“Non so parlare sottovoce” di Aldo Agroppi (Cairo)

aldo agroppi
aldo agroppi

Lo conoscono tutti Aldo Agroppi. Centro­campista, bandiera del Torino, poi allenatore, poi commentatore sportivo. In campo era un lottato­re, uno che non mollava mai, fuori dal campo si è costruito la fama di non avere peli sulla lingua, di non avere paura di dire la sua. Anche contro i po­tenti. Ora torna con una sorta di autobiografia che entra a gamba tesa nel mondo del calcio moderno.

Frammenti un po’ personali e un po’ (tanto) provo­catori, dove Agroppi rievoca con nostalgia gli anni da giocatore e da allenatore, e ricorda campioni e uomini veri dello stampo di Lido Vieri, Scirea, Valcareggi, Edmondo Fabbri. In un accostamen­to a volte polemico con i divi del football di oggi. Ma non solo.

Agroppi con la sua penna al vetriolo, senza censura e senza nascondere le fragilità che lo hanno costretto a lasciare anzitempo i campi da gioco, spazia su temi caldi della società odierna, dalla politica alla cultura al costume, regalandoci squarci empatici della sua vita di uomo e di pro­fessionista del pallone. E, soprattutto, non perde occasione per fare dichiarazioni d’amore alla sua squadra del cuore, il Toro, di cui ha indossato con orgoglio la maglia e pure la fascia di capitano.

Parole vere, sincere, spesso fuori dal coro, di un uomo che ha fatto della schiettezza il suo grido di battaglia.

L’AUTORE

Aldo Agroppi (Piombino, 14 aprile 1944) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano. Cre­sciuto nel vivaio del Piombino, viene acquistato dal Torino, che lo cede in prestito a diverse squa­dre: tornato ai granata, debutta in serie A il 15 ottobre 1967 in Torino-Sampdoria 4 a 2, lo stesso giorno in cui perde la vita Gigi Meroni. In breve diventa una delle bandiere del Toro. È tra i prota­gonisti della rinascita della squadra a cavallo de­gli anni 1960 e 1970, con cui conquista due Coppe Italia: sono i primi successi dei granata dai tempi del Grande Torino e della tragedia di Superga.