“Ivrea. Guida alla città di Adriano Olivetti”

Ivrea-
Ivrea-

Venerdì 14 Aprile 2017 alle ore 17:30 presso la sala di lettura della Fondazione Luigi Micheletti (in via Cairoli 9 a Brescia) si terrà la presentazione del libro di Marco Peroni “Ivrea. Guida alla città di Adriano Olivetti”.

Un viaggio che comincia dalla vecchia stazione ferroviaria di Ivrea e che prosegue per via Guglielmo Jervis (secondo Le Corbusier “la via più bella del mondo”) fino a incontrare tutte le architetture della città di Adriano Olivetti. Un percorso in un’idea di architettura che è anche un itinerario in un’idea di società. Il libro, infatti, accompagna il lettore/visitatore in un luogo che è stato il laboratorio per la costruzione di una “comunità” di tipo nuovo.

Quella che viene proposta è, anzitutto, una visita nel cuore dell’archeologia industriale di Ivrea, oggi candidata a sito UNESCO proprio in forza del valore di questo patrimonio. Le opere di Eduardo Vittoria, Ignazio Gardella, Luigi Figini e Gino Pollini compongono un mosaico unico, in equilibrio tra funzionalità e sperimentazione, che il libro aiuta a cogliere anche grazie a un apparato fotografico di grande qualità.

Ma questo viaggio in un secolo di storia industriale è anche una riflessione sulle idee che ne sono state la base. La visione di Olivetti sollevò, negli anni ’40 e ’50, forte interesse e talora entusiasmo, ma fu anche fortemente osteggiata o, più spesso, ignorata.

La Guida aiuta a cogliere la radicalità della proposta olivettiana, attraverso un uso sensibile dei molti documenti d’archivio e una grande attenzione per le voci degli altri protagonisti di questa impresa, minoritaria quanto influente nella storia dell’Italia contemporanea.

Con la presentazione di questa opera originale e curatissima, la Fondazione Luigi Micheletti intende contribuire a una riflessione sul ruolo dell’architettura e del patrimonio industriale nella memoria e nel futuro di una città.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con Progetto BresciaNuova, una realtà impegnata a riportare nel dibattito pubblico temi che hanno avuto e possono avere in Brescia un laboratorio di rilevanza nazionale.
La presentazione avrà la forma del dialogo con l’autore, coordinato da René Capovin, responsabile progetti della Fondazione Micheletti.