“Pionieri… Inventarsi la vita”

Pionieri
Pionieri

Bollate: Al via “PIONIERI…INVENTARSI LA VITA”, II edizione del concorso fotografico su intrecci di storie e di vita. Iscrizioni fino al 17 marzo

Si chiama “PIONIERI…INVENTARSI LA VITA – i nostri luoghi, le nostre storie� ed è la II edizione del Concorso fotografico nato dalla convinzione che il lavoro fatto nei Centri diurni per persone con disabilità possa divenire risorsa per l’intera comunità, in particolare per giovani e studenti.
Il Consorso fotografico aperto a giovani studenti e persone disabili è promosso dall’Ambito del Piano Sociale di Zona di Garbagnate Milanese, dall’Associazione Afadig, dall’Associazione Gruppo Fotografico Garbagnatese e da Fondo Sirio-Fondazione Comunitaria Nord Milano, in collaborazione con i Servizi Sociali dei Comuni di Bollate e di Garbagnate Milanes. Si sviluppa all’interno dei Centri diurni del territorio. In particolare: il CDD Centroanch’io di Bollate, il CDD Archimede e il CSE Nemo di Garbagnate.
L’obiettivo dei promotori è far emergere una difficoltà spesso comune a giovani e persone con disabilità che vivono nella nostra società: la fatica e il coraggio necessari a costruire un futuro possibile. Come i Pionieri, insomma.
La modalità di partecipazione prevede l’incrocio tra storie e luoghi di vita, per entrare in pieno nel mondo altrui. Guidati dagli organizzatori, gli iscritti dovranno semplicemente proporre i propri luoghi e poi fotografare i luoghi degli altri: la persona con disabilità fotograferà, dunque, i luoghi dello studente normodotato e viceversa, quest’ultimo i luoghi della persona con disabilità.
“Questo scambio – spiegano gli organizzatori – servirà a rendere più efficace l’incontro e la conoscenza tra persone con disabilità e studenti. L’obiettivo è ancora una volta mantenere il fuoco di attenzione sulle storie e sulle vite delle persone, sottolineando quanto l’avere una storia sia elemento comune a tutti gli esseri umani e quanto condividerla aiuti a ridurre la solitudine e ad aumentare la coesione sociale”.
I partecipanti verranno guidati a questo scambio di luoghi attraverso momenti di tutoraggio a cura dell’Associazione Gruppo Fotografico Garbagnatese e delle équipe educative dei Centri Diurni. In questi momenti riceveranno spiegazioni sulle modalità di svolgimento del concorso e sull’incrocio tra le vite.
I concorrenti dovranno produrre un portfolio di minimo 3 foto ciascuno. Verranno premiati tre studenti e tre persone con disabilità. L’importo dei premi per i primi tre studenti classificati sarà di 300, 200 e 100 euro. Per le persone con disabilità, invece, il premio verrà assegnato al Centro di appartenenza con premi di 600, 500 e 400 euro. In questo caso il premio potrà essere utilizzato dal Centro per la progettazione e la realizzazione di iniziative congiunte tra le classi degli studenti vincitori ed i rispettivi centri.
La consegna dei lavori dovrà avvenire entro il 20 maggio 2017. Tutte le fotografie realizzate verranno presentate in una mostra che si terrà il 27 maggio 2017 presso l’Hotel Virginia Palace di Garbagnate Milanese. Le iscrizioni al concorso vanno inviate entro il 17 marzo 2017 a info@fondosirio.it
Per info circa il regolamento del Concorso, la scheda di iscrizione e sulle modalità di partecipazione consultare il sito www.fondosirio.it

Carnevale al Bim Bum Bam

Carnevale al Bim Bum Bam
Carnevale al Bim Bum Bam

Sabato 4 marzo grande festa in maschera per bambini ed adulti al parco giochi al coperto Bim Bum Bam.

Dalle 19.30 alle 23 nel locale di via Polveriera, al confine tra Milano e Novate M.se, con 13 euro si potranno mangiare brioches salate, tramezzini, pizzette, bruschetta, crocchette, polpette, spiedino salato, insalata di riso o pasta,  sangria o spriz, caffè, dolce e bibite.

Durante la serata ci sarà anche il karaoke e la premiazione della maschera e costume più belli.

Prenotazione obbligatoria: 331.3742819

Via Polveriera, 37 Novate M.se (Mi)  www.bimbumbam.it

Bollate: II Open day dello Sportello Europa Giovani

Europa giovani – 2° OPEN DAY
Europa giovani – 2° OPEN DAY

Proseguono, con l’Open day del 28 febbraio, gli incontri periodici promossi dallo Sportello Europa Giovani per i cittadini bollatesi. Durante la giornata aperta, anche l’inaugurazione dello Sportello consulenza CV e il primo corso sulla compilazione del curriculum vitae.

L’iniziativa del 28 febbraio, organizzata dall’Assessorato alle Politiche giovanili, Europa, lavoro, prevede l’apertura dello Sportello dalle ore 10 alle 18 con lo staff a disposizione per illustrare tutti i servizi: la ricerca lavorativa e i corsi gratuiti sul territorio e in tutta Italia; le opportunità lavorative, di studio e carriera nell’Unione Europea e nelle istituzioni comunitarie; le informazioni sull’Europa e sulle tematiche europee; le opportunità legate alla mobilità professionale europea (Erasmus plus, SVE, scambi europei, ecc.); le informazioni e la consulenza sul curriculum vitae Europass e sul portafoglio Europass; la divulgazione delle future attività e iniziative dello Spazio Unico contiguo allo Sportello Europa Giovani.

Durante la giornata verrà anche presentata un’importante iniziativa che partitrà lo stesso 28 febbraio. Si tratta dello Sportello Consulenza CV, aperto su appuntamento, dove ci si potrà rivolgere per sistemare il proprio curriculum vitae, compilarlo in formato europeo (Europass), predisporre l’autocertificazione lingue Europass e conoscere gli altri strumenti che compongono il «portafoglio Europass».

Spazio anche agli approfondimenti con il primo di quattro appuntamenti (gratuiti) su un altro dei temi chiave dello Sportello Europa giovani: la compilazione del curriculum vitae. L’incontro, realizzato in collaborazione con Sportello Stage, si terrà dalle ore 9.30 alle ore 12.30 presso lo Spazio Unico in Piazza A. Moro 1 (ex banca), dove si trova attualmente lo Sportello Europa Giovani.

Nel corso dell’incontro verranno approfondite le tematiche inerenti la stesura del cv e la ricerca del lavoro, con un particolare focus sul marketing di sé stessi nel mercato lavorativo. Durante i successivi appuntamenti, calendarizzati mensilmente, verranno anche effettuate simulazioni di colloqui di gruppo e individuali.

Sempre il 28 febbraio, verrà anche inaugurato il punto bookcrossing dello Sportello, luogo di scambio dei libri e di presentazione dei futuri appuntamenti dello Sportello Europa Giovani, come l’iniziativa per la Festa delle Donne, l’Open Day di marzo con il nuovo incontro, i prossimi appuntamenti sul tema dell’orientamento al lavoro e gli altri incontri sull’Europa. Verranno anche presentati l’avvio del nuovo corso di lingue gratuito e gli appuntamenti/incontri con i giovani imprenditori.

Prosegue ancora il sondaggio…
E ancora possibile compilare il sondaggio rivolto ai giovani under 35 del territorio, pensato per monitorare gli interessi dei giovani del nostro territorio.
Il modulo è disponibile presso lo Sportello Polifunzionale, la Biblioteca comunale di Bollate centro e presso lo Sportello Europa Giovani.

Può essere scaricato dal sito «Europa giovani» del Comune di Bollate. Una volta compilato, il sondaggio può essere restituito via email all’indirizzo: europa@comune.bollate.mi.it, o consegnato nei punti di raccolta in Biblioteca centrale o allo Sportello polifunzionale del Comune di Bollate.

Nasce il “pranzo in sospeso”

la tela_web
la tela_web

Nasce il “pranzo in sospeso”, la possibilità di lasciare un pasto pagato per le persone in difficoltà. Succede a La Tela di Rescaldina (Mi), locale sottratto alla criminalità organizzata
L’osteria sociale aderisce all’iniziativa lanciata dal Comune per creare una rete di solidarietà. In un mese già raccolti più di 200 euro

Vai a cena, a fare un aperitivo o semplicemente a bere una birra e lasci pagata una consumazione. È il “pranzo in sospeso” che a Rescaldina è diventato realtà. L’osteria sociale La Tela ha fatto propria la proposta dell’amministrazione comunale rescaldinese per aiutare le persone in difficoltà.

A La Tela è infatti possibile lasciare una quota per un pranzo o una cena che, attraverso i Servizi sociali del Comune, sarà destinata a quanti ne hanno bisogno. «È un’iniziativa alla quale abbiamo aderito in modo naturale e che rispecchia non solamente il nostro essere osteria sociale, ma anche il nostro fare impresa sociale», spiega Giovanni Arzuffi portavoce della cooperativa Arcadia che gestisce La Tela.

Per i clienti non vi è alcun obbligo: quando arrivano in cassa posso scegliere se lasciare un intero pasto o una quota “in sospeso”. Sarà poi il Comune a indicare chi sarà il beneficiario.
L’idea alla base non è però solo quella di lasciare pagato un pranzo per chi ha bisogno, ma creare una rete.

Come spiega l’assessore ai Servizi sociali Enrico Rudoni: «Abbiamo preso spunto della pratica partenopea del “caffè in sospeso” per dare vita ad un progetto di aiuto dove una comunità viene chiamata a prendersi carico, in modo solidaristico, di difficoltà sociali. Abbiamo contattato le realtà produttive del territorio, chiedendo loro la disponibilità di raccogliere le offerte volontarie dei cittadini.

La somma raccolta viene quindi data ai Servizi sociali per essere erogata attraverso dei buoni spesa a nuclei familiari con particolare fragilità economica, in base alla scelta esclusiva e motivata delle assistenti sociali».
Almeno due le finalità dell’iniziativa: «Innanzitutto rispondere al bisogno di socialità e di inserimento nel tessuto del paese di persone sole o in difficoltà – aggiunge l’assessore – . Non certo secondo, sostenere la messa in circolo di risorse comunitarie nuove, umane ma anche economiche, usufruendo dei servizi offerti dai negozi di vicinato che hanno aderito.

Per ora hanno risposto cinque esercizi commerciali: due macellerie (Guzzetti ed Eredi Vismara), due ristoranti (Trattoria da Vira e osteria La Tela) e un negozio di abbigliamento (Hobby&Moda). Nonostante questo progetto sia appena nato, abbiamo avuto subito un buon riscontro: in un mese sono stati raccolti più di 200 euro, cifra che riuscirà a soddisfare le esigenze di una ventina di soggetti in stato di fragilità».

A La Tela vicino alla cassa, accanto alla locandina dell’iniziativa che presenta il “pranzo sospeso”, c’è una cassettina. Qui è possibile lasciare il proprio contributo che sarà convertito in buoni spendibili in quattro tipi di offerte: dal pranzo di lavoro, al panino con birra, alla cena alla carta, per un valore che spazia dai 10 ai 25 euro.

La Tela è un bene sequestrato alla criminalità organizzata, affidato al Comune di Rescaldina e gestito dalla Cooperativa ARCADIA insieme con altre associazioni del territorio. È diventato ristorante e centro di aggregazione e di promozione sociale e culturale.

Info: Osteria sociale del buon essere “La Tela” Strada Saronnese, 31 Rescaldina (MI)
cell. 328 6845452
www.osterialatela.it
Facebook: https://www.facebook.com/osterialatela/

Bollate: Stagione cineteatrale per ragazze e ragazzi

Cineteatro
Cineteatro

In scena con successo, il primo spettacolo della nuova Stagione teatrale della Città di Bollate per bambine e bambini. Si è svolto questa mattina, al Cineteatro Splendor, in una sala piena di 740 alunni entusiasti, delle scuole primarie e medie di Bollate, lo spettacolo L’UOMO E IL MARE DI PLASTICA della Compagnia teatrale di Sergio Procopio (www.sergioprocopio.it) in collaborazione con l’Associazione culturale G.O.S.T.

Grande soddisfazione espressa dall’assessore alle Politiche educative Salvatore Leone che ha voluto ribadire come “Tale risultato è stato possibile grazie all’impegno e alla determinazione congiunta della nostra Amministrazione, degli Istituti comprensivi e del Teatro Splendor.

Un gruppo di lavoro affiatato che ha progettato e lavorato per molti mesi e che oggi può dirsi molto soddisfatto del traguardo raggiunto. Traguardo che non è una fine ma apre nuove e più articolate possibilità per il futuro“.

Si ricorda che l’iniziativa si è svolta a costo zero per il Comune che ha messo a disposizione il servizio di trasporto per i plessi più periferici.

Prossimo appuntamento: giovedì 16 febbraio, ore 9,30, con la proiezione del film « 1492 – LA SCOPERTA DEL PARADISO”, di Ridley Scott .

Per le classi di scuola secondaria di primo grado. Sempre al Teatro “SPLENDOR“