Europeo Under 21, Italia: rischio fallimento, sabato la Germania

Spareggio fra gli azzurri e i tedeschi, per Di Biagio la paura di un flop clamoroso

Italia Under21
Italia Under21

L’Under 21 più forte degli ultimi 20 anni, una delle più complete tecnicamente parlando in ogni reparto di tutti i tempi. Questo il giudizio della critica, stampa ed addetti ai lavori: persino il Ct Di Biagio si è esposto in questi termini, una novità quando si è diretti interessanti. L’effetto è stato devastante, con una squadra giunta alla manifestazione da grande favorita, assieme a Germania e Spagna, ma con eccessiva sicurezza.

Probabilmente non facilitata da un girone complicato, presenti proprio i tedeschi al suo interno ed una promettentissima Repubblica Ceca dei vari Skriniar e Schick. Di certo ci si aspettata tutto meno che una Nazionale a rischio eliminazione sin dai gironi.

Perché già la vittoria all’esordio con la Danimarca aveva palesato più di un dubbio circa l’approccio degli azzurrini alla kermesse continentale: una vittoria che ha mascherato più di un problema a livello di gioco e tenuta mentale, come lo stesso tecnico romano aveva palesato. Solo una prodezza in rovesciata di Pellegrini aveva sbloccato nel secondo tempo un risultato che rispecchiava perfettamente l’andamento del match.

Ieri, con la Repubblica Ceca, tutti i nodi sono venuti al pettine: surclassati dall’inizio alla fine, incapaci di mettere sul campo tutto lo straordinario talento nelle gambe dei giocatori, soprattutto dalla cintola in su. Berardi ha illuso a venti minuti dalla fine con la rete di un pareggio che sarebbe stato fondamentale ai fini della qualificazione: durato appena sei minuti, poi l’Italia ha subito un pesante doppio svantaggio ai fini della differenza reti, nota tutt’altro che marginale.

A qualificarsi è infatti, oltre la prima, la migliore seconda fra tutti i gironi: ecco quindi che, per assurdo, potrebbe non bastare battere la Germania a punteggio pieno sabato sera. Con la prospettiva di andare 3 squadre a quota 6 si andrebbe ad analizzare la differenza reti: un’eliminazione degli azzurrini più forti degli ultimi due decenni sarebbe clamorosa.

Gli Europei Under 21 hanno negli anni lanciato alcuni dei maggiori protagonisti del calcio moderno, come dimostra una interpolazione di dati sulle ultime tre finali compiuta da bwin. Basti pensare ad Italia e Spagna, che nelle varie finali Mondiali ed Europei hanno visto in campo diversi protagonisti degli Europei vinti a livello giovanile. Anche i bomber più prolifici di categoria hanno poi avuto carriere esaltanti: da Vialli a Suker, fino a passare per Raul e Gilardino. Rari i casi, come Renato Buso, in cui un capocannoniere degli Europei Under 21 abbia poi totalmente mancato il salto nella Nazionale maggiore. O ancora, eccezioni come Rooney esploso così giovane da passare direttamente nell’Inghilterra dei grandi o Giroud, consacratosi in età avanzata per poter vestire la maglia Under 21 dei transalpini.

I protagonisti della nostra giovane Italia sono innumerevoli, da Berardi e Bernardeschi a Donnarumma e Caldara, fino a Rugani e Gagliardini: solo alcuni nomi, per una Nazionale che rischia di sprecare tutto questo talento. E sabato, per l’ultimo verdetto, c’è ancora la Germania.