Teatro Duse di Bologna: “La cena perfetta”

Una cena perfetta foto Sollima
Una cena perfetta foto Sollima

Un ristorante scalcinato, un ispettore della Guida Michelin che amplifica i conflitti di una gestione simpaticamente disastrosa. Daniela Morozzi e Blas Roca Rey sono protagonisti di questa divertente commedia alla ricerca della cena perfetta

In una banlieue di Parigi, il “Girgenti”, piccolo ristorante dalla conduzione scalcinata e familiare, si prepara ad accogliere la quantomai insperata visita di un ispettore della Guida Michelin. L’esuberante proprietario del locale siciliano, lo chef Salvatore, insieme alla moglie Caterina, alla socia Lucia e al cameriere rumeno Cristian, attendono con ansia l’avvenimento, che amplifica tutti i conflitti di una gestione a dir poco disastrosa. Sono questi gli ingredienti iniziali della Cena perfetta di Sergio Pierattini con Daniela Morozzi e Blas Roca Rey per la regia di Nicola Pistoia.

Gli acquisti maniacali e dispendiosi dello chef (uniti alla sua tendenza ad alzare spesso il gomito), i debiti, l’eccentricità del cameriere, l’eccessiva generosità di Salvatore e le continue lamentele della moglie, stanno portando il locale al disastro.
Per questo cresce l’attesa per l’arrivo del critico gastronomico: tutto potrebbe cambiare con l’attribuzione delle famosissime stelle Michelin, a patto però di realizzare una cena perfetta! Ma non tutto andrà come previsto…

Teatro Celebrazioni di Bologna: “Di male in Seggio”

enrico bertolino
enrico bertolino

Dopo il successo ottenuto in occasione delle elezioni amministrative di Milano del 2016 prima e del referendum costituzionale poi, Enrico Bertolino torna a cimentarsi, debuttando il 19 e il 20 gennaio al Teatro Il Celebrazioni di Bologna con lo spettacolo Di Male in Seggio, con la formula dell’ instant theatre , format teatrale, creato insieme a Luca Bottura, in cui narrazione, attualità, umorismo, storia, costume, cronaca, comicità e politica (che spesso sono la stessa cosa) s’incontrano sulle assi di un palcoscenico.

Di Male in Seggio è un monologo satirico sospeso tra voto e realtà che parte da Zygmunt Bauman, il filosofo polacco teorico della società liquida scomparso ad inizio 2017, e arriva a Sergio Mattarella, il gestore, suo malgrado, della società in polvere. Lo spettacolo analizza, ridendone, il rapporto di noi italiani con la politica. Siamo davvero meglio di quelli che votiamo?

Oppure il parlamento non è altro che un grande condominio, simile a quello in cui viviamo e litighiamo ogni giorno, dove antipatia e astio immotivato per i vicini governano i rapporti tra le persone? Che differenza c’è tra votare a sfregio e rigare la macchina dell’inquilino di fronte perché parcheggia sempre male? La cresta sulla grondaia e le tangenti sugli appalti sono parenti?

Le alleanze per il governo e la conta dei millesimi ubbidiscono alle stesse logiche spesso grottesche? Proprio così: lo spirito con il quale ci accingiamo a scegliere i nostri nuovi parlamentari è simile a quello con il quale eleggiamo il nostro amministratore di condominio, una figura alla quale deleghiamo tutto per non avere seccature, salvo interpellarlo quando qualcosa non funziona.

Con una differenza: nel condominio alla fine un aggiustamento si trova. Il puzzo di broccoli della signora di sotto lo sopporti perché ti tocca vederla tutti i giorni. Ma prima di andare in cabina diventiamo improvvisamente intransigenti. E così l’odore del kebab diventa un affronto da sanare col sangue. Colpa dei social che ci rendono leoni da tastiera e da matita copiativa.

Intolleranza e populismi alimentati e diffusi da social e affini stanno smantellando la nostra società. Siamo disposti a rinunciarvi per ristabilire un ordine civile? Abbiamo “le palle” per uscire dall’indignazione del like e del meme da condividere. Possiamo prima o poi spegnere Facebook e accendere il cervello? Questo “effetto pantografo” che dà circolarità e muove tutto lo spettacolo, aiuta lo spettatore alla comprensione di alcuni comportamenti che suscitano la risata e inducono alla riflessione.

Bertolino intervista sul palco ospiti di spicco della vita pubblica nazionale che dicono la loro sull’esito possibile di questa lunga assemblea condominiale. A concludere lo spettacolo l’ormai tradizionale rassegna stampa fake con i titoli comici che, non senza una certa fatica, riescono ancora ad essere più divertenti di quelli veri.

Sul palco, a scandire i diversi momenti dello spettacolo e ad accompagnare lo stand up comedian milanese nelle sue performance musicali, ci saranno i polistrumentisti Roberto Antonio Dibitonto e Tiziano Cannas Aghedu con musiche originali e altre tratte dal grande repertorio della musica leggera italiana. Tra le musiche, anche un omaggio al grande Enzo Jannacci.

Luigi Busi. L’eleganza del vero 1837-1884

busi
busi

Palazzo d’Accursio, Bologna
28 gennaio – 18 marzo 2018
inaugurazione: 27 gennaio, ore 17.30

L’artista Luigi Busi è il protagonista della quattordicesima mostra retrospettiva promossa da Bologna per le Arti, associazione culturale da anni impegnata nel percorso di riscoperta e valorizzazione della pittura bolognese tra Ottocento e Novecento.

Si tratta della prima grande esposizione monografica dedicata al pittore nella sua città natale, che accoglierà circa quaranta opere di provenienza sia pubblica che privata affiancate dai dipinti dei maestri che hanno segnato la sua formazione e degli artisti contemporanei che ne hanno influenzato l’iter creativo.

La mostra è curata da Stella Ingino e inaugurerà sabato 27 gennaio 2018 alle ore 17.30 presso la Sala Ercole di Palazzo d’Accursio a Bologna. Per l’occasione sarà pubblicato anche un ampio catalogo dedicato alla variegata produzione dell’artista, corredato da testi critici di Stella Ingino, Ornella Chillè, Alessio Costarelli e Ilaria Chia.

L’arte di Luigi Busi trova la sua dimensione nel realismo ottocentesco, spaziando dalle opere di carattere storico a scene di vita borghese, con una predilezione verso temi familiari resi con vibrante sensibilità che gli garantirono ben presto l’ammirazione del pubblico. La morte prematura, avvenuta all’età di soli 47 anni, stroncò una brillante carriera caratterizzata da un grande successo che gli valse numerosi riconoscimenti ufficiali come la nomina di Socio Onorario presso l’Accademia di Belle Arti di Milano, di Bologna e di Perugia, oltre al titolo di Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia.

La mostra ha ottenuto il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Bologna e dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.

Nel corso dell’esposizione, e precisamente tra febbraio e marzo 2018, si terrà l’ottava edizione dei “Dialoghi Culturali a Palazzo d’Accursio”, un ciclo di conferenze sull’arte e le sue declinazioni tenute da studiosi e personalità del panorama culturale della città. Gli appuntamenti si terranno presso la Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 28 gennaio al 18 marzo 2018 e si potrà visitare gratuitamente martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.30 e venerdì dalle 15 alle 18.30 (lunedì chiuso).

Roberto Bolle and Friends: aperture prevendite all’EuropAuditorium di Bologna

R Bolle Giovanni Gastel
R Bolle Giovanni Gastel

Il 27 febbraio, per il quarto anno consecutivo, Roberto Bolle torna al Teatro EuropAuditorium di Bologna, con il suo ROBERTO BOLLE and FRIENDS, Gala di cui non è solo interprete, ma anche direttore artistico.
Un evento speciale pensato per una città a cui Bolle è particolarmente legato essendo stato il fulcro del suo primo FanClub. Una città che ha sempre tributato alla stella della danza internazionale un affetto e una devozione speciali.

C’è ancora riserbo sul cast e il programma che lo stesso Roberto Bolle sta preparando, ma come sempre l’étoile della Scala – che è anche Principal Dancer dell’ABT di NY – non mancherà di coinvolgere alcuni tra i nomi più importanti del panorama tersicoreo internazionale per offrire al pubblico bolognese una serata di danza al suo massimo livello.
PREZZI (comprensivi di prevendita): I platea 115,00 € – II platea 80,00 € – I balconata 65,00 € – II balconata 52,00 €

PREVENDITE acquistabili presso la biglietteria del TEATRO EUROPAUDITORIUM (Piazza Costituzione, 4, Bologna) aperta dal lunedì al sabato, dalle 15.00 alle 19.00, presso la biglietteria del TEATRO IL CELEBRAZIONI (Via Saragozza, 234, Bologna), aperta dal lunedì al sabato, dalle 15.00 alle 19.00, attraverso il circuito VIVATICKET-CHARTA, i punti d’ascolto delle IperCoop e il circuito TICKETONE, oltre alle prevendite abituali di Bologna e provincia e attraverso il sito www.teatroeuropa.it. Per informazioni: 051.372540 – 051.6375199 – info@teatroeuropa.it

Federica Panicucci presenta Wind Capodanno in Musica

capodanno-5-con-federica-panicucc
capodanno-5-con-federica-panicucc

Domenica 31 dicembre 2017, dalle ore 21.00, su Canale 5, Federica Panicucci presenta “Wind Capodanno in Musica” in diretta dall’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO).

Tanta musica per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno con artisti, musicisti e interpreti che hanno fatto la storia della canzone italiana insieme ad altri che, negli ultimi anni, hanno incendiato le platee e dominato le classifiche di vendita.

I nomi, tutti di primo piano, sono: Alexia, Annalisa, Benji & Fede, Michele Bravi, Alex Britti, Federica Carta, Fred De Palma, Elodie, Francesco Gabbani, Chiara Galiazzo, Marco Masini, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Nesli, Noemi, Gabry Ponte, Riki, Ron, Enrico Ruggeri, Sergio Sylvestre, Shade, Anna Tatangelo, Thomas, Mario Venuti, Michele Zarrillo. La regia è affidata a Roberto Cenci.

L’intero evento sarà trasmesso a partire dalle 21.00 in diretta su Canale5 e in contemporanea su Radio 105, R101 e Radio Subasio.

“Capodanno in musica” sostiene per il secondo anno il progetto di Mediafriends, insieme a Intersos e Psy Plus Onlus, “I bambini al centro della ricostruzione” rivolto alle popolazioni colpite nel Centro Italia dal devastante terremoto del 2016.
Mediafriends ha mantenuto la promessa di realizzare un progetto utile, concreto e duraturo nel tempo. L’obiettivo è quello di contribuire al superamento dei vissuti dolorosi e traumatici legati al sisma attraverso un supporto psicologico, educativo e formativo rivolto, in particolare, ai bambini e alle loro famiglie.
I telespettatori potranno sostenere il progetto attraverso diverse modalità di donazione: bonifico bancario IBAN IT03 S030 6909 4000 0000 0006 262 – BIC BCITITMM o carta di credito e Paypal sul sito Mediafriends www.mediafriends.it