A2: Geas,Riparti contro Alghero

Foto_gruppo_prima_squadra
Foto_gruppo_prima_squadra

Archiviata la seconda sconfitta stagionale sul campo di Orvieto, e dopo una settimana segnata a livello societario dalle annunciate dimissioni del presidente Mazzoleni, il Geas torna al PalaNat per riprendere la propria marcia da capolista contro il fanalino di coda Alghero. La palla a due è sabato 18 nel classico orario anticipato delle sfide con le squadre sarde, per l’esattezza stavolta alle 16.00.

Per Sesto, reduce dalla peggior prestazione offensiva di questo campionato con soli 50 punti segnati, sfidare la difesa e l’attacco più deboli del girone (numeri alla mano) può essere un buon modo per riguadagnare slancio verso la trasferta di Selargius e soprattutto la “tre giorni” di Coppa Italia che andrà in scena a Costa Masnaga dal 3 al 5 marzo.

Indispensabile vincere per mantenere, e se possibile tornare ad aumentare, il distacco sulle concorrenti, che nel turno scorso hanno vinto in blocco e quindi recuperato tutte 2 punti sul Geas, il quale ha ora un +2 su Empoli, seconda, e un +6 sulle terze.

LE AVVERSARIE – La Mercede, allenata dalla nativa lombarda ma sarda adottiva Manuela Monticelli (ex playmaker con un lontano passato al Geas dal 1996 al 1999), è guidata in campo dalla giovane bulgara Iva Georgieva, giocatrice da 16.7 punti a partita su oltre 18 tiri tentati di media, prima opzione offensiva della squadra ma “fastidiosa” anche in difesa come testimoniano le 4.2 palle recuperate a gara.

Oltre alla giocatrice uscita dal Salt Lake Community College, va in doppia cifra anche l’esperta playmaker romana Sara Azzellini, che in questa sua quarta stagione consecutiva ad Alghero mette assieme 10.4 punti a partita.

Sotto canestro la colonna principale è Alexandra Petrova, 19enne cresciuta nelle giovanili di Alghero che colleziona 7.2 punti e 9.1 rimbalzi di media, mentre al suo fianco l’ancor più giovane Giarra Sow (classe 1999, recentemente convocata al raduno azzurro U19) aggiunge oltre 6 punti e 6 rimbalzi ad allacciata di scarpe. Il quintetto viene completato da Camilla Barbone (6.4 punti), mentre dalla panchina portano il loro contributo principalmente Carla Spiga (4.7) e Chiara Marini (3.4).

COACH ZANOTTI – “Dopo la sconfitta di Orvieto vogliamo dimostrare che non è successo nulla di grave, quindi l’obiettivo è fare una buona partita contro Alghero e riprendere a vincere. La Mercede è ultima in classifica ma come sempre noi non dovremo pensare a questo, che può essere solo controproducente, ma concentrarci solo sul portare a casa la partita e fare una buona prestazione. Loro hanno questa straniera, Georgieva, che è una guardia che all’andata avevamo marcato bene, però è sempre la loro miglior realizzatrice e quindi può rappresentare un pericolo quando è in giornata buona. Anche Azzellini è una giocatrice che sa trovare il canestro, e in più aggiunge una grande esperienza maturata in anni di sfide sui parquet di tutta Italia che ci impone di non sottovalutarla. Poi oltre a loro ci sono tante giocatrici giovani che provano a portare il loro tassello alla squadra.
Avendo Alghero le sue migliori giocatrici nei ruoli esterni, noi dovremo sfruttare al meglio Ercoli, trovandola a centro area per realizzare punti facili da vicino. L’importante comunque sarà non correre rischi e non dare alle avversarie opportunità per entrare in partita, cominciando subito forte e cercando di guadagnare un buon vantaggio il prima possibile”.