“La testa e il cuore”, il nuovo disco di inediti di Filippo Gatti

Filippo Gatti 3_web
Filippo Gatti 3_web

“La testa e il cuore” è il titolo del nuovo disco di inediti di Filippo Gatti, cantautore romano, leader e fondatore degli Elettrojoyce e da 15 anni attivo come solista, oltre che come produttore artistico, tra gli altri, di musicisti come Bobo Rondelli e Riccardo Sinigallia.

Il prossimo 10 dicembre Gatti sarà l’ospite musicale esclusivo del programma Radio 3 Fahrenheit, in diretta dal salone dell’editoria “Più Libri Più Liberi” di Roma: la musica di Filippo Gatti sarà la colonna sonora dell’intera puntata.

Il disco, il terzo da solista, è costruito su una combinazione tra strutture di elettronica minimale e canzone acustica. Una sintesi, stilistica e emotiva, tra la sperimentazione dell’album “Tutto sta per cambiare” (2003) e la dimensione folk-rock de “Il pilota e la cameriera” (2012). Tutti e tre registrati all’Ortostudio di Francesco e Filippo Gatti, in Maremma, attivo dal 1997.

Dal punto di vista strumentale “La testa e il cuore” è il risultato di un lavoro corale. E’ infatti attraverso una intensa settimana di lavoro in studio di e interpretazione dei brani insieme ai musicisti che le canzoni, scritte in una prima versione aperta e istintiva, hanno trovato nuova forma. Al fianco del cantautore in questo viaggio artistico, i due produttori polistrumentisti, Matteo D’Incà e Francesco Gatti, il pianista e arrangiatore Fabio Marchiori, il violinista Steve Lunardi e la giovanissima cantautrice Virginia Tepatti, ai cori.

Traendo ispirazione da album che hanno segnato un solco profondo nella storia della musica italiana (primi tra tutti Com’è profondo il mare di Lucio Dalla e L’Era del cinghiale bianco di Franco Battiato), La testa e il cuore è costruito come qualcosa in più rispetto ad una raccolta di canzoni. Se è vero infatti che ogni brano rappresenta un mondo a sé, la sequenza dell’album è pensata per creare l’effetto di un viaggio, poetico e cinematografico.

l disco verrà presentato al Monk Circolo Arci di Roma il 12 dicembre 2017.