Sorteggiati i Gironi degli Europei Under 2018

fiba europe
fiba europe

Presso la sede FIBA di Monaco di Baviera (Germania) si sono svolti i sorteggi per la composizione dei Gironi dei Campionati Europei giovanili 2018.

Le prime a scendere in campo sono gli Under 20 maschili e femminili. Nell’Europeo Under 20 di scena a Chemnitz (Germania, dal 14 al 22 luglio), i ragazzi di coach Eugenio Dalmasson sono stati inseriti nel Girone D, con Serbia, Svezia e Islanda. A Sopron (Ungheria, dal 7 al 15 luglio) le ragazze di coach Sandro Orlando se la vedranno nella prima fase con Svezia, Francia e Repubblica Slovacca.

A Udine l’Europeo Under 18 femminile. Nel capoluogo friulano, nel recente passato sede di tantissimi eventi giovanili e nel 2017 città ospitante del Mondiale Under 19 femminile, si svolgerà l’Europeo Under 18 femminile (4-12 agosto). Le Azzurre sono nel Girone A, con le campionesse in carica del Belgio, Croazia e Svezia. L’evento maschile si disputa invece a Ventspils, Liepaja e Riga (Lettonia, dal 28 luglio al 5 agosto 2018). L’Italia di coach Andrea Capobianco è nel Girone A, con i padroni di casa della Lettonia, oltre a Croazia e Grecia.

Chiudono il calendario delle manifestazioni continentali gli Under 16. A Novi Sad (Serbia, dal 10 al 18 agosto), gli Azzurri di coach Antonio Bocchino sono nel Girone D, con i campioni in carica della Francia, Estonia e Georgia. Le Azzurre di coach Giovanni Lucchesi volano invece a Kaunas (Lituania) dal 17 al 25 agosto. Inserita nel Girone C, l’Italia è con l’Ungheria (vice campione in carica), Croazia e Polonia.

La Nazionale Under 17 femminile al Mondiale. Grazie al Bronzo conquistato dalle ragazze di coach Roberto Riccardi nell’Europeo Under 16 2017, la Nazionale Under 17 prenderà parte al Mondiale in programma a Minsk (Bielorussia) dal 21 al 29 luglio 2018. Il sorteggio dei Gironi avverrà il 6 marzo. Dal 30 giugno all’8 luglio si disputerà a Santa Fe e Rosario (Argentina), il Mondiale Under 17, al quale l’Italia non si è qualificata (sorteggio il 14 marzo).

La formula. La formula degli Europei giovanili prevede la divisione delle 16 squadre partecipanti in 4 gironi. Dopo la prima fase “all’italiana”, tutte le squadre accedono al tabellone ad eliminazione diretta. Le squadre vincenti proseguono il cammino verso la zona Medaglia. Le squadre battute vengono inserite in tabelloni per la definizione delle posizioni dalla quinta alla sedicesima. Le ultime tre squadre classificate retrocedono in Division B.

Ecco le sedi, le date e i gironi dei Campionati Europei e Mondiali Under maschili e femminili 2018

Europeo Under 20 maschile
Chemnitz (Germania), 14-22 luglio 2018

Girone A

Gran Bretagna
Lituania
Montenegro
Turchia

Girone B

Ucraina
Francia
Croazia
Spagna

Girone C

Romania
Germania
Israele
Grecia

Girone D

Islanda
ITALIA
Svezia
Serbia
Europeo Under 20 maschile – Division B
Sofia (Bulgaria), 13-22 luglio 2018

Europeo Under 18 maschile
Ventspils, Liepaja, Riga (Lettonia), 28 luglio – 5 agosto 2018

Girone A

Croazia
Grecia
ITALIA
Lettonia

Girone B

Turchia
Russia
Francia
Germania

Girone C

Spagna
Ucraina
Finlandia
Bosnia ed Erzegovina

Girone D

Lituania
Gran Bretagna
Montenegro
Serbia

Europeo Under 18 – Division B
Skopje (Macedonia), 27 luglio – 5 agosto 2018

Europeo Under 18 maschile – Division C
Prishtina (Kosovo), 22-29 luglio 2018

Mondiale Under 17 maschile
Rosario, Santa Fe (Argentina), 23 giugno–8 luglio 2018
Sorteggio 14 marzo 2018

Europeo Under 16 maschile
Novi Sad (Serbia), 10-18 agosto 2018

Girone A

Lituania
Israele
Slovenia
Montenegro

Girone B

Spagna
Lettonia
Paesi Bassi
Serbia

Girone C

Turchia
Germania
Grecia
Croazia

Girone D

Francia
Estonia
Georgia
ITALIA

Europeo Under 16 maschile – Division B
Sarajevo (Bosnia ed Erzegovina), 9-18 agosto 2018

Europeo Under 16 maschile – Division C
Serravalle (San Marino), 3-11 luglio 2018

Europeo Under 20 femminile
Sopron (Ungheria), 7-15 luglio 2018

Girone A

Slovenia
Germania
Russia
Serbia

Girone B

ITALIA
Svezia
Francia
Repubblica Slovacca

Girone C

Ungheria
Polonia
Lettonia
Croazia

Girone D

Belgio
Portogallo
Spagna
Paesi Bassi

Europeo Under 20 femminile – Division B
Oradea (Romania), 7-15 luglio 2018

Europeo Under 18 femminile
Udine, 4-12 agosto 2018

Girone A

Belgio
ITALIA
Croazia
Svezia

Girone B

Slovenia
Germania
Lettonia
Ungheria

Girone C

Bosnia ed Erzegovina
Spagna
Repubblica Ceca
Serbia

Girone D

Irlanda
Francia
Russia
Polonia
Europeo Under 18 femminile – Division B
Oberwart, Gussing, Furstenfeld (Austria), 3-12 agosto 2018

Europeo Under 18 femminile – Division C
Andorra la Vella (Andorra), 24-29 luglio 2018

Mondiale Under 17 femminile
Minsk (Bielorussia), 21-29 luglio 2018
Sorteggio 6 marzo 2018

Europeo Under 16 femminile
Kaunas (Lituania), 17-25 agosto 2018

Girone A

Francia
Turchia
Belgio
Repubblica Ceca

Girone B

Spagna
Serbia
Paesi Bassi
Lettonia

Girone C

ITALIA
Croazia
Polonia
Ungheria

Girone D

Germania
Lituania
Danimarca
Russia

Europeo Under 16 femminile – Division B
Podgorica (Montenegro), 16-25 agosto 2018

Europeo Under 16 femminile – Division C
Chisinau (Moldavia), 3-8 luglio 2018

Dichiarazioni presidente LBA Bianchi.

bianchi
bianchi

A seguito dell’odierna conferenza stampa tenuta dal presidente della Legabasket Serie A Egidio Bianchi, la Fip intende ripercorrere lo sviluppo recente dei rapporti tra la stessa Fip e la Lega.

Innanzitutto giova ricordare come lo Statuto federale preveda che la Legabasket Serie A, che negli ultimi anni ha visto avvicendarsi diversi presidenti e un general manager, agisca solo ed esclusivamente su delega e riconoscimento della Federazione Italiana Pallacanestro. Delega che lo scorso anno per sei mesi, da marzo a settembre 2016, era stata revocata dalla Fip.

Nel 2017, allo scadere della convenzione firmata anni prima dagli allora presidenti Fip-Lega Dino Meneghin e Valentino Renzi, la Federazione su esplicita richiesta della Lega prorogò di un anno l’accordo sull’eleggibilità con la promessa, da parte dell’associazione delle società del massimo campionato, che sarebbe stato presentato un ampio progetto di ristrutturazione della stessa Lega.

Nel mese di giugno 2017 la Legabasket ha presentato uno studio che prevedeva l’ampliamento del campionato di Serie A a 20 squadre con il blocco delle retrocessioni. La Fip, considerato l’alto numero di squadre partecipanti al campionato di A2, ha deliberato che con un piano pluriennale si arrivi a due promozioni e due retrocessioni.

Nel mese di novembre dell’anno ancora in corso, la Legabasket Serie A ha presentato alla Fip un nuovo progetto, che prevede tra le altre cose la possibilità di ingaggiare anche dodici giocatori stranieri dietro il pagamento di una cosiddetta “luxury tax”.

Sempre quest’anno, durante il Consiglio Federale dello scorso aprile, la Fip ha deliberato che le gare dei playoff del campionato in corso siano disputate in impianti con capienza minima di 5.000 posti a sedere, disponendo che tale regola debba essere applicata anche alle gare della regular season nella prossima stagione (2018/2019).

Nonostante la Fip abbia ricordato alla Legabasket tale adempimento con una comunicazione ufficiale agli inizi del mese di novembre, nessuna risposta è mai pervenuta sull’argomento da parte della stessa Lega. Al contrario, alcune società (Venezia, Sassari e Trento) hanno preso contatto con la Fip per trovare soluzioni idonee in attesa di poter adempiere alla norma.

In ultimo, stupisce davvero il nuovo repentino cambio di rotta odierno circa l’impiego di giocatori stranieri (sei con possibilità di passare a otto dietro pagamento di una “luxury tax”).
Tale proposta arriva ancora una volta senza un preliminare confronto con la Federazione.

Nel corso del Consiglio Nazionale CONI dello scorso 19 dicembre, il presidente Fip Giovanni Petrucci ha rimarcato l’eccessivo impiego di giocatori stranieri nel nostro campionato ricevendo dal presidente CONI Giovanni Malagò esplicito impegno di appoggio alla linea federale per la tutela del patrimonio nazionale.

Nel contempo la Fip sta studiando un progetto sull’impiego di giocatori italiani e attività giovanile che nelle prossime settimane verrà portato all’attenzione dell’associazione giocatori e delle altre parti interessate.
La Fip, con rammarico, è però costretta a registrare l’impossibilità di confrontarsi con la Legabasket Serie A su temi più ampi delle contingenze del momento e su un piano che coinvolga in toto il sistema basket.

Partita A2: Geas – Bolzano

partita geas
partita geas

Sabato 16 dicembre (20.30) al PalaNat la capolista Geas sfiderà la Itas Alperia Bolzano nella dodicesima giornata di campionato. Mancano quattro turni alla fine del girone d’andata, quando le prime quattro classificate conquisteranno l’accesso alla Final Eight di Coppa Italia.

Considerando la situazione di classifica e i 6 punti di vantaggio sulle quarte, il traguardo è già a portata di mano per il Geas, ma mantenere il primo gradino del podio comporterebbe il vantaggio di incrociare la più abbordabile quarta in classifica del Girone Sud (al momento l’Andros Basket Palermo). Nel palmarès delle rossonere di coppe Italia ce ne sono due: una di A1 ottenuta dal grande Geas di Bocchi, Bozzolo, Toriser, Agostinelli, Colavizza nel 1973 e una di A2 strappata a Ferrara nella finale di marzo 2015 (annata che vide Sesto risalire per l’ultima volta nella massima serie).

Quello tra il Geas e le fasi finali di Coppa Italia è un rapporto di continuità: negli ultimi cinque anni le sestesi ci sono sempre arrivate (una volta, nel 2013, nell’allora esistente A3, dopo la ricollocazione forzata da problemi societari). Lo scorso anno peraltro maturò la delusione dell’inattesa eliminazione al primo turno per mano di Ferrara.

Contro Bolzano, le sestesi sono chiamate alla massima concentrazione, per provare a mantenere i record di imbattibilità e di miglior difesa (547 punti subìti). Il roster a disposizione di coach Zanotti non è ancora al completo: Galbiati e Mariani hanno ripreso a lavorare continuativamente dopo il lungo stop, ma la loro presenza sabato rimane un’incognita; Zagni sarà invece ancora indisponibile, dopo il problema muscolare della settimana scorsa.

Le trentine, attualmente terzultime a pari merito con Albino e Carugate, hanno un record di tre vittorie e otto sconfitte. Per il gruppo allenato da Maurizio Travaglini, due innesti durante l’estate: la play classe ’89 Maria Daniela Servillo e il pivot del ’96 Chiara Villarini. In stagione Servillo sta viaggiando a 9,1 ppg, Villarini a 7,3 ppg e 7,8 rpg, l’ala Fall (classe ’89) a 10,5 ppg e la pivot croata di 192 cm nata nel 1992 Matic a 12,5 ppg e 7,8 rpg.

COACH ZANOTTI – “Galbiati e Mariani si stanno riprendendo: hanno una settimana in più nelle gambe e hanno iniziato a fare anche qualche allenamento di sola pallacanestro. La loro disponibilità per sabato è però tuttora incerta. Invece di sicuro non ci sarà Zagni, che sta recuperando dal risentimento al muscolo che l’ha tenuta fuori già contro San Martino. Bolzano è una squadra compatta e determinata: non bisogna stimare il loro valore analizzando solamente i risultati ottenuti: nelle sconfitte non subiscono mai scarti eccessivi e lottano sempre fino all’ultimo minuto. È una partita per nulla scontata: dobbiamo scendere in campo con il massimo della determinazione e dell’impegno. La nostra attenzione difensiva sarà rivolta maggiormente a limitare Matic e Fall. Conosciamo Matic molto bene, l’abbiamo incontrata anche due anni fa nella finale promozione con Castel San Pietro: è una giocatrice molto elegante e che sa far male. Fall nella trasferta dello scorso anno si è rivelata un problema con i suoi 20 punti. Il gruppo non è cambiato molto dall’anno scorso: in estate hanno aggiunto la play Servillo e la lunga Villarini. Sarebbe un grave errore da parte nostra sottovalutarle”.

Sarà anche possibile seguire la gara in streaming dal canale YouTube Geas Basket: appuntamento a sabato (20.30) per Geas – Bolzano.

Geas – Pordenone

bask
bask

Al PalaNat il Geas conquista agevolmente i due punti contro le giovanissime avversarie del G&G International Pordenone, società-incubatrice dei talenti Reyer, e approfitta della contemporanea sconfitta di Costa Masnaga sul campo del Sanga per portare a 4 lunghezze il vantaggio sulle seconde. È la sera del ritorno sul campo di Elisa Ercoli, che in 24’ di utilizzo ha mostrato di essersi ripresa bene dall’infortunio muscolare che l’ha tenuta fuori un mese e mezzo.

Gara sempre in controllo per le padrone di casa, che incrementano via via il vantaggio, pur in un contesto di ampie rotazioni: la partita consente di far rifiatare chi ha dovuto fare gli straordinari nelle partite precedenti e un paio di ragazze febbricitanti per influenza stagionale.

Il primo quarto si conclude sul + 8. Il vantaggio aumenta fino al + 22 con 1’30’’ da giocare nel secondo tempino. La terza frazione è più equilibrata (22-21), ma dal +19 di inizio quarto quarto si tocca il massimo di +26 a 2’ dal termine: la partita è in realtà già in ghiaccio dal secondo quarto, ma le friulane con 1’40’’ sul cronometro accorciano la distanza con un parziale di 10-2. Alla sirena sul tabellone si legge 75-57.

Ancora giornata di grande fatturato per Bea Barberis, che, seppur influenzata, timbra una prestazione da 25 punti, 5 rimbalzi e 26 di valutazione in 29’: in stagione sta viaggiando a 17,5 ppg (21,5 ppg nelle ultime sei gare). Ottimo ritorno di “Elison” Ercoli: in 24’ 14 punti, 12 rimbalzi (4 offensivi), 2 stoppate e 26 di valutazione con 6/6 da due e 2/2 dalla lunetta.

Gara diretta egregiamente dalla regista Francesca Gambarini: 8 punti e 8 assist. Ampio spazio alle giovani: 7 rimbalzi e 4 assist per Lucia Decortes e 7 punti con 4 assist per Ilaria Panzera, prima che si trovi costretta ad abbandonare il campo per una scavigliata ad inizio quarto quarto. Notizia ancor più spiacevole poiché Ilaria avrebbe dovuto partecipare domani al raduno della nazionale Under 16, della quale è una delle trascinatrici.

Per le ragazze di coach Stefano Bonivento, nella loro miglior formazione, solida prova di Sara Madera (11 punti e 8 rimbalzi), Laura Meldere (11 punti) e Anna Togliani (7 punti e 3 assist in 18’). Pordenone rimane in penultima posizione a pari merito con Albino e Cagliari.

Geas a Vicenza contro la violenza sulle donne

WhatsApp Image 2017
WhatsApp Image 2017

Anche il Geas si schiera contro la violenza sulle donne: domenica, durante la partita Vicenza – Geas, le sestesi scenderanno in campo con un nastro arancione sulle maglie, a testimonianza della loro mobilitazione. Il 25 novembre è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e molti sono gli enti e i personaggi impegnati in questa battaglia, che prenderanno parte a eventi e manifestazioni in Italia e nel mondo. L’arancione è il colore scelto dall’Onu per simboleggiare questa importante tematica sociale.