Al Duse: “Lo sguardo dell’Imperatrice” – Omaggio a Pina Bausch

 ARM_.jpg

ARM_.jpg

Ancora grande danza al Duse con un omaggio a Pina Bausch attraverso le creazioni dei suoi danzatori. Coreografie dove si scorgerà la memoria di Pina: il suo humour, la sensualità dei suoi movimenti, l’orientamento della danza come viaggio nell’io e una particolare relazione con musica e spazio come l’adozione del gesto quotidiano nel tessuto coreografico.

Che cosa hanno generato le esperienze nel Tanztheater Wuppertal? C’è un mondo di segni, o uno stile, definibile come un peculiare patrimonio di Pina Baush? Sono questi gli interrogativi fondamentali posti dal progetto “Lo Sguardo dell’Imperatrice – Eredità Wuppertal”, giovedì piccola maratona di coreografie firmate da ballerini del Tanztheater Wuppertal: l’italiano Damiano Ottavio Bigi e il colombiano Jorge Puerta Armenta.

Pur nelle differenze, vi si scorgerà la memoria di Pina: il suo humour, la sensualità dei suoi movimenti, l’orientamento della danza come viaggio nell’io e una particolare relazione con musica e spazio come l’adozione del gesto quotidiano nel tessuto coreografico, trasversalità dei linguaggi, immaginario onirico e annullamento del diaframma tra il dentro e il fuori del teatro, idea del corpo scenico come erogatore di emozioni.

Progetto a cura di Leonetta Bentivoglio in collaborazione con Ninni Romeo, prodotto da Daniele Cipriani Entertainment

Damiano Ottavio Bigi
CITTADELLA
COREOGRAFIA Damiano Ottavio Bigi
MUSICHE Doctor Flake e Amon Tobin

Pablo Aran Gimeno
AT 17 CENTIMETERS ABOVE THE FLOOR
COREOGRAFIA Jorge Puerta Armenta
SUONO Jorge Puerta Armenta