«Quinta Colonna» – nuovo appuntamento

Paolo Debbio
Paolo Del Debbio

Nuovo appuntamento – lunedì 6 marzo, alle ore 21.15, su Retequattro – con l’attualità del talk «Quinta Colonna».

Paolo Del Debbio segue gli sviluppi sullo scandalo dell’ospedale Loreto Mare di Napoli, dove 94 persone sono state indagate nell’ambito di un’operazione anti-assenteismo.
Negli ultimi giorni l’inchiesta si è allargata: diverse perquisizioni sono state effettuate per accertare un giro di presunte falsificazioni di esami radiologici fatte con lo scopo di truffare le assicurazioni. Si ipotizza che queste ultime venissero indotte a risarcire danni per incidenti stradali mai avvenuti.

A seguire, la trasmissione a cura di Raffaella Regoli si occupa della denuncia pubblica di Adriano Celentano e Claudia Mori, e anche di Francesco Facchinetti, su un presunto exploit di incursioni dei ladri nelle loro residenze.

In studio con Del Debbio, politici e giornalisti. Gli inviati del programma sono in collegamento anche da Reggio Emilia. Infine, l’attualità tutta da ridere con Gene Gnocchi.

Caso Lorys Stival a “Quarto Grado-La Domenica”

quarto grado
quarto grado

Nel corso della puntata in onda questa sera, alle 20:30 su Retequattro, “Quarto Grado-La Domenica”, intervista Davide Stival, padre di Lorys, il bambino di 8 anni di Santa Croce Camerina (Ragusa), ucciso il 29 novembre 2014.
Per il delitto, lo scorso 17 ottobre, è stata condannata in primo grado a 30 anni di reclusione la madre Veronica Panarello, moglie di Davide. La donna si trova attualmente in carcere.

Caso Lorys: Parla per la prima volta papà Davide

NUZZI
NUZZI

Nuova puntata di “Quarto Grado – La domenica”: lo spazio di riflessione sui maggiori casi di cronaca condotto da Gianluigi Nuzzi è in onda il 5 marzo, nell’access prime-time di Retequattro.

Il domenicale a cura di Siria Magri si occupa del caso di Lorys Stival – il bambino di 8 anni ucciso a Santa Croce Camerina nel novembre 2014 – partendo da un punto di vista familiare.
Sotto i riflettori, quindi, i genitori del bimbo: da una parte Veronica Panarello, accusata per il delitto e per questo condannata in primo grado a 30 anni di reclusione, e dall’altra Davide, una persona schiva e riservata, che da oltre due anni vive esclusivamente nel ricordo del figlio.
L’uomo per la prima volta accetta un’intervista televisiva e parla ai microfoni di “Quarto Grado-La domenica”, soffermandosi anche sul rapporto con la moglie.

Nuzzi, insieme a ospiti ed esperti in studio e in collegamento, espone dunque la legislatura in merito alla potestà genitoriale, in particolare nei casi di omicidio.

A «Quinta Colonna»: scandalo assenteismo al Loreto Mare di Napoli.

paolo-del-debbio-
paolo-del-debbio-

Lunedì 27 febbraio, alle ore 21.15 su Retequattro, nuovo appuntamento con «Quinta Colonna».
In apertura, lo scandalo assenteismo all’ospedale Loreto Mare di Napoli.
Paolo Del Debbio analizza questo «disastro sociale», come l’ha definito il gip Pietro Carola, emerso dall’indagine condotta dalla Procura partenopea: arresti domiciliari per 55 dipendenti del nosocomio e un danno all’erario calcolato in 800 mila euro in cinque anni, secondo le cifre fornite dal procuratore aggiunto.

A seguire, la trasmissione a cura di Raffella Regoli ospita un dibattito sui vitalizi d’oro per i parlamentari: al centro del confronto Mario Giordano, direttore del Tg4 e ospite fisso del programma, da sempre in prima linea sulla questione.

In studio, politici, giornalisti e persone comuni. Gli inviati di «Quinta Colonna» sono anche a Giarre (Catania) e Rovigo. Infine, l’attualità surreale di Gene Gnocchi.

“Quarto Grado- La Domenica “: Focus sulle misure cautelari”

gianluigi nuzzi
gianluigi nuzzi

Nuovo appuntamento con “Quarto Grado – La domenica”, il programma condotto da Gianluigi Nuzzi, in onda il 26 febbraio, nell’access prime-time di Retequattro.
Nel domenicale a cura di Siria Magri si apre una riflessione sulle misure cautelari: la domanda che dà il titolo alla puntata è “Dentro o fuori?”.

Perché Veronica Panarello – condannata a 30 anni per il delitto del figlio Lorys Stival – è in carcere, mentre Antonio Logli – anch’egli dichiarato colpevole per l’omicidio di sua moglie Roberta Ragusa – ha ricevuto “solo” l’obbligo di dimora nei comuni di Pisa e San Giuliano Terme negli orari notturni? Cosa c’è di diverso tra questi casi?

Nel dibattito rientra anche la vicenda di Yara Gambirasio: Massimo Bossetti è stato condannato all’ergastolo in primo grado e si trova rinchiuso nel carcere di Bergamo. La moglie Marita Comi, commenta la misura cautelare imposta al marito a “Quarto Grado-La domenica”.

Infine, Nuzzi, insieme ad ospiti ed esperti in studio e in collegamento, spiega cosa siano le misure cautelari, come vengano disposte e ne espone la legislazione a riguardo.