Il ritorno di Simone Cristicchi

Simone Cristicchi
Simone Cristicchi

IL 15 e 16 LUGLIO A PRATOVECCHIO STIA (AR)

Aspettando NATURALMENTE PIANOFORTE 2018

Il 15 luglio appuntamento con

FRANCESCO BACCINI e SERGIO CAPUTO…

… e a seguire si aggiunge il concerto di

SIMONE CRISTICCHI!

Si aggiunge un nuovo importante appuntamento alla due giorni di “ASPETTANDO NATURALMENTE PIANOFORTE 2018”, che si terrà il 15 e 16 luglio nel cuore del Casentino, a Pratovecchio Stia (AR).

All’appuntamento gratuito di FRANCESCO BACCINI e SERGIO CAPUTO, che porteranno in scena il loro recital “Un riflettore per due” sabato 15 luglio in Piazza Vecchia (Piazza Jacopo Landino) di Pratovecchio Stia (ore 20.30), si aggiunge ora il concerto di SIMONE CRISTICCHI che presenterà “Ti regalerò una rosa”, con una selezione di canzoni d’amore dei cantautori italiani. L’evento, organizzato dalla Fraternità di Romena, si terrà sempre sabato 15 luglio, alla Pieve di Romena (ore 22.00 – ingresso gratuito).

“Aspettando Naturalmente Pianoforte” è la due giorni di appuntamenti, musica e incontri nel cuore del Casentino che nasce nell’attesa della nuova edizione di “NATURALMENTE PIANOFORTE”, che si terrà dal 19 al 22 luglio 2018, sempre a Pratovecchio Stia (AR).

L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale PratoVeteri di Pratovecchio Stia in collaborazione con il Comune e l’Ente Parco delle Foreste Casentinesi.

Durante i due giorni, tra le vie di Pratovecchio Stia, verranno allestite due mostre gratuite: presso il Parco delle Rimembranze si potrà visitare la mostra “NATURALMENTE PIANOFORTE NEI BORGHI STORICI DEL CASENTINO”, con le immagini ed emozioni del pianoforte, fotografato e vissuto nelle piazze e negli angoli più suggestivi dei centri storici dei paesi del Casentino, a cura dell’Associazione PratoVeteri e del Gruppo 12.

Nel sottopasso tra Piazza Paolo Uccello e Piazza Jacopo Landino sarà invece allestita “EMOZIONI 2016”, una raccolta di tutte le immagini dell’edizione 2016 di “Naturalmente Pianoforte”, realizzata dal Gruppo 12.

Tante anche le iniziative collaterali che animeranno le strade del paese, tra cui “Abbiamo un Piano … per Voi”: dal 12 al 16 luglio in Piazza Paolo Uccello verrà collocato un pianoforte sulla pedana sopra la vasca, a disposizione di tutti i pianisti che vorranno esibirsi (dalle ore 20,30 fino alle 23,30 – per info e iscrizioni rivolgersi a: pratoveteri@gmail.com).

Dal 13 al 17 luglio, inoltre, si terrà la MASTERCLASS DI PIANOFORTE per giovani pianisti (e non solo), tenuta dal musicista e docente Sergio De Simone. L’allievo più meritevole verrà ammesso nel programma principale dei concerti di “Naturalmente Pianoforte 2018”.

Come da tradizione di “Naturalmente Pianoforte”, anche in questi due giorni verrà promosso il territorio e i suoi prodotti grazie all’“Angolo dei mangiari di strada”, con panini d’autore, cibi di strada, dolci della tradizione a Km 0 e vini e birre del Casentino.

L’Associazione ‘PratoVeteri’ è l’organizzatore di “Naturalmente Pianoforte”, la kermesse pianistica biennale, con la Direzione Artistica di Enzo Gentile (giornalista, critico musicale e docente universitario), che si prefigge di sviluppare un progetto di socialità e comunicazione attraverso la musica. Tra concerti, workshop, improvvisazioni, grandi professionisti e semplici amatori, il Casentino ribadisce la sua attitudine di luogo dedito all’ospitalità e all’incontro, crocevia di artisti, appassionati e semplici curiosi del turismo culturale.

Mario Venuti: nuovi appuntamenti live

Mario Venuti _foto di Alessandro Castagna
Mario Venuti _foto di Alessandro Castagna

Prosegue con grande successo Il “MOTORE DI VITA TOUR” di Mario Venuti, con cui il cantautore siciliano presenta live in tutta la penisola i suoi più grandi successi e i brani del suo ultimo progetto discografico “Motore di Vita”, tra cui il singolo “Caduto dalle Stelle”, da oltre dieci settimane al vertice della Classifica Airplay Radio Indipendenti Earone.

Al tour del cantautore siciliano si aggiungono anche tre nuovi appuntamenti: il 12 LUGLIO a La Lumia Summer Festival di PALERMO, il 25 LUGLIO in Piazza Municipio a CAMPOMARINO (CB) e il 12 AGOSTO a La Notte dei Briganti e delle Brigantesse di GIRIFALCO (CZ).

Mario Venuti sarà inoltre uno dei protagonisti del WIND SUMMER FESTIVAL.

Queste le prossime date del “Motore di vita Tour” in cui il cantautore siciliano sarà accompagnato sul palco dai musicisti, Donato Emma (batteria), Luca Galeano (chitarre), Pierpaolo Latina (tastiere) e Antonio Moscato (basso):

30 GIUGNO al Gay Village di ROMA

01 LUGLIO al Brugnato 5 Terre Outlet Village di BRUGNATO (SP)

02 LUGLIO al Parco Dora di TORINO per la rassegna Estate al Parco Dora

07 LUGLIO alle Feste archimedee di SIRACUSA

09 LUGLIO al Premio Bindi di SANTA MARGHERITA LIGURE (GE)

12 LUGLIO a La Lumia Summer Festival di PALERMO – NUOVA DATA

13 LUGLIO al Castel Sant’Elmo di NAPOLI

25 LUGLIO in Piazza Municipio a CAMPOMARINO (CB) – NUOVA DATA

12 AGOSTO a La Notte dei Briganti e delle Brigantesse di GIRIFALCO (CZ) – NUOVA DATA

27 AGOSTO in Piazza Tommaso Tittoni a MANZIANA (RM)

31 AGOSTO alla Festa Provinciale de l’Unità di RAVENNA

“Mentre rubavo la vita”

Mentre rubavo la vita
Mentre rubavo la vita

“…Quella maledetta emozione che mi inumidisce gli occhi

e mi ingroppa la gola” (Maurizio Carra)

L’emozione della poesia di Alda Merini e della musica

MONICA GUERRITORE e GIOVANNI NUTI in

“… MENTRE RUBAVO LA VITA…!”

il 21 luglio nel Parco delle Rimembranze di Iseo (BS)

MONICA GUERRITORE e il cantautore GIOVANNI NUTI daranno vita, venerdì 21 luglio alle ore

21, allo spettacolo “Mentre rubavo la vita” a ISEO (BS) nel Parco delle Rimebranze (Via Cerca

10): inizio spettacolo ore 21,00 – Settore numerato: 25 euro – Settore non numerato: 20 euro –

Posti in piedi: 15 euro. Un concerto “folle e commovente” in cui l’attrice romana, nella veste

inedita di cantante, e il cantautore e compositore Giovanni Nuti daranno voce e musica alle

poesie di Alda Merini. L’emozionante concerto è uno degli eventi della Rassegna MACRAME’

2017, riconosciuta ormai tra gli appuntamenti più importanti che animano l’estate del lago

d’Iseo (prevendita online biglietti: www.eventimacrame.it e www.vivaticket.it ).

“… Mentre rubavo la vita…!”, presentato, in anteprima nazionale, al teatro Trianon di Napoli,

ed è stato accolto con grande successo in tutta Italia. E’ uno spettacolo con musiche di

Giovanni Nuti sui testi delle canzoni di Alda Merini. La parte musicale è arricchita da

drammaturgia e testo di Monica Guerritore. Nato da un’idea di Rossella Martini, è prodotto da

Sagapò Music, con la regia di Mimma Nocelli.

Monica Guerritore e Giovanni Nuti, per 16 anni legato ad Alda Merini da un sodalizio che la

poetessa definiva “matrimonio artistico”, saranno accompagnati sul palco da una band di

quattro elementi composta da José Orlando Luciano, (pianoforte e tastiere), Massimo Germini

(chitarra), Simone Rossetti Bazzaro (violino e viola), Emiliano Oreste Cava (batteria e

percussioni) per uno spettacolo appassionato e coinvolgente.

«Nessuna donna resta indifferente davanti alla forza, all’energia libera, vitale, colorata, sensuale

di Alda Merini – dice Monica Guerritore – La musica di Nuti rende travolgenti i suoi testi. Io

stessa ne rimango stupita. Al pubblico piacerà enormemente: ballerà, riderà e piangerà insieme

a noi!».

«Solo un’artista eclettica e sensibile come Monica può trasmettere appieno l’intensità, il

carattere, l’ironia, lo struggimento, la magica follia di una personalità immensa come quella di

Alda Merini – afferma Giovanni Nuti – Sentirla per la prima volta cantare i suoi versi sulle mie

note è stato emozionante. “Mentre rubavo la vita”è un verso della poesia “Io come voi” (Io come

voi sono stata sorpresa / mentre rubavo la vita). Oggi vivere con autenticità, con passione, senza

ipocrisie è come fosse diventato un reato. Bisogna conquistarsi la proprio libertà e a volta

pagarla a cara prezzo. C’è un libro di Alda, dettato a Luisella Veroli, una sorta di autobiografia,

che si intitola proprio “Reato di vita”. Alda con la sua poesia ci invita a vivere intensamente le

nostre emozioni, cerca in noi dei complici al suo reato di vita».

DICONO DI “…Mentre Rubavo la vita!…”:

«Questa total immersion nel flusso magmatico di poesia, di musica, di immagini invece di

aprirmi a riflessioni mi immerge in un mondo onirico nel quale l’unica realtà è quella maledetta

emozione che mi inumidisce gli occhi e mi ingroppa la gola. I responsabili sono Alda Merini e

quegli straordinari interpreti delle sue poesie, espresse in parole e musica da Giovanni Nuti e

Monica Guerritore. La straordinaria consonanza, fra il testo, le musiche e le espressioni vocali

(canto e recitazione), in altre parole le interpretazioni che, fondendo musica e versi hanno

permesso di creare quell’atmosfera magica che ha coinvolto, commosso e anche divertito, tutti

gli spettatori».

Maurizio Carra, teatrionline.com

«Un sentiero luminoso di parole e musica… Una sensazione di avvolgimento completo che

travolge e accarezza, quasi le parole fossero braccia e calore e la musica penetrasse sotto pelle.

Questo l’impatto del concerto che apre, ad ogni lirica, un mondo di riflessioni sulla carnalità,

sull’amore, sulla sofferenza e sull’inferno da vivere per giungere al sublime».

Nicoletta Cavanna, teatro.it

«Serata fiammeggiante e necessaria in un emozionante susseguirsi di schegge di vita che

mettono a nudo una montagna di forza e dolcezza (…) Viscerale, evocativa e coraggiosa la

Guerritore spalleggiata dalla classe e dall’energia vocale di Giovanni Nuti…. Da non mancare».

Claudio Fontanini, Cinespettacolo.it

«Ghiribizzosa la Guerritore di “Mentre rubavo la vita…!”: solo a quelle come te, leggere nel tocco,

potevano fluire così ammalianti i versi di Alda Merini ! E’ toccato proprio alla così lontana per

forme (…e che belle!) Monica Guerritore avvolta in un panneggio rosso Pontormo, con aggiunto

un velo di sposa, di interpretare i suoi versi, cantarli con voce calda, per farli vibrare d’emozione.

E un’ora e mezza di poesia pura è volata via veloce, lasciando il segno, eccome, sugli occhi

commossi dei molti milanesi venuti a sentire lei e Nuti che della Merini è stato amico e interprete

in musica e non solo: sue le canzoni, suoi i ritmi struggenti di una serata emozionante».

Stefano Biolchini, Ilsole24ore.com

«Una ventina di poesie di Alda Merini – certamente la più grande poetessa italiana del Novecento

– sono le protagoniste di “Mentre rubavo la vita”, l’emozionante e coinvolgente spettacolo

animato dalle voci di Monica Guerritore e Giovanni Nuti al cui talento si devono le note che

‘vestono’ le parole della Merini senza tradirne, anzi esaltandone, lo spirito e trovano nella sua

capacità interpretativa e nell’abilità di garbato e avvincente narratore un interprete ideale.

Sorpresa dello spettacolo è, però, Monica Guerritore… pochi avevano fino a oggi avuto la fortuna

di conoscerla come cantante e di ascoltarne la voce affascinante, dalle tonalità conturbanti,

capace di far vibrare l’animo di chi ascolta… Uno spettacolo raro, da vedere e rivedere».

Salvatore Longo, teatro.it

«Le canzoni portate in scena sui testi della Merini sono forse le più belle canzoni d’amore, dolore,

passione e ironia degli ultimi anni. …Un concerto/spettacolo fatto di tante suggestioni: luci,

ombre, musica, video arte, immagini, il palco pieno di musicisti e di calore… un’ondata di forza

psichica, sensualità, scandalo, ironia sfacciata e mistero, con proiezioni di donne che volano,

Ofelie e piogge di petali, immagini forti, surreali e sognanti “bombardano” lo spettatore

suscitando un’alternanza di pianto e sorriso».

Virginia Zullo, Daringtodo.it

«L'anima di Alda, così viva e presente, si sente fin dall'apertura del sipario, grazie alle parole

sussurrate da Monica e le prime videoproiezioni (di Lucilla Mininno e Mimma Nocelli, che cura

anche la regia), che accompagnano tutta la serata. Anima e corpo, spirito e sangue, parole

evocate ed eteree o scritte sui muri, amore e passione, tormento e follia, farfalla e verme

immondo, per citare Arrigo Boito: questa è Alda, una donna, mille donne, in cui ognuna di noi si

può riconoscere.

Le straordinarie note di Nuti accarezzano e accompagnano i versi della Merini, con tatto e

rispetto e spaziano dall'elegia pura, all'energia più vitale».

Silvia Arosio, silviaarosio.com

MONICA GUERRITORE nata a Roma da genitori di origini napoletane e calabresi, esordisce

nel 1974, a soli sedici anni, sotto la regia di Giorgio Strehler che la sceglie per interpretare

Ania ne Il giardino dei ciliegi. Dal teatro approda ben presto al cinema, dove si distingue per

alcune scelte molto coraggiose, e successivamente alla fiction televisiva. Ma è nel teatro che

Monica Guerritore trova la sua via, anche come interprete-regista, drammaturga di spettacoli

di grandissimo successo come Giovanna d’Arco, Dall’Inferno all’Infinito, Mi chiedete di parlare

su Oriana Fallaci e il musical End of the Rainbow di Peter Quilter. Nel 2010 è uscita la sua

autobiografia La forza del cuore. Presidente della Giuria dei Letterati del Premio Campiello è

stata insignita nel 2011 da Giorgio Napolitano dell'onorificenza di Commendatore della

Repubblica per meriti artistici e culturali.

GIOVANNI NUTI è un musicista e cantante toscano, di Viareggio, ma milanese di adozione. Ha

all’attivo otto album e ha collaborato con Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni, Lucio Dalla,

Mango, Enzo Avitabile, Milva, Dario Gay, Marco Ferradini e Simone Cristicchi. Nel 1993

incontra Alda Merini e dalla loro collaborazione durata sedici anni – che Merini definiva

«matrimonio artistico» – sono nati numerosi spettacoli che li vedono protagonisti insieme sul

palcoscenico e quattro cd: Milva canta Merini (2004), ritorno discografico della “Rossa”, di cui

Giovanni Nuti firma tutte le musiche; Poema della croce, una moderna opera sacra

rappresentata anche nel Duomo di Milano e definita da Sua Eminenza card. Gianfranco Ravasi

«opera di finissima e intensa esegesi musicale» della «grande poesia di Alda Merini»; Rasoi di

seta, con ventuno liriche della poetessa milanese musicate dal cantautore, tra cui Poeti, duetto

con Simone Cristicchi; Una piccola ape furibonda, con otto testi inediti di Merini, pubblicato il

21 giugno 2010.

Nel 2012 esce Una pequeña abeja enfurecida in cui Giovanni Nuti canta Alda Merini in

spagnolo con la partecipazione straordinaria di Lucia Bosé che ha curato le versioni in

castigliano di tutte le poesie-canzoni. Il 6 aprile 2017 viene riproposto, nella Basilica di San

Lorenzo Maggiore a Milano, a più di 11 anni dalla prima rappresentazione, il “Poema della

croce”. Per la prima volta, ad impersonare Maria nel ruolo recitante che fu di Alda Merini,

l'attrice Daniela Poggi.

Festa della Musica a Milano Malpensa

Malpensa
Malpensa

SEA CON ENAC E ASSAEROPORTI PARTECIPA ALLA FESTA DELLA MUSICA A MILANO MALPENSA

SEA partecipa all’edizione 2017 della Festa della Musica cha avrà inizio domani con due concerti all’aeroporto di Milano Malpensa.

Il primo concerto per pianoforte, in collaborazione con Fazioli Pianoforti SpA, si terrà alle ore 12.00 presso la zona Food Court del Terminal 1. Concertisti: Federico Medaglia Schoenfeld  e Marco Federico Maria Drufuca.

Mentre il secondo concerto per pianoforte, in collaborazione con l’Istituto Superiore Studi Musicali Puccini di Gallarate, avrà luogo presso l’area imbarchi extra Schengen sempre al Terminal 1 alle ore 14.00. Concertista: Marco Vismara.

La manifestazione è promossa dal ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dall’Associazione Festa della Musica e dalla Siae.

Concerto zona Food Court ore 12.00

Opere:

W.A. Mozart                        Sonata K 570 in sib+: (allegro – adagio – allegretto)

L.V. Beethoven                   dalla Sonata Op. 2 n. 1: 1° e 4° Movimento

F. Chopin                             Studio Op. 10 n. 8  in fa+

                                               Studio Op. 25 n. 2

F. Liszt                                  Vallée d’Obermann

K. Szymanovskij                                Studio Op. 4 n. 3 in sib-

S. Rachmaninov                 Preludio Op. 3 n. 2   in do#-

                                               Etude-tableaux  Op. 33 n. 8  in sol-

C. Debussy                           da Children’s corner op. L113: Doctor Gradus ad Parnassum

Concerto Imbarchi ore 14.00

Opere:

L.v. Beethoven                   Sonata in la magg. op. 101

F. Chopin                             Sonata in si min. op. 58

C. Franck                             Preludio, corale e fuga

S. Lyapunov                        Studio trascendentale n. 4 op. 11 “Terek”

“…LIKE CLOCKWORK”

Indipendente concerti
Indipendente concerti

DOPO CENTINAIA DI LIVE EPICI

UN ANNO IN TOUR CON IGGY POP

L’ALBUM “…LIKE CLOCKWORK„ ALLA #1 IN USA E #2 UK

TORNANO A DISTANZA DI 4 ANNI CON UN NUOVO ALBUM E UN NUOVO TOUR

QUEENS OF THE STONE AGE

 SABATO 4 NOVEMBRE 2017

 UNIPOL ARENA – BOLOGNA

Prezzo biglietto:

Parterre: €40+ diritti di prevendita

 Tribuna Numerata Ovest: € 50+ diritti di prevendita

Tribuna Numerata Est: € 50+ diritti di prevendita

 Tribuna Numerata Sud: € 50+ diritti di prevendita

Biglietti: Ticketone – www.ticketone.it – 892.101

I biglietti saranno disponibili dalle ore 09.00 di mercoledì 21 giugno su Io Vado Club (www.iovado.club) e My Live Nation (http://www.livenation.it) (previo utilizzo di codice)e dalle ore 10.00  di giovedì 22 giugno su www.ticketone.it

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali.

I Queens of The Stone Age, band capitanata da Joshua Homme, tornano in Italia per una data imperdibile SABATO 4 NOVEMBRE 2017 all’ Unipol Arena di Bologna.

 “Il titolo Villains non è una dichiarazione politica. È semplicemente 1) una parola fantastica e 2) un commento sulle tre versioni di ogni scenario: il tuo, il mio e quello che è successo davvero… Ognuno ha bisogno di qualcosa o qualcuno a cui dar contro, il proprio cattivo. Non puoi controllarlo. L’unica cosa che puoi controllare è quando lo lasci andare.”—Joshua Homme

Dopo centinaia di live epici, un anno in giro con Iggy Pop e  le nomination ai Grammy, i Queens Of The Stone Age riemergono dal deserto con il settimo album, “Villains”, (in uscita il 25 Agosto su Matador Records) accompagnato da un tour mondiale che li vedrà in Italia sabato 4 Novembre all’Unipol Arena di Bologna.

Prodotto da Mark Ronson, Villains è il primo album dei Queens Of The Stone Age da “…Like Clockwork” del 2013, album che ha portato la band per la prima volta al #1 posto in classifica in U.S. e al #2 in UK.

In “Villains” appare inconfondibile, come sempre, il sound rock’n’roll che la band porterà in giro per il mondo.

I Queens of The Stone Age sono Joshua Homme, Troy Van Leeuwen, Michael Shuman, Dean Fertita, Jon Theodore.