“Di questo parlo io”, il nuovo album di Ilaria Porceddu

Ilaria_Porceddu_Foto di_Valentina De Matha_
Ilaria_Porceddu_Foto di_Valentina De Matha_

Da oggi venerdì 7 aprile, è disponibile nei negozi digitali “DI QUESTO PARLO IO”, il nuovo album d’inediti di ILARIA PORCEDDU (LineaDue, distribuzione Pirames International), che contiene, tra gli altri, il brano “TU NON HAI CAPITO”, in duetto con MAX GAZZÉ.

Anticipato in radio dal singolo “Sette Cose”, l’album contiene 9 tracce, di cui due in lingua sarda, ed è stato prodotto da Clemente Ferrari e Francesco De Benedittis.

“Ci sono voluti quattro anni per capire e capirmi e questo album racconta chi sono finalmente diventata – racconta Ilaria Porceddu – Un albero, o meglio una “Arvure”, con radici ben piantate per terra ma disposta a volteggiare insieme al vento che cambia ogni giorno. E’ il disco della mia seconda rinascita, come donna e come artista.”

Ilaria Porceddu sarà impegnata in due importanti appuntamenti a Milano e Roma dove incontrerà il pubblico e presenterà il nuovo disco. Oggi, giovedì 6 aprile, al Memo Music Club di Milano (Via Monte Ortigara 30, ore 16.00) e il 13 aprile a Na Cosetta di Roma (Via Ettore Giovenale, 54/A – ore 18.00).

Questa è la tracklist di “Di Questo Parlo”: “Sas Arvures”, “Eva si fa fare”, “Di Questo Parlo io”, “Tu non hai capito”(ft. Max Gazzè), “Tabula rasa”, “Sette cose”, “Lisa”, “C’est L’amour”, “Lu cor’aggiu”.

“Sette Cose” è stato scritto da Francesco De Benedittis e Antonio Toni ed è un brano dalle preziose soluzioni melodiche e armoniche, che si distingue anche per le sonorità raffinate ed eleganti che valorizzano appieno le qualità vocali dell’artista. Il video del brano, diretto da Tiziano Russo, è visibile al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=SWg2FhIU21U

“7 regole che governano il semplice e universale rincorrersi in amore – racconta Ilaria Porceddu – Queste regole coincidono con 7 dei miei difetti che consapevolmente ammetto di avere, a me stessa e alla persona che ho perso. Quindi anche l’amore è imperfetto… come noi.”