Emergenza caldo a Milano

Emergenza caldo
Emergenza caldo

CALDO. BOOM DI RICHIESTE AL NUMERO VERDE PER GLI ANZIANI, EFFETTUATE OLTRE 5.000 PRESTAZIONI
Consegnati quasi 400 pasti in più in tre giorni, l’impegno degli operatori della Centrale Operativa. Assessore Majorino: “Attenzione massima per anziani e persone con disabilità, monitoraggio quotidiano di operatori e custodi sociali”

Il caldo si fa sentire anche nella Centrale Operativa di via San Marco, dove negli ultimi tre giorni le richieste di intervento da parte di anziani e persone non autosufficienti hanno fatto impennare il numero delle prestazioni effettuate, passate da 3.500 a oltre 5.000.

Quasi 400 in più i pasti a domicilio consegnati tra lunedì 31 luglio e martedì 1 agosto. C’è molto lavoro dunque per la trentina di operatori che saranno presenti tutto il mese di agosto, compresi il sabato e la domenica e il giorno di Ferragosto.
Il numero verde per chiedere interventi di assistenza domiciliare 800.777.888 è attivo tutti i giorni dalle 8 alle 19. Al numero verde si possono chiedere interventi di assistenza domiciliare tra cui pasti a domicilio, accompagnamento per visite mediche, spesa e altre piccole commissioni, aiuto domestico, igiene personale e della casa.

“Andiamo avanti grazie ad una rete costituita de centinaia tra operatori pubblici e privati e volontari – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – che presso i nostri servizi, negli spazi per la socialità dei caseggiati popolari, nei centri socio-ricreativi o semplicemente attraverso il proprio smartphone stanno erogando prestazioni e facendo circolare le informazioni. Siamo certamente preoccupati per questa nuova ondata di calore e per i suoi effetti, ma i milanesi, specialmente i più anziani e fragili, devono sapere che non sono soli. Ringrazio tutte le persone che stanno lavorando intensamente in queste ore e giorni per garantire assistenza e vicinanza alle persone anziane – aggiunge l’assessore – e rinnovo la richiesta di collaborazione con tutti i milanesi nel segnalare al numero verde chi potrebbe trovarsi in difficoltà in mancanza di familiari, vicini di casa o della badante via per le vacanze.”

I servizi di assistenza domiciliare sono rivolti a tutti gli anziani che non sono già seguiti dal Comune ma che durante l’estate, complice il diradarsi della rete di vicinato e familiare, potrebbero trovarsi in difficoltà perché non del tutto autosufficienti.

Caldo: necessaria acqua, frutta e verdura

Idratazione e caldo
Idratazione e caldo

PROSEGUE L’ONDATA DI CALDO, PAROLA D’ORDINE: IDRATARSI.

VIA LIBERA AD ACQUA E FRUTTA VERDURA MULTICOLOR

Il Prof. Umberto Solimene dell’Osservatorio Sanpellegrino offre alcuni consigli per affrontare il caldo torrido della stagione estiva.

Milano 18 luglio 2017 – Mare, sole e vacanze, ma anche temperature elevate, umidità e afa. L’estate è ormai arrivata e l’ondata di caldo che attanaglia l’Italia già da diverse settimane non accenna a diminuire.
Per il nostro corpo ed il nostro umore, che in questo periodo sono messi a dura prova dalle alte temperature, un valido aiuto può arrivare dall’acqua. Una corretta idratazione, infatti, accompagnata da una alimentazione sana ed equilibrata ricca di frutta e verdura di stagione “multicolor” assicura la giusta energia all’organismo e previene alcuni spiacevoli rischi tipici delle temperature elevate.
Spossatezza, mal di testa, crampi, tachicardia, e in casi più estremi perdita di conoscenza e collassi circolatori sono infatti solo alcuni degli “effetti collaterali” che un’ idratazione non corretta può causare sulla nostra salute: il corpo umano non immagazzina acqua quindi la quantità che si perde ogni giorno deve essere ripristinata per garantire il funzionamento dell’organismo. Basta una diminuzione di acqua totale corporea corrispondente al 2% del peso per iniziare a risentire degli effetti negativi mentre si può arrivare anche alla perdita di coscienza se lo squilibrio raggiunge il 7%.
“La prima regola per affrontare al meglio questo periodo è idratarsi in maniera più abbondante del solito: a causa delle alte temperature e dell’afa, infatti, aumenta la sudorazione corporea, che ci fa perdere liquidi e sali minerali, preziosi per il nostro organismo. Dobbiamo reintegrare frequentemente questi indispensabili elementi per evitare di incorrere in un deficit idrico, bevendo acqua non troppo fredda, evitando alcolici e facendo attenzione a limitare caffè e bevande zuccherine”. Spiega il Professor Umberto Solimene, dell’Università degli Studi di Milano, membro dell’Osservatorio Sanpellegrino, Presidente FEMTEC, Federazione Mondiale del Termalismo.
Per affrontare il caldo, via libera all’acqua e ampio spazio a frutta e verdura di stagione: “L’ideale è variare i colori – prosegue il professor Solimene – passando dal rosso di ciliege e angurie, ricche di antiossidanti, all’arancione di albicocche, meloni e zucca contenenti carotenoidi, sostanze importanti per proteggere la pelle dai danni che possono verificarsi a causa dell’esposizione al sole, al viola/blue di melanzane, prugne e mirtilli ricche di antociani (pigmenti in grado di rinforzare e rendere più elastiche le pareti dei vasi sanguigni e che contribuiscono quindi al miglioramento della circolazione sanguigna), antiossidanti e vitamina C fino al verde di asparagi, cetrioli e zucchina che stimolano le difese immunitarie, oltre che essere fonte di acido folico. Non bisogna dimenticare il bianco di aglio, cipolla bianca, finocchi, pere e sedano ricchi di vitamina C e allicina, sostanze in grado di rinforzare le difese del nostro sistema immunitario”.
Oltre alla cura dell’alimentazione è quindi importante non sottovalutare l’idratazione: bere poco, a maggior ragione nella stazione estiva, influisce non solo sulle performance fisiche, ma anche su quelle cognitive riducendo le capacità di attenzione, di concentrazione e di memoria a breve termine .
In particolare in estate, bisogna controllare la temperatura dell’acqua: anche se può offrire una gratificazione immediata, meglio non berla troppo fredda perché un’alterazione improvvisa della temperatura dell’organismo, potrebbe portare ad uno squilibrio nella circolazione, con conseguente scarso afflusso al cervello e blocco della digestione.
Privilegiare un consumo di frutta e verdura di stagione variando i colori, limitare alcolici e caffè, vestire in modo leggero evitando l’esposizione diretta al sole nelle ore più calde ma soprattutto prestare attenzione all’idratazione sono utili indicazioni per mantenersi in forma e lucidi nell’affrontare l’umidità e l’afa tipiche di questa stagione.

SANPELLEGRINO
Sanpellegrino è l’azienda leader nel campo del beverage in Italia, con acque minerali, aperitivi analcolici, bibite e tè freddi. I suoi prodotti, sintesi di benessere, salute ed equilibrio, sono presenti in 150 Paesi attraverso filiali e distributori sparsi nei cinque continenti.
Sanpellegrino, come principale produttore di acqua minerale, è da sempre impegnata per la valorizzazione di questo bene primario per il Pianeta e lavora con responsabilità e passione per garantire a questa risorsa un futuro di qualità. Un impegno che passa anche attraverso la promozione dell’importanza di una corretta idratazione: Sanpellegrino infatti sostiene e diffonde i principi di benessere psico-fisico legati al corretto consumo di acqua, facendosi portavoce dell’“educazione all’idratazione” attraverso un programma che promuove il consumo quotidiano della corretta quantità di acqua, a seconda delle diverse esigenze e stili di vita.

Ecco le cause delle infezioni estive

zanzara
zanzara

Molto ricorrente la cosiddetta “diarrea del viaggiatore”, a rappresentare il guastafeste principale dei turisti. Ma sono molto pericolose anche le infezioni sessuali e quelle legate agli insetti, soprattutto le zanzare.
SIMIT – ZANZARE, ACQUE E SESSO, I TRE PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO DELLE INFEZIONI ESTIVE
“Le zanzare possono essere particolarmente pericolose in quanto capaci di trasmettere malattie che possono risultare anche gravi quali la Malaria, Dengue, Zica e Chikungunya”, spiega il Professore Massimo Andreoni

Ogni anno, ed in particolare durante l’estate, si contano gli spostamenti di un miliardo di persone, tra turisti e professionisti. Un rischio, quello delle infezioni, che si rivela, quindi, particolarmente alto. Molto ricorrente la cosiddetta “diarrea del viaggiatore”, a rappresentare il guastafeste principale dei turisti che viaggiano in paesi dal clima caldo e a basso tenore igienico-sanitario. Ma sono molto pericolose anche le infezioni sessuali e quelle legate agli insetti, soprattutto le zanzare. Ce lo ricordano gli specialisti della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit).

INFEZIONI SESSUALI – “Normalmente, durante i viaggi e le vacanze, la possibilità di avere degli incontri sessuali occasionali aumenta – spiega il Prof. Massimo Andreoni, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma e past president Simit – Non è un caso che, nel periodo successivo a quello estivo, si registri il picco assoluto annuale di pazienti con infezioni e malattie sessualmente trasmissibili. Il preservativo deve essere indispensabile, per qualsiasi tipo di rapporto si possa avere”.

INFEZIONI E LIQUIDI – Altri pericoli si nascondono nelle acque dolci. Si tratta delle larve di schistosoma, parassita responsabile della schistosomiasi, e dei batteri della leptospirosi. I microbi responsabili della citata diarrea del viaggiatore possono invece nascondersi in cibi e bevande apparentemente potabili. “Per quanto riguarda il cibo, quando le condizioni non sono ritenute sicure, quattro indicazioni semplici ma efficaci: ‘lavalo, cuocilo, sbuccialo o altrimenti dimenticalo’, aiutano a limitare il rischio di diarree infettive”, spiega il Prof. Massimo Galli, vicepresidente Simit – “per le bevande, meglio limitarsi al contenuto di bottiglie sigillate ed evitare il ghiaccio, se non si è sicuri che sia stato prodotto con acqua ‘pulita’, perché conserva i microrganismi”.

PUNTURE DEGLI INSETTI – “Nel periodo estivo – aggiunge il Prof. Andreoni – aumenta anche il rischio delle malattie trasmesse dalle punture di insetti; in particolare le zanzare possono essere particolarmente pericolose in quanto capaci di trasmettere malattie che possono risultare anche gravi quali la Malaria, Dengue, Zica e Chikungunya. Oltre alle zanzare si deve fare attenzione alle punture di zecche capaci di trasmettere sia infezioni virali che batteriche. Per evitare le punture di questi insetti il consiglio è sempre quello di coprire il più possibile le parti del corpo per ridurre il rischio di punture o usare repellenti cutanei che allontanano gli insetti. Infine bisogna fare attenzione alle punture di ragni e scorpioni che possono determinare lesioni fastidiose e in rari casi anche malattie sistemiche gravi”.

Pronti per la prova costume?!

Prova costume
Prova costume

STRESS DA PROVA COSTUME, UN ITALIANO SU 3 ELIMINA IL GRASSO DI TROPPO CON IL “FREDDO”

Gli italiani sono impreparati alla prova costume e cercano rimedi efficaci per eliminare i chili di troppo. Diete e regimi alimentari rigidi non bastano per assottigliare il girovita. Infatti il 28% dei connazionali ricorre al “freddo” per tornare in forma grazie all’innovativa tecnica della crioadipolisi

Diete miracolose, regimi alimentari rigidi e attività fisica esasperata, gli italiani si scoprono impreparati alla prova costume (52%) e cercano la soluzione più rapida ed efficace per arrivare in forma alla bella stagione. Nel medio-lungo periodo gli abitanti del Bel paese ricorrono a diete (68%), palestra (52%) e corsa (41%) per raggiungere la forma ideale. Questo perché il trend della popolazione “stressata dalla prova costume” è cambiato e negli ultimi anni uomini e donne hanno iniziato ad abbinare al programma atletico tecnologie di ultima generazione dedicate alla cura della propria silhouette. Tra le tecniche più all’avanguardia e tra le più apprezzate spicca la crioadipolisi (28%), tramite Cooltech, il sistema per il trattamento di rimodellamento del corpo che avviene tramite il congelamento del tessuto adiposo, detto comunemente “grasso”. Secondo Lasers in Surgery and Medicine, una delle riviste scientifiche più prestigiose dedicate al settore dell’innovazione, questa tecnologia, oltre ad essere sicura e ben tollerata, risulta molto efficace. Per questo motivo celebrities del calibro della cantante Christina Aguilera e dell’ereditiera Kim Kardashian, moglie del rapper Kanye West, lo utilizzano per ridurre i centimetri di troppo. In particolare, la Kardashian ha confessato di aver ridotto i centimetri in eccesso in alcune aree del suo corpo proprio grazie a questa tecnica non invasiva che si basa sul congelamento delle cellule adipose. Lo stesso esempio seguito da altre ‘colleghe’, come Jennifer Aniston, Lindsay Lohan e Mariah Carey ma anche Molly Sims , Kris Jenner  e Gretchen Rossi.

É quanto emerge da uno studio condotto da Renaissance Lab, l’osservatorio sulle tendenze legate al mondo della medicina estetica, effettuato con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 2.500 italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate per capire come si prepareranno gli italiani alla prova costume.

“In questo periodo le richieste di trattamenti estetici sono tantissime e dipendono da esigenze di rimodellamento della silhouette – afferma il dott. Giovanni Gallo, direttore sanitario del Centro MediEsteLaser di Agrigento, esperto nella cura delle adiposità localizzate – Se un tempo erano quasi esclusivamente le donne ad usufruirne, oggi la situazione è cambiata e la richiesta da parte degli uomini si aggira attorno al 20%. Molto efficace è la crioadipolisi con il sistema Cooltech, che si basa sulla vulnerabilità del grasso in relazione alle variazioni di temperatura con due effetti contemporanei: l’aspirazione, quindi l’effetto Vacuum sul tessuto adiposo, e il raffreddamento controllato fino ad una temperatura di -8°C tale da congelare selettivamente il grasso. Vengono così danneggiate le cellule sottocutanee con la conseguente riduzione del tessuto adiposo: il trattamento risulta essere efficace e non invasivo, a differenza della liposuzione, che ha un decorso post-operatorio non indifferente. Il punto di forza principale della crioadipolisi con il sistema Cooltech è dato dal fatto che si può considerare un trattamento definitivo sulle zone che si trattano, tra le quali – oltre all’addome, i fianchi, le gambe, i sub glutei e la schiena – anche braccia e sottomento, non sono necessarie lunghe sedute e mette subito in condizione il paziente di  riprendere la sua normale vita sociale”.

Ma quali zone del corpo preoccupano maggiormente gli italiani in vista della prova costume? Le donne si preoccupano all’idea di mettere in mostra la pancia (72%), che rappresenta il primo dei loro problemi in vista dell’estate, seguito da fianchi (65%), glutei (58%) e gambe (49%). Mentre gli uomini si vergognano delle proprie maniglie dell’amore (48%), seguite da pancia (45%), gambe (39%) e schiena (31%). Ben un italiano su 2 (52%) afferma di non sentirsi preparato alla prova costume, mentre il 27% preferisce semplicemente non parlarne e solo il 14% si sente pronto a sfoggiare una silhouette da urlo.

Ma uomini e donne che si sentono insoddisfatti del proprio corpo, dove cercano le informazioni per tornare in forma? Sull’onda del progresso tecnologico, il 71% utilizza il web per trovare la soluzione a tutti i loro problemi. Al secondo posto resiste la televisione (58%) e, nonostante la nascita di siti e blog di ogni genere dedicati alla salute, anche le riviste di settore (38%) non cedono il passo e restano una delle fonti d’informazione più autorevoli e sicure insieme ai quotidiani (18%).

Tra le tecniche più all’avanguardia e tra le più apprezzate spicca la crioadipolisi (28%), un trattamento di rimodellamento del corpo che avviene tramite il congelamento del tessuto adiposo, detto comunemente “grasso”. Ad usufruire di questa tecnica di ultima generazione sono soprattutto le donne (82%) contro il 18% degli uomini, che si concentrano soprattutto nelle città di Roma (21%),  Milano (17%) e Napoli (12%). Ma perché gli italiani scelgono l’innovazione tecnologica in abbinamento allo sport per restare in forma? Secondo il 58% dei connazionali permettono di rimettersi in forma più velocemente. Per questo, oltre all’attività sportiva che non deve mai mancare, sempre più italiani si rivolgono ad ambulatori di medicina e chirurgia estetica. Oltre al fatto di risparmiare tempo, questi trattamenti vengono ritenuti efficaci (47%) e affidabili (45%).