Fantine, in scena al Teatro Libero

fantine
fantine

Fantine – Quando dal Caos nacque l’Amore è un monologo tratto dal romanzo “I Miserabili” di Hugo. Una rivisitazione del personaggio di Fantine, estrapolato dal contesto romantico-ottocentesco e fatto rivivere al giorno d’oggi.

La storia racconta in chiave attuale le vicende del personaggio del romanzo, calato però nel contesto degradato della periferia di una grande città: un cupo agglomerato di palazzoni ad alveare da regime sovietico e case popolari.

Fantine è rappresentata nell’attimo prima di morire, che giace incinta su un letto di ospedale; come se fosse sospesa in un coma, o in un luogo dell’anima, rivede tutta la sua vita, tutto ciò che l’ha condotta lì, nel tentativo di definire il senso della propria esistenza.

Così Fantine inizia a raccontare la sua storia, animando situazioni e personaggi: la vita nella casa popolare, la storia dei suoi genitori, di come la Mamma si sia rifatta tutta, per poi fuggire in Belize con Jesus e di come Papà abbia smesso di parlare, per fissarsi sul televisore; racconta il luogo in cui vive, i panorami disperanti e le persone che vi abitano, vi si rispecchiano; racconta l’abbandono e l’assenza di esempi positivi, la difficoltà e allo stesso tempo l’importanza di scegliere; racconta l’amore, unica possibilità – fra ignoranza e squallore – di cambiare il destino, di contenere la mancanza di controllo che l’uomo ha sulla propria esistenza.

Fantine, in scena al teatro Libero dal 18 al 22 febbraio.