Gianluigi Toccafondo. L’immagine in movimento” – Galleria Civica di Modena

images-vernice-fresca-
images-vernice-fresca-

Gianluigi Toccafondo. L’immagine in movimento
9 aprile – 20 agosto 2017
inaugurazione 8 aprile ore 18.00

Galleria Civica di Modena
Palazzina dei Giardini, corso Canalgrande, Modena

Inaugura sabato 8 aprile alle ore 18.00 alla Palazzina dei Giardini della Galleria Civica di Modena la mostra personale L’immagine in movimento di Gianluigi Toccafondo, artista poliedrico, pittore, illustratore e cineasta.

Nelle cinque sale dell’antica serra ducale saranno allestite circa 1000 opere che ripercorrono in particolare l’attività legata alla produzione di animazioni dell’artista sammarinese, dal 1989 al 2017.

«Il mio lavoro nasce all’interno del cinema – spiega Toccafondo – non ho quasi mai disegnato su carta bianca, parto sempre da un’immagine, spezzoni di film o scene girate da me con l’aiuto di operatori; faccio migliaia di fotografie, stampo su carta o su fotocopie, ci dipingo sopra con colori acrilici, matite o altro e modifico continuamente l’immagine fino a cambiare quasi completamente quella originaria; filmo i disegni con una verticale tradizionale in pellicola 35 mm e vedo il risultato in proiezione. Il risultato finale è un film d’animazione che conserva un movimento reale».

Il percorso di mostra, attraverso un flusso continuo di sequenze che partono dalle prime sperimentazioni fino agli ultimi disegni pensati per il Teatro dell’Opera di Roma e per il Bologna Jazz Festival, presenta diverse serie di disegni, la maggior parte dei quali utilizzati per la realizzazione di sequenze animate, cortometraggi, sigle per la televisione e il cinema, pubblicità e video-clip.

Nella cupola della palazzina verrà inoltre presentata una nuova opera, la sequenza di disegni realizzati per illustrare il racconto inedito di Ugo Cornia dal titolo Favola del gattino che voleva diventare il gatto con gli stivali, che sarà oggetto di un libro d’artista pubblicato in occasione della mostra.

Solo l’ultimo capitolo di una serie di lavori dedicati all’illustrazione di testi letterari, come nel caso delle invettive di Antonio Delfini, dell’Orlando Furioso e del mondo favolistico de Lo cunto de li cunti dello scrittore napoletano Gianbattista Basile.

Durante l’evento inaugurale sarà aperta al pubblico la sala conferenze della Bibioteca Delfini, in corso canalgrande 103 dove Gianluigi Toccafondo ha realizzato nel 2009 l’affresco digitale dedicato ad Antonio Delfini i cui originali sono esposti in mostra, nella sala sarà inoltre proiettato un filmato che racconta le fasi creative e di allestimento dell’insolita opera.

#8marzoalmuseo – Festa della donna

festa_donna-omero
festa_donna-omero

In occasione della Festa della donna il Museo Tattile Statale Omero propone un evento dedicato alla bellezza e alla cura del proprio aspetto.

Visagisti e professionisti dell’Accademia di trucco Ki Art di Clara Cittadini e del centro di formazione culturale e professionale Scolastica srl, si metteranno a disposizione del pubblico femminile per offrire preziosi consigli sull’arte di farsi belle.

Ogni viso ha la sua forma e i suoi colori: esperti truccatori ci suggeriranno come valorizzarli con una sessione di trucco personalizzato per tutte le partecipanti. Un’occasione di conoscenza nata anche dalle richieste di donne non vedenti.

E’ previsto un angolo relax con tisane, libri e riviste d’arte da sfogliare per scoprire l’evoluzione del make up nel tempo.
L’evento è gratuito in linea con la direttiva del Mibact che prevede l’ingresso gratuito nei musei per le donne nel giorno della loro festa.

La prenotazione obbligatoria (Tel. 0712811935 didattica@museoomero.it). E’ possibile iscriversi al primo gruppo ore 17.00 o al secondo ore 18.00. Max 25 partecipanti a gruppo. Ogni partecipante dovrà portare i propri prodotti cosmetici.

L’Accademia Ki Art di Clara Cittadini insieme al centro di formazione culturale e professionale Scolastica srl, si propone di abilitare e formare la figura professionale del truccatore, non solo nella sua arte ma anche nel suo ruolo di supporto e di manager del look. Si propone di insegnare l’arte di relazionarsi nei vari ambienti di lavoro: spettacolo, cinema, teatro, set fotografici, settori dove è richiesta la figura più intima del visagista come gli istituti di bellezza, centri benessere, strutture sanitarie così come in aziende cosmetiche, farmaceutiche e profumerie con la figura di Promoter.

Il Museo Omero aderisce a “M’illumino di meno”

millumino-di-meno-2017
millumino-di-meno-2017

Anche quest’anno il Museo Tattile Statale Omero aderisce alla Festa del risparmio energetico “M’illumino di meno” promossa dalla trasmissione Caterpillar Rai Radio 2, giunta alla XIII edizione.

Il Museo terrà spenti circa il 90% dei corpi illuminanti degli ambienti espositivi nell’orario di apertura (ore 16 – 19): un’ulteriore occasione per invitare il pubblico a fruire dell’opera “aguzzando” il tatto.

Nel pomeriggio in visita in collezione anche un gruppo di studenti non vedenti provenienti dalla città da Cluj in Romania. L’ingresso al Museo è libero.

Info
Museo Tattile Statale Omero
Mole Vanvitelliana – Banchina Giovanni da Chio, 28
Tel. 071 2811935
email: info@museoomero.it
#museoomero

Galleria d’Arte Moderna di Genova: proroga della mostra “Passwor(l)d”

Laura Zeni Passaggio 2016
Laura Zeni Passaggio 2016

Grazie al grande successo di pubblico la personale “LAURA ZENI. PASSWOR(L)D” presso la Galleria d’Arte Moderna di Genova, uno dei quattro Musei di Nervi, è prorogata di un mese, fino al 12 marzo.

Curata da Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei all’interno della rassegna d’arti 2016-2017 dal titolo “NaturaConTemporanea”, la mostra si avvale del patrocinio dell’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio Sezione Piemonte-Valle d’Aosta.
Laura Zeni entra in dialogo con le opere delle collezioni museali, evidenzia analogie e differenze tra contemporaneità e recente passato grazie a un corposo nucleo di installazioni, opere pittoriche, collage e disegni fra cui spiccano numerosi inediti pensati ad hoc per lo spazio espositivo.

Il titolo della mostra, PASSWOR(L)D, gioca sull’ambiguità dei significati attribuibili a questo termine togliendo la lettera “L”. Commenta Fortunato D’Amico:
“Quella attuale è un’epoca di passaggio tra vecchio e nuovo mondo, è un tempo storico di transizione e di disagi in cui non si vedono con chiarezza le prospettive future. La Galleria di Arte Moderna di Genova Nervi è un luogo dove le opere dei Maestri dell’Ottocento e del Novecento rivelano momenti di vita, sia positivi sia negativi, rappresentativi della grande transizione epocale che nei due secoli precedenti ha trasformato la società da contadina a industriale”.

Coordinate mostra
Titolo LAURA ZENI. PASSWOR(L)D
A cura di Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei
Sede MUSEI DI NERVI – Galleria d’Arte Moderna di Genova
Villa Saluzzo Serra, Via Capolungo 3, Genova – Nervi
Date 13 novembre 2016 – 12 febbraio 2017 – prorogata al 12 marzo
Orario invernale martedì – domenica, ore 11 – 17
Lunedì chiuso
Ingresso € 6 intero; € 5 ridotto
Info e prenotazioni: biglietteriagam@comune.genova.it – Tel. +39 010 3726025 – 010 5574739
www.museidigenova.it – www.facebook.com/GAM.Galleria.Arte.Moderna.Genova

La mostra “Ecce Homo” si apre ai disabili cognitivi

dormienti-mimmo-paladino
dormienti-mimmo-paladino

In occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità promossa dal Mibact,  sabato 3 dicembre alle ore 16 un gruppo di circa 20 ragazzi con disabilità cognitiva, visiterà la mostra Ecce Homo Da Marino Marini a Mimmo Paladino La scultura di figura nell’arte italiana dal secondo dopoguerra ad oggi in corso alla Mole Vanvitelliana di Ancona.

La visita si articola come un percorso teatrale guidato da tre attori che avvalendosi di scene d’improvvisazione, condurranno i partecipanti lungo le sale della mostra per conoscere alcune delle opere più significative: Pioggia artificiale e Mare artificiale di Gino Marotta, Apollo e Dafne di Alik Cavaliere, La disputa dei sette savi di Atene di Fausto Melotti, Ractus ractus di Valeriano Trubbiani, I dormienti di Domenico Paladino.

I giovani, che aderiscono al progetto di autonomia “Esercizi di volo” (dell’Azienda servizi alla persona di Jesi – Ambito 9 in collaborazione con Asur Area Vasta 2 e Coos Marche), saranno coinvolti nello spettacolo itinerante e potranno avvicinarsi all’arte contemporanea in modo inusuale e divertente.

La Giornata è stata ideata in forma mirata e accessibile dai ragazzi del Servizio Civile Nazionale – Luca Bontempi, Monia Cotoloni, Chiara Giacobone, Corradina Rosetti, – in collaborazione con il Servizio Civile Regionale Garanzia Giovani Thomas Giovagnoli, Ilaria Mazzieri, Giovanna Tadeu, Alessia Tronto, tutti volontari del Museo Tattile Statale Omero, referente per i servizi educativi in mostra.