Teatro Maciachini: Dracula – RockShadowOpera

DRACULA10_FotoLuigiDePalma_r
DRACULA10_FotoLuigiDePalma_r

Dopo lo straordinario successo raccolto al suo debutto a Torino, lo spettacolo viene rappresentato nel nuovissimo TEATRO MACIACHINI in occasione della MILANO MUSIC WEEK, un’iniziativa interamente dedicata alla musica.
Dracula – RockShadowOpera, nuova produzione della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus, è uno spettacolo horror-pop, intenso e immaginifico, che racconta un Dracula contemporaneo e disincantato, sradicato dai suoi contesti abituali e catapultato nel Terzo Millennio, in un’esistenza comoda e routinaria – forse anche piacevole – che ne fa però un principe decaduto, che ha ormai tradito se stesso.

Un personaggio inquietante e complesso, che riprendendo l’estetica e l’immaginario perturbante del Nosferatu del 1922, caro ad André Breton e ai surrealisti, acquista una inedita ironia, impastando in un tutt’uno il testo di Rosa Mogliasso, le ombre di Controluce e la colonna sonora dei Perturbazione, che alle atmosfere “della carne, della morte e del diavolo” hanno dedicato 10 canzoni inedite, quasi un concept album ispirato al signore dei vampiri.

Sul palcoscenico, mentre i Perturbazione suonano dal vivo, Tommaso Cerasuolo – voce del gruppo – interpreta un esangue Conte Dracula, impegnato a resistere alle sollecitazioni di una giovanissima Lucy, interpretata dalla cantante e attrice Celeste Gugliandolo, che vorrebbe riportarlo a vestire i panni del “Principe delle Tenebre”.

I due protagonisti si muovono fra le ombre realizzate da Controluce, evocanti incubi oscuri, ossessioni, castelli gotici in rovina, stormi di pipistrelli e impalamenti, in un continuo oscillare tra presente e passato, realtà e mondo interiore, archetipi e nuove icone dell’immaginario collettivo. Mille sono i richiami letterari ai classici della letteratura gotica (Walpole, Radcliffe, Lewis), alternati alle tante letture che il cinema ha dato del “mito”: dal Nosferatu di Murnau, capolavoro del cinema muto, all’intenso Dracula neovittoriano di Coppola, dai cult prodotti negli anni ’50 e ’60 dalla Hammer, alle atmosfere dark contemporanee del cinema di Tim Burton.

Un nuovo Dracula, calato nel mondo contemporaneo. Tommaso Cerasuolo, che è anche l’autore dei testi delle canzoni, è persuaso che tra la figura mitica del vampiro e la sua rappresentazione ci sia “uno spazio che racconta il presente. Lo stesso romanzo di Bram Stoker è un concentrato dei costumi e delle ossessioni dell’epoca vittoriana. Allo stesso modo, ciascuno con la sua sensibilità, Murnau, Herzog, Coppola e molti altri registi hanno ritratto il principe delle tenebre sotto l’influenza del proprio tempo, creando opere e vampiri diversissimi. In effetti, Dracula è materiale estremamente plastico e malleabile, perché proprio di manipolazione si nutre il vampiro, che prima di aggredire le sue vittime, le isola, le aggira, le seduce. Ma se oggi fosse proprio lui, il Conte Dracula, la prima vittima dei suoi inganni?”

La scena è quasi ossessivamente dominata dal colore rosso, che pulsa, avvampa, si incendia intorno alla vicenda dei personaggi, attraverso un uso delle luci che propone un’atmosfera da concerto rock più che da spettacolo teatrale.

Giornata contro la violenza sulle donne: ll contributo del Teatro alla Scala

logo-scala
logo-scala

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, a Pavia presso Piazza della Vittoria verrà esposto un manufatto rappresentante una “scarpa rossa”, simbolo dell’iniziativa, donato a Cgil Cisl e Uil di Pavia dal Teatro alla Scala di Milano.

Il simbolo, noto a tutte e a tutti, assume un valore aggiunto dalla sua provenienza, il Teatro alla Scala di Milano, appunto, luogo di cultura e di arte, certamente, ma anche di tenacia, di impegno, di lavoro e di coraggio.

Simbolicamente vogliamo riconoscere alle donne che decidono di dire “no” quella stessa forza e determinazione.

“La scarpa rossa“ verrà donata dalle OO.SS al Comune di Pavia per la sua collocazione nella sede istituzionale di Palazzo Mezzabarba, sede del municipio, affinché possa rimanere come simbolo permanente e spunto di riflessione costante per tutti i cittadini.

Ringraziamo sentitamente il Sovrintendente e la Direzione del Teatro alla Scala di Milano, le lavoratrici ed i lavoratori coinvolti per la sensibilità e l’attenzione dimostrata nei confronti del tema della violenza di genere e per la disponibilità a trasformare un’idea in una meravigliosa opera d’arte.

CGIL PAVIA CISL PAVIA-LODI UIL PAVIA
Debora Roversi Elena Rita Maga Carlo Barbieri

Programmazione del Teatro Regio dal 24 al 30 novembre 2017

facciata-teatro-Regio
facciata-teatro-Regio

I CONCERTI DEL REGIO • MAREK JANOWSKI INTERPRETA IL ROMANTICISMO TEDESCO DI WAGNER E SCHUMANN
Sabato 25 novembre ore 20.30 al Teatro Regio, il direttore polacco Marek Janowski sale per la prima volta sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio per dirigere un programma dedicato alla più profonda anima del Romanticismo tedesco. Janowski, regolarmente invitato al Festival di Bayreuth, è considerato oggi uno degli interpreti di riferimento per le opere di Wagner. Di Richard Wagner vengono eseguiti l’Idillio di Sigfrido e alcuni estratti sinfonici (il Preludio all’opera e quello al terzo atto) da I Maestri cantori di Norimberga. Di Robert Schumann, l’anima tormentata del Romanticismo, viene proposta la Sinfonia n. 4 in re minore op. 120.

FALSTAFF • LA COMMEDIA VERDIANA IN SCENA AL REGIO FINO AL 26 NOVEMBRE
Fino al 26 novembre al Regio si può assistere alla commedia lirica FALSTAFF di Giuseppe Verdi, tratta da Le allegre comari di Windsor di William Shakespeare, ultima opera scritta dal grande compositore. L’Orchestra e il Coro del Teatro Regio sono diretti da Donato Renzetti, la regia è di Daniele Abbado. I protagonisti in scena sono: Carlos Álvarez (Falstaff), Tommi Hakala (Ford), Francesco Marsiglia (Fenton) Erika Grimaldi (Alice), Sonia Prina (Quickly), Monica Bacelli (Meg Page) e Valentina Farcas (Nannetta). Il Coro del Regio è istruito da Claudio Fenoglio. L’allestimento è realizzato in collaborazione con Alcantara.

CONFERENZA • INCONTRO DI PRESENTAZIONE DELLO “SCHIACCIANOCI”, IN SCENA DAL 5 AL 10 DICEMBRE
Il balletto Lo schiaccianoci sarà presentato al pubblico mercoledì 29 novembre alle ore 17.30 al Piccolo Regio Puccini, in una conferenza dal titolo: Lo schiaccianoci. Natale a casa Čajkovskij, o la nostalgia dell’infanzia, a cura di Silvia Poletti. L’ingresso è libero. Il balletto di Pëtr Il’ič Čajkovskij, con la coreografia di Amedeo Amodio, le scene e i costumi firmati da Emanuele Luzzati, nell’interpretazione dei Solisti e Corpo di ballo Daniele Cipriani Entertainment, sarà in scena al Teatro Regio dal 5 al 10 dicembre.

TRE INCONTRI • TORINO STORIA SI PRESENTA AL TEATRO REGIO • UNA NOTTE AL REGIO: VISITE E APERITIVO CON DJ • UN LIBRO SUL PARSIFAL
Questa settimana il Teatro Regio ospita tre importanti manifestazioni: venerdì 24 novembre alle ore 17 nel Foyer del Toro, la rivista mensile Torino Storia organizza un incontro in occasione dell’uscita del numero dedicato alle Residenze Sabaude; ne parla lo scrittore e storico Alessandro Barbero; ingresso libero. Mercoledì 29 novembre dalle ore 19, l’Associazione Club Silencio porta il suo originale format nel nostro teatro con Una Notte al Regio: aperitivo, dj set, visite guidate e performance storico-teatrali; per informazioni: www.clubsilencio.it. Giovedì 30 novembre ore 17.30 (Sala del Caminetto), la casa editrice torinese EDT, in collaborazione con il Teatro Regio, presenta il volume Il Parsifal di Wagner, scritto dal musicologo Giangiorgio Satragni; con l’autore partecipa il Direttore artistico del Regio Gastón Fournier-Facio, l’ingresso è libero.

IL SABATO DEL REGIO • LABORATORI-GIOCO SUL “BARBIERE DI SIVIGLIA” DI ROSSINI, PER BAMBINI DAI 3 AGLI 11 ANNI
Sabato 25 novembre alle ore 15, doppio appuntamento con i laboratori-gioco di Operando con mamma e papà, quest’anno dedicati all’opera Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini. Gli incontri si svolgono rispettivamente nella Sala del Caminetto per le famiglie con bambini dai 5 agli 11 anni (durata: 3 ore) e nella Sala Ballo per nuclei familiari con piccini dai 3 ai 6 anni (durata: 2 ore). Per informazioni e prenotazioni (entro venerdì 24 novembre): Attività Scuola – Tel. 011.8815.209.

AL REGIO DIETRO LE QUINTE • VISITE GUIDATE ATTRAVERSO ITINERARI SEGRETI E CURIOSI DI UN GRANDE TEATRO D’OPERA
Le visite guidate al Teatro Regio, nel periodo in oggetto, sono previste alle ore 15.30 di venerdì 24, martedì 28, mercoledì 29 e giovedì 30 novembre: l’ingresso costa € 6 per gli adulti; durata: 90 minuti. Sabato 25 novembre sono in programma 4 visite, alle ore 11, 11.45, 15 e 15.45 (in questo caso, le visite durano 45 minuti e il prezzo di ingresso è di euro 5). Le visite sono a ingresso gratuito per gli under 16 e per i possessori dell’Abbonamento Musei Torino e Piemonte. Sono anche previste – solo su prenotazione – visite in lingua francese, spagnola e tedesca (info e prenotazioni: tel. 011.8815.209).

IL BOTTEGHINO DEL REGIO

Stagione d’Opera e di Balletto: alla Biglietteria del Teatro Regio sono in vendita i biglietti per tutti i titoli della Stagione: Falstaff, Lo schiaccianoci, Il lago dei cigni, Roberto Bolle and Friends e Turandot, Salome, L’Orfeo, Il barbiere di Siviglia, I Lombardi alla prima crociata, Evita, Il segreto di Susanna / La Voix humaine, Le nozze di Figaro, Don Giovanni e Così fan tutte. I biglietti sono in vendita anche presso Infopiemonte-Torinocultura (via Garibaldi 2 – ore 10.30-18) e on line su www.vivaticket.it.

Stagione I Concerti: alla Biglietteria del Teatro Regio sono in vendita i biglietti per tutti gli appuntamenti della Stagione concertistica.

Regio in famiglia: vendita dei biglietti per tutti gli spettacoli e i concerti per le famiglie: La favola di Natale, Il carnevale degli animali, Il mio primo Barbiere, Ciottolino, Tutti dal Barbiere! e Riccioli di Barbiere.

 

III° Trofeo della Costa Azzurra 2017 – Mondialexpò

MASSIMO PARACCHINI CON L'OPERA
MASSIMO PARACCHINI CON L’OPERA

Massimo Paracchini  riceve per il merito artistico  il “ III° Trophée Cote d’Azur  2017-Mondialexpò”.  Il Premio  gli è stato assegnato dal Critico ed Editore Francesco  Chetta  e dal Critico  Internazionale  Jean Charles  Spinà  per l’incontestabile  talento artistico  dimostrato attraverso le sue opere,   per la ricerca costante  condotta con una grande passione nel corso degli anni ed  in particolare per il suo talento pittorico personale”. Paracchini  ottiene anche la pubblicazione online del catalogo generale delle opere intitolato “Free Sprinkling Overflowing e Sparkling” a cura dell’Editore  Francesco Chetta

Titolo dell’opera selezionata : “Free Sprinkling Overflowing e Sparkling su Venere tatuata nel mare iperellittico astratto della vita”
Olio su tavola 100 x 80 cm

Descrizione:
Nella geometria iperellittica e iperdimensionale v’è un continuo interagire della dimensione cosmica con quella interiore; se per un verso la forma si apre verso l’infinito come una spirale che dal suo centro si espande verso l’Universo, subito dopo si chiude in se stessa, ritornando alla sua origine, in un continuum in grado di generare a volte anche movimenti serpeggianti che attraversano tutta l’opera rendendola particolarmente vibrante e in progressivo movimento evolutivo…..
Da “Eidetica Trascendentale dell’arte” di Massimo  Paracchini

Laura Morante: Locandiera B&B al Duse di Bologna

Locandiera B&B
Locandiera B&B

Laura Morante è protagonista di quest’opera ispirata alla commedia di Goldoni che con surreale leggerezza fa un inedito ritratto dell’Italia di oggi. Un Paese amorale, spinto dal desiderio di liberarsi, una volta per tutte, del proprio passato, ingombrante e ambiguo, e ricominciare daccapo.

Un altro weekend con la grande prosa al Teatro Duse di Bologna. Dal 24 al 26 novembre Laura Morante è la protagonista di Locandiera B&B, uno studio sulla Locandiera di Goldoni scritto da Edoardo Erba per la regia di Roberto Andò.

In un’antica villa che sta per essere trasformata in albergo, Mira si ritrova coinvolta in una strana cena organizzata dal marito con ambigui uomini d’affari. Il marito non si è presentato e tocca a lei gestire una serata di cui non capisce clima e finalità. Il suo unico punto di riferimento, il contabile della società, a metà della cena se ne va senza spiegazioni lasciandola in balia degli ospiti.

Finché arriva uno sconosciuto che le chiede una stanza per riposare. I due sembrano irresistibilmente attratti e Mira si appoggia a lui per affrontare una situazione al limite del lecito, mentre via via si aprono squarci inquietanti sulle attività del marito assente. Col procedere della notte, il gioco si fa sempre più pericoloso e ineluttabile. Ma che parte ha Mira? Davvero è così ingenua e sprovveduta come ci ha lasciato credere?

Humor nero, intrighi, crimini, infatuazioni, la commedia di Edoardo Erba, disegnando il sorprendente profilo di Mira, traccia con surreale leggerezza un inedito ritratto dell’Italia di oggi, un Paese amorale, spinto dal desiderio di liberarsi, una volta per tutte, del proprio passato, ingombrante e ambiguo, e ricominciare daccapo.

Nuovo Teatro in in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana
LOCANDIERA B&B
di Edoardo Erba

CON Laura Morante

E CON (IN ORDINE ALFABETICO) Giulia Andò, Bruno Armando, Eugenia Costantini, Vincenzo Ferrera, Danilo Nigrelli e Roberto Salemi

REGIA Roberto Andò

SCENE E LUCI Gianni Carluccio
COSTUMI Alessandro Lai
SUONO Hubert Westkemper
AIUTO ALLA REGIA Luca Bargagna

BIGLIETTI

Platea intero € 29 ridotto € 26,5 mini € 23,5
Prima galleria intero € 25 ridotto € 23 mini € 20,5
Seconda galleria intero € 20,5 ridotto € 18,5 mini € 16,5

ORARI

Venerdì e sabato ore 21. Domenica ore 16

Incluso negli abbonamenti

DUSE8rosso, DUSEprosa

Informazioni e prenotazioni
Ufficio di biglietteria
Via Cartoleria, 42 Bologna
051 231836 – biglietteria@teatrodusebologna.it
teatrodusebologna.it