Lo show elettro-acustico di Daniele Tenca allo Spazio Teatro89

daniele tenca
daniele tenca

Sarà un “electro-acoustic solo show” il concerto di Daniele Tenca in programma sabato 3 febbraio (ore 21.30; ingresso 10-13 euro) allo Spazio Teatro 89 di Milano. L’appuntamento rientra nel calendario della collaudata rassegna “Milano Blues 89”, organizzata da diversi anni dall’auditorium polifunzionale di via Fratelli Zoia 89.

Sulla scena dal 2010, il milanese Daniele Tenca è uno dei più interessanti esponenti del panorama italiano e la sua musica è un giusto crossover tra il blues, il rock e la canzone d’autore. Il suo modo di cantare percorre la via dell’America rurale, del blues, dei blue-collar e dei suoi folksingers.

Fino a oggi Daniele ha pubblicato quattro cd (l’ultimo, “Love is the Only Law”, con Guy Davis, in nomination ai Grammy Awards 2017 per il miglior album di blues tradizionale), con i quali ha raccolto gli apprezzamenti della critica e si è guadagnato l’affetto di un pubblico che ne apprezza il calore dei live e la sincerità nell’affrontare, senza retorica, tematiche sociali (come la precarietà, il lavoro nero, le morti bianche e le discriminazioni) in cui chiunque può identificarsi.

Così il bluesman milanese presenta il concerto del 3 febbraio allo Spazio Teatro 89: «Questa volta è come se vi invitassi a casa mia, sul mio divano, ad ascoltare le canzoni “da vicino”. Non avendo un divano così grande, lo faccio a teatro. Niente band, sul palco ci sarò soltanto io con le mie chitarre, acustiche ed elettriche, tamburello, stompbox, perché un po’ di baldoria va comunque fatta, armonica e voce.

E le mie canzoni, arrangiate per farle ascoltare nella maniera più sincera e coinvolgente possibile. Sarà un concerto intimo e solo in qualche brano mi verranno in soccorso il violino di Chiara Giacobbe e la tromba di Max Paganin».
Nei tour a supporto dei dischi pubblicati, Daniele Tenca e il suo gruppo (Blues for the Working Class Band) hanno suonato in alcuni tra i migliori festival blues insieme ad artisti di fama mondiale quali Jesse Malin, Kyla Brox, Roland Tchakountè, Treves Blues Band, Guy Davis, Otis Taylor, Roy Rogers, Johnny Winter, Ana Popovic e Robben Ford.

Daniele Tenca si è, inoltre, esibito più volte negli Stati Uniti, da Memphis a New York. Ad Asbury Park è salito sul palco con Bruce Springsteen ed altri musicisti di levatura internazionale (tra cui Willie Nile, James Maddock, Garland Jeffreys, Guy Davis e Joe Grushecky).

Galeffi- il Tour

Galeffi-Gol-7-web_preview
Galeffi-Gol-7-web_preview

Galeffi è un cantautore attivo sulla scena musicale romana da meno di un anno. Si nutre di calcio, cinema e Beatles. Inizia scrivendo canzoni in inglese, poi si tuffa sulla lingua italiana e ci prende gusto.

“Scudetto”, il suo atteso disco d’esordio, è uscito il 24 novembre per Maciste Dischi, edito da Warner Chappel e distribuito da Artist First e in meno di un mese ha superato il milione di ascolti su Spotify.

È bastato un primo ascolto e una prima data del tour totalmente sold-out al MONK di Roma per spalancare all’artista esordiente un tour di ben 32 date sparse per tutta la penisola.

Queste le date ufficiali:

12 gen KALINKA – Carpi
19 gen ATLANTICO – Roma
20 gen FAQ – Grosseto
26 gen OFFICINE UTOPIA – Ceccano (FR)
01 feb REVERSE SOUND CAFFE’ – Pisa
02 feb NEW AGE – Roncade (TV)
03 feb CIRCOLO KESSEL – Reggio Emilia
04 feb BELLEVILLE – Paratico (BS)
07 feb MERCOLEDI ROCK – Perugia
09 feb MUSICASSETTA – Taranto
10 feb EXIVIRI – Noicattaro (BA)
23 feb SPAZIO 211 – Torino
24 feb TENDER – Firenze
2 mar SMART LAB – Rovereto (TN)
3 mar VINILE – Bassano D.G. (VI)
6 mar SALA DEL MANISCALCO – Urbino PU
8 mar MAGNOLIA – Milano
9 mar DEJAVU – San’Egidio alla Vibrata TE
10 mar COVO – Bologna
11 mar PUBLIC ENEMY – L’Aquila
16 mar INDI(E)AVOLATO DIAVOLO ROSSO – Asti
17 mar BANGARANG – Genova
22 mar B SIDE – Rende (CS)
23 mar SMAV – Caserta
24 mar LA STAZIONE LIVE – Tolentino (MC)
30 mar FABRIK – Cagliari

Il disco è stato prodotto da Alessandro Forte (Mòn) e Federico Nardelli (Gazzelle) e masterizzato da Giovanni Versari (Muse, Negramaro, Verdena).

Dentro Scudetto troviamo canzoni sfacciate e pop, elegantemente intrise di vita quotidiana, di amori totali e rimandi letterari. Galeffi si fa cantare e ricordare, grazie ad una scrittura catchy ma dalle mille sfumature sonore, in un mondo a tratti surreale, governato da tazze di te, occhiaie, orologi, caffettiere, baci rubati, polistirolo e calciatori.

TRACKLIST

1. Occhiaie
2. Polistirolo
3. Tazza di te
4. Potter / Pedaló
5. Quasi
6. Camilla
7. Puzzle
8. Pensione
9. Burattino
10. Tottigol

Letizia Onorati in tour

Letizia Onorati © Roberto Cifarelli
Letizia Onorati © Roberto Cifarelli

Partirà il 21 gennaio, da Lecce, il tour della giovane e talentuosa cantante jazz LETIZIA ONORATI. Alla sua seconda esperienza discografica Letizia presenterà i brani contenuti in “NOTES AND WORDS”(Egea-Incipit/Egea), il suo nuovo album disponibile dal 19 gennaio nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming.

Queste le date fino ad ora annunciate:
il 21 gennaio al Teatro Apollo di LECCE,
il 22 gennaio al Modo Jazz Club di SALERNO,
il 23 gennaio al Bravo Caffè di BOLOGNA,
il 25 gennaio all’Auditorium Parco Della Musica – Studio Borgna 
di ROMA,
il 26 gennaio a Il Melo di GALLARATE (VA),
il 28 gennaio al Teatro Filippo Neri di SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP).

Autrice o coautrice di quasi tutti i testi, ora Letizia si presenta per la prima volta come compositrice. I 9 brani inediti sono composti e arrangiati da Paolo Di Sabatino (sua anche la rielaborazione dei 3 standard che completano il lavoro), vero e proprio “regista” del lavoro realizzato.

Il progetto è impreziosito dalla partecipazione di musicisti di prim’ordine. Oltre a Paolo Di Sabatino (che è anche produttore artistico dell’album) al pianoforte, di assoluto rilievo le presenze di Flavio Boltro alla tromba, Max Ionata al sax, Giovanna Famulari al violoncello, Daniele Mencarelli al basso elettrico e contrabbasso, Glauco Di Sabatino alla batteria e Bruno Marcozzi alle percussioni. Special guest il notissimo crooner newyorkese Sachal Vasandani.

Federica Carta: “Molto più di un film” Tour 2018

FedericaCarta_2018_Cover_Twitter
FedericaCarta_2018_Cover_Twitter

FEDERICA CARTA, cantautrice talentuosa e finalista della sedicesima edizione di Amici di Maria de Filippi, debutterà con il suo primo tour in 10 club partendo con la prima tappa il 3 maggio da Treviso per poi passare nelle città di Milano, Bari, Napoli, Roma, Firenze, Catania, Palermo, Torino per concludersi con l’ultima tappa a Nonantola il 26 maggio al Vox Club.

Biglietti disponibili in esclusiva 24hrs Artist Pre-sale dalle ore 10 di lunedì 15 gennaio.

Biglietti disponibili su ticketone.it da martedì 16 gennaio alle ore 10:00 e in tutti i punti vendita Ticketone e altre prevendite autorizzate da venerdì 19 gennaio alle ore 10:00

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali

Marilena Paradisi e Kirk Lightsey Live

Marilena Paradisi_Kirk Lightsey
Marilena Paradisi_Kirk Lightsey

Sabato 20 gennaio al Teatro Studio Borgna dell’Auditorium Parco della Musica arriva finalmente l’attesa performance dal vivo: Marilena Paradisi e Kirk Lightsey presentano in concerto Some Place Called Where! Pubblicato dalla norvegese Losen Records, questo nuovo lavoro è un disco importante e ambizioso, al tempo stesso delicato, intimo e prezioso, per voce e pianoforte: la stessa combinazione di note e sensibilità che approda all’Auditorium romano per un concerto da non perdere.

Some Place Called Where è l’ottavo album di Marilena Paradisi, che dopo tre dischi centrati sul jazz e quattro tra contemporanea e improvvisazione totale, si avvicina nuovamente alla musica delle origini: lo fa con maturità, con una sensibilità nuova e con una straordinaria partnership, quella del grande Kirk Lightsey.

Il titolo dell’album proviene dall’omonimo pezzo di Wayne Shorter, scelto da Marilena insieme agli altri che compongono una scaletta profondamente sentita e condivisa con Kirk. Come dichiara David Fishel nelle note di copertina, «Portrait (Charles Mingus), Little Waltz (Ron Carter) e Like A Lover (Dori Caymmi) sono un buon esempio di questa musica scelta per profondità e sincerità, Fresh Air è un brano di Kirk che rappresenta bene il dialogo tra i due, Kirk ci regala anche un solo di flauto incantevole e lirico. Il suono complessivo è molto più pieno di quanto si possa aspettare da un duo, con la progressiva gamma armonica di Kirk e la qualità del tocco, quasi da accompagnamento orchestrale. Ma è l’intimità dell’interazione tra i due che più colpisce».

Some Place Called Where contiene un “repertorio di nicchia” utile però all’espressività diretta, immediata e toccante di Marilena e Kirk, che in soli quaranta minuti trasportano il loro mondo: quello dell’improvvisazione, degli studi in India, della voce come strumento per la Paradisi, quello degli anni passati con Chet Baker, Dexter Gordon, Pharoah Sanders e Lester Bowie, ma anche dell’amore per la musica classica, per Lightsey.