Museo Tattile Statale Omero: “Barbieri di qualità al Museo”

centri-diurni
centri-diurni

Giovedì 21 dicembre alle ore 10 alla presenza dell’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Ancona, Emma Capogrossi, e del Presidente del Museo Tattile Statale Omero, Aldo Grassini, si terrà la festa conclusiva del progetto “Barbieri di qualità al Museo”, che ha coinvolto 40 ragazzi dei Centri diurni e residenziali di Ancona nello studio e nella personale messa in scena del “Barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini.

Gli utenti dei Centri diurni Papa Giovanni XXIII, Il Sole, Laboratori e Mestieri, e dei Centri residenziali Il Cigno e Villa Almagià, in un ciclo di 18 incontri totali al Museo Omero, hanno sperimentato l’ascolto partecipato dell’opera lirica “Barbiere di Siviglia” e, raccontando se stessi, si sono calati nei vari personaggi: il Barbiere Figaro, il Conte di Almaviva, Rosina, Don Bartolo, Don Basilio e il Notaio.

Un’esperienza che ha coinvolto tutte le arti, dalla musica alla poesia, dalla scenografica al teatro, un’esperienza di studio e interpretazione documentata in un video che sarà proiettato durante la festa conclusiva.

Il progetto “Barbieri di qualità” conferma la pluriennale collaborazione della Direzione Servizi Sociali e scolastici del Comune di Ancona con il Museo Omero che dal 2012 realizza gratuitamente attività multisensoriali pensate ad hoc per i gruppi.
“Barbieri di qualità” è curato da Opera società cooperativa e dalle volontarie del Servizio Civile Nazionale nell’ambito del “Progetto Narrare il museo. Nuovi linguaggi per l’inclusività.”