Milano-Pesaro: la speranza di un anno migliore

EA7-Pesaro
EA7-Pesaro

Assago, 02/01/2017

Milano vince con il contagocce.

La speranza per il nuovo anno è che sia per l’Olimpia, migliore rispetto a quello precedente, caratterizzato da sconfitte molto amare sia in Campionato che Eurolega.

L’Olimpia dovrà ritornare in forma come all’inizio della stagione per riconquistare la fiducia dei suoi tifosi, questa sera al Forum, davvero pochi.

Inizio partita  in salita per  l’EA7 e buono per Pesaro che realizza velocemente due canestri su due.

Tra i giocatori milanesi c’è poca intesa, per questo sono numerosissime le palle perse.

Il nervosismo si percepisce dalla difficoltà nell’effettuare dei canestri molto facili, faticando anche a rimbalzo.

Si direbbe che l’Olimpia non abbia neanche attaccato la spina questa sera e i numeri lo dimostrano: alla fine del primo quarto: 16 -23.

Il secondo quarto ricomincia con 5 punti consecutivi per l’Olimpia e questo costringe coach Bucchi a chiamare time-out.

In questo periodo i milanesi sembrano riprendersi leggermente ma Pesaro non molla e le triple continuano ad arrivare.

Un canestro, più palla recuperata seguita da un altro canestro tutto a opera del capitano Cinciarini mandano in delirio il Forum.

Segue un fallo antisportivo contro Pesaro che porta a una momentanea parità 32-32.

Importante la presenza del giovane Simone Fontecchio che si dimostra lucido e concentrato (10 punti totali).

Pian piano l’attacco milanese ritrova la giusta marcia raggiungendo un modesto e momentaneo +5.

Nel complesso la squadra sembra avere raggiunto momentaneamente la stabilità e il quarto si conclude 50-47 con un parziale di 34-24.

Fin dai pochi secondi del terzo quarto si denota l’energia e concentrazione di Pesaro che non ha paura di sfidare la capolista.

Il match infatti si accende, entrambe le squadre vogliono dimostrare la loro superiorità in campo e aumenta l’intensità offensiva.

L’Olimpia dopo 6 minuti raggiunge il massimo vantaggio di +11 e cerca di allontanarsi da Pesaro.

Il quarto si conclude 75-65.

L’ultimo periodo si apre con numerosi pasticci in attacco e diverse palle perse da parte dell’Olimpia, occasione importante per Pesaro che cerca di recuperare i 10 punti di svantaggio raggiungendo il -4.

Ora per l’Olimpia la situazione si complica. Non può permettersi di perdere la sfida a 4 minuti dalla fine del match.

Pesaro stringe i denti, ce la mette tutta per recuperare, rimane concentrata e determinata a portare a casa una grande vittoria.

Milano suda freddo, a 5 secondi dalla fine della partita si rischiano i tempi supplementari ma, dopo diversi tiri liberi per entrambe le squadre, il match finisce 88-84.

Una vittoria amara.

La partita sarebbe dovuta finire molto prima, con molti più punti di scarto viste le differenti qualità delle due squadre che premiano Milano.

Tuttavia, visto il periodo nero che l’Olimpia sta attraversando, per il momento ci si accontenta della prima vittoria dell’anno sperando che sia la prima di una lunga serie.

Eleonora Gazzotti