Eccellenze produttive

fabrizio-sala-limbiate-tour-imprese-
fabrizio-sala-limbiate-tour-imprese-

“Stiamo visitando le eccellenze delle nostre attivita’ produttive brianzole, che vogliamo conoscere e supportare anche per sapere come programmare al meglio i prossimi piani di sviluppo. Sostenendo i migliori siamo sicuri che possiamo vincere la sfida della competitivita’ anche a livello internazionale e migliorare di conseguenza l’occupazione sul nostro territorio”.

Lo ha detto il vice presidente di Regione Lombardia e assessore alla Casa, Housing sociale, Expo e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala, che ha organizzato il tour delle imprese ‘La forza della Brianza’, con cui nei prossimi mesi ha previsto di fare visita alle eccellenze
territoriali brianzole.

 In questa tappa, il vice presidente ha visitato l’azienda AM Instruments srl accolto dai proprietari Roberto Fossati e Cinzia Pagani, l’azienda NKE srl dove ha incontrato i proprietari Domenico Negroni, Marco Luzzini e Paolo Casadio, l’azienda ELCO srl accolto dai proprietari Carlo Ghezzi e Fabio Motta, l’azienda AF saldature srl accolto dal proprietario Flavio Ferretto e l’azienda Termo Idraulica Ripamonti dove ha incontrato il proprietario Rinaldo Ripamonti.
Nel suo tour il vice presidente e’ stato accompagnato dal presidente del Consorzio ALA2010 di Limbiate, Francesco Cioffi

Freddo: Assistenza sanitaria ai senza dimora

Majorino
Majorino

L’inverno è ormai arrivato. E Milano ha messo a punto, anche quest’anno, il piano di interventi organizzato e coordinato per assicurare riparo e aiuto alle persone senza dimora nella stagione climaticamente più dura. Numerose sono le associazioni e le fondazioni impegnate in uno sforzo di solidarietà che permette di mettere a disposizione fino a 2.780 posti letto per la sola emergenza e fornire servizi essenziali di accoglienza e assistenza dei senza dimora.

Tra esse la onlus Medici Volontari Italiani che offre assistenza sanitaria gratuita agli esclusi dalla sanità pubblica e che è stata incaricata di effettuare lo screening medico preventivo, necessario per autorizzare l’accesso ai dormitori pubblici e che dedica particolare attenzione ad individuare eventuali patologie, in particolare quelle riguardanti l’apparato respiratorio che possono rappresentare un rischio per la persona e la vita in comunità.

“Medici Volontari Italiani – afferma l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – è un tassello essenziale dei Servizi per le persone in difficoltà. Un’organizzazione che unisce competenza e dedizione e che spesso va a coprire le lacune del Sistema sanitario che ancora non dà risposte soddisfacenti alla grave emarginazione. Ringraziamo tutti i medici impegnati ogni anno in questa attività di volontariato”.

A tutte le persone inserite dal Centro Aiuto Stazione Centrale in un centro viene effettuata una visita medica ed è richiesto di recarsi a Villa Marelli per effettuare il Test Mantoux. Molti dei senza fissa dimora, avendo perso la residenza, sono esclusi anche dal Sistema Sanitario nazionale (non hanno ad esempio il medico curante) e possono solo ricevere cure di emergenza.

Gli operatori di Medici Volontari Italiani da metà novembre hanno avviato le visite di controllo nel poliambulatorio permanente dell’associazione in via Padova e nell’Unità medica mobile, un camper attrezzato che, in occasione del piano, è utilizzato in via Ferrante Aporti, presso il Centro Aiuto Stazione Centrale e la sera in Stazione Centrale.

Da molti anni ormai l’associazione Medici Volontari Italiani partecipa al piano con questo servizio, che sposa perfettamente la missione che si è data: fare “medicina di strada”, nella consapevolezza che il primo fattore di rischio mortalità e morbilità è rappresentato dalla marginalità sociale.
Nel 2016 i medici hanno effettuato 4.722 prestazioni (il 16% in più del 2015), a cui vanno aggiunte 978 prestazioni nell’ambito del piano per i senza dimora dell’inverno 2016/2017.

Sciopero medici

Cpa-assessore-regionale-Giulio-Gallera
Cpa-assessore-regionale-Giulio-Gallera

“Come Regioni viviamo le stesse frustrazioni e difficolta’ che vivono i medici di non riuscire ad avere le risorse necessarie per sostenere il rinnovo dei contratti e soprattutto per l’assunzione di personale. Quindi oggi siamo solidali con i medici e chiediamo al Governo nazionale di investire maggiormente in Sanita’, e valorizzare le Regioni virtuose come la nostra, dando la possibilita’ di utilizzare in modo piu’ autonomo e flessibile le nostre risorse”.

Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera rispondendo alle domande dei giornalisti in merito allo sciopero nazionale indetto oggi dai medici, a margine dell’inaugurazione, questa mattina, delle nuove sale chirurgiche con robot, neuro-navigatori e schermi ad ultra definizione del Policlinico di Milano.

Al via la 3a edizione dell’Aviva Community Fund

aviva-community-fund
aviva-community-fund

Si sono aperte il 5 dicembre scorso, le candidature alla terza edizione di Aviva Community Fund, fondo benefico di Aviva, assicurazione tra i leader in Europa e presente in Italia dal 1921, per il finanziamento di organizzazioni non profit attive sul territorio italiano.

Con questa iniziativa, che ha debuttato in Italia nel 2015, Aviva vuole sottolineare l’importanza del lavoro delle organizzazioni locali in favore del territorio e delle comunità. Le donazioni messe a disposizione quest’anno sono in totale 10. Tre, invece, le categorie oggetto di candidatura: “Sostegno alla salute”, “Al fianco degli anziani” e “Occupazione”.

Per ciascuna categoria Aviva mette a disposizione un premio da 15 e uno da 8 mila euro, a cui si aggiungono 4 premi speciali da 5 mila euro.
Dal 5 dicembre è possibile candidare il proprio progetto a favore della comunità locale accedendo al sito www.avivacommunityfund.it, previa registrazione e compilando l’apposito form. Sarà possibile presentare online il proprio progetto fino alle ore 18 del 15 febbraio 2018.

Dall’1 al 29 marzo 2018, invece, sarà possibile votare online per i progetti candidati. I 7 progetti più votati di ciascuna categoria passeranno al vaglio della giuria dell’Aviva Community Fund, che sceglierà i 2 progetti più meritevoli per ciascuna. Saranno, inoltre, attribuiti 4 premi speciali, individuati tra i 21 finalisti indipendentemente dalla categoria di appartenenza. I vincitori saranno annunciati il 15 maggio 2018.

Arianna Destro, Chief Customer Officer di Aviva, commenta: “Il successo delle edizioni precedenti ci ha spronato a continuare su questo percorso che ci vede al fianco delle comunità in cui operiamo. Il ruolo che le organizzazioni non profit svolgono a sostegno dei cittadini è imprescindibile e noi di Aviva vogliamo supportarle nel loro lavoro quotidiano. Spesso per organizzazioni molto radicate sul territorio, ma magari di piccole o medie dimensioni, è difficile farsi conoscere e ottenere i finanziamenti necessari a progredire nel loro lavoro. È proprio a queste realtà che vogliamo rivolgerci. Quest’anno ci focalizzeremo su tre importanti campi di azione: salute, anziani e occupazione, dove la voglia di rimboccarsi le maniche e di mettersi in gioco possono davvero fare la differenza.”

Contributi M4

Cristina Tajani
Cristina Tajani

Da oggi e fino a lunedì 22 gennaio 2018 sarà possibile presentare le domande per accedere ai contributi comunali a sostegno delle imprese commerciali e artigiane interessate dai cantieri per la costruzione della M4. Sono 750mila euro i fondi messi a disposizione dell’Amministrazione a copertura della spesa corrente sostenuta. Ad accedere alle risorse saranno circa 75 realtà ubicate presso i fronti stradali affacciati sui cantieri che nel 2017 hanno subito o stanno subendo il maggior disagio come, ad esempio, Via Foppa e Via San Vittore.

Potranno essere rendicontate spese come canoni d’affitto, utenze, tributi locali, rate di mutuo/leasing, spese per il personale ecc., sostenute dal 1 gennaio 2017 al 31 marzo 2018 per un contributo massimo erogabile di 10mila euro a impresa.

“Vogliamo sostenere le aziende aiutandole a superare i momentanei disagi di una infrastruttura indispensabile per lo sviluppo della città – spiega l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani -. Nella definizione dei criteri di accesso ai bandi abbiamo tenuto conto delle evoluzioni fisiche e logistiche dei cantieri M4 in modo??da allargare il più possibile il perimetro delle aziende che possono accedere ai contributi valutando anche i cambi di viabilità sia pedonale che veicolare generati dai singoli cantieri”

I contributi rientrano nel più ampio programma di sostegno alle imprese danneggiate da M4 voluto dall’Amministrazione che, per il solo 2017, ha messo a disposizione oltre 3 milioni di euro di risorse distribuite in tre misure: un contributo economico in parte corrente di 750mila euro (oggetto del bando in pubblicazione), un contributo in conto capitale di complessivi 2 milioni di euro e una terza misura volta a sostenere il trasferimento o l’apertura di una nuova sede dell’attività per cui sono stati messi a disposizione 400 mila euro. Gli avvisi per le ultime due misure indicate verranno pubblicati nelle prossime settimane.

Ad oggi sono state 543 le domande presentate da 221 imprese, dislocate lungo tutto il tracciato della M4, che hanno potuto contare su contributi da un minimo di 3mila euro?sino a un massimo di 30mila euro, per un valore complessivo di oltre 2.5 milioni erogati dall’Amministrazione grazie ai cinque?bandi precedenti emessi dal Comune di Milano nel corso del 2016.

I soggetti interessati potranno trovare tutte le informazioni e la documentazione per accedere ai fondi direttamente su fareimpresa.comune.milano.it oppure nella sezione bandi e gare del portale www.comune.milano.it