“Loving Vincent”al cinema: si replica il 20 novembre

LovingVincent_POSTER_REPLICA
LovingVincent_POSTER_REPLICA

Nexo Digital e Adler Entertainment sono orgogliose di annunciare che in soli tre giorni, il 16, 17 e 18 ottobre, Loving Vincent ha conquistato il botteghino italiano raccogliendo oltre 130 mila spettatori, superando Blade Runner e diventando il film evento più visto di sempre in Italia.

In tutti e i tre giorni di programmazione Loving Vincent ha di fatto rappresentato il 50% degli incassi totali di tutti i cinema italiani. 283 sale, di cui tantissime in sold out, hanno decretato un successo oltre le aspettative per il primo lungometraggio interamente dipinto su tela, scritto e diretto da Dorota Kobiela & Hugh Welchman e già vincitore del Premio del Pubblico all’ultimo Festival d’Annecy.

Distribuito da Nexo Digital e Adler Entertainment, il film è stato accolto con entusiasmo dal pubblico delle sale che è rimasto incantato dalle migliaia di immagini create nello stile di Vincent van Gogh realizzate da un team di 125 artisti che hanno lavorato anni per arrivare a un risultato originale e di enorme impatto. Per questo è stata programmata una replica in contemporanea nazionale per lunedì 20 novembre per tutti i cinema italiani che vorranno aderire all’iniziativa (elenco delle sale a breve su www.nexodigital.it)

Loving Vincent è un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura: 94 quadri di van Gogh sono stati riprodotti in una forma simile a quella originale e più di 31 dipinti sono stati rappresentati parzialmente.
Loving Vincent è distribuito da Nexo Digital e Adler Entertainment in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY, Sky Arte HD e MYmovies.it nell’ambito del progetto de La Grande Arte al Cinema.

Misure temporanee riguardanti blocco delle auto inquinanti

smog auto
smog auto

Scatteranno domani, martedì 17 ottobre, le misure temporanee per il blocco della circolazione delle auto più inquinanti. È quanto prevede l’accordo di programma del bacino padano adottato il 9 giugno dalla Regione Lombardia con Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna e il Ministero dell’Ambiente, a seguito dei superamenti del limite dei 50 microgrammi per metro cubo delle polveri sottili Pm10 nell’area metropolitana di Milano registrati negli ultimi giorni dalle centraline Arpa (Azienda regionale per la protezione dell’ambiente).

ll blocco resterà attivo fino a quando non verranno certificati da Arpa due giorni successivi di valori sotto i 50 mg.
Le misure stabiliscono che dal lunedì alla domenica compresa è vietata la circolazione ai veicoli per il trasporto persone alimentati a gasolio fino alla classe 4 inclusa dalle 8.30 alle 18.30 e ai veicoli per il trasporto merci alimentati a gasolio fino alla classe 3 compresa dalle 8.30 alle 12.30.

Inoltre è vietato utilizzare sistemi di riscaldamento a legna, accendere falò, barbecue, fuochi d’artificio ed è obbligatorio ridurre di un grado centigrado la temperatura all’interno delle abitazioni. Per quanto riguarda quest’ultimo punto si fa notare che il provvedimento coincide con l’avvio della stagione termica ma anche con il perdurare di temperature molto miti e superiori alla media.

Lombardia-smog: da domani misure temporanee omogenee di 1° livello

Smog-1-
Smog-1-

Da domani, in base a quanto stabilito dall’Accordo del Bacino Padano, entreranno in vigore le misure antismog di 1° livello nel Comuni delle Province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Mantova, Monza e
Brianza e della Citta’ metropolitana di Milano”.

Lo comunica, in una nota, l’assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile di Regione Lombardia.

I COMUNI COINVOLTI – Nel dettaglio, l’elenco dei Comuni superiori ai 30.000
abitanti e degli altri Comuni che progressivamente stanno aderendo a titolo
volontario oggetto delle limitazioni.

– Citta’ metropolitana di Milano: Comune di Milano, Paderno Dugnano,
Rozzano, Cernusco sul Naviglio, Pioltello, Cologno Monzese, Bollate,
Cinisello Balsamo, Corsico, Legnano, San Donato Milanese, Rho, Segrate,
Sesto San Giovanni, San Giuliano Milanese e Abbiategrasso.

– Provincia di Monza: Comune di Monza, Brugherio, Cesano Maderno, Desio,
Limbiate, Lissone, Seregno.

– Provincia di Bergamo: Comune di Bergamo.

– Provincia di Brescia: Comune di Brescia, San Zeno Naviglio.

– Provincia di Cremona: Comune di Cremona.

– Provincia di Mantova: Comune di Mantova.

– Provincia di Lodi: Comune di Lodi.

VERIFICA DEI SUPERAMENTI – “La verifica dei superamenti – sottolinea
l’assessore regionale – avviene nelle giornate di lunedi’ e giovedi’, le
cosiddette ‘giornate di controllo ‘, con attivazione e revoca delle
limitazioni nelle giornate di martedi’
e venerdi’. Tutti i Comuni, anche quelli inferiori ai 30.000 abitanti,
possono aderire al provvedimento regionale, su base volontaria”.

IMPEGNO CONGIUNTO – “Insieme alle altre regioni – conclude l’assessore
regionale – ci siamo impegnati per attuare delle misure antismog, comuni e
omogenee, che possano risultare maggiormente efficaci per tutta l’area del
Bacino Padano. Le condizioni climatiche, tuttavia, al momento non
favoriscono la dispersione delle polveri. Credo che ognuno debba fare la
propria parte e mettere in pratica le cosiddette buone pratiche come
l’utilizzo dei mezzi pubblici e il car pooling. Inoltre, visto che le
temperature sono alte, sarebbe opportuno posticipare il piu’ possibile
l’accensione delle caldaie”

Lombardia: Primi segnali manovra economica non incoraggianti

Roberto_Maroni-politico
Roberto_Maroni-politico

“I primi segnali non sono incoraggianti. E’ previsto un aumento della pressione fiscale ma poche risorse per la Lombardia”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, a margine dell’Assemblea 2017 di Confindustria Pavia, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla manovra economica.
Sollecitato sulle richieste degli imprenditori pavesi, a partire dalle infrastrutture, il Governatore ha assicurato massimo impegno: “Ci stiamo lavorando, cercando le risorse che servono.
E’ chiaro che con la competenza diretta sulle infrastrutture e le risorse che chiediamo con l’autonomia, tutti questi problemi sarebbero risolti”.

IL PONTE DELLA BECCA – Su una delle priorita’ per il territorio, il Ponte della Becca, Maroni ha fatto sapere, che a breve in giunta portera’ “un intervento per dare il via alla soluzione di questo problema”. Novita’ in vista, anche per quanto riguarda le
strade: “Un problema che stiamo risolvendo – ha ricordato il presidente lombardo – e’ quello dei trasporti eccezionali. Dopo il crollo del ponte di Annone, abbiamo lavorato con Anas e con le Province per creare dei percorsi sicuri, prendendoci in carino noi come Regione, circa 2000 km di strade provinciali”.

INDUSTRIA 4.0 – Su altri argomenti all’attenzione dell’assemblea di Confindustria Pavia, come industria 4.0 e ambiente, Maroni ha ricordato che “in Regione Lombardia abbiamo anticipato l’industria 4.0 attraverso le nostre misure e sull’ambiente siamo pronti a fare investimenti importanti. Il tema pero’ – ha rimarcato – e’ sempre quello delle risorse. Nelle competenze esclusive che chiederemo dopo il referendum, ci sono le infrastrutture e c’e’ anche l’ambiente e l’ecosistema. Sappiamo cosa bisogna fare, come bisogna intervenire, abbiamo solo bisogno di poter gestire noi queste competenze e avere le risorse adeguate”

Mobilità. Area C : da lunedì nuove regole

areac_comune_milano_bastioni_traffico
areac_comune_milano_bastioni_traffico

Venerdì 13 ottobre Area C sarà sospesa per l’aggiornamento del sistema relativo all’entrata in vigore delle nuove regole dal 16 ottobre.
Da lunedì, infatti, l’area compresa nella Cerchia dei Bastioni sarà vietata a tutti veicoli diesel euro 0, 1, 2, 3 ed euro 4 senza Fap classificati “diesel leggeri”. Milano è l’unica città italiana ad adottare strutturalmente questa misura a tutela della qualità ambientale dei cittadini.

Sabato 14 ottobre scadono le ultime deroghe al nuovo provvedimento Area C, deroghe che erano in vigore dallo scorso 13 febbraio e riguardavano i veicoli per il trasporto cose a gasolio euro 4 senza Fap classificati come “diesel leggeri” e quelli per il trasporto persone a gasolio euro 4 registrati in MyAreaC alla categoria “veicoli di servizio”.

Terminato il periodo di adeguamento alle regole adottate otto mesi fa, le restrizioni in vigore dal prossimo 16 ottobre confermano la volontà dell’Amministrazione di continuare a ridurre il traffico in centro città ma anche di consentire progressivamente l’accesso in Area C solo a veicoli dalle elevate prestazioni ambientali a tutela del benessere dei cittadini.

Sempre a conferma di quanto intrapreso e dei risultati già ottenuti continua anche il divieto di accesso ai veicoli merci tra le ore 8 e le 10 che ha consentito l’abbattimento del traffico di circa il 38% in una fascia oraria di particolare congestione e ha dato l’impulso alla riorganizzazione della distribuzione delle merci in città. Insieme al divieto restano in vigore le relative deroghe per altri 12 mesi cioè fino al 30 settembre 2018.

Inoltre da lunedì sarà attuata la modifica delle norme di pagamento per i bus turistici (veicoli a noleggio con conducente Ncc) superiori a 9 posti. Il nuovo ticket è: per i veicoli fino a 8 metri (generalmente fino a 30 posti), 40 euro; per i veicoli compresi tra 8,01 e 10,50 metri (generalmente fino a 50 posti), 65 euro; per i veicoli superiori a 10,50 metri (generalmente più di 50 posti), 100 euro.

Per quanto riguarda i veicoli utilizzati esclusivamente per il trasporto degli alunni delle scuole dell’infanzia, elementari e medie, per il tragitto casa-scuola e luoghi connessi all’attività didattica, il ticket giornaliero è: di 15 euro per i veicoli fino a mt. 8,00; 25 euro per i veicoli compresi tra mt. 8,01 e mt. 10,50; 40 euro per i veicoli superiori a mt. 10,50.

Continuano a pagare 5 euro a ingresso, secondo le modalità in atto dal febbraio di quest’anno, i veicoli per trasporto alunni delle scuole dell’infanzia, elementari e medie per uscite didattiche, d’istruzione e sportive.