Lombardia: Primi segnali manovra economica non incoraggianti

Roberto_Maroni-politico
Roberto_Maroni-politico

“I primi segnali non sono incoraggianti. E’ previsto un aumento della pressione fiscale ma poche risorse per la Lombardia”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, a margine dell’Assemblea 2017 di Confindustria Pavia, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla manovra economica.
Sollecitato sulle richieste degli imprenditori pavesi, a partire dalle infrastrutture, il Governatore ha assicurato massimo impegno: “Ci stiamo lavorando, cercando le risorse che servono.
E’ chiaro che con la competenza diretta sulle infrastrutture e le risorse che chiediamo con l’autonomia, tutti questi problemi sarebbero risolti”.

IL PONTE DELLA BECCA – Su una delle priorita’ per il territorio, il Ponte della Becca, Maroni ha fatto sapere, che a breve in giunta portera’ “un intervento per dare il via alla soluzione di questo problema”. Novita’ in vista, anche per quanto riguarda le
strade: “Un problema che stiamo risolvendo – ha ricordato il presidente lombardo – e’ quello dei trasporti eccezionali. Dopo il crollo del ponte di Annone, abbiamo lavorato con Anas e con le Province per creare dei percorsi sicuri, prendendoci in carino noi come Regione, circa 2000 km di strade provinciali”.

INDUSTRIA 4.0 – Su altri argomenti all’attenzione dell’assemblea di Confindustria Pavia, come industria 4.0 e ambiente, Maroni ha ricordato che “in Regione Lombardia abbiamo anticipato l’industria 4.0 attraverso le nostre misure e sull’ambiente siamo pronti a fare investimenti importanti. Il tema pero’ – ha rimarcato – e’ sempre quello delle risorse. Nelle competenze esclusive che chiederemo dopo il referendum, ci sono le infrastrutture e c’e’ anche l’ambiente e l’ecosistema. Sappiamo cosa bisogna fare, come bisogna intervenire, abbiamo solo bisogno di poter gestire noi queste competenze e avere le risorse adeguate”