Le “Visioni metropolitane” di Maria Enrica Ciceri in mostra a Milano

visioni_metropolitane_ciceri-
visioni_metropolitane_ciceri-

Giovedì 15 giugno 2017 sarà inaugurata a Milano, nello Spazio Espositivo PwC, all’interno del palazzo sede del quotidiano Il Sole 24 Ore in via Monte Rosa, la personale di pittura di Maria Enrica Ciceri dal titolo “Visioni metropolitane”.

Incentrata sul confronto tra le metropoli di New York e Milano, la mostra, che si colloca nel calendario di Art@PwC, rimarrà visitabile fino al 7 luglio con apertura continuata 24 ore su 24. Il vernissage si svolgerà alle ore 18.30 con la presenza dell’artista e sarà seguito da un cocktail.

“Visioni metropolitane” è il racconto di due città diversissime per dimensione, cultura e tradizioni, eppure vicine nella loro frenesia, creatività e dinamicità. Nella prima parte la mostra conduce lo spettatore a New York, la metropoli americana per eccellenza, città simbolo di libertà, speranza e successo. Nei dipinti esposti si possono distinguere i palazzi in corsa verso il cielo, le insegne giganti e le luci al neon, che caratterizzano una città bella, ricca, ambiziosa, in continua evoluzione.

La seconda parte del viaggio vede come protagonista Milano: caotica, veloce, capitale mondiale del fashion system. Qui lavoro e divertimento si incontrano e si intrecciano sorprendentemente. Una metropoli discreta e industriosa, che si scopre in tempi lunghi e a cui ci si affeziona in breve, con i suoi simboli e icone, come “el dom de Milan”, imponente chiesa irta di guglie e pinnacoli, tra le più importanti rappresentazioni della fede cristiana.

Una Milano che negli ultimi anni è tornata ad essere “La città che sale” dipinta a inizio Novecento da Umberto Boccioni, opera che coincidenza vuole sia oggi esposta al MoMA, proprio nella “Grande Mela”.

Mostra quadri e gioielli

Elisabetta Mariani ed Enrica Miramonti
Elisabetta Mariani ed Enrica Miramonti

E’ stata inaugurata il mercoledì 10 maggio e continuerà fino a domenica 14 maggio, la mostra quadri e gioielli.

Protagoniste del binomio artistico di quadri e gioielli, sono la pittrice Enrica Miramonti e la creatrice di gioielli Elisabetta Mariani. I dipinti, appesi nel suggestivo spazio “Espace Room” nel centro di Novate Milanese, riportano immagini di paesaggi e di donne, che cercano sempre di catturare l’attenzione del visitatore, attraverso i loro raffinati particolari sa scoprire.

Per quanto riguarda i gioielli, la voglia di creare e dare libertà alla propria arte ed espressione, hanno portato l’artista Mariani a lasciare un lavoro fisso, per dedicarsi alla creazione di gioielli, semplici ed eleganti, dove la semplicità nasce comunque da una ricerca.

La mostra è visibile a Novate milanese, in via Repubblica, 38 presso “Escape Room”

Orari: 10-14 e 16-19

Mostra di Salvatore Nocera

Salvatore Nocera
Salvatore Nocera

La mostra Salvatore Nocera. Un decennio di ritardo propone una selezione di 40 tele, 24 disegni e alcuni scritti dell’artista, scomparso nel 2008, in un processo di riscoperta di una carriera artistica sfuggente durata quattro decenni, dalla fine degli anni Quaranta all’inizio degli anni Novanta. La preziosa biblioteca di Salvatore Nocera, costituita da 8.000 volumi, sarà infatti donata dalle eredi alla Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna, mentre il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna e il Museo MAGI’900 di Pieve di Cento acquisiranno in collezione alcuni dei lavori.
Si tratta della prima mostra personale dell’artista nella sua città natale.

L’eclettico mondo di Walter Marinello

L'eclettico mondo di Walter Marinello
L’eclettico mondo di Walter Marinello

Sarà inaugurata sabato 6 maggio la mostra “L’eclettico mondo di Walter Marinello”, pupazzi e oggetti in mostra.

La mostra si svolgerà nella chiesetta del Gesiò di via Garibaldi, angolo via Roma, e durerà fino a domenica 14 maggio.  “L’eclettico mondo di Walter Marinello” sarà accompagnata da  un’esposizione di alcuni quadri e materiale dell’associazione mondodisabile.it.

“Credo che la parola “eclettico” sia quella che più rispetta la mia natura, sia in quanto pregio che come difetto. In questa esposizione c’è di tutto, dai pupazzi televisivi alle lampade, dai libri ai quadri, 35 anni di lavoro e di svago tra televisione e teatro.  Ho buttato via tutti i calchi, dunque tutto quello che vedete non potrà mai più essere riprodotto”, conclude Marinello.

Orari: Dal lunedì al venerdì 16-20, sabato e domenica dalle 11 alle 20.

Maestro Donida e Mogol al Sacro Monte

Mostra Mogol musica e poesia
Mostra Mogol musica e poesia

Musiche, parole, dischi e immagini: si inaugurano lunedì 1 maggio due mostre dedicate a Mogol e al Maestro Donida
al Sacro Monte di Varese

Per tutto il mese di maggio, la Location Camponovo ospiterà
una doppia esposizione, tributo a uno dei sodalizi di maggior successo nella storia della musica leggera italiana: quello tra il compositore
Carlo Donida e Mogol, il più importante autore italiano

MILANO – Dischi, fotografie, spartiti e materiali inediti per una mostra, anzi due, dedicate a Mogol e al Maestro Carlo Donida, uno dei più importanti compositori italiani del Dopoguerra, che con Giulio Mogol ha collaborato a lungo, collezionando moltissimi successi in campo musicale, artistico e discografico.

La doppia esposizione, organizzata dall’associazione culturale La Compagnia di Donida con il patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Varese e con il sostegno di BBC-Banca Credito Cooperativo e TD Group-KARCHER Center Galliate Lombardo, sarà allestita presso la Location Camponovo, al Sacro Monte di Varese, per tutto il mese di maggio e sarà visitabile ogni sabato e ogni domenica dalle ore 10 alle ore 18 (ingresso: 5 euro).

L’inaugurazione è in programma lunedì 1 maggio alle ore 11 con una visita guidata organizzata dal collezionista Daniele Sgherri, che ai visitatori svelerà aneddoti, curiosità e retroscena legati alle carriere dei due artisti.

“Mogol: musica e poesia” è il titolo della mostra dedicata al più importante autore italiano: raccontare la sua carriera vuol dire intraprendere un viaggio affascinante e interminabile nella storia della musica leggera del Belpaese. Mogol è, infatti, il più noto autore di liriche che la musica italiana abbia mai avuto e i suoi testi hanno segnato intere generazioni.

L’esposizione si articola con pannelli che espongono la sua discografia in supporto 45 giri: oltre ai dischi “ufficiali”, il curatore ha inserito anche le cover, ovvero i successi cantati da altri artisti. A creare la giusta atmosfera, all’interno della sala saranno diffuse le canzoni dei dischi presenti nella mostra, in modo da permettere al pubblico di vivere pienamente le emozioni della musica.

“Al di là della musica” è il titolo del secondo allestimento, dedicato al Maestro Carlo Donida. Nato a Milano e vissuto sulla sponda varesina del Lago Maggiore (gli occhi perennemente rivolti al lago, la mente e il cuore sulle “colline in fiore” di Porto Valtravaglia), Donida è stato uno dei più importanti autori della nostra storia musicale.

Lucio Battisti lo considerava il “suo Maestro” e Mogol lo ha sempre riconosciuto come “un genio della musica italiana”. Molti dei brani più cantati tra la fine degli anni ’50 e gli anni ’70 portano la firma Mogol-Donida, una coppia di autori che ha avuto il suo naturale proseguimento artistico nel duo Mogol-Battisti.

Nella mostra ospitata al Sacro Monte di Varese è possibile ripercorrere la lunga carriera artistica del Maestro Donida (uomo schivo e lontano dai clamori, scomparso nel 1998), attraverso le copertine dei 45 giri che includono al loro interno i suoi più grandi successi: una collezione unica, con dischi provenienti da tutto il mondo.

Location Camponovo, via dell’Assunzione 1, Sacro Monte sopra Varese.
Quando: dall’1 al 28 maggio.
Apertura: sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 18.
Inaugurazione: lunedì 1 maggio ore 11.
Ingresso: 5 euro.
Info e prenotazioni: +39 333 2130822; info@lacompagniadidonida.it; info@locationcamponovo