Road tour nazionale di “Aria Pulita”

aria-pulita-
aria-pulita-

È partito ieri  3 febbraio e proseguirà fino a domenica, in Darsena a Milano (lato viale Gorizia) il road tour nazionale di Aria Pulita, la certificazione volontaria di qualità delle prestazioni ambientali di stufe, inserti e caldaie a biomassa legnosa promossa da Aiel, Associazione italiana energie agroforestali.

Il road tour organizzato da Aiel vuole dare ai cittadini e alle istituzioni le informazioni utili a riscaldare riducendo il livello di emissioni, grazie alla trasparenza dei prodotti sul mercato e alla conseguente consapevolezza del consumatore che acquista stufe, inserti e caldaie.

Per aiutare i consumatori italiani a scegliere gli apparecchi di riscaldamento in base alle prestazioni ambientali, è nata la certificazione che classifica i prodotti a legna e pellet con una valutazione da 2 a 4 stelle.

La prima tappa del road tour a Milano. Le Stelle di Aria Pulita sposano lo spirito della classificazione dei generatori di calore proposta nel Protocollo Aria della Regione Lombardia e ANCI Lombardia, a cui hanno aderito 103 Comuni.

“Da domani scattano le misure emergenziali di secondo livello previste dal Protocollo Aria – dichiara Marco Granelli assessore all’Ambiente – ma è chiaro che servono misure strutturali come la certificazione Aria Pulita. Il rinnovamento tecnologico è indispensabile e ci sono gli strumenti per sostenerlo.

Lo Sportello Energia del Comune di Milano, in corso Buenos Aires è a disposizione dei cittadini per fornire informazioni sulle opportunità offerte ad esempio dal Conto Termico che prevede un incentivo fino al 65% in caso di sostituzione di apparecchi obsoleti”.

“Attraverso la Certificazione Aria Pulita AIEL è intervenuta sul settore produttivo alzando l’asticella della qualità per le imprese, che sono state certificate sulla base di fattori oggettivi e misurabili: i livelli di emissione e di rendimento”, ha affermato Domenico Brugnoni, presidente di AIEL.

Da parte sua, tutta la filiera legno-energia di Aiel è pronta a vincere la sfida della buona qualità: “Non solo ci vogliono dei buoni generatori – ricorda infine Marino Berton, direttore generale dell’Associazione – ma sono fondamentali anche combustibili legnosi certificati e buone pratiche di installazione e manutenzione, per garantire al consumatore qualità, affidabilità e trasparenza. Questo impegno Aiel lo condivide con i cittadini di Milano, della Lombardia e delle città che saranno toccate dal tour: Arezzo, Bologna, Roma, Bari e Verona”.