Richieste mutui e prestiti sotto la media nazionale

Regione Lombardia
Regione Lombardia

Il Barometro Crif ha fatto il punto della situazione sulle richieste dei mutui (comprese le surroghe) e le richieste di prestiti, confrontando i dati tra la media nazionale e quella delle varia Regioni. Per quanto riguarda la Lombardia, la percentuale di mutui richiesti nel corso del 2016 è cresciuta del 10,4% mentre quella nazionale del +13,3% su base annua. I prestiti sono cresciuti in modo sensibilmente inferiore con una media nazionale del 7,4%, dove i prestiti personali, come il prestito delega e le cessioni che hanno tenuto il passo, mentre i finalizzati sono entrati in affanno. Per la Lombardia l’aumento c’è stato ma inferiore al 5% quindi anche in questo caso siamo sotto alla media nazionale.

A livello di province troviamo delle situazioni contrastanti, se andiamo a confrontare Lecco con Brescia: per Lecco il dato è addirittura negativo di quasi un punto percentuale, ma è anche la sola provincia ad aver segnato una contrazione. Brescia invece è la provincia che ha ottenuto l’aumento più consistente con una crescita dei mutui e delle surroghe del 18,8%. Leggermente sopra alla media nazionale troviamo Crema con un +13,8%. Le altre province si trovano sotto la media: Milano arriva al terzo posto con un +11,1%, quindi segue Pavia con +9,3% e quindi molto vicina troviamo Bergamo con +9,2%.

La provincia in cui si richiede la maggiore cifra è Milano che manca di poco la media di 145 mila euro, quindi con circa 10 mila euro di meno troviamo Como. La provincia in cui si richiede la somma più bassa è Pavia che si ferma a circa 111 mila euro. La provincia in cui le richieste sono state superiori alla media è solo Bergamo, seguita (sotto al 7%) da Cremona e Varese. Lodi è la provincia che va in contrazione anche in questo caso per poco meno di un punto percentuale. Il range di somme richieste vanno dagli 11 mila euro di Pavia a meno di 6000 euro di Milano.