grandi successi durante i seguenti appuntamenti (il calendario è in continuo aggiornamento e i concerti sono una produzione Massimo Levantini per Live Nation Italia, per info: www.livenation.it):

17 NOVEMBRE al DRUSO di RANICA (BERGAMO)
18 NOVEMBRE al CAMPUS MUSIC INDUSTRY di PARMA
23 NOVEMBRE al MAGNOLIA di SEGRATE (MILANO)
30 NOVEMBRE all’HIROSHIMA MON AMOUR di TORINO
2 DICEMBRE al FAQ di GROSSETO
7 DICEMBRE alla LATTERIA MOLLOY di BRESCIA
8 DICEMBRE al LAND OF FREEDOM di LEGNANO (MILANO)
22 DICEMBRE a I CANDELAI di PALERMO
23 DICEMBRE al LAND di CATANIA
6 GENNAIO al MONK di ROMA

Le prevendite per le nuove date saranno disponibili da martedì 24 ottobre su TicketOne e nei circuiti di vendita e prevendite abituali.

“Loving Vincent”al cinema: si replica il 20 novembre

LovingVincent_POSTER_REPLICA
LovingVincent_POSTER_REPLICA

Nexo Digital e Adler Entertainment sono orgogliose di annunciare che in soli tre giorni, il 16, 17 e 18 ottobre, Loving Vincent ha conquistato il botteghino italiano raccogliendo oltre 130 mila spettatori, superando Blade Runner e diventando il film evento più visto di sempre in Italia.

In tutti e i tre giorni di programmazione Loving Vincent ha di fatto rappresentato il 50% degli incassi totali di tutti i cinema italiani. 283 sale, di cui tantissime in sold out, hanno decretato un successo oltre le aspettative per il primo lungometraggio interamente dipinto su tela, scritto e diretto da Dorota Kobiela & Hugh Welchman e già vincitore del Premio del Pubblico all’ultimo Festival d’Annecy.

Distribuito da Nexo Digital e Adler Entertainment, il film è stato accolto con entusiasmo dal pubblico delle sale che è rimasto incantato dalle migliaia di immagini create nello stile di Vincent van Gogh realizzate da un team di 125 artisti che hanno lavorato anni per arrivare a un risultato originale e di enorme impatto. Per questo è stata programmata una replica in contemporanea nazionale per lunedì 20 novembre per tutti i cinema italiani che vorranno aderire all’iniziativa (elenco delle sale a breve su www.nexodigital.it)

Loving Vincent è un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura: 94 quadri di van Gogh sono stati riprodotti in una forma simile a quella originale e più di 31 dipinti sono stati rappresentati parzialmente.
Loving Vincent è distribuito da Nexo Digital e Adler Entertainment in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY, Sky Arte HD e MYmovies.it nell’ambito del progetto de La Grande Arte al Cinema.

Mantova Jazz Festival: “Cento anni di Jazz Italiano”

marcello abate solo,danilo Rea Solo,Milano Hot Jazz Orchestra
marcello abate solo,danilo Rea Solo,Milano Hot Jazz Orchestra

La 36^ edizione del Mantova Jazz Festival, dopo i concerti del 6, 12 e 14 ottobre che hanno visto protagonisti alcuni giovani talenti come Valter Ricci, Fabio Giachino trio e Camilla Battaglia, prosegue dando spazio al primo grande appuntamento teatrale della rassegna dal titolo “Cento Anni di Jazz Italiano” con

Venerdì 20 ottobre si comincerà già dalle ore 16 con la masterclass del pianista Danilo Rea presso l’Auditorium Monteverdi, per trasferirsi in serata al Teatro Bibiena (ore 21.00).

Per festeggiare al meglio i cento anni di jazz italiano infatti, il Chiozzini ha pensato ad un evento speciale, un viaggio nel tempo “a ritroso” che conduce dal futuro del nostro jazz, qui rappresentato dal giovane e talentuoso chitarrista Marcello Abate, al suo grande presente, incarnato dal pianista romano Danilo Rea, un maestro che Mantova Jazz ha il piacere di ospitare per la prima volta. A conclusione di questa festa del centenario, il contagioso ma rigorosissimo jazz tradizionale della Milano Hot Jazz Orchestra.

Con un pensiero dedicato a tutti i musicisti italo-americani, italiani e, perché no, mantovani (da Gorni Kramer a Gianni Bedori, fino ai protagonisti dello splendido momento attuale), che hanno contribuito a far grande la più imprevedibile delle avventure musicali del Novecento.
Il concerto inizierà alle ore 21.00 al Teatro Bibiena (apertura teatro 20.30) – prezzi dei biglietti da 15 a 25 euro.

Il festival proseguirà sabato 21 ottobre all’Arci Virgilio con un concerto inserito nell’ambito della Sezione Young sostenuta da SIAE Sillumina Bando 1 – Periferie Urbane “Mantova Jazz sezione YOUNG” : sul palco il progetto della compositrice romana Federica Michisanti dal titolo “Trioness” che si caratterizza per gli spiccati accenti melodici e le composizioni a firma della giovane contrabbassista. Con lei suoneranno Gianluca Vigliar al sax tenore e Simone Maggio al pianoforte – ore 21.30 ingresso gratuito con tessera Arci.